PRIMO CONTATTO

Renault Clio: col turbodiesel meno potente cala il brio, ma sale il risparmio

La nuova Renault Clio, cambiata nella linea e negli interni (oltre che nella dotazione di sicurezza), è proposta anche con un 1.5 a gasolio da 86 CV, per chi non ha pretese di sportività. Costa 800 euro in meno della versione da 116 CV.
Pubblicato 20 settembre 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 20.900
  • Consumo medio (dichiarato)

    27,8 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    95 grammi/km
  • Euro

    6d-Temp
Renault Clio
Renault Clio 1.5 Blue dCi 85 Intens
Rivoluzione non così evidente

In vendita da poche settimane, la nuova Renault Clio ha rivoluzionato il modello precedente in fatto di tecnologia (porta al debutto la piattaforma CMF-B, che sarà la base anche per modelli più grandi) e di finiture degli interni. Ma sul design non ha stravolto le forme che tanto erano piaciute. Semmai le ha evolute: i fari sono più grandi e full led, con particolari luci diurne a “C”, mentre il logo risalta di più sulla mascherina e il cofano motore è segnato da nette nervature. Sempre sfiziose le maniglie posteriori “nascoste”, che la fanno sembrare una tre porte (tuttavia l’accessibilità non è delle migliori). Dentro si ritrovano plastiche piacevoli al tatto (una bella differenza rispetto al passato) e una plancia davvero hi-tech. Abbiamo già avuto modo di provarla con il 1.0 a benzina da 101 cavalli (leggi qui il primo contatto), mentre su alVolante di settembre 2019 abbiamo verificato consumi e prestazioni della 1.5 a gasolio da 116 CV. Ora è venuto il momento di saggiare la versione meno potente dello stesso motore, quella da 86 CV… 

Si viaggia nel comfort, però...

Il quattro cilindri della Renault Clio spinge con fluidità ed è silenzioso. Ma non chiedetegli vivacità... La casa dichiara 14,7 secondi per lo “0-100” (5,6 secondi in più rispetto alla 1.5 dCi da 116 CV, che però costa 800 euro in più, e ha una tassa di possesso più alta di una cinquantina di euro l’anno). I consumi ci sono parsi in linea con quelli della versione più potente: dopo un centinaio di chilometri su un percorso misto che ci ha permesso di sfruttare le ultime marce (lunghe, soprattutto la sesta), abbiamo letto sul computer di bordo una media di 22 km/litro, a fronte di un dato di omologazione NEDC correlato di 27,8 km/litro. Ovviamente la verifica finale spetta ai nostri strumenti. Discreta la manovrabilità del cambio manuale, e non troppo pesante la frizione. Anche questo, insieme alla valida taratura delle sospensioni, aiuta a viaggiare rilassati. Le cose cambiano se si sta in tre sul divano, visto che lo spazio in larghezza non è elevato.

La tecnologia non manca

Nella Renault Clio Intens, la versione più ricca con questo motore, non mancano il climatizzatore automatico (che però non è bizona), il sistema d’accesso “senza chiave” e gli alzavetro elettrici posteriori. Già la “base” Zen (19.050 euro) offre il sistema multimediale con schermo di 7” completo di Android Auto ed Apple CarPlay: facile da usare, grazie alle icone in stile tablet. Mantiene quindi le promesse del norme: Easy Link. Pratici anche i i tasti “a pianoforte” per attivare alcuni dispositivi come telecamere a 360 gradi (400 euro). Apprezzabile, inoltre, il cruscotto digitale di 7 pollici. E a proposito di tecnologia, abbondano i sistemi di assistenza alla guida: la frenata automatica di emergenza (che individua anche pedoni e ciclisti) e il sistema di mantenimento in corsia, entrambi di serie per tutte le versioni. Strano, invece, che si paghino i cerchi in lega (200 euro per la Intens, 450 per la Zen). Guardando al baule, la capacità non è male: la casa dichiara 366 litri per le versioni a gasolio, 26 in più per quelle a benzina, che non hanno l’ingombro del serbatoio di urea per il trattamento degli ossidi di azoto. Tuttavia, la soglia di carico è alta 78 cm da terra: scomodo con le valigie pesanti.

Secondo noi

Pregi
> Comfort. Il motore spinge con fluidità senza alzare troppo la voce. Ok l’efficacia delle sospensioni.
> Finiture. Più curate, con plastiche piacevoli al tatto: un bel salto in avanti rispetto al passato.
> Sistemi di assistenza alla guida. Di serie, la frenata automatica d’emergenza e il mantenimento in corsia.

