NEWS

Volvo e Geely insieme per i motori

Pubblicato 10 ottobre 2019

Volvo e Geely formeranno una nuova divisione preposta allo sviluppo di propulsori endotermici ed ibridi destinati a tutte le marche del gruppo.

Volvo e Geely insieme per i motori

L’UNIONE GA LA FORZA - Volvo e Geely uniranno le loro forze per la costituzione di una nuova divisione indipendente preposta allo sviluppo di motori a combustione e ibridi di prossima generazione, che verranno forniti a tutte le marche facenti capo al gruppo cinese: Geely Auto, Proton, Lotus, Levc e Lynk & C, oltre ad eventuali produttori terzi.

GRANDE CAPACITÀ PRODUTTIVA - La nuova  non prevede riduzioni della forza lavoro e avrà una propria specifica autonomia accorpando i 3000 dipendenti della Volvo ed i 5000 della Geely che lavorano in questo settore, consentendo alle due aziende automobilistiche notevoli sinergie operative, industriali e finanziarie, con un conseguente risparmio di costi. La nascita del nuovo fornitore a livello globale consentirà quindi di disporre di una notevole capacità produttiva di motori, pari a oltre 2,5 milioni di unità (la Volvo produce circa 600.000 propulsori a combustione e la Geely quasi 2 milioni).

PROCESSO GRADUALE - La creazione della divisione motori permetterà alla Volvo di concentrarsi sullo sviluppo della sua gamma di auto elettriche ed elettrificate di alta gamma. Infatti, secondo l’obiettivo prefissato dalla casa svedese, metà delle vendite globali dovrà essere completamente elettrica e l'altra metà ibrida, utilizzando la nuova unità. La casa svedese ritiene che l'elettrificazione dell'industria automobilistica sarà un processo graduale, quindi, accanto alle auto completamente elettriche, ci sarà ancora spazio per una significativa domanda di efficienti propulsori ibridi.

Volvo S60
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
49
31
15
8
7
VOTO MEDIO
4,0
3.972725
110


Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
11 ottobre 2019 - 12:15
Interessante che Volvo, casa automobilistica all'avanguardia, sottolinei che il motore termico avrà futuro e ha in progetto di sviluppare ancora una nuova gamma di motori oltre a quelli utilizzati recenti. La cooperazione con i partner cinesi d'altra parte può essere interpretata in vari modi; come inevitabile per sfruttare le sinergie interne allo stesso gruppo e le facilità per lo sviluppo di nuove propulsioni date dal mercato cinese di commercio e batterie. L'altra faccia della medaglia afferma che Volvo, dopo essere stata rilanciata nell'era post-Ford dal 2014, oggi ha riconsolidato un immagine abbastanza forte (e indipendente dai partner cinesi) che è pronta per promuovere la collaborazione piena anche nella progettazione di stesse componenti tra Volvo e altri marchi. Cosa che peraltro è già realtà con il neo marchio Lynk & Co.
Ritratto di Giuliopedrali
11 ottobre 2019 - 17:39
Mia personale opinione è riguardo al design che le Volvo sono belle seppur poco "giovanili", le Polestar saranno anche più spettacolari, le Lynk&Co almeno la 02 è quasi la perfezione e le stesse Geely, per esempio i modelli Xingyue e Yuyue hanno già superato Volvo in modernità e forse in bellezza.