NEWS

Peugeot: in Europa solo elettriche entro il 2030

Pubblicato 07 dicembre 2021

La casa di Sochaux annuncia l’elettrificazione completa della gamma con cinque anni d’anticipo rispetto ai piani dell’UE di vietare la vendita di veicoli con il motore a combustione a partire dal 2035.

Peugeot: in Europa solo elettriche entro il 2030

LA SCOSSA DEL LEONE - Dopo DS (2026), Alfa Romeo (2027) e Opel (2028), tra le fila di Stellantis toccherà a Peugeot dare lo sprint decisivo nell’allungo verso la transizione all’elettrico, preparando la strada agli altri brand del colosso nato lo scorso gennaio dalla fusione tra i gruppi FCA e PSA. Entro il 2030 (quindi con cinque anni d’anticipo rispetto alla proposta dell’Unione Europea di rendere obbligatoria la vendita di veicoli esclusivamente elettrici nel Vecchio Continente) la casa del leone punta a completare il ricambio generazionale della propria gamma europea, schierando solo modelli a batteria.

DEADLINE 2030 - La conferma arriva direttamente Linda Jackson: “Con il passaggio alle nuove piattaforme STLA di taglia piccola, media e grande stiamo lavorando affinché entro il 2030 tutti i nostri modelli venduti in Europa siano elettrici”, ha dichiarato in un’intervista rilasciata in esclusiva ad Automotive News il ceo del marchio di Sochaux, precisando che l’azienda provvederà a “mantenere l’offerta di vetture con motori a combustione per i clienti degli altri mercati”. L’obiettivo della Peugeot, che riveste il delicato ruolo di brand generalista più trainante della galassia Stellantis, appare perfettamente in linea con le ultime dichiarazioni di Carlos Tavares, che pur manifestando numerose riserve sulla corsa sfrenata all’elettrificazione dell’industria automobilistica ha dichiarato che il colosso di cui è a capo entro il 2030 punta a vendere in Europa oltre il 70% e negli Stati Uniti oltre il 40% di modelli a basso impatto ambientale.

PIATTAFORME VERSATILI - Per centrare l’obiettivo, sull’asse Torino-Parigi già si lavora affinché a partire dal 2025 tutti i nuovi modelli siano basati sulle nuove architetture STLA, concepite per accogliere gruppi motopropulsori alimentati esclusivamente a pile ma abbastanza flessibili da poter ospitare anche motori a benzina o a gasolio per quei mercati e quelle tipologie di veicoli per cui la transizione verso l’elettrico sarà più lenta. Sul fronte della mobilità sostenibile Peugeot parte da una posizione piuttosto favorevole: già il 70% della gamma, infatti, è elettrificato, quindi elettrica o ibrida ricaricabile. La line-up europea della casa transalpina sarà completamente elettrificata entro il 2024, con l’aggiornamento dei modelli attualmente in produzione e il lancio di vetture completamente riprogettate intorno alle nuove piattaforme, come la 3008 di prossima generazione, che nascerà anche elettrica nella fabbrica di Sochaux.

IL LEONCINO A PILE PIÙ VENDUTO - Oggi, tra i modelli elettrici della Peugeot, la bestseller in Europa è la 208: circa il 20% dei clienti la sceglie nella versione a batteria, un risultato migliore rispetto alle previsioni iniziali della casa, che ipotizzava una quota di mercato inferiore di 5-10 punti percentuali. Leggermente inferiori sono le vendite della variante a ruote alte e-2008. Nulla di anomalo, in realtà, spiega Linda Jackson: “A differenza della e-208, la gente l’acquista come prima auto e quindi con la prospettiva di percorrere lunghe distanze. Stiamo cercando di capire se un’auto elettrica può soddisfare questo genere di esigenze”.





Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
7 dicembre 2021 - 10:34
Per buona pace di chi, chiamandolo "progetto di auto del regime", sosteneva fossero semplici illazioni di contorno ad un tentativo di progetto ormai al tramonto. E invece conferme su conferme, giorno dopo giorno. E non parliamo di semplici modelli "elettrificati".
Ritratto di Veni Vidi Vici
7 dicembre 2021 - 10:44
1
No aspetta, quando son state chiamate così? AHAHAH :DDD
Ritratto di Check_mate
7 dicembre 2021 - 10:52
Ehh ahahaha comunque seriamente non capisco queste dichiarazioni a motore dopo le grandi difficoltà nel cop26, che è stato un evento mediatico ma dagli scarsi effetti finali.
Ritratto di Veni Vidi Vici
7 dicembre 2021 - 13:40
1
La penso come Mbutu, poco più giù.
Ritratto di Oxygenerator
9 dicembre 2021 - 09:24
Da v8sound mi sembra, due settimane fa.
Ritratto di vittorio23
7 dicembre 2021 - 15:21
veramente tavares ha appena detto che lo sviluppo delle elettriche costa troppo. E poi aspetta: per ora fanno solo discorsi. Certo un paio di city car da 50mila euro ci sono (e poi c'è ancora la Zoe), ma oltre no nsi va. https://www.clubalfa.it/393417-tavares-costi-oltre-i-limiti-per-le-case-automobilistiche I governi e gli investitori vogliono che le case automobilistiche accelerino la transizione ai veicoli elettrici, ma i costi sono “oltre i limiti” di ciò che l’industria automobilistica può sostenere, ha detto Tavares in un’intervista alla conferenza Reuters Next rilasciata mercoledì. Il numero uno del gruppo Stellantis ha messo in evidenza come al momento sviluppare e produrre auto elettriche costi circa il 50 per cento in più rispetto ad un’auto con motore a combustione. Tavares ha aggiunto che questo 50 per cento di costi in più non potrà essere trasferito al consumatore finale altrimenti le future auto potranno essere acquistate solo da pochi fortunati.
Ritratto di Check_mate
7 dicembre 2021 - 15:24
Lamentare gli scontati costi elevati della transizione è diverso dal dire che loro, questa transizione, non la faranno. E infatti...
Ritratto di Vincenzo1973
7 dicembre 2021 - 17:46
Tavares dice che costa troppo ma che Peugeot entro il 2030 produrrà solo elettriche, quindi prima della dead line della UE del 2035.delle due l'una
Ritratto di Oxygenerator
8 dicembre 2021 - 20:22
:-)))))
Ritratto di Vecchio Caprone
7 dicembre 2021 - 10:40
Finalmente qualcuno che chiarisce: Europa. Era ora che lo facessero.
Pagine