Pubblicato il 25 maggio 2012

Listino prezzi Hyundai Atos Prime non disponibile

Ritratto di checco93
alVolante di una
Ford Mondeo SW 2.0 TDCI 163 CV DPF Plus
Hyundai Atos Prime
Qualità prezzo
4
Dotazione
2
Posizione di guida
3
Cruscotto
2
Visibilità
4
Confort
3
Motore
3
Ripresa
3
Cambio
3
Frenata
4
Sterzo
3
Tenuta strada
4
Media:
3.1666666666667
Perché l'ho comprata o provata
L'auto è di mio padre e, in pratica, ho imparato a guidare su questa. Comprata nel 2004 a poco meno di 9000€: all'epoca una vera occasione dato che una Panda di pari dotazione ne costava quasi 13000 di euro. Inoltre il pagamento (a rate naturalmente) avveniva a un'anno di possesso del mezzo senza alcun anticipo. Inutile sottolineare ancora, quindi, che a fare ricadere la scelta di mio padre su questa auto è stato soprattutto il prezzo in rapporto al tipo di auto.
Gli interni
Salendo a bordo si nota immediatamente una seduta abbastanza alta. E' semplice trovare la posizione di guida corretta anche se va evidenziato che il volante non si regola ne' in altezza ne' in profondità. Ciò comporta una distanza dal volante rilevante per chi è più alto; però si può regolare lo schienale con un meccanismo tutt'altro che comodo (la leva, che fa muovere lo schienale a scatti, è piccola e molto vicina alla portiera). La mancanza del contagiri è più fastidiosa che indispensabile: sarebbe stato molto gradito. Le plastiche sono tutte rigide (di fatture piuttosto economica), ma almeno sono di un colore grigio chiaro che dà una certa luminosità all'abitacolo. Non sono presenti molte tasche o vani. Complessivamente ci sono due tasche (nemmeno troppo grandi) sulle portiere, il classico "poggiachiavi" al lato del volante, due cassetto sotto i sedili anteriori e un minuscolo vano subito dietro la leva del cambio. Manca il cassetto portadocumenti al lato passeggero e al suo posto si trova una specie di "mensola", che non hanno avuto neanche la briga di rivestire con del materiale antiscivolo. Non c'è lo specchietto di servizio per il guidatore... ad una donna sarebbe gradito, ma, nel mio caso, ne faccio volentieri a meno. L'auto è omologata solo per quattro persone, non che sia indispensabile avere cinque posti, ma in caso di necessità sarebbe stato utile. Lo spazio è abbastanza e dietro si sta quasi comodi, poiché non abbonda lo spazio per le ginocchia. Gli alzacristalli elettrici ci sono solo davanti, mentre dietro ci si arrangia con la manovella. I comandi del clima sembrano quelli di un'auto degli anni '80 (si usano delle leve per regolare flusso e temperatura). La radio era a parte e veniva installata da un elettrauto. L'impianto audio non eccelle, ma non è pessimo: quelle che deludono sono le casse anteriori, mentre quelle posteriori sono facilmente sostituibili. Il bagagliaio è adeguato per dimensioni al tipo di auto, ma non è facile sfruttarlo a fondo per via della forma.
Alla guida
L'auto non è un fulmine: il 1.1 a benzina eroga appena 59cv, che sono abbastanza per la città, ma pochi per le extraurbane. Nei tragitti cittadini si apprezza per lo spunto in seconda e in terza (la prima è un po' troppo corta). Non serve esagerare con l'acceleratore, dato che il 90% delle prestazioni si hanno con appena metà pedale. In poche parole, accelerando a fondo si ottiene solo più rumore e poca emozione in più. In curva invece bisogna andarci cauti, non tanto perché la tenuta di strada sia pessima, ma perché le gomme piccole (appena di 13") e l'altezza dell'auto, nonché la taratura morbida delle sospensioni, accentuano il rollio, abbastanza fastidioso per chi guida, ma soprattutto per i passeggeri. La frizione non è particolarmente pesante ma ha una corsa irregolare (si alleggerisce parecchio in rilascio): basta un po' di pratica per abituarsi. Il pedale del freno ha una buona consistenza, ma l'impianto (due dischi ventilati e due tamburi) soffre in discesa e allunga parecchio la corsa. Inoltre quando fa molto freddo i dischi dei freni ci mettono un po' ad entrare in temperatura e fischiano insistentemente. Lo sterzo è tutto sommato preciso nell'uso cittadino. Si alleggerisce in velocità, scoraggiando, quindi, l'uso allegro. Il cambio è molto preciso: sarebbe perfetto in scalata dalla terza alla seconda o nell'inserimento della retromarcia fosse meno contrastato.
