NEWS

Auto elettriche: in quali paesi UE sono più vendute?

17 maggio 2019

Una ricerca ha messo in relazione il prodotto interno lordo pro-capite dei paesi UE, con la quota di mercato delle elettriche.

Auto elettriche: in quali paesi UE sono più vendute?

La Acea, l’European Automobile Manufacturers Association, ha realizzato una mappa interattiva (la vedi qui) dove ha messo in relazione il prodotto interno lordo pro-capite, GDP, (calcolato rapportando il PIL espresso ai prezzi di mercato alla popolazione residente) del 2018 dei 28 paesi che costituiscono l’Unione Europea, con la quota di mercato delle auto elettriche (ECV), tipologia di vettura che ha un costo superiore rispetto alle controparti endotermiche.

Dalla ricerca della Acea si evince che nel 2018 il 2% delle auto immatricolate nell’UE erano veicoli elettrici, tuttavia, la metà di tutti gli stati membri dell’UE, ha una quota di mercato di questa tipologia di vetture inferiore all’1%. È inoltre emerso che tutti i paesi con una quota di mercato di auto elettriche inferiore all'1% hanno un PIL minore di 29.000 euro, compresi i nuovi Stati membri dell'Europa centrale e orientale, ma anche la Spagna, l’Italia e la Grecia. Una quota di mercato delle elettriche superiore al 3,5% si è registrata solo in paesi con un PIL pro capite superiore a 42.000 euro.
 
In molti considerano il mercato norvegese come un punto di riferimento per questo tipo di vetture ed effettivamente la ricerca dell’Acea lo conferma. Con un  PIL di 73.200 euro, più del doppio rispetto alla media dell’UE (30.600 euro), la quota norvegese, pari a 49,1%, rappresenta un'eccezione in Europa. I paesi che si collocano al secondo e al terzo posto, ossia la Svezia (8%) e i Paesi Bassi (6,7%), pur presentano un PIL tra i più elevati dell'UE, hanno quote di mercato di ECV molto inferiori.
 
Osservando la mappa, si registra una netta divisione tra l’Europa centro-orientale e quella occidentale, ma anche un marcato divario tra nord e sud; ad esempio, la Grecia con lo 0,3%, l’Italia con lo 0,5% e la Polonia con lo 0,2%, sono paesi dove le auto elettriche hanno una bassa quota di penetrazione soprattutto in virtù dei basso PIL pro-capite.

Di seguito la classifica dei cinque paesi europei con la quota più bassa di auto elettriche nell'UE

Paese UE

Elettriche vendute (2018)

Quota (%)

PIL pro capite

Polonia

1324

0,2

12.900

Slovacchia

293

0,3

16.600

Grecia

315

0,3

17.100

Repubblica ceca

981

0,4

20.500

Lituania

143

0,4

15.900

 

Di seguito la classifica dei cinque paesi europei con la quota più alta di auto elettriche nell'UE

Paese UE

Elettriche vendute (2018)

Quota (%)

Anno

PIL pro capite

Germania

67.658

2

2018

41.000

Regno Unito

59.947

2,5

2018

37.600

Francia

45.623

2,1

2018

36.200

Spagna

11.810

0,9

2018

26.200

Italia

9731

0,5

2018

29.000



Aggiungi un commento
Ritratto di v8sound
18 maggio 2019 - 19:53
Numeri incoraggianti per l'elettrico, non c'è che dire. Pensare che secondo alcuni, tra qualche anno, si venderà solo elettrico. Elettrico bla bla bla, ecco i numeri reali, signori.
Ritratto di freenksuez
20 maggio 2019 - 21:31
Se ne vendo se ne vendono tranquillo, ed anche più di quanto immaginavo io.
Ritratto di pierfra.delsignore
24 maggio 2019 - 16:56
2
Sono numeri più che incoraggianti pensando che i modelli proposti sono solo minimo segmento C e non ci sono ancora batterie con autonomia di 1000 Km. soglia psicologica dopo la quale il motore a combustione è morto. I modelli partono tutti da oltre 30.000 euro, i cambiamenti non sono on off, già ora ci sono le power unit ibride switch, che tra due tre anni saranno la norma, motore elettrico di autonomia limitata 30-40 Km per la città e diesel o benzina fuori, che si ricaricano in automatico con la frenata o recupero dal motore termico. Il futuro a breve termine è questo, a lungo termine, ma non lunghissimo, 10 anni il futuro è only eletric e se non ci si metteranno tassazioni assurde sarà un bel futuro anche per chi ama la guida sportiva, motori con prestazioni di una Ferrari o Porsche degli anni 90 al costo di un segmento B e con le spese di gestione di un'utilitaria, quando hai sotto 300 CV e 350 Nm di coppia, a 22.000 euro ti scordi del rumore e del cambio alla terza accelerazione..
Ritratto di FOXBLACK
18 maggio 2019 - 20:08
Chiamarle incoraggianti mi. ..sembra eccessivo. ...il motore termico avrà ancora lunga vita. ...
Ritratto di v8sound
18 maggio 2019 - 22:49
Era del tutto ironico il mio commento :)
Ritratto di zero
18 maggio 2019 - 23:05
11
Vedrai, la nuovissima infornata di modelli Piech ribalterà la situazione da qui a tre anni!!!!
Ritratto di v8sound
19 maggio 2019 - 13:00
ahahahah
Ritratto di FOXBLACK
19 maggio 2019 - 13:25
Non era risposta al tuo commento. ..era solo un pensiero mio. .a parte che se non sistemano problema tempi di ricarica e colonnine ( troppo poche ) oltre ai prezzi elevati. .hai voglia aumentare le percentuali. ..
Ritratto di v8sound
19 maggio 2019 - 13:32
Ah ok! Dalle mie parti le colonnine ci sono anche, lungo la provinciale che percorro quotidianamente ce ne sono una ogni 5 km mediamente... ma sono sempre desolatamente inoccupate. Il vero problema sarà casomai l'infrastruttura per portare l'energia...
Ritratto di freenksuez
20 maggio 2019 - 21:35
Ma quali prezzi elevati, ma dove vivi, 6.000 euro di ecoincentivi, 4.000 euro della regione tipo Trentino, -19% sconto Renault, -22% sconto IVA per chi ha partita IVA, ma di cosa parliamo dell'aria, anche dei morti di fame ora possono permettersela, ovvio non ho citato i costi di manutenzione pari a zero, il bollo gratis, le strisce blu gratis.
Pagine