PRIMO CONTATTO

Toyota Auris Touring Sports: è “pulita” e carica tanto, ma scivola sui dettagli

La versione famigliare, in arrivo a ottobre a circa 1.000 euro in più della berlina, ha un baule davvero ampio anche in questa “ecologica” versione ibrida (intorno ai 24.000 euro la base); alcune finiture, però, non convincono.

5 luglio 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 25.400
  • Consumo medio

    27,0 km/l
  • Emissioni di CO2

    85 grammi/km
  • Euro

    5
Toyota Auris Touring Sports
Toyota Auris Touring Sports 1.8 VVT-i Hybrid Lounge
Una “coda” ben integrata
 
L’allungamento della parte posteriore della Toyota Auris Touring Sports non ha compromesso affatto l’equilibrio stilistico della Toyota Auris, nonostante la lunghezza sia passata dai 428 cm della berlina ai 456 della Touring Sports. Rimane il paraurti posteriore pronunciato e massiccio, ma l’ultimo montante più sottile snellisce un po’ la linea e migliora la visibilità, e il tetto piuttosto spiovente dà un po’ di slancio all’insieme.
 
Comodi anche al centro
 
A bordo della Toyota Auris Touring Sports ritroviamo la plancia sviluppata in orizzontale della berlina: ha una certa originalità (la consolle è asimmetrica) ma pure soluzioni poco moderne. Ma l’orologio sembra posticcio, la spia che segnala le cinture non allacciate ha una grafica superata e il grande (6,1”) schermo per il navigatore e la telecamera di retromarcia non si integra a dovere nella plancia. Poco convincenti i materiali: le plastiche sono  economiche e “leggere”, benché assemblate con una certa cura. La versione Lounge del nostro test ha di serie pure il rivestimento in pelle della fascia centrale, che dà un tocco di classe. Davanti, lo spazio non manca, e anche dietro i centimetri cubi a disposizione non sono pochi; il pavimento piatto e la forma del divano, tra l’altro, non rendono scomodo neppure il posto centrale. L’accesso al divano, però, non è dei più agevoli, specie per le persone di alta statura: le porte non sono molto ampie e hanno un angolo di apertura limitato. Il bagagliaio della Toyota Auris Touring Sports è ampio e ben accessibile (la soglia di carico è ad appena 62 cm da terra) anche in questa versione ibrida: le batterie si trovano sotto il divano, per non rubare spazio né penalizzare la versatilità. La capacità di carico, che va da 530 a 1658 litri, è buona e si può contare sul pratico sistema Easy Flat (con la semplice pressione di una maniglia, provvede a reclinare lo schienale, creando un vano piatto). Sotto il pavimento c’è un vano profondo 9 centimetri.
 
Solo a corrente
 
Il sistema ibrido della Toyota Auris Touring Sports le permette di viaggiare anche in modalità totalmente elettrica, ma solo per brevi tragitti. Normalmente, però, il motore elettrico e il 1.8 a iniezione diretta di benzina lavorano in coppia, mettendo a disposizione 136 cavalli e una coppia massima di 142 Nm, sufficienti, secondo la Toyota, per raggiungere i 175 km/h e per passare da 0 a 100 km/h in 11,2 secondi. Particolarmente basse (86 grammi per chilometro) le emissioni di anidride carbonica dichiarate. Il sistema ibrido è lo stesso della Prius. Presa confidenza con l’assenza del cambio (al suo posto c’è un complesso sistema di ingranaggi, ma l’automobilista non deve intervenire) e del contagiri (sostituito da un indicatore che mostra lo stile di guida: “Eco” per consumare meno possible o “Power” per avere più brio), si apprezza il comportamento stradale di questa Toyota e in particolare le sue doti di scattista: in partenza, l’Auris Touring Sports è spinta dal motore elettrico (quello a benzina si avvia in un secondo tempo). Lo sterzo è piuttosto diretto e le sospensioni sono “ferme”, ma non al punto di penalizzare il comfort, e aiutano a contenere il rollio in curva, mai eccessivo.
 
