PRIMO CONTATTO

Dacia Duster: il motore è “giusto”, il cambio meno...

Col nuovo 1.0 turbo a tre cilindri da 101 CV la (spaziosa) Dacia Duster spinge quanto serve e non “urla” troppo. Ma gli innesti del cambio sono contrastati. Basso il prezzo, ma manca la frenata automatica, e non solo.
Pubblicato 27 novembre 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 16.300
  • Consumo medio (dichiarato)

    18,2 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    125 grammi/km
  • Euro

    Euro 6d-TEMP
Dacia Duster
Dacia Duster 1.0 TCe 100 CV Prestige 4X2
Piccolo e turbo

Per la compatta (ma spaziosa) suv romena, la novità è il tre cilindri 1.0 turbo a benzina da 101 CV, che sostituisce il 1.6 da 114 CV (non sovralimentato, ha un pistone in più e rimane, per ora, solo in versione a Gpl). A differenza di tutti i motori “mille” della concorrenza, quello della Dacia Duster è a iniezione indiretta, anziché diretta: è più economico da produrre e non produce particolato, rendendo superfluo l’uso del filtro allo scarico. È disponibile con tutti gli allestimenti ed è abbinato al cambio manuale a cinque marce e alla trazione anteriore. Nella primavera 2020 è previsto anche l’arrivo della sua variante a Gpl: userà un impianto della specialista Landi Renzo che verrà montato direttamente in fabbrica.

E gli aiuti alla guida?

Il prezzo è uno dei punti di forza della Dacia Duster, che convince anche per le forme “decise” e moderne.  La Access parte da appena 12.200 euro, ma è davvero spartana: mancano persino la radio e il computer di bordo (presenti dalla Essential, 13.600 euro). La più “centrata” è la Comfort (€ 15.300), che ha il climatizzatore manuale, il sistema multimediale con navigatore (con mappe italiane: quelle europee costano 198 euro), Android Auto e Apple CarPlay e i sensori di parcheggio posteriori. La Prestige (€ 16.300) aggiunge “clima” automatico, rivestimenti migliori,  retrocamera, monitoraggio dell’angolo cieco e altro. La Techroad (17.100) è una Prestige con un diverso pacchetto estetico, la chiave elettronica e poco di più. Nessuna, però, può avere altri moderni aiuti alla guida, come la frenata automatica d’emergenza, il mantenimento di corsia e il cruise control adattativo.

Economica, non povera

Gli interni degli Dacia Duster si confermano discreti: la plancia ha forme personali, quasi “importanti”. Tutto è in plastica rigida, ma l’insieme è realizzato con una certa cura. E non mancano dettagli gradevoli come le rotelle del “clima” (solo monozona).  Il sistema multimediale è montato un po’ in basso, ma è piuttosto rapido e non mancano Android Auto e Apple CarPlay. Una sola, però, la presa Usb (peraltro in posizione scomoda, sulla parte alta della cornice dello schermo): se è occupata, l’unico modo per ricaricare un telefono o un tablet è sfruttare la presa a 12 volt alla base della consolle. Tanto lo spazio a bordo, sia per le persone che per i bagagli: l’ampio portellone dà accesso a un vano ampio e di forma regolare.

Cambiate il cambio!

Il tre cilindri della Dacia Duster non è sottodimensionato: ha poca grinta prima dei 2000 giri, ma poi spinge con una certa vivacità. A freddo fa notare delle vibrazioni ai bassi regimi e la sua “voce” si fa sentire ma, una volta entrato in temperatura, entrambi si attenuano. Adeguata la rapportatura del cambio manuale a cinque marce (a 130 km/h il “mille” lavora a 3400 giri senza farsi sentire). Tuttavia nell’auto provata gli innesti erano parecchio contrastati: forse colpa anche del fatto che aveva fatto poche centinaia di chilometri. E, come sulle altre Dacia, anche nella Duster non è prevista l’alternativa automatica. Invariati, ovviamente, gli altri pregi e difetti: già prima dei 100 km/h il rumore di rotolamento è ben avvertibile mentre lo sterzo è leggero e sufficientemente preciso. Discreti, almeno stando al computer di bordo, i consumi: dopo un centinaio di chilometri di autostrada e saliscendi in collina, riportava una media di 14 km/l.

