NEWS

Emissioni legate alle auto elettriche: quale verità?

Pubblicato 30 dicembre 2020

Alcuni capitani dell’industria automobilistica lanciano l’allarme: le elettriche causano un aumento delle emissioni di CO2. Ma sarà vero? Facciamo il punto.

Emissioni legate alle auto elettriche: quale verità?

PAROLE PESANTI - Questa fine d’anno ha registrato, in pochi giorni, due importanti interventi che hanno ridimensionato, quanto meno, gli entusiasmi sulle auto elettriche. Akyo Toyoda, presidente della Toyota, ha sostenuto che la diffusione delle auto a batteria avrà l’effetto di aumentare le emissioni di CO2 (qui per saperne di più). Pochi giorni dopo Franz Fehrenbach, presidente del consiglio di sorveglianza della Bosch (azienda molto attiva nei componenti per l’elettrificazione), ha puntato il dito principalmente contro la scelta unilaterale dell’Europa verso le elettriche (qui per saperne di più).

QUANDO L’ELETTRICITÀ È "SPORCA” - Questi interventi, “pesanti” perché pronunciati da top manager di aziende globali, sono accomunati dal sostenere che produrre le batterie emette così tanta CO2 da vanificare l’assenza di emissioni locali delle auto elettriche. Un altro punto comune è il sostenere che i Paesi - il Giappone e l’Unione Europea - non sono pronti, per punti di ricarica e potenza della rete elettrica, per una flotta rilevante di auto elettriche. Le osservazioni dei manager poggiano sul fatto che le emissioni verrebbero semplicemente spostate nelle centrali elettriche, ancora alimentate in gran parte con combustibili fossili.

PIÙ PULITE, SI O NO? - Queste considerazioni hanno suscitato grandi discussioni, con pareri favorevoli e contrari, anche qui sul sito di alVolante. Ma come stanno realmente le cose? Prima di continuare facciamo una premessa: qualsiasi consumo di energia - per muoversi e costruire oggetti - implica emissioni di CO2 e questo vale anche per le elettriche, pur prive di tubo di scarico. Quindi anche produrre le batterie genera (molta) anidride carbonica, ma l’efficienza delle elettriche e della generazione/trasmissione dell’energia elettrica rispetto al ciclo del petrolio riesce a più che compensare queste emissioni. Uno studio, ripreso dalla BBC e condotto dalle Università inglesi di Exeter e Cambridge insieme a quella di Nijmegen (Olanda), avvalora questa tesi. La ricerca (qui e qui per saperne di più) conclude che le auto elettriche durante l’intero ciclo di vita producono meno CO2 di quelle con motore termico. Questo accade anche se l’energia elettrica usata per costruirle e farle muovere non è prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili. In pratica le elettriche producono meno CO2 nel 95% dei Paesi della Terra. Le eccezioni sono la Polonia e pochi altri posti nei quali l’elettricità è generata quasi interamente con il carbone.

COSA DICE MERCEDES? - Usciamo dalle sedi universitarie e andiamo nelle fabbriche, ad esempio in quelle Mercedes. La casa della Stella pubblica ormai dal 2005 l’impronta ecologica delle sue vetture. Sfogliando i suoi documenti troviamo quanta CO2 emettono le sue vetture nel loro ciclo di vita. Paragoniamo quindi l’elettrica EQC e la GLC 350e 4MATIC ibrida plug-in, entrambe a trazione integrale e costruite sulle stesse linee (il passo è identico). Nell’arco di 200.000 km costruire, far andare e smaltire a fine vita una EQC genererebbe 17,1 tonnellate di CO2 se l’energia impiegata venisse esclusivamente da centrali idroelettriche. L’anidride carbonica balzerebbe a 32,4 tonnellate usando l’energia prodotta nell’unione Europea, che ha una quota sostanziosa di produzione da centrali termiche. Le stesse quantità riferite alla GLC 350e sono rispettivamente 25,6 e 37,9 tonnellate di CO2, valori molto diversi soprattutto nel caso che si usino energie rinnovabili al 100%.





Aggiungi un commento
Ritratto di Andre_a
30 dicembre 2020 - 13:28
9
Toyota parlava soprattutto del Giappone, dove dopo Fukushima una buona parte dell'energia del paese, oltre il 30%, viene dal carbone: non siamo ai livelli della Polonia, ma poco ci manca. Sono anche molto indietro per quanto riguarda l'infrastruttura di ricarica.
Ritratto di Mark R
30 dicembre 2020 - 15:09
@Flavio8484: Ma hai letto con attenzione ciò che ha dichiarato il sig. Toyoda? A quanto pare no. Toyoda ha fatto riferimento al suo Paese con relativo mix energetico, infrastrutture etc... Prova esempio ad informarti sul mix energetico del Giappone e poi ne riparliamo. Non calerebbero solo i PM10 ma anche tutti gli altri PMx, NOx, HC, CO etc derivanti dalle auto.
Ritratto di Flavio8484
30 dicembre 2020 - 15:14
Certo che ho letto, cosa ho scritto che ti ha turbato?
Ritratto di Mark R
30 dicembre 2020 - 15:26
Per fortuna lo hai letto... Hai scritto questo: "Finché a fare certi ragionamenti sono io, ok, sono uno dei tanti termotalebani, ma il fatto che li faccia il sig toyoda o l altro, credo assuma un valore diverso". Parli in senso generale come se Toyoda avesse fatto riferimento alla situazione di ogni paese mondiale.. Mentre ha parlato del suo Paese, dunque ciò che ha asserito ha per lo più valenza per il suo Paese perciò assume un valore circoscritto alla situazione attuale del Giappone.
Ritratto di Flavio8484
30 dicembre 2020 - 15:33
Secondo me vale anche x noi
Ritratto di Mark R
30 dicembre 2020 - 15:48
Confermo che non hai letto con attenzione
Ritratto di Flavio8484
30 dicembre 2020 - 15:55
Non ci dormirò stanotte
Ritratto di Andre_a
30 dicembre 2020 - 19:38
9
@Flavio8484: no, non vale anche per noi. In Giappone le fonti energetiche e le infrastrutture sono troppo diverse dalle nostre.
Ritratto di Oxygenerator
30 dicembre 2020 - 21:44
@ Flavio 8484 orpolà, perchè secondo lei, vale anche per noi ? Il nostro mix energetico è profondamente diverso da quello giapponese. Non dovremmo essere nelle stesse condizioni.....
Ritratto di Oxygenerator
30 dicembre 2020 - 21:38
@ Flavio8484 il sig Toyoda sarebbe più credibile, se fosse super partes. Ma così, non è. È a capo di un’azienda che ha inventato e sviluppato un progetto, per anni, che il motore elettrico rende.... sorpassato.
Pagine