Anche a benzina o a gasolio
 
La gamma della Toyota Auris Touring Sports comprende pure un 1.6 a benzina da 132 CV e due diesel (1.4 D-4D da 90 CV e il 2.0 D-4D da 124). In questa versione Hybrid, gli allestimenti sono tre: Active ECO, Active+ e Lounge. Già piuttosto completo il primo, con climatizzatore automatico, telecamera posteriore e cerchi in lega. La versione Active+ si arricchisce dei retrovisori esterni ripiegabili eletricamente e del cruise cointrol; la Lounge ha pure i sedili in pelle e il “clima” bizona. I prezzi definitivi non sono ancora stati comunicati: la Toyota ne ha fornito uno indicativo di 24.000 euro per l’allestimento “base” (il Lounge dovrebbe costarne circa 26.000)
 
Secondo noi
 
PREGI
> Abitabilità. Buona, anche quella posteriore. Il pavimento piatto e il divano accogliente consentono anche a chi siede al centro di viaggiare comodo.
> Baule. Il vano ha una capacità elevata (nonostante la presenza delle batterie del sistema ibrido) ed è facile da sfruttare. 
> Guida. È una vettura tecnologica, ma facile da guidare. Lo sterzo è piuttosto diretto e le sospensioni sono ben tarate. 
 
DIFETTI
> Accessibilità. Le porte posteriori non sono ampie e hanno un angolo di apertura un po’ limitato: accedere al divano, per i più alti, non è agevole.
> Dettagli. Elementi come il grande display centrale, l’orologio e la spia delle cinture di sicurezza sono mal integrati nella plancia.
> Finiture. Le plastiche della plancia sono “leggerine”: una vettura di questa categoria dovrebbe essere più curata.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1798
No cilindri e disposizione 4 in linea (propulsione ibrida)
Potenza complessiva del motore termico ed elettrico kW (CV)/giri 100 (136)/5200 giri
Coppia max del solo motore a benzina Nm/giri 142/4000
Emissione di CO2 grammi/km 85
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio automatico a variaz. continua
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 456/176/146
Passo cm 260
Peso in ordine di marcia kg 1335/1465
Capacità bagagliaio litri 530/1658
Pneumatici (di serie) -

 

Toyota Auris Touring Sports 1.8 VVT-i Hybrid Lounge
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
14
11
7
9
VOTO MEDIO
3,3
3.27778
54
Aggiungi un commento
Ritratto di HanSolo
5 luglio 2013 - 15:26
molto migliorata rispetto alla vecchia Auris, con la versione Station è ancora più completa
Ritratto di pitsax
5 luglio 2013 - 17:18
direi che è una ottima auto,tecnologica e dalla linea originale...mi piace...
Ritratto di gio.G
5 luglio 2013 - 18:06
20
Che obrobrio di macchina
Ritratto di MAXTONE
6 luglio 2013 - 20:19
Che è sempre stata un flop e la prossima non farà eccezione.
Ritratto di swiss air
8 luglio 2013 - 15:32
L'estetica potrebbe certamente essere contestabile, ma si compra una Audi A1 con interni in pelle , cambio automatico , e motore ibrido con 26.000 euro ????? Le chiedo inoltre di prendere in considerazione il fatto che le Toyota, possono percorrere 400.000 km senza problemi, non mi risulta che nessun altra casa automobilistica possieda le qualità di resistenza meccanica della Toyota, provi un pò a pensarci
Ritratto di supermax63
10 luglio 2013 - 00:45
che tanto per capirci la VW Up elettrica costa 27000 euro...ognuno ne tragga le proprie conclusioni ed opinioni
Ritratto di Skaramakaj
8 luglio 2013 - 19:28
contratto direi ...
Ritratto di cris25
5 luglio 2013 - 18:27
1
notevole passo avanti rispetto all'anonimo modello precedente, anche se il nuovo stile toyota introdotto con la yaris non mi piace molto nella parte posteriore secondo me non azzeccata col resto della vettura come nel caso appunto di auris e rav4!! cmq con la versione station può darsi che avrà quel successo che non ha avuto fin'ora.
Ritratto di MatteFonta92
5 luglio 2013 - 18:47
3
Complessivamente è un'auto più che valida (e anche abbastanza gradevole nell'estetica di 3/4 anteriore), però certe "leggerezze" come gli interni in plastiche economiche stonano, soprattutto in un'auto da 26.000 €, dove sarebbe lecito aspettarsi delle finiture quasi di lusso (tipo quelle delle ultime Peugeot). Anche quell'orologio digitale messo lì a caso sulla plancia stona molto, sembra posticcio e fa molto auto anni '80. Mi chiedo poi perché il sistema ibrido sia disponibile solo col motore 1.8... non sarebbe meglio un propulsore di cubatura più piccola? Il risparmio di carburante sarebbe ancora maggiore.
Ritratto di MAXTONE
6 luglio 2013 - 20:21
A parita' di prezzo tu che preferisci, le finiture sontuose o un bel powertrain ibrido? E te lo dice uno a cui le PSA piacciono (Citroen e gamma DS, non tanto Peugeot).
Pagine