PRIMO CONTATTO

Alfa Romeo Giulietta: con questo cambio, il “gusto” ci guadagna

La nuova trasmissione a doppia frizione TCT dell’Alfa Romeo Giulietta è rapida e, a richiesta, fa cambiare anche tenendo le mani sul volante: ci si sente dei piloti. È già in vendita, abbinata al 1.4 turbo a benzina o al 2.0 turbodiesel.

23 gennaio 2012
  • Prezzo (al momento del test)

    € 26.470
  • Consumo medio

    19,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    121 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Alfa Romeo Giulietta
Alfa Romeo Giulietta 1.4 Turbo MultiAir Distinctive TCT
Diversa solo dentro

Da fuori, la nuova Alfa Romeo Giulietta con cambio TCT non si distingue dalle altre: la linea è quella dinamica ed elegante di sempre, e non sono previste scritte particolari né altri segni di riconoscimento. Quando si sale a bordo, invece, l’occhio cade subito sulle due piccole palette dietro il volante, che fanno sentire subito dei piloti (ma costano 150 euro). Sono quelle del nuovo cambio a doppia frizione (infatti, la sigla TCT sta per Twin Clucth Transmission) che consente di inserire le marce anche manualmente, oltre che in modalità automatica, e senza staccare le mani o distogliere lo sguardo dalla strada.

Il suo segreto

Come gli altri cambi a doppia frizione (tipo il DSG della Volkswagen o il PDK della Porsche), il TCT dell’Alfa Romeo (lo monta anche la MiTo) sfrutta due gruppi di ingranaggi: uno per le marce pari, l’altro per quelle dispari e per la “retro”. Sono abbinati ad altrettante frizioni: quando una marcia è inserita (con la frizione corrispondente chiusa), il rapporto successivo è già “pronto”, in attesa di essere inserito (in automatico o quando il “pilota” lo richiede) chiudendo la seconda frizione dopo aver aperto la prima. Una curiosità: nelle manovre di parcheggio, per ridurre i tempi nel passaggio tra marcia avanti e retromarcia, il cambio TCT usa la seconda marcia, anziché la prima (quest’ultima è sulla stessa frizione della “retro” e richiederebbe più tempo per essere inserita). Il guidatore, comunque, non si accorge di nulla. Nel caso della Giulietta (come pure della MiTo), le due frizioni sono “a secco”, mentre quasi tutti gli altri costruttori, utilizzano soluzioni in bagno d’olio (fanno eccezione l’EDC della Renault e alcune versioni del DSG per motori che non hanno alte coppie da trasmettere) per disperdere meglio il calore che si genera nelle cambiate. Il vantaggio della soluzione “a secco”? Non avendo dell’olio di raffreddamento da mandare in circolo, il cambio Alfa Romeo TCT non ha i consumi della relativa pompa. Quindi, alla fine fa risparmiare pure dal benzinaio rispetto alle altre soluzioni.

Promette bassi consumi

Non male, infatti, le percorrenze dichiarate per la Giulietta, che sia per la 1.4 Turbo MultiAir TCT da 170 CV sia per la 2.0 JTDm TCT di pari potenza sono migliori delle corrispondenti versioni con cambio manuale: rispettivamente, le medie “ufficiali” sono di 19,2 km/litro (anziché 17,2) per la Giulietta TCT a benzina e di 22,2 km/litro (contro 21,3 km/litro) per la turbodiesel. Ovviamente si tratta di dati ottenuti nel ciclo di omologazione, che di sicuro si discostano da quelli nell’utilizzo reale su strada, più gravoso rispetto a un test sul banco a rulli. Di quanto sarà la differenza? Lo scopriremo presto con un test sulla rivista; nel frattempo, godiamoci la nostra prima guida.

Lo sprint non le manca

Nel nostro primo test ci siamo concentrati sulla Giulietta TCT con motore 1.4 Turbo MultiAir, la meno costosa tra le due (le impressioni della 2.0 JTDm le trovate su alVolante in edicola a partire dal 10 febbraio). Avviando il motore, la cui “voce” al minimo si avverte a fatica, il cambio è in posizione parking come con i “tradizionali” automatici (finché non si mette in “P”, infatti, non è possibile togliere le chiavi dal quadro, e in “D” l’avviamento è inibito). Piede sul freno (quello della frizione non c’è, trattandosi di un cambio a gestione automatica), e si può innestare la marcia. All’inizio lasciamo fare tutto al TCT, astenendoci – a fatica – dall’utilizzare le palette dietro il volante. I passaggi di marcia sono rapidi ma confortevoli. Portiamo la levetta del Dna in posizione “dynamic”, la più adatta alla guida sportiva. Accelerando a fondo, però, notiamo che le marce vengono “tirate” anche più del dovuto: il passaggio da un rapporto all’altro avviene nella zona alta del contagiri, a “quota” 6300 giri, quando il motore ha perso un po’ del suo slancio (la potenza massima dichiarata è a 5500 giri). La sensazione, quindi, è che per ottenere i 7,7 secondi dichiarati dall’Alfa Romeo per lo scatto da 0 a 100 km/h sia necessario passare alla modalità manuale (quando viene istintivo cambiare appena la spinta cala, cioè subito dopo i “fatidici” 5500 giri). Infatti, cambiando dal volante (o con la leva), ma in manuale, le cose migliorano. E il divertimento è garantito, anche se le cambiate sono un po’ più rapide nel salire di rapporto che in scalata (ma è così anche per le concorrenti).

