PRIMO CONTATTO

Ford Focus: il divertimento è servito

La più cattiva delle Ford Focus mette sul piatto 280 cavalli, per una guida emozionante. Anche il comfort è apprezzabile. Non da record, però, la capacità del baule.

Pubblicato 01 luglio 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 37.850
  • Consumo medio

    12,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    179 grammi/km
  • Euro

    Euro 6d TEMP
Ford Focus
Ford Focus ST 2.3 Ecoboost 280 CV
Tre versioni

Partiamo dai dati: il 2.3 turbo a benzina eroga 280 cavalli e 420 Nm di coppia massima disponibili da 3000 giri, che si scaricano sulle ruote anteriori di 19” (di serie) con l’aiuto di un differenziale autobloccante meccanico a controllo elettronico (anch’esso di serie). Per lo “0-100”, secondo la casa, bastano 5,7 secondi mentre la velocità massima è di 250 km/h. Quanto basta a questa versione della Ford Focus per meritarsi la sigla ST (Sport Technologies), che contraddistingue i modelli più sportivi della Ford (dopo quelli fregiati con il logo RS, ma per la Focus se ne parlerà fra almeno un paio d’anni). Con questo motore abbinato al cambio manuale a sei rapporti la Ford Focus ST del test costa € 37.850.

Un prezzo ragionevole considerando la ricca dotazione di serie, che include: l’avviso d’involontario cambio di corsia; fari full led; frenata automatica d’emergenza (in grado di rilevare anche pedoni e ciclisti); sedili avvolgenti in pelle, a regolazione elettrica e riscaldabili; sistema multimediale con schermo di 8”, navigatore, Android Auto e Apple CarPlay e ammortizzatori a controllo elettronico. Per € 2.500 in più, c’è il cambio automatico a 7 marce, che porta in dote alcuni aiuti alla guida (non disponibili con il “manuale”), come l’avviso anti-colpo di sonno, la funzione Stop&Go del cruise control adattativo, il centraggio automatico in corsia (un’evoluzione del mantenimento di corsia) e la riproduzione nel cruscotto di alcuni segnali stradali. In alternativa, la ST è disponibile anche a gasolio (€ 38.850), con il 2.0 da 190 CV e soltanto con il cambio manuale a 6 marce (ma senza il differenziale autobloccante). In ogni caso, in Italia sono importate unicamente le Ford Focus ST a cinque porte e non le wagon.

Pochi ritocchi dentro e fuori

Le forme spigolose della ST restano quelle delle altre Ford Focus: a distinguerla sono dettagli come i “baffi” grigi sotto la mascherina, lo spoiler più pronunciato in cima al portellone e lo specifico diffusore inserito nel paraurti posteriore, da cui sbucano i due tubi di scarico (uno sul lato destro, l’altro a sinistra). Nell’abitacolo spiccano i sedili avvolgenti (dello specialista Recaro): fascianti quanto basta e davvero confortevoli, rendono ancora più sportiva la posizione di guida bassa e distesa. Per il resto, l’interno si fa ancora una volta apprezzare per la buona disponibilità di spazio, ma alcuni assemblaggi e dettagli di finitura (per esempio, i pannelli delle porte hanno un aspetto un po’ povero) restano migliorabili. Altrettanto si può dire per la non eccezionale capacità del baule: 341 litri (1320 a divano ripiegato). 

È tutta da guidare

Il circuito di collaudo della Ford in quel Lommel, in Belgio, è il luogo dove si è svolto il test. Vari tipi di tracciato ci hanno permesso di mettere in luce alcune caratteristiche della Ford Focus 2.3 EcoBoost ST, anche quelle che non ti aspetti da un sportiva: per esempio il comfort. Inserita, con i tasti nella razza destra del volante, la modalità Normal delle quattro previste (le altre sono Wet, per i fondi scivolosi, oltre alle grintose Sport e Track), il motore risponde con fluidità mentre le sospensioni a controllo elettronico (di serie) sono risultate efficaci nel filtrare pavé e sconnessioni dell’asfalto riprodotti in un tratto del circuito. La zona del “misto stretto” con continui saliscendi e affrontata in Sport (in Track vengono quasi del tutto esclusi aiuti elettronici, come l’Esp) ha messo a dura prova l’agilità della Ford Focus. L’avantreno è pronto negli inserimenti e il retrotreno ben piantato a terra infonde sicurezza. Il differenziale meccanico lavora egregiamente evitando, nella maggior parte dei casi, reazioni allo sterzo e slittamenti dei pneumatici nelle decise accelerazioni in uscita dalle curve strette. Lo sterzo è preciso, non eccessivamente diretto, ma l’avremmo preferito leggermente meno pesante.

Valido il cambio della Ford Focus ST: la leva ha un’escursione breve, con inserimenti ben guidati e “secchi”. Inoltre, nelle scalate esegue da solo la “doppietta”, sottolineata da scoppiettii allo scarico (il quattro cilindri emette un rombo pieno, amplificato efficacemente dall’impianto audio dell’auto). Nell’anello ad alta velocità percorso ancora una volta in Sport, la Ford Focus “distende” in modo deciso, ma con progressione, tutti i suoi 280 cavalli, oltrepassando in un attimo i 200 km/h ed evidenziando una rassicurante stabilità, anche nelle “staccate” ad andatura sostenuta. In tale frangente abbiamo apprezzato la risposta del pedale del freno e la resa dell’impianto con dischi di 33 cm di diametro all’avantreno (30 dietro), morsi da pinze a doppio pompante. E, per gli incontentabili, c’è la modalità launch control (inseribile con i tasti nel volante) per partenze fulminee.

