NEWS

Nuove immagini spia dell'Alfa Romeo Milano

26 agosto 2009

Motore Multiair e levetta DNA per la prossima compatta del Biscione. Lo dimostrano le foto scattate da un nostro lettore.

SPORTIVA DOC - Dopo avervi mostrato le prime immagini dell'Alfa Romeo Milano (le vedete qui), torniamo a parlare dell'erede della 147. Come mostrano le foto che ci ha inviato il nostro lettore Cristhian (che ringraziamo) nella gamma motori sarà presente anche il nuovo Multiair e nell'abitacolo “spunta” la levetta DNA, per cambiare il carattere dell'auto.

 

Alfa romeo milano spy 2

Interessanti anche i particolari del volante e del cruscotto. Il primo è del tipo sportivo a tre razze, simile a quello della MiTo, mentre il cruscotto riprende gli elementi circolari tipici delle vecchie Alfa.

CUORE TECNOLOGICO - Le indiscrezioni danno l'Alfa Romeo Milano come derivata dal pianale della Fiat Bravo, modificato per conferire alla macchina un'indole più sportiva, da vera Alfa Romeo. Un carattere che viene confermato dalla presenza del nuovo motore Multiair 1.4 16V Turbo ripreso nelle foto, in grado di erogare fino a 170 CV. Prestazioni rese possibili grazie proprio alla tecnologia Multiair, un nuovo sistema elettro-idraulico di gestione delle valvole, che migliora l'efficienza del motore. Rispetto al 1.4 Turbo "normale" da 155 CV i valori di potenza e coppia crescono del 10 e 15%, mentre i consumi e le emissioni di CO2 vengono tagliati di circa il 10%.

 

Alfa romeo milano spy 4Alfa romeo milano spy 3

L'Alfa Romeo sorpresa in queste foto è spinta dal nuovo motore 1.4 Turbo Multiair. Nella foto dell'interno si nota la levetta DNA alla base del cambio. Quest'ultimo ha il pomello in metallo.

 

CAMBIA CARATTERE - Sportiva o confortevole, il temperamento della Milano lo deciderà il guidatore. Come sulla MiTo, anche l'erede della 147 sarà dotata della levetta DNA (ben visibile nella foto degli interni, alla base del cambio). Selezionando uno dei tre programmi disponibili (Normal, Dynamic e All Weather), si cambia la risposta di motore, sterzo e controllo di stabilità per adattare l'auto a una guida rilassata, “d'assalto” o su fondi scivolosi. Vi ricordiamo che l'Alfa Romeo Milano verrà presentata ufficialmente al prossimo Salone di Ginevra a marzo 2010.

Aggiungi un commento
Ritratto di Dinozzo
26 agosto 2009 - 11:48
Premetto che non sono un grande estimatore delle foto spia in quanto non danno mai la reale fattezza dell'auto anzi a dire il vero mi fanno venire voglia di non comprarla. Ma tornando all'Alfa Milano, non vedo queste grandi diversità con la Mito... anche il cruscotto non vedo grosse rivoluzioni, apparte questo sistema di cambio DNA... che forse bisognerebbe cambiarlo al conducente e non alla vettura......
Ritratto di Alessandro
26 agosto 2009 - 11:51
Però si può supporre che tanto del biscione non mi sembra,sarà la solita Fiat ricarrozzata senza quadrilateri,come lo è la Mito.
Ritratto di bravehearth
26 agosto 2009 - 11:59
sono d'accordo con te Alessandro. così la Fiat risparmierà, ma i veri alfisti saranno sempre più delusi
Ritratto di Ytseman
26 agosto 2009 - 14:35
1
Concordo sul fatto che mi sembra proprio una bravo con un altro vestito. Gli interni sono stati presi un po' dalla Mi.To e la consolle, per quanto ben mascherata, mantiene l'impostazione dei comandi Bravo/Delta. Se la versione originale rispecchiera' le foto spia scattate in fabbrica, direi che ha perso tutta la sportivita' della 147...
Ritratto di PeppeM
3 settembre 2009 - 15:48
RIPORTO: la consolle, per quanto ben mascherata, mantiene l'impostazione dei comandi Bravo/Delta. Ti mancano 9/10?
Ritratto di Mirco1980
26 agosto 2009 - 12:07
Speriamo che anche per la Milano , introducano il cambio automatico sequenziale a doppia frizione , che faranno uscire con la Mi.To e l' Abarth 500 nel 2010 . Sarebbe una bella concorrente per la Golf e il suo cambio a doppia frizione DSG .
Ritratto di XMas
26 agosto 2009 - 12:48
Beh, sì, la buona vecchia alfa non si è certo distinta in questi anni, ma la 147, che ho avuto, era una vera meraviglia. Chissà, forse fanno il miracolo anche a sto giro!
Ritratto di bombolone
26 agosto 2009 - 13:29
Noi italiani abbiamo un difetto: non apprezziamo mai abbastanza le cose che facciamo, siamo naturalmente portati a criticare i nostri prodotti. Non mi sembra che l'Alfa 147, per quanto realizzata su base Fiat, sia stata questa gran delusione. È piacevole da guidare, ha dei bei motori e una linea davvero personale. Infatti ha avuto successo, anche all'estero, anche in Germania. Io dico sempre: perché non guardiamo quel che fanno gli altri, non è detto che siano migliori di noi. Per esempio, tra una 147 e una Volvo C30 non c'è storia. Anche per questo ho fiducia nella Milano...
Ritratto di iceeyes
26 agosto 2009 - 14:58
Sono d'accordo che noi italiani non sappiamo valorizzare quello che facciamo. Imparassimo dai francesi in questo... Però rispetto alla 147 la nuova Milano parte con il piede sbagliato. La prima condivideva i motori e un po' di componentistica con i modelli Fiat. Se la Milano, come sembra, avrà lo stesso pianale della Bravo proprio non ci siamo. Piuttosto meglio riutilizzare le sospensioni della 147...
Ritratto di cavalierebianco
26 agosto 2009 - 16:35
Anche la 147, sotto il vestito, era una Fiat, per la precisione una Bravo riveduta e corretta: stessi motori, stessa componentistica; diversa era solo la sospensione anteriore, per dare più precisione di guida
Pagine