Si sposa bene con il resto

Nel complesso, l’abbinamento motore-cambio ci è parso azzeccato. Certo, le sensazioni sono da confermare con un test strumentale (in cui verificheremo anche la velocità massima dichiarata di 218 km/h), che intendiamo proporvi presto; comunque, la Giulietta 1.4 Turbo MultiAir TCT ha tutte le carte in regola per divertire. Lo ha dimostrato sul circuito di prova di Balocco (quello che usa il gruppo Fiat per sviluppare le sue vetture, e in cui anche noi di alVolante eseguiamo tutte le prove strumentali): con il motore sempre in presa (la caratteristica dei cambi a doppia frizione è proprio quella di non avere buchi di cambiata) la trazione migliora, in rettilineo come nell’affrontare le curve. Riuscita anche l’accoppiata con il Dna (dispositivo che, a sua volta, aiuta a sentirsi dei “baby-piloti”, variando la risposta di motore, freni ef Esp): nella modalità “dynamic” le cambiate hanno luogo a regimi più alti, mentre in "natural" (ora l'Alfa Romeo chiama così la modalità associata alla "n" per sottolinearne l'attitudine alla riduzione dei consumi e al rispetto dell'ambiente) vengono privilegiati comfort e consumi, anticipando i passaggi di marcia. Ancora meno sportiva la funzione “allweather”, destinata all’uso su fondi scivolosi. Peccato che quando si lascia fare tutto all’elettronica non si sappia che marcia è inserita: al centro del cruscotto compare soltanto una D, senza alcun numero che indichi il rapporto. Nella modalità manuale, o appena si toccano le palette dietro al volante, invece, la marcia viene chiaramente indicata.

Non costa uno sproposito, ma…

Alla fine del test usciamo convinti che questo cambio si sposi bene alle altre caratteristiche di dinamicità della Giulietta: aggiunge un’ulteriore dose di divertimento a una cifra ragionevole, 1.700 euro. Non molto a confronto dei 1.900 euro del DSG delle VW Golf GTD e GTI, ma tanto rispetto ai 1.250 euro dell’EDC della Renault Mégane, che, però, lo può avere solo per il motore 1.5 dCi da 110 CV. Peccato che le palette al volante del cambio Alfa Romeo TCT non siano di serie (ma del resto, anche le rivali, quando le possono avere, le fanno pagare, e più care), e soprattutto che il nuovo cambio TCT sia previsto solo per le versioni più potenti e costose. Non sarebbe stato male averlo anche per quelle più accessibili. Le vendite nelle concessionarie sono già partite (leggi qui la news del Porte Aperte).

Secondo noi

PREGI
> Cambiate. Si passa al rapporto successivo con rapidità e senza “buchi”: sportività e comfort vanno a braccetto.
> Divertimento. Soprattutto decidendo di cambiare con le palette dietro il volante, ci si sente dei piloti.

DIFETTI
> Gamma. All’Alfa Romeo puntano alto, proponendo questo cambio soltanto per le versioni da 170 cavalli. Perché non renderlo più “democratico”, estendendolo ai motori meno costosi?
> Sprint in automatico. In modalità automatica, la gestione elettronica alza un po’ troppo il regime di rotazione a cui avviene la cambiata, anche quando il motore potrebbe dare di più passando al rapporto successivo.

> I prezzi aggiornati della Giulietta

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1.368
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 125 (170)/5500
Coppia max Nm/giri 250/2500
Emissione di CO2 grammi/km 121
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (manuale) + retromarcia
Trazione Anteriore
Freni anteriori  
Freni posteriori  
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 435/180/146
Passo cm 263
Peso in ordine di marcia kg 1310
Capacità bagagliaio litri 350/1045
Pneumatici (di serie) 205/55 R 16
 
