NEWS

Firmato l’accordo: la “baby” Maserati si farà a Grugliasco

17 novembre 2011

Trovata l’intesa per produrre la “baby” Quattroporte (della quale abbiamo ricostruito l’aspetto) negli stabilimenti della ex-Bertone: arriverà nel 2013, anche con un motore turbodiesel.

PROROGA DELLA CASSA INTEGRAZIONE - L’accordo per prorogare di un anno la cassa integrazione straordinaria dei 1077 lavoratori dello stabilimento della ex-Bertone a Grugliasco, bloccato da mesi, è stato firmato ieri sera. L’intesa, raggiunta dopo cinque ore di trattative, conferma anche l’investimento di 500 milioni di euro promesso dalla Fiat, che ha acquistato lo stabilimento nel 2009, per la messa in produzione della nuova Maserati, una berlina sportiva concorrente delle varie BMW Serie 5, Mercedes Classe E e Audi A6. A firmare il documento sono state le sigle sindacali Fim, Uilm, Fismic, Associazione Quadri e Ugl, oltre che gli ex-delegati della Fiom (l'organizzazione si è astenuta) che a maggio avevano già sottoscritto l’accordo per estendere a Grugliasco il contratto di Pomigliano: leggi qui per saperne di più.

OSSA AMERICANE E SANGUE ITALIANO - I primi modelli della baby-Quattroporte (il nome non è stato ancora comunicato, anche se la Maserati ha recentemente registrato quello di Cinqueporte che potrebbe essere usato per la vettura in questione o per la futura suv) probabilmente usciranno dallo stabilimento piemontese fra la fine del 2012 e l’inizio del 2013. La nuova berlina, che dovrebbe essere lunga circa 490 cm e avere prezzi a partire da “soli” 55.000 euro, avrà ovviamente una linea sportiva (noi l’abbiamo ricostruita nel disegno in alto). Nota col nome di progetto M157 (la M156 è invece la prossima generazione della Quattroporte, che dovrebbe debuttare pochi mesi prima e con la quale condividerà buona parte della meccanica), la “Maseratina” sarà basata sulla piattaforma della Chrysler 300 (la stessa auto che ha dato vita alla nuova Lancia Thema), ampiamente modificata soprattutto a livello di sterzo e sospensioni.

ANCHE COL DIESEL - Confermata, quindi, la trazione posteriore (anche se voci parlano di una futura variante 4x4), mentre per il motore ci sarà solo l’imbarazzo della scelta. Secondo indiscrezioni, infatti, dovrebbero essere disponibili due unità a benzina: un 3.0 V6 da circa 400 cavalli derivato dal 3.6 Pentastar della Chrysler ma modificato con l’adozione della tecnologia MultiAir e dotato di turbo, e un più “muscoloso” V8 di circa quattro litri (che potrebbe essere condiviso con le prossime Ferrari). Per la prima volta, inoltre, una Maserati avrà un motore a gasolio: si tratta del tre litri V6 già montato sulla Lancia Thema (vedi qui il primo contatto), anche se con più cavalli. Tutti, infine, dovrebbero essere abbinati a un cambio automatico a otto marce.

Aggiungi un commento
Ritratto di mustang89
17 novembre 2011 - 15:35
Beh, hanno confermato gli investimenti in italia, ottima notizia. Se però, sulla thema può andare bene, la futura maserati non deve avere niente a che fare con la 300, spero che le modifiche siano tantissime e che il risultato abbia il meno possibile in comune con la berlina americana.
Ritratto di mustang89
17 novembre 2011 - 15:36
Per la redazione, c'è un errore, "cassa integrazioe".
Ritratto di admin
admin (non verificato)
17 novembre 2011 - 17:44
L'errore è stato corretto, grazie della segnalazione. La redazione.
Ritratto di ImAlphaMan
17 novembre 2011 - 15:38
però!!!! questa è tanta roba...
Ritratto di P206xs
17 novembre 2011 - 15:54
Domanda ma l'ossatura della 300c è ancora quella vecchia della vecchia serie S MB?
Ritratto di geko88
17 novembre 2011 - 16:01
ha preso l'ennesimo GROSSO granchio. Questa "Maseratina" così come la prossima Qauttroporte non nasceranno affatto sulla piattaforma dell'attuale 300, ma sulla piattaforma del gruppo Fiat denominata E-Evo, destinata ad essere usata anche sulla prossima generazione di Chrysler 300, mandando definitivamente in pensione il pianale Chrysler LX. Correggete!
Ritratto di mustang89
17 novembre 2011 - 16:18
Hai ragione, sarà una piattaforma estremamente modulabile e inedita, dovrebbe debuttare proprio su questa maserati. Però non capisco perchè l'abbiano scritto questo articolo... O non sono informati, o hanno saputo prima degli altri che marchionne abbandonerà questo progetto. Oppure vogliono scatenare polemiche tra fiattari e crucchi, facendo impennare le visite sul forum.
Ritratto di ForzaPisa
17 novembre 2011 - 16:51
CHiamalo E-Evo o cippalippa, ma questo "famoso" nuovo pianale sarà BASATO (che non vuol dire identico) su quello della Chrysler 300.. E, infatti, l'articolo scrive "sarà basata sulla piattaforma" "AMPIAMENTE MODIFICATA"(e "basata" è diverso da "uguale".... ;)
Ritratto di mustang89
17 novembre 2011 - 16:53
Informati meglio prima di sparare a zero. Il pianale chrysler, di origine Mercedes, si chiama LX. Gira voce che stiano preparando un pianale completamente nuovo, E-Evo appunto, che permetterà di ottenere vetture a trazione anteriore, posteriore e integrale, di svariate categorie, berline, pick up e van. Parliamo di voci, sia chiaro, ma anche il fatto che si baserà sulla vecchia piattaforma LX è un rumor, quindi non ci sono verità assolute, bisogna aspettare conferme da Fiat.
Ritratto di ForzaPisa
17 novembre 2011 - 17:15
Esatto: non esistono dati certi, ma TU sai di aver ragione e mi dici di informarmi?? Ma guarda che so mettere anche io "e-evo" e "chrysler" su un motore di ricerca e trovarmi "allpar.com"; oppure trovarmi "lx chrysler" su wikipedia... P.S. e visto che mi dici di informarmi, Harald Wester parlava di un debutto del E-Evo per il 2016 (la quattroportina arriva 4 anni prima...) ;)
Pagine