Secondo noi

PREGI
> Bagagliaio. È ampio e la sua forma squadrata aiuta a stivare al meglio gli oggetti.
> Motore. Non è sottodimensionato e, quando è caldo, non vibra né si fa sentire.
> Prezzo. Anche la versione più costosa non si paga molto. E le finiture sono decorose.
> Spazio. Il soffitto è alto e non mancano i centimetri per gambe e spalle.

DIFETTI
> Manovrabilità del cambio. Come su altre Duster con cambio manuale, gli innesti risultano più contrastati della media...
> Prese Usb. Ce n’è una sola, e in posizione scomoda: mancando la ricarica wireless, ne servirebbe almeno una un più .
> Rumore delle gomme. Specie in autostrada il rumore di rotolamento dei pneumatici si nota parecchio.
> Sistemi di sicurezza. La frenata automatica, il mantenimento di corsia e il cruise control adattativo non si possono avere neppure pagando.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 999
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 74 (101)/5000 giri
Coppia max Nm/giri 160/2750
Emissione di CO2 grammi/km 125
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 168
Accelerazione 0-100 km/h (s) 12,5
Consumo medio (km/l) 18,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 434/180/169
Passo cm 268
Peso in ordine di marcia kg 1191
Capacità bagagliaio litri 445/1478
Pneumatici (di serie) 205/65 R17
Dacia Duster
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
80
58
46
31
41
VOTO MEDIO
3,4
3.410155
256
Aggiungi un commento
Ritratto di otttoz
27 novembre 2019 - 19:39
manca la frenata d’emergenza,costo industriale pochi spicci che casa madre renault già impiega da anni...e mettetegliela,serve a salvare vite!
Ritratto di Paolo-Brugherio
28 novembre 2019 - 11:38
6
Con un minimo di accortezza nella guida, in 50 anni di patente non ho mai tamponato o investito pedoni: senza la frenata automatica d'emergenza! E - guarda un po'! - sono sopravvissuto senza cruise control e il mantenimento di corsia... sarà perchè io sono vecchio oppure perchè i giovani non sanno guidare?
Ritratto di Andre_a
28 novembre 2019 - 13:21
neanch'io ho mai causato incidenti, l'abilitá alla guida c'entra di sicuro, ma altrettanto la fortuna. Il pedone che si butta in strada purtroppo esiste, e ormai un computer ha riflessi di gran lunga migliori rispetto a un settantenne. Io penso che ognuno deve essere libero di fare quello che vuole con la sua vita, sono quindi contrario all'obbligo di ogni sistema di sicurezza passivo (cintura di sicurezza compresa), ma con la siurezza attiva si salvano le vite altrui, quella non é mai troppa.
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
28 novembre 2019 - 17:43
Quoto in pieno. Patente dal 1979 e mai incidenti (ovviamente 1 classe r.c.) in una cittá con traffico imprevedibile come Napoli . Imparato a guidare su NSU Prinz 4, con sospensioni così cedevoli che si rischiava di uscire di strada anche a 60 sterzando all'improvviso (non scherzo) Molti ragazzi di oggi con auto come queste difficilmente arriverebbero alla metà.
Ritratto di Paolo-Brugherio
28 novembre 2019 - 19:02
6
Mitica la NSU Prinz: ai suoi tempi era una bella auto! Io la patente l'ho fatta nel '69 ed ho imparato a guidare sulla Fiat 500: niente marce sincronizzate (tranne la 1a), niente servofreno, niente servosterzo, niente ventilazione interna (bastavano i deflettori), i freni erano tutti a tamburo... altro che cruise control e frenata automatica d'emergenza!
Ritratto di Cruiser956
28 novembre 2019 - 19:29
1
Propenderei per la seconda [ bèh, non tutti però, su via ! :)) ]
Ritratto di Yokohama
28 novembre 2019 - 14:38
perché secondo te la frenata automatica funzionerebbe su una dacia? Naturalmente questo IMHO e con rispetto parlando. Un saluto il Yokohama
Ritratto di Cruiser956
28 novembre 2019 - 19:30
1
Per curiosità: perchè su una Dacia non dovrebbe funzionare ??
Ritratto di Cruiser956
28 novembre 2019 - 19:27
1
Giusto !!! Concordo in pieno !
Ritratto di Gili Preda
27 novembre 2019 - 20:06
2
130km/h a 3400 giri ! ... a pare il rumore, quanto consuma ! - motori sempre più piccoli ma pieni di "pony" ! un pò come sdoganare l'auto a obsolescenza programmata !
Pagine