NEWS

Sulla Ferrari di F1 anche un pezzo di Alfa Romeo

30 gennaio 2015

Sulle fiancate della SF15-T c'è il marchio del Biscione, che in Formula 1 ha corso anche autonomamente.

Sulla Ferrari di F1 anche un pezzo di Alfa Romeo
VUOLE CAMBIARE PAGINA - Non nasce certo nel segno della continuità la nuova Ferrari che nel 2015 è chiamata a riscattare un 2014 più deludente che mai: primo anno senza vittorie per Maranello dopo il 1993 - anche se allora il digiuno si era protratto dal 1991 a metà 1994, quando Berger vinse un rocambolesco Gran Premio di Germania. La Ferrari SF15-T, questa la sigla ufficiale, sostituisce la sfortunata F14T: è la prima Ferrari del post-rivoluzione, la prima dell'epoca Marchionne-Arrivabene, nata dal progetto di James Allison. 
 
CHI SI RIVEDE - I più attenti, tuttavia, a prescindere dai propositi di Allison (“Scaricherà più potenza a terra”, “Più bella e veloce del 2014”) e dalla prudenza di Arrivabene (che ha fissato in un paio di Gran Premi vittoriosi l'obiettivo di stagione), possono notare un marchio fare capolino poco davanti alle ruote posteriori: il logo dell'Alfa Romeo (foto qui sopra), che ha scalzato quello della Fiat che da tempo immemorabile faceva bella mostra di sé sulle Ferrari di F1. 
 
ANTESIGNANA - Mentre appare evidente come questo sia un proposito di rilancio in questo 2015 che vedrà l'esordio della prima berlina Alfa Romeo della nuova era, per gli amanti della statistica è dal Gran Premio d'Australia del 1986 che un'auto con lo stemma del Biscione non calca una pista di Formula 1. In quell'anno, si esaurì la seconda esperienza dell'Alfa nella massima formula, con risultati ben meno eclatanti della prima quando, agli albori della Formula 1, le stagioni 1950 e 1951 fruttarono altrettanti titoli iridati con Farina e Fangio.
 
L'Alfa Romeo 182T di Formula 1 del 1982.
 
UN RITORNO AVARO DI SODDISFAZIONI - Escludendo l'esperienza come motorista - con forniture ufficiali alla Brabham nel 1978-79, ma anche con il coraggioso Andrea De Adamich che installò un V8 sulla propria McLaren non ufficiale nel 1970 e sulla March nel 1971 - l'apice fu raggiunto nel 1980, nella seconda parte di stagione, dopo il ritorno da costruttore nel 1979: smaltita la tragedia di Hockenheim che costò la vita a Patrick Depailler, toccò al bresciano Bruno Giacomelli, affiancato prima da Vittorio Brambilla e poi dal giovanissimo Andrea De Cesaris, siglare una pole a Watkins Glen.
 
LAMPI DI GLORIA - Fu tradito da una bobina dopo 32 giri, mentre comandava con ampio margine sugli inseguitori: unico lampo di una carriera lunga, onesta e sin troppo sottovalutata. Il 1981 salutò il podio di Giacomelli a Las Vegas, l'anno successivo quello di De Cesaris a Monaco, entrambe le volte in terza posizione (e il romano, a Long Beach, siglò una fantastica pole che non ebbe tuttavia seguito in gara). De Cesaris fece meglio nel 1983, secondo in Germania e in Sudafrica, nel primo anno del turbo made in Arese. Il 1984 fu l'ultimo fuoco, con Patrese terzo a Monza, con un'Alfa Romeo in crisi di liquidità che aveva nel frattempo ceduto la struttura agonistica all'Euroracing; il 1985 il canto del cigno, con un malinconico “zero” alla casella punti conquistati. Ora il ritorno, sulla fiancata della Ferrari: per i più ottimisti, un viatico per un'Alfa da corsa, magari oltreoceano o nell'endurance.
Aggiungi un commento
Ritratto di CarPassion
30 gennaio 2015 - 19:17
Mi aspettavo qualcosa del genere. Sono molto contento. Bellissimo!
Ritratto di PongoII
30 gennaio 2015 - 20:22
7
Il mio sogno è un rilancio dell'Alfa, anche se gli ambiziosi progetti, a patto che si concretizzino realmente, mi verrebbero tagliato fuori dal novero dei nuovi (felici) possessori delle auto del Biscione. L'utopia è rivedrla in F1, ma anche questa mera presenza del logo è già qualcosa....
Ritratto di lucios
30 gennaio 2015 - 20:29
4
.....casomai una serie speciale, o il gran ritorno nel dtm in futuro chissà!
Ritratto di osmica
30 gennaio 2015 - 20:41
Pronti per un'altra serie di versioni speciali? Questa volta sara' il turno anche della 500L twinair a metano!
Ritratto di wiliams
30 gennaio 2015 - 22:28
Devo dire che il marchio ALFA ROMEO sulla carrozzeria della FERRARI SF15-T non stona affatto,anzi....e d altronde negli anni 30 il cavallino rampante era impresso sulle ALFA da corsa,a quei tempi l ALFA CORSE era gestita dal grande ENZO FERRARI......
Ritratto di Giorgio085
30 gennaio 2015 - 22:30
Marchionnata mondiale!
Ritratto di mariocarmelo
30 gennaio 2015 - 22:41
Se non sbaglio non c'è più il logo fiat
Ritratto di Strige
31 gennaio 2015 - 17:21
Beh tecnicamente non esiste più, quindi niente più fiat.
Ritratto di FiestaLory
30 gennaio 2015 - 23:46
Veramente bello vedere il logo del biscione, mentre la presenza del nero comincia a divenire un po' troppo invadente nella Rossa (per l'appunto). Tornando all'alfa, la speranza è che questa apposizione non si perda nel novero delle dichiarazioni d'intenti che oggi si sprecano riguardo al suo futuro, e sia invece di buon auspicio per il concretizzarsi di un vero rilancio.
Ritratto di Fojone
31 gennaio 2015 - 00:31
fare pubblicità a un marchio senza modelli? già che ci sono potrebbero scrivere Lancia sul casco di Vettel...
Pagine

PROSSIMO GP

Yas Marina Circuit F1 2018
Yas Marina Circuit
ORARI
Venerdì 23 Novembre
Prove 110:00 - 11:30
Prove 214:00 - 15:30
Sabato 24 Novembre
Prove 311:00 - 12:00
Qualifiche14:00 - 15:00
Domenica 25 Novembre
Gara14:00

NEWS FORMULA 1