NEWS

FCA e PSA: il 4 gennaio 2021 il sì alla fusione

Pubblicato 19 novembre 2020

Fissate le rispettive assemblee degli azionisti, che dovranno dare l’assenso per la nascita del gruppo Stellantis.

FCA e PSA: il 4 gennaio 2021 il sì alla fusione

UN PASSO ALLA VOLTA - A dicembre 2019, FCA e PSA annunciavano una fusione paritetica per dare vita a Stellantis, il quarto gruppo mondiale dell’auto. La fusione non è ancora andata in porto, ma i due gruppi stanno compiendo tutte i passi che li porteranno al matrimonio: e così, dopo aver svelato il logo della nuova società, hanno convocato, per lunedì 4 gennaio 2021, le rispettive assemblee degli azionisti, che dovranno approvare l’accordo di fusione. 

CONCESSIONI - Ottenuta l’approvazione dagli azionisti, che si preannuncia una formalità, FCA e PSA aspetteranno di ricevere il definitivo via libera da parte delle autorità antitrust europee, dopo che la Commissione ha avviato un’indagine circa la quota di mercato che i due gruppi avranno nel settore dei veicoli commerciali leggeri in Europa. Tuttavia, stando alle indiscrezioni, FCA e PSA avrebbero trovato una soluzione al problema (qui per saperne di più), dunque il benestare della Commissione sarebbe più vicino. E a quel punto, sarà questione di giorni per avere l’annuncio della fusione vera e propria.





Aggiungi un commento
Ritratto di Miti
19 novembre 2020 - 23:16
1
Concordo katayama. A me tutta questa storia sembra un tipo di convivenza per un anno per capirci che accordo matrimoniale prendere. Un giorno uno vuole una cosa in più. Un altro giorno l'altro non è contento e vuole un'alta cosa. Che la Peugeot va in Nord America per me è pura utopia. Già la Fiat ha fatto flop. Spero che questo matrimonio non si fa proprio per questo accordo di divorzio dove con un buon avvocato ....
Ritratto di Oxygenerator
19 novembre 2020 - 20:34
@ Giuliopedrali. Crede veramente che sia così? O non più semplicemente un accordo tra due aziende, che hanno le loro convenienze, ad unirsi ? Perchè non è detto che una voglia mangiarsi l’altra, no ?
Ritratto di Giuliopedrali
19 novembre 2020 - 21:00
Una vuole mangiarsi l'altra, cioè PSA vuole papparsi FCA, cioè certo ci sarà una certa parità ma alla fine per i francesi è troppo allettante avere il mercato americano di Jeep RAM, Maserati e in pratica Ferrari, la cittadina più prestigiosa del mondo che è la 500 e tutta una filiera italiana, FCA cerca in PSA una tecnologia più avanzata, ma alla fine sarà PSA che soppravvivera meglio e alla fine probabilmente ingloberà l'altra.
Ritratto di giangio87
19 novembre 2020 - 22:28
Si vede che sei rimasto un poco indietro nel tempo. Ferrari sono anni che è scorporata da FCA, in pratica nessuno la può toccare se non exor e gli azionisti discendenti di Enzo Ferrari.
Ritratto di Giuliopedrali
20 novembre 2020 - 15:02
Si può essere, ma comunque in qualche maniera il pubblico associa Ferrari a Italia, automotive italico e FCA, del resto è dagli anni 60 che Ferrari è di Fiat, magari oggi scorporata.
Ritratto di orlak
23 novembre 2020 - 07:16
,
Ritratto di Oxygenerator
19 novembre 2020 - 20:29
@ Claus90. Concordo ! Potrebbe ! Se è il volere in campo, essere seriamente una corazzata. Tutto dipende dalle motivazioni, vere, che hanno spinto, le due multinazionali, a fondersi. Ma si capirà, credo, abbastanza velocemente, se è solo un accordo economico. A qualche marchio, credo, si rinuncierá, magari uno italiano e uno francese, tra quelli generalisti. Per l’alfa Romeo, a mio avviso, dipende, molto dalle previsioni , fatte da stellantis, sulla capacità penetrativa del marchio, nel mercato.
Ritratto di Giuliopedrali
19 novembre 2020 - 19:18
Quindi non riesco a capire sta alleanza con FCA per "avere" il mercato USA, invece di affrontare nell'ordine: VW, Ford, Audi o Porsche e al limite Toyota (o Tesla, Nio) cioè cos' la storia: vendiamo 4 DS, 4 Peugeot 508, 4 C4 e magari ne vendiamo una in USA, se sei VW, o Toyota o BMW allora si vendi anche in USA...
Ritratto di katayama
19 novembre 2020 - 19:27
Anche i cinesi di Geely con Volvo, che oggi produce splendide sedan, sw e suv. Forse, come gamma nel suo complesso, le più belle sul mercato.
Ritratto di Giuliopedrali
19 novembre 2020 - 19:35
A me dà fastidio anche la fusione che Geely vuole fare con Volvo, però il gruppo Geely : Volvo, Lynk&Co, Geometry, Polestar, Proton, Lotus, Smart etc sta davvero su di un altro pianeta, lì i segmenti sono ben differenziati e udite udite Volvo ma alla fine pure gli altri brand in prospettiva (a parte Proton solo Malese sud-est asiatico) non sono regionali ma già ora mondiali, mentre provate a vendere anche solo Citroen in Italia, Fiat in Francia, DS in Europa, Jeep fuori da Italia o USA, per non parlare di Chrysler, Lancia o Dodge roba soppravvissuta a se stessa.
Pagine