NEWS

La Qoros pensa già al futuro

16 ottobre 2013

Mentre si appresta a lanciare la Qoros 3 Sedan, circolano in rete i disegni di due eventuali modelli futuri.

La Qoros pensa già al futuro
UN AVVIO CONVINCENTE - La Qoros, neonato marchio cinese con sede a Shanghai, è pronta per far debuttare il suo primo modello sul mercato. Proprio in questi giorni le prime Qoros 3 Sedan escono dalla fabbrica di  Changshu, che ha una capacità annua di 150.000 unità. La casa cinese ha nel mirino non solo il mercato interno, ma anche quello europeo per il quale la nuova berlina lunga 461 mm è stata progettata, come dimostrano gli ottimi risultati conseguiti nei recenti crash test svolti dalla Euro NCAP (qui per saperne di più). Tutto ciò è stato possibile perché la neonata Qoros ha assoldato alcuni tra i migliori tecnici provenienti dalle case europee e ha esternalizzato la maggior parte del lavoro di sviluppo ingegneristico alla Magna, uno dei più importanti gruppi specializzati proprio nella progettazione e nello sviluppo di progetti per conto terzi.
 
 
PIATTAFORMA FLESSIBILE - La Qoros 3 Sedan, dove sedan significa appunto berlina a quattro porte in inglese, sarà presto affiancata da altri due modelli della stessa famiglia: la Qoros 3 station wagon e la 3 crossover (qui per saperne di più). Ma nel futuro a medio termine, cosa bolle in pentola, quali modelli possiamo aspettarci dal costruttore che dal 2007, anno della sua fondazione, ha speso oltre 700 milioni di euro e non ha ancora venduto un'auto? La piattaforma sviluppata dalla Magna per la Qoros è di ultima generazione, talmente flessibile, stando ai ben informati, da essere utilizzata a partire da una ipotetica rivale della VW Golf fino ad una concorrente della BMW Serie 5. Quelli che vediamo in questa pagina sono degli schizzi circolati su alcuni siti cinesi e raffigurano due possibili modelli sui quali la casa starebbe lavorando. Si tratta di una berlina di grosse dimensioni ed una crossover-suv a sette posti, due tipologie di auto piuttosto importanti sul mercato cinese.
 
 
ANCHE IBRIDA - La Qoros, fino ad ora, ha commissionato all'austriaca ALV lo sviluppo di un unico motore 1.6 a iniezione diretta di benzina, nelle versioni turbo (155 CV) o aspirato (125 CV), abbinato ad un cambio manuale o automatico a doppia frizione con sei marce. Niente diesel, almeno per ora, dato che i nuovi Euro 6 sono molto costosi da sviluppare. Questo però potrebbe essere un grosso limite in Europa, dove i diesel valgono almeno la metà del mercato. Ci dovrebbe essere però una versione ibrida che utilizza motori elettrici posizionati sull'asse posteriore in grado di lavorare in combinazione con il motore termico. Realizzando, così, la trazione integrale che sarebbe necessaria per la suv a sette posti che vediamo nel disegno.
Aggiungi un commento
Ritratto di PariTheBest93
16 ottobre 2013 - 16:08
3
Meglio pensare al presente, anche perché non ha debuttato nessun modello...
Ritratto di romeo64
16 ottobre 2013 - 16:15
Sia partito con il piede giusto, con modelli sicuri e ben fatti, cosa che stupisce per un marchio prevalentemente cinese. Complimenti anche al management italiano all'interno del gruppo..... Unico appunto questo nuovo modello mi sembra di ispirazione spiccatamente audi....
Ritratto di Montreal70
16 ottobre 2013 - 16:34
Io ci scommetto su questo marchio. E' vero che la maggior parte delle aziende cinesi sono costituite da improvvisati imprenditori che usufruiscono di manovalanza "gratuita", convinte che il prezzo sia l'unica cosa che conta, ma ne esistono anche di serie in grado di sfornare prodotti di primissima qualità. Non ho certamente le informazioni che possono permettermi di parlare con cognizione di causa, ma scommetto che la Qoros sia tra queste ultime e che avrà un buon successo anche in Europa, a condizione che abbia il diesel. Immagino che per questa casa sarà difficile prenderli già pronti da marchi blasonati. Forse Mitsubishi farebbe al caso loro. Difficile che altri grandi nomi permettano ad un marchio cinese di usare gli stessi motori che installano sulle loro auto.
Ritratto di Chromeo
16 ottobre 2013 - 20:28
In tutti i sensi
Ritratto di Sam1989
16 ottobre 2013 - 22:05
Il pulmino stile nuovo Wolkswagen Bully fa un attimino pena, l'auto pronta ad essere lanciata invece è bellissima!
Ritratto di trautman
16 ottobre 2013 - 22:10
Questi avevano 700M/€ da spendere senza incassare niente, dietro hanno investitori potenti non sono Rossignolo e DeTomaso. Pero' la gran parte del lavoro di sviluppo lo fa Magna, chissa' quanto costa sviluppare una piattaforma nuova per piu' modelli, forse qualche miliardo di €. Bisogna vedere quante auto devono vendere per guadagnare.