NEWS

Milano si ferma: blocco del traffico dal 28 al 30 dicembre

24 dicembre 2015

Lo stop alla circolazione sarà attivo dalle 10 alle 16 ed è dovuto al superamento delle soglie ammesse per le polveri sottili.

Milano si ferma: blocco del traffico dal 28 al 30 dicembre
STOP DA LUNEDÌ - L’amministrazione comunale di Milano ha indetto lo stop alla circolazione dei veicoli privati nelle giornate di lunedì 28, martedì 29 e mercoledì 30 dicembre 2015. Il divieto sarà in vigore dalle 10 alle 16. La giunta meneghina ha deciso di affidarsi alla soluzione più drastica in ragione dei livelli elevati di polveri sottili (dannose per la salute) nell'aria. Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, auspica che una misura di uguale entità venga assunta dai comuni confinanti. “Tutti gli studi scientifici dimostrano che per avere una maggiore efficacia i provvedimenti contro l'inquinamento atmosferico devono riguardare un territorio vasto” recita una nota del Comune. Al momento, però, solo Pavia, Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni hanno risposto all’appello.
 
STOP ANCHE A ROMA? - Il blocco alla circolazione è reso necessario anche per motivi legati alla meteorologia, visto che a Milano non piove e non c’è vento da intere settimane: ad ottobre, novembre e dicembre sono caduti 11 cm di pioggia, quando la media negli ultimi venti anni è di 30 cm. Queste condizioni annullano il ricircolo dell’aria e rendono l'aria stessa molto stagnante. Nella città i livelli di polveri sottili sono oltre lo stato di guardia ormai da 28 giorni consecutivi, per un totale di 93 sforamenti da inizio 2015. L’Europa ne concede solo 35 l’anno. La giunta ha deciso per questo motivo di promuovere soluzioni utili per scoraggiare l’utilizzo dell’auto, comprese agevolazioni per chi sceglie il trasporto pubblico: dal 16 dicembre il biglietto da 1,50 euro può essere utilizzato per viaggiare tutto il giorno sui mezzi pubblici. La situazione non è meno grave in altre parti d’Italia, Roma compresa: anche nella capitale è tenuta in considerazione la possibilità di ordinare il blocco completo del traffico privato.
 
POLVERI SOTTILI - Le polveri sottili (particelle di diametro compreso fra 500 e pochi nanometri) vengono indicate anche con il termine particolato o con le sigle PM10 e PM2,5 (includendo, rispettivamente, tutte le particelle con diametro inferiore a 1 e a 0,25 centesimi di millimetro). Dimensioni così minuscole consentono a questi inquinanti di oltrepassare agevolmente i filtri che il nostro corpo mette a disposizione, penetrando nei bronchi o, addirittura, nel sangue.


Aggiungi un commento
Ritratto di Challenger RT
24 dicembre 2015 - 12:57
Il diesel colpisce ancora!
Ritratto di xtom
24 dicembre 2015 - 13:59
Dovrebbero vietare la circolazione dei diesel nelle grandi metropoli, come fanno o hanno intenzione di fare a Londra e a Parigi. Che usino pure i diesel sulle autostrade, ma nelle città farei circolare solo auto a gas o elettriche.
Ritratto di M9quattro
24 dicembre 2015 - 19:32
Io direi solo elettriche, anche quelle a gas inquinano, certo meno, ma inquinano lo stesso. Poi non capisco perché si dia sempre la colpa al gasolio, anche gli altri carburanti non sono tanto meglio come emissioni, con gli ultimi motori, qualcuno emette più un tipo di gas e altri più di un altro. In ogni caso gli scarichi non sono aria pura neanche per auto a gas.
Ritratto di xtom
24 dicembre 2015 - 19:59
Le auto a gas non emettono polveri sottili responsabili principali dell'inquinamento nelle città. Guarda questa tabella comparativa http://bragattonico.it/wp-content/uploads/2014/01/Tabella-inquinamento-gpl-metano.jpg
Ritratto di M9quattro
24 dicembre 2015 - 20:14
Interessante la tabella, ma solo quelle non emettono; c'è da dire che il problema di questi giorni sono proprio le polveri sottili, però già che fanno una cosa che la facciano bene e blocchino tutti i mezzi privati a combustione interna...
Ritratto di M9quattro
24 dicembre 2015 - 20:15
*i motori a gas non emettono anche il benzene, non l'avevo notato...
Ritratto di lucios
26 dicembre 2015 - 23:21
4
Se vabbè, come se il prblmea fossero solo auto diesel, con tutti mezzi pubblici pesanti che vanno a diesel e consumano per tutto il parco circolante privato............cominciassero dall'usare mezzi ecologici prima di tutto i mezzi del trasporto pubblico, ecc............troppo facile colpire i singoli privati..........
Ritratto di Challenger RT
27 dicembre 2015 - 01:58
Come ho scritto, il problema è il motore diesel, su qualsiasi veicolo esso sia montato. Ovviamente è ancora più assurdo che un'amministrazione cittadina consenta la circolazione dei suoi autobus diesel e dei taxi a gasolio.
Ritratto di lucios
28 dicembre 2015 - 11:18
4
premesso che son passato da poco al gpl e del diesel sono ormai un detrattore vista la brutta vita che si passa con questi maledetti filtri antiparticolato, io credo che, come avviene nel mondo del lavoro, che per economizzare si finisce per colpire sempre la massa lavoratrice, o come avviene a livello fiscale che si finisce per far pagare i tanti poveracci, anche a livello di inquinamento pagano sempre i soliti. Le targhe alterne è solo la via più facile per risolvere il problema, in luogo di tante altre mosse più difficili da attuare ma che risolverebbero alla fonte il problema: come incentivare l'auto elettrica, non con incentivi ma mettendo colonnine ovunque, oppure comprare bus a metano o gpl, o migliorare i mezzi pubblici, o limitare il traffico solo ad auto che emettono un tot di gas inquinanti, per non parlare delle tante ciminiere domestiche che funzionano ancora a diesel, carbone o kerosene........DIFFICILE EH?!?!
Ritratto di Challenger RT
30 dicembre 2015 - 01:21
Concordo. Saluti.
Pagine