La comprerei o ricomprerei?
Di sicuro non la ricomprerei dato che non è molto divertente da guidare e per la linea datata. Si è però rivelata un'auto valida (con i suoi nei, per carità) e degna auto per un uso cittadino. La consiglio a chi ha bisogno di un'auto piccola, affidabile e a chi non dà peso al marchio e alla moda.
Hyundai Atos Prime 1.0 GLS
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
1
1
2
0
VOTO MEDIO
2,8
2.75
4
Aggiungi un commento
Ritratto di niko91
29 maggio 2012 - 18:46
un buon inizio. la prova è scritta bene, è scorrevole. è un po' scarna ma da quello che ho capito non è un'auto che ti piace molto quindi non si può ricavare una recensione vivace.
Ritratto di gio.G
29 maggio 2012 - 19:20
20
...che i freni davanti della Atos 2 siano ventilati....
Ritratto di osmica
29 maggio 2012 - 19:28
La Huyndai, seppur offriva delle vettura non ottime nei crashtest, offriva anche una buona dotazione per la sicurezza. La precedente Accent offriva gia l'ESP. E la Atos 2 offriva i dischi autoventilati. Al posteriore i tamburi.
Ritratto di Emy83
30 maggio 2012 - 15:59
1
L'auto ha ottenuto solo 3 stelle nei crash test del 2000 ma per l'epoca era tra le citycar più sicure.
Ritratto di checco93
29 maggio 2012 - 19:31
ho controllato sul libretto e c'è scritto che sono ventilati
Ritratto di Emy83
30 maggio 2012 - 15:57
1
Ciao, io ho già percorso 250mila km con la atos (basta vedere la mia prova) e posso confermare che ha i DISCHI VENTILATI. Non critico la prova dell'utente, le sue impressioni vanno rispettate ma è giusto che le informazioni siano corrette.
Ritratto di gio.G
30 maggio 2012 - 17:38
20
...io non ci sto capendo piu niente! Non voglio criticare nessuno perchè so che tutte le case su quasi tutte le macchine dicono che davanti montano i dischi autoventilati che sono questi:http://www.google.it/imgres?q=dischi+freno&hl=it&gbv=2&biw=1920&bih=893&tbm=isch&tbnid=PdpycEMuM1w-2M:&imgrefurl=http://nuke.frencar.com/ProdottieLavorazioni/RigenerazioneTamburiDischieGanasce/tabid/62/Default.aspx&docid=gYxEMm3cpIMN4M&imgurl=http://nuke.frencar.com/Portals/0/Foto/Freni/dischi%252520freno.jpg&w=723&h=491&ei=ZD7GT9SeOqyQ4gSjroXSBQ&zoom=1&iact=hc&vpx=585&vpy=174&dur=1520&hovh=185&hovw=273&tx=112&ty=84&sig=105580996269362663188&page=1&tbnh=106&tbnw=143&start=0&ndsp=54&ved=1t:429,r:3,s:0,i:88 . Ma io quando mi fermo a guardare vedo questi: http://www.google.it/imgres?q=dischi+freno&hl=it&gbv=2&biw=1920&bih=893&tbm=isch&tbnid=nSYxSRMsozMdcM:&imgrefurl=http://www.mtsspa.net/it/prodotti/dischi-freno.aspx&docid=qeGQ9yxd2u3OpM&imgurl=http://www.mtsspa.net/Upload/Prodotti/dischi/DISCO.jpg&w=374&h=230&ei=ZD7GT9SeOqyQ4gSjroXSBQ&zoom=1&iact=hc&vpx=425&vpy=178&dur=890&hovh=176&hovw=286&tx=146&ty=88&sig=105580996269362663188&page=1&tbnh=87&tbnw=141&start=0&ndsp=54&ved=1t:429,r:2,s:0,i:86.
Ritratto di checco93
29 maggio 2012 - 20:05
effettivamente non è proprio il mio genere di auto...questo passa il convento
Ritratto di atalanta
29 maggio 2012 - 20:49
è la sua erede bella anche questa ma io preferisco l'i10
Ritratto di gig
30 maggio 2012 - 07:38
Bella prova, buona anche l' auto. Chissà quante volte ci saremo incrociati tu con l' Atos e io con la i10: anche io sono della provincia di Latina! Ciao... :)
Pagine
listino
Le Hyundai
  • Hyundai ix20
    Hyundai ix20
    da € 16.750 a € 19.950
  • Hyundai i40 Wagon
    Hyundai i40 Wagon
    da € 27.600 a € 38.900
  • Hyundai Kona
    Hyundai Kona
    da € 18.800 a € 45.400
  • Hyundai Tucson
    Hyundai Tucson
    da € 22.650 a € 40.400
  • Hyundai i20
    Hyundai i20
    da € 14.900 a € 20.450

LE HYUNDAI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE HYUNDAI

  • La versione N Line della i30 Fastback ha un look più grintoso sia all'interno che all'esterno e tarature specifiche per telaio e sospensioni. Qui per saperne di più.

  • Questa show car monta 70.000 euro di pezzi in carbonio e nasce per promuovere il programma di personalizzazioni N Option per le versioni più spotive della Hyundai.

  • Sportività ma anche basso impatto ambientale nei prodotti della Hyundai al Salone di Parigi: ne parliamo con il direttore generale di Hyundai Motor Company Italy.