Secondo noi

Pregi
> Cambio. Questo “manuale” è preciso e con una corsa breve.
> Guida. È appagante.
> Sedili. Avvolgono bene il corpo e sono confortevoli.

Difetti
> Baule. Nella categoria, ce ne sono di più capienti
> Finiture. Alcuni dettagli lasciano a desiderare.
> Aiuti alla guida. Con il cambio manuale non sono disponibili alcuni dispositivi

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 2261
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 206 (280)/5500 giri
Coppia max Nm/giri 420/3000-4000
Emissione di CO2 grammi/km 179
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 250
Accelerazione 0-100 km/h (s) 5,7
Consumo medio (km/l) 12,7
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 440/184/147
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1433
Capacità bagagliaio litri 341/1320
Pneumatici (di serie) 235/35 R19
VIDEO
Ford Focus
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
68
86
39
15
29
VOTO MEDIO
3,6
3.62869
237
Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
1 luglio 2019 - 12:23
2
Come dico di consueto in questi casi, se a ottime doti dinamiche corrisponde anche un'adeguato comfort di guida l'auto è "messa giù" oggettivamente bene, con una gran progettazione dietro. Modello di range medio-elevato tra i vertici della categoria.
Ritratto di Demon_v8
1 luglio 2019 - 16:43
Quest'auto è una bomba!! e quando uscirà la RS sarà puro spettacolo
Ritratto di tramsi
1 luglio 2019 - 19:58
Costa quanto la Type R, più spaziosa, più performante e con un comparto motore-cambio migliore. Per non parlare dell'estetica della Focus, che si confonde con quella di una coreana qualsiasi.
Ritratto di Fr4ncesco
1 luglio 2019 - 20:11
2
La Type R costa 3650 euro in più, è più lunga e più potente, va più veloce ma lo 0-100 uguale, si pone tra la ST (più performante) e la futura RS (meno performante). L'estetica è soggettiva, la Civic (che apprezzo) è criticata per un design esasperato. Sono due ottime auto diverse.
Ritratto di ELAN
2 luglio 2019 - 17:12
1
Lo 0-100 è l'ultima cosa da guardare per giudicare la Civic: in pista i tempi parlano e dicono che non sia la più veloce TA solamente, ma anche tra le più veloci comprese TI e TP più potenti, con cambi robotizzati e più costose. Vediamo la futura RS ma anche la futura Type-R...
Ritratto di BANDIDO
8 ottobre 2019 - 08:23
Type-r si confronta con St, in pista intendo; nei confronti di quest'ultima la Honda mantiene un leggero vantaggio dato dalla maggior potenza, le qualità dinamiche sono sovrapponibili. La Focus RS, come si suole dire, fa un altro mestiere...
Ritratto di tramsi
2 luglio 2019 - 18:06
La Type R è concorrente della ST e il prezzo è molto vicino, anche alla luce del surplus prestazionale, dello scarico a 3 uscite, dei cerchi da 20" e dei sedili della Honda, molto racing; la Type R è ulteriormente personalizzabile in quella chiave con dettagli in carbonio. Quanto all'estetica, il limite della Focus è la mancanza di originalità, di (l'ho scritto altre volte a proposito di lei) un suo linguaggio stilistico, risultando un autentico patchwork di stilemi altrui, tanto da poter recare sul cofano un qualsiasi altro marchio (soprattutto coreano - Hyundai in particolare - come anche FIat) ed essere comunque credibile. Il design della Civic, alettoni a parte (che, comunque, hanno una precisa funzione) - peraltro non presenti nelle altre versioni - è INFINITAMENTE più originale.
Ritratto di Fr4ncesco
2 luglio 2019 - 18:46
2
La ST è paragonabile alla GTI della Golf, quindi in allestimento sportivo intermedio o "soft", la Type R invece è la versione più estrema della Civic che per la Focus è la RS o Golf R. Riguardo l'estetica la Focus riprende le linee dalla Fiesta, dunque della nuova Kuga e della futura Puma, non è originale ma è sinuosa e gradevole e più rassicurante della Civic, difatti almeno in un mercato mainstream come quello locale è maggiormente gradita al pubblico italiano (ed europeo).
Ritratto di tramsi
2 luglio 2019 - 20:34
Conosco il posizionamento della Honda come della Ford e sai che lo so. Invero, la Focus RS sarà più sofisticata, pesante e costosa della Type R, che fa della leggerezza (leggasi trazione anteriore e cambio esclusivamente manuale, come dichiarato dagli stessi progettisti) una delle sue carte vincenti. Anche il prezzo, ribadisco, è molto vicino a quello della ST e il margine giustificato. La Focus RS, oltretutto, si posizionerà sul medesimo gradino delle A3 RS, A 45 AMG e la futura variante più sportiva dalla 1er. Quanto alla linea e al gradimento in assoluto, la Civic è la III macchina più venduta al mondo. Il gradimento locale, invece, dipende anche dal marketing. Quanto a me: scelgo la Focus ST col motore a gasolio da 190 cv e cambio automatico; se si parla di benzina, Civic Type R, tout court.
Ritratto di emergency
3 luglio 2019 - 08:16
Preferisco la Fiesta RS peccato non sia in vendita in Italia.
Pagine