NEWS

BMW: una M5 elettrica?

Pubblicato 25 giugno 2019

No, per ora è solo un prototipo la BMW Serie 5 dotata di tre motori elettrici in grado di erogare una potenza di oltre 720 cavalli.

BMW: una M5 elettrica?

CHE POTENZA - La BMW, nel corso dell’evento #NEXTGen, ha presentato un prototipo di BMW Serie 5 denominato “Power BEV”. Si tratta di un veicolo dotato di tre motori elettrici di quinta generazione (uno montato sull’asse anteriore e due su quello posteriore) per una potenza compessiva di oltre 720 CV, in grado di spingere l’auto da 0 a 100 km/h in meno di tre secondi. Valori che le consentirebbero di rivaleggiare con l'attuale BMW M5.

TORQUE VECTORING - L'obiettivo del team di sviluppo era quello di costruire un veicolo sperimentale in grado di garantire una guidabilità ottimale anche nei percorsi ricchi di curve. Per questo, i due motori elettrici sull'asse posteriore sono controllati separatamente ed è quindi possibile dirigere la coppia precisamente in base alle condizioni di guida, garantendo un risultato migliore rispetto a quello ottenuto da un differenziale autobloccante, a tutto vantaggio della guidabilità.

PRIMA SULLA IX3 -  Un motore elettrico di questo tipo, completamente privo di metalli rari, farà il suo debutto nella produzione di serie con la BMW iX3. Lo stesso sarà inoltre utilizzato nell’ambito dell’accordo tra la BMW e la Jaguar Land Rover (qui per saperne di più).

BMW Serie 5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
156
74
40
35
57
VOTO MEDIO
3,7
3.654695
362




Aggiungi un commento
Ritratto di money82
25 giugno 2019 - 19:11
1
Un'altra elettrica da oltre 100.000 euro...ok entro qualche anno ci saranno molte elettriche nei listini ma se le più economiche partono da 30.000 euro, preparatevi ad avere molti fondi di magazzino.
Ritratto di pierfra.delsignore
26 giugno 2019 - 13:08
4
Come tutte le innovazioni prima inizi con l'alto di gamma è l'abc dello sviluppo industriale, perché il margine su un'auto da 100 mila e passa euro giustifica la ricerca, su una Panda o Twingo no, ne dovresti vendere talmente tante che vai in perdita. Il futuro dell'elettrico a breve termine per forza di cose è l'alto di gamma, come in tutti i settori, non è che gli smartphone con schermo pieghevole hanno puntato sulla fascia 100-200 euro... non ci starebbero dentro per i conti. Magazzini pieni dove scusa? Tycan 20.000 prefendite, Tesla Model S scalza nell'ordine Quattroporte, serie 7 e Klasse S, dal piedistallo delle berline di lusso più vendute, Jaguar I-Pace record di vendite; nei magazzini è molto più probabile che ci rimangano le Opel Corsa a 30.000, il superlusso per una serie di fattori si sposta sull'elettrico: 1. moda green, 2. Costi di manutenzione e di gestione che fanno gola anche a chi è ricco, passare da tagliandi da 3.000-5.000 ogni 20.000 Km massimo, al primo tagliando a 200.000 km con controllo freni anteriori ed ammortizzatori fa la differenza pure per i ricchi, per non tener conto delle spese di rifornimento 3. Accesso alle aeree off limits delle grandi città dove spesso sono ubicati gli uffici gestionali dove di solito gli acquirenti di queste auto hanno i loro business.
Ritratto di Pavogear
26 giugno 2019 - 15:32
Però calma sulle richieste: per ora, come c'era da aspettarsi, c'è stato un boom di richieste perché le elettriche di questi segmenti da te citati stanno cominciando solo ora ad esistere non solamente come prototipi e dunque tutte le persone che le aspettavano hanno fatto subito grande richiesta, ma è una cosa normale per le novità, qui è ancora più grossa perché più che di nuovo modello parliamo di nuova mobilità. Mi aspetto un calo nelle vendite, credo che per le elettriche sarà già un successo stare intorno al 15/20% delle vendite delle auto a benzina. Poi per il discorso costi è tutto relativo e soprattutto è un business: non appena ci saranno molte elettriche in giro saliranno i prezzi alle colonnine di ricarica e aumenteranno le tariffe per i tagliandi, un po' come capita oggi prima dei grandi esodi vacanzieri
Ritratto di Giuliopedrali
25 giugno 2019 - 21:17
in realtrà paradossalmente è la BMW elettrica che distrugge le BMW tradizionali.
Ritratto di Marco_Tst-97
26 giugno 2019 - 13:05
Solo nelle drag race. Poi ti ricordi che la M5 ha un V8 e una trazione raffinata e che comunque le prestazioni sono migliorate di molto rispetto alle versioni precedenti.
Ritratto di Pavogear
25 giugno 2019 - 22:53
Spero vivamente che non venga mai proposta questa versione. M per Bmw, ma vale lo stesso per le sigle sportive degli altri marchi, rappresenta la sportività per eccellenza! Chi compra una bmw M, dalla M2 alla M8, non lo fa solo per le eccellenti prestazioni ma anche per il sound magnifico e il piacere di guida stessa che queste versione offrono. Chi compra queste versioni lo fa anche e soprattutto per tutta quella componente irrazionale che aleggia intorno a queste versioni super sportive e da cui scaturiscono le emozioni stesse. Proporre una versione elettrica, silenziosa, noiosa e che nulla ha a che fare con tutto ciò che concerne il lato emozionale è solamente uno spreco di soldi e di altre risorse. Poi sicuramente ci sarà il radical chic che la comprerà, ma allora non chiamiamola M! Chiamiamola i5, o con qualsiasi altro nome, ma non mettiamoci quella sigla. Anzi sarebbe meglio non produrne proprio di sportive elettriche, queste tipologie di alimentazione lasciamo che vengano offerte solamente nei segmenti A e B
Ritratto di pierfra.delsignore
26 giugno 2019 - 13:09
4
Mai provato la Tesla Model S P100D? Io si la M5 elettrica sarebbe favolosa ed una grande sfida tecnologica
Ritratto di Pavogear
26 giugno 2019 - 13:14
Potrà anche avere un super scatto ed essere velocissima nel dritto (le prime centinaia di metri) ma poi se pesa come una petroliera, non emette suoni e non posso giocare col cambio dove sta il divertimento? Un' auto sportiva deve divertire, è questo il suo scopo
Ritratto di puccettone
26 giugno 2019 - 14:28
le opinioni espresse riguardo il recupero degli investimenti sono. condivisibili anche se il. futuro del auto elettrica, secondo me. è proprio nell'uso cittadino. Questa strategia consente di. realizzare batterie di dimensioni e peso non eccessive e quindi costi inferiori. da tenere presente che un auto elettrica è molto più semplice da realizzare e con minori componenti ed usura, terreno ideale per una city car. pertanto la strategia di VW e delle coreane di produrre EV da città è giusta. per i macchinoni di rappresentanza il diesel è la scelta migliore. Le sportive saranno ibride a benzina.