NEWS

Incentivi 2022 per le auto: il Governo ci sta lavorando

Pubblicato 21 gennaio 2022

Si parla di 450 milioni per incentivare l’acquisto di veicoli a basse emissioni (non solo elettrici e ibridi plug-in) ai quali potrebbero aggiungersi 32 milioni del fondo sull’usato Euro 6 avanzati lo scorso anno.

Incentivi 2022 per le auto: il Governo ci sta lavorando

IN ATTESA DI UNA RISPOSTA - Quando arriveranno gli incentivi 2022 per il settore dell’auto? E di che cifre si parla? Gli addetti ai lavori attendevano da Palazzo Chigi una risposta, o quantomeno un primo segnale, già oggi, ma pare che il governo darà la precedenza al rincaro delle bollette e ai nuovi ristori per le attività colpite dalle restrizioni anti Covid.

ORA TOCCA ALL’AUTO - Secondo quanto riportato nell’edizione odierna del quotidiano Milano Finanza, però, sarà proprio l’auto il prossimo comparto a ricevere il sostegno del governo, pronto a iniettare 450 milioni di euro nel serbatoio dei "vecchi" fondi per l’acquisto di vetture con emissioni di CO2 fino a 135 g/km. La platea dei veicoli, quindi, non include solo modelli elettrici o ibridi ricaricabili, ma più in generale quelli a basso impatto ambientale, purché abbiano un prezzo di listino inferiore a 40.000 euro. Questa somma, a quanto pare, dovrebbe essere integrata con i 32 milioni del fondo sull’usato Euro 6, rimasti nelle casse del ministero dello Sviluppo economico il 31 dicembre 2021 con la scadenza di quell’iniziativa. 

NON SARÀ UNA MISURA DI AMPIO RESPIRO - La partita ora ruota tutta intorno alla distribuzione delle risorse e, quindi, si gioca sull’assegnazione delle somme a ciascuna fascia di emissioni inquinanti, sull’entità dei singoli sussidi, sui limiti di prezzo delle auto che rientrano nel bonus e, naturalmente, sugli eventuali sconti a cui saranno obbligate le concessionarie. Sulla durata del provvedimento, invece, pare scontato che la misura avrà un orizzonte annuale e scadrà quindi il 31 dicembre 2022, con risorse che certamente non saranno sufficienti a coprire la domanda fino a quella data ma che, comunque, saranno rifinanziabili volta per volta in base alle disponibilità e alle decisioni del governo. 

IL MERCATO NON PUÒ ATTENDERE - Che i contributi sono in arrivo l’ha più volte ripetuto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, al quale qualche giorno fa ha fatto eco pure il suo vice, Gilberto Pichetto, che ha posto l’attenzione su una necessità evidenziata anche dal presidente della Confindustria, Carlo Bonomi, e dal presidente di Stellantis, John Elkann. I tempi, però, stringono, e a pagarne le conseguenze, ancora una volta, rischia di essere il mercato dell’auto, per il quale senza un intervento da parte del governo si prospetta un gennaio da incubo.



Aggiungi un commento
Ritratto di Ale94
21 gennaio 2022 - 17:22
Bastano anche 1500 euro
Ritratto di Voltaren
21 gennaio 2022 - 17:27
I "soliti" poteri forti... A mio avviso gli incentivi per l'acquisto delle automobili andrebbero vietati: drogano il mercato e fanno ovviamente lievitare i prezzi di listino. Allora mi chiedo perché non gli incentivi sull'acquisto delle nuove abitazioni, dei giocattoli, del cibo, dell'abbigliamento, etc!
Ritratto di Challenger RT
21 gennaio 2022 - 17:40
Una volta tanto concordo!
Ritratto di Check_mate
21 gennaio 2022 - 18:10
Io, dal mio canto, sono a favore degli incentivi su base reddituale, esclusivamente a loro. Aiutare chi può comprare un'auto da diverse decina di migliaia di euro in su ha un senso discutibile, aiutare invece chi ha possibilità ridotte aiuterebbe sia a svecchiare il parco auto sia a non affossare il mercato. Così non dai denaro a chi non ne ha bisogno, magari ridistribuendolo anche sulle cose che citi. Questo ovviamente se vogliamo perseguire nella politica degli incentivi. Se invece vogliamo fare una cosa un po' più seria, potremmo pensare a come permettere alla gente di comprare e non di come aiutarla nel comprare. La differenza è sostanziale, ma forse vado offtopic. Un saluto.
Ritratto di Al Volant
21 gennaio 2022 - 18:29
Se gli incentivi finissero al cliente, sì. Ma siccome la realtà è che i soldi pubblici vengono presi da chi le vende le auto, è del tutto indifferente.
Ritratto di Voltaren
21 gennaio 2022 - 18:39
@Check_mate: con il tasso di evasione fiscale italiano, si fiderebbe mai del reddito dichiarato? Esiste un'immensa sacca di evasori che se ne avvantaggerebbe, come fa già oggi in altri ambiti; vogliamo aggiungere anche questo? Al solito, rimarrebbero fregati i soliti pensionati e impiegato statali. Nel 2018 il reddito medio LORDO (per giunta!) dichiarato dai pescatori è stato di € 9.400, € 5.900 gli agricoltori, € 5.100 gli allevatori, € 17.300 i gioiellieri, € 18.000 i ristoratori, € 20.940 gli imprenditori titolari di ditte individuali. A titolo di confronto, il reddito medio dei lavoratori dipendenti è risultato essere di € 20.820 e quello dei pensionati di € 17.870, gli unici 2 valori affidabili ovvero quelli che non possono nascondersi
Ritratto di Check_mate
21 gennaio 2022 - 18:48
@Voltaren proprio per questo non avrei voluto andare troppo off tipic, ma vedo che l'hai fatto esaustivamente già te. Nulla da aggiungere. La realtà è questa.
Ritratto di Al Volant
21 gennaio 2022 - 18:52
ininfluente.. i dipendenti ( privati e pubblici) ed i pensionati sono circa 25 milioni.... di questi la metà prende meno di 15k euro... ( tutti gli altri che tu dai per scontato siano dei criminali evasori, sono braccianti agricoli, colf, stagisti...)....
Ritratto di Voltaren
21 gennaio 2022 - 19:58
@al volant: non mi metta in bocca parole sue. Ho riportato numeri e sottolineato l'IMMENSO (non se ne parlerà mai troppo a lungo) problema dell'evasione fiscale, foriero di immani disagi per la popolazione onesta!!! Punto
Ritratto di Al Volant
22 gennaio 2022 - 10:06
I numeri vanno capiti ed interpretati, non sparati a caso. Quello che hai scritto ( perchè lo hai scritto tu) è oltraggioso oltre che privo di fondamento ! L'evasione fiscale è solo una stima su parametri tutti discutibili, la tua conclusione è totalmente sballata, proprio perchè la maggior parte dei lavoratori sono dipendenti/pensionati (25 milioni!!!!!)
Pagine