NEWS

Nissan e Renault verso il divorzio?

Pubblicato 13 gennaio 2020

Secondo indiscrezioni, la casa giapponese avrebbe mosso i primi passi per staccarsi dal partner francese.

Nissan e Renault verso il divorzio?

FINE DI UN’EPOCA? - L’arresto e la detenzione di Carlos Ghosn hanno fatto vacillare la stabilità dell’Alleanza Renault Nissan Mitsubishi, che dopo l'arresto del suo ex numero uno (qui per saperne di più) è diventata meno solida e coesa. La situazione potrebbe farsi ancora più “spinosa” dopo la clamorosa fuga di Ghosn in Libano, perché la Nissan avrebbe colto questo pretesto per decidere di mettere in atto un piano d’emergenza e separarsi dalla casa francese, alla quale è legata da uno scambio azionario: la Renault infatti possiede il 43% della Nissan e quest’ultima a sua volta detiene il 15% delle azioni della Renault. Nissan e Renault sono alleate dal 1999. 

INIZIANO LE DIVISIONI - In base alle indiscrezioni del quotidiano Financial Times, infatti, la Nissan starebbe pensando di separare i settori dell’ingegneria e della produzione da quelli di Renault, dopo che erano stati accorpati da Ghosn; il costruttore giapponese inoltre vorrebbe effettuare modifiche al suo consiglio d’amministrazione. La Nissan avrebbe valutato già nel 2019 le conseguenze di una possibile rottura dell’Alleanza, ma al termine di queste operazioni non venne presa alcuna decisione. Ora però i rapporti fra le due aziende sarebbero ai minimi termini, tanto è vero che molte persone all’interno di Nissan hanno confidato al Financial Times che la Renault è vista come un freno. 

NUOVI ACCORDI? - In caso di divorzio i due produttori potrebbero essere costretti a trovare nuovi accordi e collaborazioni per competere con colossi rivali e di sostenere gli enormi investimenti per avere una gamma di auto all’altezza: stando ai numeri del 2018, la Renault ha venduto in tutto il mondo 3.884.295 di veicoli, mentre la Nissan appare più “attrezzata” a procedere da sola, avendo raggiunto i 5.653.683.



Aggiungi un commento
Ritratto di remor
13 gennaio 2020 - 14:37
Mi sa che gli conveniva associarsi con Fca...
Ritratto di remor
13 gennaio 2020 - 14:40
(ovviamente ora troppo tardi...)
Ritratto di Michiflanoalila
13 gennaio 2020 - 15:10
Chissà se alla fine il potrezionismo dello stato francese che ha ostacolato l'accordo con fca si rivelerà una pugnalata
Ritratto di Andrea Ford
13 gennaio 2020 - 15:34
Statisticamente parlando i grandi gruppi automotive non falliscono, si smembrano. È sempre stato cosi e così continuerà ad essere. Tutto diventa troppo e troppo diventa ingestibile così il gruppo implode. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Roberto Carnevale
13 gennaio 2020 - 19:30
Si ma Nissan si è messa subito di traverso.Il pericolo era lo spostamento del baricentro del gruppo in EU e con i Giap questo non si poteva di certo fare.
Ritratto di Sepp0
13 gennaio 2020 - 15:07
Grazie al... che Nissan fa più numeri, Renault in USA non esiste.
Ritratto di Blablabla
13 gennaio 2020 - 15:10
Così crolleranno nelle vendite, mentre FCA-PSA diventerebbe il terzo costruttore.
Ritratto di Al Volant
13 gennaio 2020 - 15:29
Non credo che le conclusioni siano corrette.. Se è vero quello che sta scritto, è legittimo da parte di Nissan dubitare di ogni azione intrapresa dal latitante. Pertanto cercano di riportare la situazione pre-latitante.... Il divorzio sarebbe semplicemente un suicidio per entrambi, oltre al fatto che le azioni le detiene comunque Renault..
Ritratto di 82BOB
13 gennaio 2020 - 15:46
Quando si insedierà De Meo, se sarà lui effettivamente a "salire al trono", presumo le che acque si calmeranno e, anzi, l'alleanza si rafforzerà... non conviene a nessuno dei due (tre) staccarsi!
Ritratto di BioHazard
13 gennaio 2020 - 16:03
Renault divorzia mentre la rivale si sta per sposare.
Pagine