NEWS

Toyota: ufficiale il richiamo delle Prius

9 febbraio 2010

Sono meno del previsto le Prius da richiamare: circa 53.000 in Europa. L'intervento di aggiornamento del software dell'ABS dura solo 40 minuti e poi si può ripartire.

È UFFICIALE - Stanotte Toyota ha ufficializzato il richiamo al sistema frenante anticipato ieri da alVolante (leggi qui la news). Secondo il comunicato stampa della Casa, sono 133.000 le Prius dell'ultima generazione (foto in alto) interessate dall'operazione (52.903 solo in Europa). I clienti interessati saranno avvisati direttamente dalla Casa.

40 MINUTI - Alle Prius, e a 14.500 Lexus HS 250h (non vendute in Italia), una volta giunte in concessionaria verrà aggiornato il software della centralina del sistema frenante per eliminare un difetto all'ABS. L'operazione richiede solo 40 minuti e può essere fatta con attrezzature standard a disposizione di ogni officina autorizzata. Il difetto da eliminare, riguarda la possibilità che, in alcuni casi, l'impianto frenante smetta di funzionare per poco meno di un secondo.

Aggiungi un commento
Ritratto di Spinta
9 febbraio 2010 - 10:51
Se ho ben capito non era un problema del pedale del freno, ma della logica dell'ABS. In realtà quando l'ABS interviene leva ritmicamente la pressione all'impianto frenante per pochi centesimi di secondo per impedire il bloccaggio delle ruote quando il fenomeno si sta innescando. Certo che se questa "sospensione" dura un secondo diventa un problema grave (pur restando un'ipotesi remota).
Ritratto di ralphpink
1 marzo 2010 - 17:44
Questo mio intervento si divide in due parti: (1) un giudizio sulla Prius, e (2) un giudizio sulle opinioni e i commenti dei blogger a proposito di quest'auto. Cominciamo con la Prius: ne guido una dal 2007 e fino al mese scorso avevo riscontrato solo una serie di piccoli difetti alla parte elettrica/elettronica, e in particolare uno che mi sembrava trascurabile, ma che adesso, alla luce degli ultimi avvenimenti, mi sta dando da pensare: di tanto in tanto il sistema, al momento in cui entro in auto o mentre sto conducendo, non mi riconosce la chiave elettronica e si accende l'indicatore di avaria, anche se la vettura continua a funzionare come se tutto fosse in ordine. Il mese scorso mi è invece successo qualcosa di molto più allarmante: sono entrato in auto, mi sono seduto al posto di guida, e... sono rimasto intrappolato. La vettura era assolutamente morta: non solo non si accendevano le luci sul cruscotto, ma non riuscivo più nemmeno ad aprire le portiere o i finestrini, neppure inserendo la chiave nell'apposito alloggiamento sotto il cruscotto (avviamento con riconoscimento non automatico). Ho chiamato col telefonino mia moglie, che non era lontana, ma anche la sua chiave, azionata ovviamente dall'esterno, non funzionava, e il tentativo di usare la serratura meccanica non ha dato migliori risultati. Stavo già pensando di rompere un finestrino quando, dopo una ventina di minuti, le spie sul cruscotto si sono riaccese e i circuiti elettronici hanno ripreso a funzionare. Mi sono immediatamente recato, c'è bisogno di dirlo?, presso la mia concessionaria, che ha proceduto a un controllo approfondito usando le apparecchiature di analisi elettronica di cui è dotata. La cosa veramente preoccupante è che non è stata riscontrata alcuna anomalia (anche se per combinazione il non riconoscimento della chiave elettronica si è verificato ancora una volta proprio mentre spostavano l'auto in officina). Dunque: la mia Prius ha un difetto potenzialmente molto grave, ma la Toyota non è in grado di rilevarlo e meno ancora di porvi rimedio. E se ci fosse un problema al circuito di frenaggio, come quello che ha causato la morte accertata di una cinquantina di persone (come avrete appreso, se il circuito elettronico di frenaggio va in tilt siete spacciati)? Se penso che nel suo intervento al Congresso il presidente della Toyota ha dovuto ammettere che i tecnici della casa non solo non hanno una soluzione ai problemi riscontrati ma non riescono nemmeno a capire quali possano esserne le cause, ho la sgradevole sensazione di essere non un cliente ma una cavia. Passiamo adesso alle opinioni e i commenti dei blogger a proposito di quest'auto. Ogni intervento dovrebbe (a) fornire informazioni (positive o negative) utili, (b) essere estremamente dettagliato nella descrizione delle qualità o dei difetti di cui parla, (c) provare quel che afferma, e (d) venire diffuso su tutti (o quasi) i siti per raggiungere il maggior numero possibile di utilizzatori o potenziali utilizzatori della vettura. Da voi in Italia non trovo niente di tutto questo; sembra quasi che tutto quello che v'interessa sia discutere oziosamente di colori, accessori, consumi, linea e roba del genere. Prendetevi il tempo di navigare in uno dei tanti siti di opinione negli Usa e vedrete che i gravi problemi riscontrati sulla Prius erano già stati segnalati e discussi approfonditamente da un paio di anni a questa parte; ed è stata proprio la pressione dei blogger a scoperchiare la pentola e a costringere la Toyota al richiamo in massa delle sue auto (per quanto riguarda le Prius, quasi una su tre. Enorme!). Fosse dipeso da voi in Italia tutto continuerebbe come prima. Naturalmente non è sempre possibile soddisfare i punti (a), (b), (c) e (d) sopra indicati (io per esempio non posso fornirvi una prova di quello che affermo, e per quel che ne sapete potrei essermi inventato tutto, magari perchè sono un fanatico della Honda), e analizzando, per questioni professionali, i vostri siti di opinione ne ho trovato una sola (Prius: ammiratela ma non compratela) veramente dettagliata e appoggiata da prove (questo non significa che sia interamente d'accordo col contenuto!); ebbene i commenti sono davvero sconfortanti per la loro idiozia. Un tizio (non ricordo dove) chiede un riassunto in 10 parole (gli "analfabeti di ritorno" sono comuni anche da noi, ma di solito si vergognano di farlo sapere e non menano vanto di non capire un testo piuttosto semplice), un altro afferma che deve trattarsi di una vendetta perchè l'opinione è stata replicata su moltissimi siti diversi (mentre penso si tratti del desiderio di far conoscere il problema riscontrato al massimo numero di proprietari di Prius), un altro afferma orgogliosamente che lui guida una Toyota da 11 anni e non ha mai avuto problemi (cosa encomiabile, ma che non ha assolutamente niente a che vedere con quanto esposto nell'opinione), e via di questo passo. Non c'è un solo commento, uno solo, che analizzi il problema segnalato. Possibile che la televisione vi abbia rincretiniti fino al punto di non riuscire a portare avanti una discussione in modo serio? Spero di no, ma temo di si. PS:Se volete maggiori chiarimenti o volete approfondire l'argomento potete sempre inviarmi una mail. Sarò lieto di rispondere a quelle costruttive.