NEWS

Seat Mii: cinque porte per la città

6 febbraio 2012

Oltre che con tre porte, la nuova citycar spagnola sarà proposta anche a cinque. Il motore è un 1000 a benzina con 60 cavalli, oppure 75. In vendita da maggio.

Seat Mii: cinque porte per la città

LA RICONOSCI DAL FRONTALE - La famiglia delle citycar spagnole si allarga: dopo la Seat Mii a tre porte (leggi qui il primo contatto) la Seat annuncia la versione a cinque porte: le due vetture saranno in vendita da maggio. Entrambe le Mii sono parenti stretti della Volkswagen up! e della Skoda Citigo, con cui condividono le ridotte dimensioni (356 cm di lunghezza per la Mii, due in più della up!), l’abitacolo semplice e spazioso e la meccanica. Le Mii si distinguono unicamente per il frontale più spigoloso e in linea con lo stile delle ultime Seat. A differenza dei finestrini posteriori della Mii a tre porte, che sono fissi, quelli della versione con due sportelli in più si possono aprire, ma soltanto a compasso. Invariata, invece, la capacità di carico che, per una citycar, non è affatto male: 251 litri (che aumentano a 951 ripiegando il divano).

Seat mii 5 p 03

ANCHE CON LO STOP&START - La Seat Mii 5 porte sarà offerta con entrambe le versioni del 1000 a tre cilindri, alimentato a benzina: quella da 60 cavalli e quella da 75. Secondo la casa, la Mii 5p con il 1.0 meno potente percorre in media 22,2 km/l, con l’altro 21,3 km/l. Le versioni Ecomotive dotate del sistema Stop&Start e di quello che recupera l’energia altrimenti dissipata nelle frenate per alimentare la batterie, dovrebbero essere leggermente meno assetate: con il motore da 60 cavalli, la Seat Mii totalizzerebbe i 24,4 km/l, con quello più potente, 23,8 km/l.
 

Seat mii 5 p 07

FRENA PURE DA SOLA - Ancora presto per parlare dei prezzi e delle dotazioni della Seat Mii a cinque porte. Comunque, la versione base Reference, con il motore da 60 CV non costerà più di 10.000 euro, ma non avrà il climatizzatore di serie. Per ottenerlo si dovrà passare alla Mii più ricca (la Style). Non mancheranno due interessanti accessori, già visti nella Volkswagen up!. Il primo, che si pagherà a parte, è sistema di frenata automatica: fra 5 e 30 km/h, se il guidatore non reagisce al pericolo di tamponamento, l’auto rallenta da sola fino a fermarsi. Il secondo, probabilmente riservato alle Seat Mii più costose, è lo schermo amovibile di 5 pollici alla sommità della consolle. Si tratta di un vero computer portatile, che riporta le indicazioni del navigatore, dà informazioni sui consumi (valutando anche quanto sia “risparmiosa” la guida), attiva il sistema di vivace per il telefonino e visualizza due strumenti supplementari a quelli del cruscotto (i manometri per la temperatura esterna e per il liquido refrigerante del motore).



Aggiungi un commento
Ritratto di Zack TS
6 febbraio 2012 - 10:01
1
oddio mi sembrava un restyling della daihatsu cuore prima di aprire la pagina
Ritratto di onlyroma
6 febbraio 2012 - 11:44
Ci hanno messo anni x riuscire a copiare una macchina che già all'epoca era brutta. Complimenti. Cmq questo è un progetto veramente deludente,dopo gli insuccessi di Fox,ecco a noi un tris di macchinette davvero brutte. e con nomi alquanto ridicoli. La fortuna di questi modelli è che grazie al nome che portano in dote venderanno almeno un minimo. Se queste vetture erano prodotte da case tipo nissan,honda,ecc... sarebbero state dei flop tremendi.
Ritratto di fabri99
6 febbraio 2012 - 16:56
4
Devo ammettere che un pochino il posteriore assomiglia con i fari allungati e tondeggianti alla Daihatsu Cuore 1a serie. I nomi sono stupidi, come quasi tutte le altre auto. Questo trio a me piace. Il nome che portano?! Non fraintendetemi: Sono sempre stato il primo a dire che certa gente compra le auto perchè sono VW, Mercedes, BMW, Audi... Ma tra gli esempi non è mai comparso il nome di auto come la Seatsottovalutata, e la Skodac'èchipensachenonvaliniente. L'auto più piccola che Honda produce è l'utilitaria monovolume Jazz, quindi non c'è il problema. Nissan produce la Pixo, e se ne vedono un po' in giro, quindi non capisco come una citycar di case come Honda e Nissan, potrebbe essere un flop: Non capisco che intendi! Come fai a dire che le piccole Nissan e le piccole Honda sarebbero un Flop? Ciao
Ritratto di onlyroma
6 febbraio 2012 - 20:30
Scusami,ma mi sono spiegato male. Non dicevo che nissan,honda siano flop. Potevo scrivere fiat,alfaromeo,ford,volvo,ecc..il mio discorso era basato sul mito che il gruppo vw faccia ottime macchine,quindi anche se fa uscire mostri simili,vende lo stesso.Invece altre case non si possono permettere errori di questo tipo,altrimenti sono dei completi flop.
Ritratto di fabri99
6 febbraio 2012 - 20:50
4
Ma pur essendo del gruppo VW, Skoda e Seat, in Italia, mi sembrano sottovalutati. Ciao
Ritratto di Simone1996
6 febbraio 2012 - 10:10
e ottima citycar
Ritratto di giuseppe26
6 febbraio 2012 - 10:37
non è male, anzi...
Ritratto di oretaxa
6 febbraio 2012 - 10:57
Esteticamente la trovo molto carina, ma quella lamiera a vista nelle portiere... <br>Cosa gli costava progettare un classico pannello in plastica, molto più pratico in un auto da città che verrà messa a dura prova da bambini scatenati e borse della spesa? Si fa presto a graffiare la vernice...
Ritratto di Sprint105
6 febbraio 2012 - 11:16
francamente non mi piace. Queste nuove citycar del gruppo tedesco sembrano proprio delle scatolette. Secondo me, la meno peggio, è la up!
Ritratto di fabri99
6 febbraio 2012 - 17:02
4
Evvai così! Fanc@zzi@mo la nostra lingua ancora un po'! Un po' di Grammatica: La "PIU' MEGLIO"= Migliore La "PIU' PEGGIO"= Peggiore La "MENOPEGGIO" sarebbe la migliore? Cordialmente Ciao
Pagine