NEWS

Fiat-Chrysler: si torna a parlare della sede negli Usa

25 marzo 2011

Secondo le ultime indiscrezioni, la società che nascerà dalla possibile fusione di Fiat con Chrysler sarà americana. E per completare la scalata della Chrysler, la Ferrari sarebbe pronta ad essere quotata in Borsa.

PASSAPORTO AMERICANO - Stando a quanto riportato dall'agenzia di stampa Reuters, la sede della società che potrebbe nascere tra due o tre anni dalla fusione di Fiat e Chrysler sarà negli Usa. Una notizia che sembra confermare le precedenti dichiarazioni di Sergio Marchionne, amministratore delegato del gruppo, rilasciate a febbraio, quando durante un convegno a San Francisco aveva indicato gli Usa come la scelta più probabile (leggi qui la news).

LA FERRARI IN BORSA
- Sempre secondo l'agenzia di stampa, che fa riferimento a una fonte vicina ai vertici del gruppo Fiat, Sergio Marchionne starebbe valutando concretamente la possibilità di quotare la Ferrari in Borsa, per un valore base vicino ai cinque miliardi di euro. La soluzione (già ventilata lo scorso autunno e prontamente smentita) dovrebbe permettere al gruppo Fiat di ottenere la  liquidità per salire al 51% del pacchetto azionario della Chrysler e ottenere quindi il pieno controllo della casa americana (leggi qui per saperne di più).

> AGGIORNAMENTO DELLE ORE 17.15

Pubblichiamo integralmente la nota diffusa della Fiat, in merito alla vicenda.

In relazione alle notizie pubblicate oggi dalla Reuters sullo spostamento della sede legale negli Stati Uniti si precisa che si tratta con tutta evidenza di informazioni non attuali come appare chiaro dal fatto che siano state pubblicate all’interno, e senza particolare evidenza, di un lungo report sulla Fiat. A nostro avviso ben diverso sarebbe stato infatti il peso dato alla notizia in caso di informazioni fresche ed esclusive.

Nulla infatti è cambiato rispetto alle notizie che erano apparse all’inizio di febbraio e che erano state commentate e precisate dall’amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne in occasione dell’audizione parlamentare del 15 febbraio scorso.

È quindi opportuno ricordare quanto il dottor Marchionne disse sull’argomento: “Stiamo lavorando al risanamento di Chrysler, in modo che la Fiat sarà nella posizione per aumentare la propria quota. Al momento la società americana non è quotata, ma speriamo che questo succeda in un prossimo futuro. Quando avremo due entità legali che coesistono, quotate in due mercati diversi, si porrà evidentemente un problema di Governance.

La scelta sulla sede legale non è ancora stata presa. Sarà condizionata da alcuni elementi di fondo. Il primo è il grado di accesso ai mercati finanziari, indispensabile per gestire un business che richiede grandi investimenti e ingenti capitali. Il secondo ha a che fare con un ambiente favorevole allo sviluppo del settore manifatturiero e quindi anche con il progetto Fabbrica Italia”.





Aggiungi un commento
Ritratto di Claus90
25 marzo 2011 - 12:54
Va a finire che se la ferrari viene quotata in borsa il gruppo volkswagen farà una follia comprando tutti i pacchetti azionari,oppure qualche cinese idi.ota,oppure gli sceicchi spero che la ferrari rimanga italiana al 100% non è soltanto l'ambasciatrice italiana nel mondo che tutti ci invidiano ma è il sogno di tutti gli abitanti del pianeta terra e forse anche dagli alieni.
Ritratto di armyfolly
25 marzo 2011 - 13:26
LA FINE DEI FURBETTI DEL QUARTIERINO!!!
Ritratto di armyfolly
25 marzo 2011 - 13:28
MA INTERESSA SOPRATTUTTO CHE SI POSSANO INCREMENTARE I POSTI DI LAVORO IN ITALIA E BASTA!!!
Ritratto di carlo1967
25 marzo 2011 - 14:00
Perfettamente d'accordo , l'importante e' tutelare il lavoro in Italia , il resto e' secondario. saluti.
Ritratto di oldsteve69
25 marzo 2011 - 14:54
Credere che i posti di lavoro in Italia si incrementeranno portando la stanza dei bottoni negli USA è come credere a Babbo Natale
Ritratto di armyfolly
25 marzo 2011 - 15:57
COMUNQUE NESSUNO HA DETTO CHE CREDE CHE I POSTI DI LAVORO AUMENTERANNO IN ITALIA...SI SPERA, INDIPENDENTEMENTE DA DOVE AVRA' SEDE LA FIAT, NON SI CREDE...
Ritratto di h2o75
25 marzo 2011 - 14:57
primo, credo sembra molto + prestigioso e doveroso avere la sede a tornino. secondo, la ferrari in borsa? cosi perdiamo pure quella! e come al solito gioielli italiani andranno in mano ad altri terzo, ma i modelli lancia-chryser appena usciti..sono un rebrending? oppure frutto di uno studio ..perchè se cosi fosse la vedo brutta, in tutti i sensi. quarto , se la sede se ne va in usa anche molti posti di lavoro saranno coperti da americani e non da italiani! io spero che se questo decentralizzare la fiat convinca gli italiani a conprasi altro ..tanto straniera x straniera...
Ritratto di h2o75
25 marzo 2011 - 15:06
è anche vero pero'che in italia politici e fisco non aiutano gli imprenditori
Ritratto di Gianluigi74
25 marzo 2011 - 15:09
Un applauso ai mitici sindacalisti FIOM che dopo aver mandato (quasi) all'aria migliaia di posti di lavoro a Mirafiori e Pomigliano, forse ce la fanno a rovinare qualche migliaio di famiglie della ex-bertone, futura (ex?) fabbrica maserati e non solo........ ------------------- Dai continuate così!!!!!!! Siete m.i.t.i.ciiiiiiii !!! ------------------- E' quasi fatta, tra un po' la Fiat in Italia non ci sarà piùùùùùùù, macchè fabbriche e lavoro, basta!!!!!! -------------- Cassintegrati a vita!!!!!!!!! ---------------- Ma con quali soldi??????????????????? ----------------------- Se nessuno lavora più, secondo le vostre testoline di c......, chi le paga le tasse e i contributi per pagarvi la cassa integrazione e i lauti guadagni da sindacalisti a vita che non hanno mai preso in mano una chiave inglese e c'hanno la segretaria, l'autista, etc etc....?????? ------------------ Che bello quando ci toccherà come ai tunisini di lasciare la nostra casa, vendere tutto e con le poche banconote rimaste pagare qualche trafficante per emigrare chissà dove (cina?, america? russia?....) -------------------- Grazie di cuore. ----------- E grazie ai nostri amati politici che non fanno niente, grazie al presidente del Piemonte, al presidente della provincia di Torino e al suo Sindaco, grazie, grazie al c.......... ------------------------- me li immagino il giorno prima della chiusura del lingotto a urlare, piangere, bestemmiare, minacciare, bla, bla, bla, bla, bla, quando tutto sarà già deciso e finito.
Ritratto di SHAOLIN QUAN
25 marzo 2011 - 15:31
Saremo tutti uniti...in mezzo a na'strada...cme 150 anni fa'.Solo su un cosa non concordo;se proprio devo vendere quel poco che ho,almeno il trafficante lo pago per far emigrare tutta la nostra classe dirigente in qualche isolotto del Giappone.
Pagine