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
1.4 Turbo 20.270 benzina 1.368 120/88 195 9,5 15,6 149 -
1.4 Turbo Progression 21.030 benzina 1.368 120/88 195 9,5 15,6 149 -
1.4 Turbo Distinctive 22.770 benzina 1.368 120/88 195 9,5 15,6 149 -
1.4 Turbo MultiAir Progression 23.050 benzina 1.368 170/125 218 7,8 17,2 134 -
1.4 Turbo MultiAir Progression TCT 24.760 benzina 1.368 170/125 218 7,7 19,2 121 -
1.4 Turbo MultiAir Distinctive 24.770 benzina 1.368 170/125 218 7,8 17,2 134 -
1.4 Turbo MultiAir Exclusive 26.220 benzina 1.368 170/125 218 7,8 17,2 134 -
1.4 Turbo MultiAir Distinctive TCT 26.470 benzina 1.368 170/125 218 7,7 19,2 121 -
1.4 Turbo MultiAir Exclusive TCT 27.920 benzina 1.368 170/125 218 7,7 19,2 121 -
1750 TBi Quadrifoglio Verde 29.800 benzina 1.742 235/173 242 6,8 13,2 177 -
1.6 JTDm 21.990 gasolio 1.598 105/77 185 11,3 22,7 114 -
1.6 JTDm Progression 23.050 gasolio 1.598 105/77 185 11,3 22,7 114 -
1.6 JTDm Distinctive 24.460 gasolio 1.598 105/77 185 11,3 22,7 114 -
1.6 JTDm Exclusive 25.870 gasolio 1.598 105/77 185 11,3 22,7 114 -
2.0 JTDm 140 cv Progression 24.760 gasolio 1.956 140/103 205 9,0 22,2 119 -
2.0 JTDm 140 cv Distinctive 26.170 gasolio 1.956 140/103 205 9,0 22,2 119 -
2.0 JTDm 140 cv Exclusive 27.580 gasolio 1.956 140/103 205 9,0 22,2 119 -
2.0 JTDm Progression 26.470 gasolio 1.956 170/125 218 8,0 21,3 124 -
2.0 JTDm Distinctive 27.880 gasolio 1.956 170/125 218 8,0 21,3 124 -
2.0 JTDm Progression TCT 28.180 gasolio 1.956 170/125 218 7,9 22,2 119 -
2.0 JTDm Exclusive 29.290 gasolio 1.956 170/125 218 8,0 21,3 124 -
2.0 JTDm Distinctive TCT 29.590 gasolio 1.956 170/125 218 7,9 22,2 119 -
2.0 JTDm Exclusive TCT 31.000 gasolio 1.956 170/125 218 7,9 22,2 119 -
VIDEO
Alfa Romeo Giulietta
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
479
234
135
60
118
VOTO MEDIO
3,9
3.873295
1026
Aggiungi un commento
Ritratto di Semirjan
23 gennaio 2012 - 16:57
1
Sicuramente sarà molto più divertente ed eccitante guidarla in sequenziale, ma le leve del cambio sono troppo piccole e "nascoste". Peccato che questo cambio sia usato solamente nell'allestimento con 170cv..., secondo me se veniva usato anche sugli altri motori avrà più successo! Comunque belle le cuciture rosse!!
Ritratto di Roby Pozzato
24 gennaio 2012 - 17:26
"nascoste" solo se hai le mai piccole, altrimenti sono sufficientemente maneggevoli. Sono d'accordo sull'abbinamento alle motorizzazioni, probabilmente è una questione di marketing. Sono convinto che nei prossimi anni ne vedremo delle belle, sui robotizzati doppia frizione. :-)
Ritratto di Semirjan
24 gennaio 2012 - 17:47
1
Le "levette" del cambio al volante sono piccole e poco visibili anche se hai le mani grandi, stai tranquillo! ;)
Ritratto di Roby Pozzato
24 gennaio 2012 - 18:05
Lo dico perché le ho provate, mica per altro. :-) Non serve vederle, né che siano grandi: serve sapere dove sono, e arrivarci col dito medio. Ti farò sapere come si troverà mia moglie, che ha le mani più piccole delle mie, ma ci vorrà ancora un po'...
Ritratto di Semirjan
25 gennaio 2012 - 13:59
1
Anche io le ho viste dal "vivo", ma ti assicuro che sono un po' piccole...!
Ritratto di Semirjan
25 gennaio 2012 - 13:59
1
Anche io le ho viste dal "vivo", ma ti assicuro che sono un po' piccole...!
Ritratto di jb007
23 gennaio 2012 - 16:59
ma faranno 1 altra ennesima prova della giulietta???????nn se ne può +!!!!!!!
Ritratto di delta96
24 gennaio 2012 - 15:52
giusto... non vogliamo mica la 6° prova. Ci sono molte auto che non avete nemmeno fatto un "primo contatto"... La Giulietta sappiamo tutti come è fatta, è uscita a maggio 2010 e ogni giorno se ne vedono molte sulle nostre strade.
Ritratto di fx88
23 gennaio 2012 - 16:59
come avete giustamente detto,andrebbe reso disponibile anche per motori più piccoli..perchè deve essere un esclusiva dei 170 cv ?
Ritratto di carlo1967
23 gennaio 2012 - 17:21
Notiamo che le marce vengono “tirate” anche più del dovuto: il passaggio da un rapporto all’altro avviene nella zona alta del contagiri, a “quota” 6300 giri, quando il motore ha perso un po’ del suo slancio (la potenza massima dichiarata è a 5500 giri). La sensazione, quindi, è che per ottenere i 7,7 secondi dichiarati dall’Alfa Romeo per lo scatto da 0 a 100 km/h sia necessario passare alla modalità manuale.... Quindi nonostante lo " Studio di un anno intero " Si afferma che in manualità va meglio!!! E poi si vuole fare concorrenza al DSG di VW. Auguri.
Pagine