Difetti
> Accessibilità posteriore. Per accedere al divano bisogna piegare parecchio la testa. Poi, però, si viaggia comodi.
> Optional. Strano dover pagare i cerchi in lega anche per la versione più ricca.
> Soglia di carico alta. La battuta del portellone, distante da terra, fa fare più fatica con i bagagli pesanti.

SCHEDA TECNICA

Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1461
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 63 (86)/3750 giri
Coppia max Nm/giri 220/1750
Emissione di CO2 grammi/km 95
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 178
Accelerazione 0-100 km/h (s) 14,7
Consumo medio (km/l) 27,8
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 405/173/144
Passo cm 258
Peso in ordine di marcia kg 1202
Capacità bagagliaio litri 366/1069
Pneumatici (di serie) 195/55 R16
Renault Clio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
76
82
34
33
35
VOTO MEDIO
3,5
3.503845
260


Aggiungi un commento
Ritratto di FOXBLACK
20 settembre 2019 - 20:07
Quando devi fare un sorpasso è della serie. ..meglio lasciar perdere. .per poi cosa. .risparmiare 800 euri. ..il senso..?
Ritratto di Gordo88
21 settembre 2019 - 02:35
Infatti dal sottotitolo sembrava ci fosse una gran differenza di prezzo quando invece viste le differenti prestazioni ci sta tutta..
Ritratto di Agl75
21 settembre 2019 - 07:29
Il titolo è costruito in modo tale da far pensare ad una differenza sostanziale tra i prezzi del 86CV e del 116CV. Se gli 800€ non sono un errore, anche io mi chiedo perché dovrei risparmiare 800€ di listino ore sconti per portarmi a casa un polmone sfiatato.
Ritratto di littlesea
22 settembre 2019 - 07:51
1
Infatti...alla fine è un acquisto sensato solo se in casa ci sono (o saranno) neo patentati, e forse neanche...
Ritratto di Sepp0
24 settembre 2019 - 16:59
E' lo stesso senso che hanno i modelli base con sedili, ruote, cambio, volante e poco altro. Se devi spendere il meno possibile, 800 euro fanno la differenza.
Ritratto di Al Volant
22 settembre 2019 - 15:10
Il senso è che a meno che tu non capiti per sbaglio su di una griglia di partenza di un gran premio, diffiilmente farai un sorpasso con lo 0 100. La coppia è ben 220 che non è poco, in terza-quarta il sorpasso lo fai alla grande.. Conosco molto bene il motore renault. Quindi sì ha senso risparmiare 800 euro subito e bollo ed assicurazione.
Ritratto di Roomy79
24 settembre 2019 - 20:59
1
I motori sono identici cambia solo la mappatura e alcuni componenti come la turbina...in sintesi questo fa risparmiare prima e dopo, a livello di coppia e fluidità potrebbe essere persino meglio (sui dci non blue e cosi), è meno tirato e ha componenti che se si rompono costano meno. Prima di spararle provateli
Ritratto di remor
20 settembre 2019 - 20:30
E dopo la i20 di ieri un'altra utilitaria che passa i 20 mila euro a listino, in questo caso per 86cv. Non troppo tempo fa (un lustro) a nemmeno 22 mila euro ci si prendeva la Fiesta St 182cv, che fra l'altro comprendeva anche i cerchi in lega...
Ritratto di lucios
21 settembre 2019 - 00:16
4
Non farti prendere dal prezzo. Provano sempre le versioni più accessoriate. Ormai è un classico. Tra sconti e agevolazioni la versione base la porti a casa con una 15ina di migliaia di euro.
Ritratto di remor
21 settembre 2019 - 08:02
2 considerazioni. La ST sopra nominata presumo fosse in pratica una full optional (alla fine la ST la RS la ecc sono le versioni di punta dei rispettivi listini anche per allestimento, a volte con specifici e superiori sedili o finiture degli interni). Secondo, come nello stesso articolo evidenziato, la Clio in questione non ha comunque i cerchi in lega, quindi poi non tanto full... NB Ciò non per polemica, ma per evidenziare che """oramai""" coi vari adas e gli infotainment e i led non sarà difficile ritrovarsi (come in questo caso) un listino da oltre 20 mila euro ma alla fine per una segmento Bda 86cv, niente freni a disco posteriori, nemmeno i cerchi in lega (che generalmente per una utilitaria dai 16-17 mila euro in su erano praticamente automatici)
Pagine