NEWS

Tribunale tedesco: “il Dieselgate è come l’etanolo nel vino”

19 gennaio 2017

Lo ha detto un giudice di Hildesheim nel dare ragione al proprietario di una Skoda con il motore dotato del software fuorilegge.

Tribunale tedesco: “il Dieselgate è come l’etanolo nel vino”

OGGETTO DI SARCASMO - Lo scandalo Dieselgate procura problemi alla Volkswagen non soltanto all’estero. Anche in Germania c’è chi maltratta pesantemente la casa automobilistica. Lo testimonia la notizia di una sentenza del Tribunale di Hildesheim, non lontana da Wolfsburg, sede della Volkswagen. Nella causa promossa contro la casa costruttrice dal proprietario di una Skoda Yeti (nella foto) con motore turbodiesel EA 189, i giudici hanno dato ragione a quest’ultimo, riconoscendogli il diritto a esigere il riacquisto della vettura da parte della casa a prezzo pieno. Ma non solo. Oltre a contenere la sostanza del giudizio negativo per la casa, la sentenza è formulata in maniera da risultare particolarmente pesante, dando alla Volkswagen una sarcastica strapazzata morale.

COME LE TRUFFE ALIMENTARI - I giudici hanno infatti scritto: «Il sistema di gestione dei motori diesel Volkswagen costituisce un inganno ai consumatori che si può paragonare a quello compiuto in altre clamorose truffe, come quella del vino al metanolo o quella delle lasagne con ragù di carne di cavallo». Fuor di metafora, i magistrati di Hildesheim hanno argomentato il proprio giudizio affermando che il comportamento della casa costruttrice rappresenta «manipolazione illegale della centralina motore» in evidente contrasto con le norme europee che regolano la materia.

SEMPRE ALLO STESSO MODO - Durante il procedimento il gruppo Volkswagen si era difeso sostenendo che non contano i risultati rilevati durante la marcia su strada, ma soltanto quelli delle prove di omologazione sui banchi a rulli. E proprio nel respingere questa tesi i giudici di Hildesheim hanno formulato un ragionamento che se adottato in tutte le cause pendenti o future sul Dieselgate rappresenterebbe una batosta enorme per il gruppo Volkswagen. I giudici hanno infatti respinto le spiegazioni della Volkswagen affermando che «la misurazione delle emissioni nei test di laboratorio si può considerare corretta soltanto se l’auto sotto esame funziona allo stesso modo sia nel test sui rulli che in strada». Non essendo così, secondo il Tribunale la casa non ha rispettato il contratto di vendita, vendendo al cliente un’auto sostanzialmente diversa da quella che rispetta le norme antinquinamento. 

LA VOLKSWAGEN HA FATTO APPELLO - È infine da notare che nei giorni scorsi c’era stata un’altra sentenza analoga; a pronunciarla era stato il Tribunale di Regensburg, in Baviera. Comunque la Volkswagen ha interposto appello a entrambi i giudizi e i suoi legali si sono dichiarati convinti che otterranno un’assoluzione piena.

Aggiungi un commento
Ritratto di alecns
19 gennaio 2017 - 11:24
Interessante notare come abbiano utilizzato esempi di truffe italiane. Il significato di ciò è a discrezione di ciascuno di noi.
Ritratto di Blueyes
19 gennaio 2017 - 12:12
Non scherziamo. Il vino all'etanolo è stato uno scandalo FRANCESE. Persino i Simpson ci hanno fatto una puntata. Per le lasagne si trattava della Findus che vendeva questi prodotti in GB. L'Italia non c'entra nulla.
Ritratto di alecns
19 gennaio 2017 - 12:46
In effetti non c'entra per le lasagne, mentre è così mer il vino al metanolo, anche perchè me lo ricordo bene. http://www.coldiretti.it/News/Pagine/160---2-Marzo-2016.aspx
Ritratto di Blueyes
19 gennaio 2017 - 15:33
in effetti su internet trovo riferimenti solo al vino italiano....strano ero sicuro di aver letto anche della Francia, oltre a quella puntata s'intende.
Ritratto di Fr4ncesco
19 gennaio 2017 - 13:27
Poi c'erano le mozzarelle blu tedesche se non erro.
Ritratto di Fr4ncesco
19 gennaio 2017 - 13:29
Senza scomodare tutti i prodotti tarocchi delle nostre eccellenze agroalimentari, sempre Made in Germany (ma anche in Olanda, Canada, UK, USA...)
Ritratto di Mauo
19 gennaio 2017 - 11:32
Ed in Italia nessuno ha fatto causa al gruppo Volkswagen, che io sappia...
Ritratto di criluni
19 gennaio 2017 - 13:53
Mauo al momento è il atto l'adesione alla class action per la causa a volkswagen Il tribunale di Verona ha accettato la class action e le associazioni stano richiedendo le adesioni Io ho fatto la pre adesione ma sto aspettando che il mio legale mi dica se procedere con l'associazione o attendere sviluppi e farla poi privatamente in un momento successivo Le associazioni chiedono un rimborso del 15% del valore di acquisto dell'auto in fase di sottoscrizione del contratto....praticamente niente!!! Secondo il mio avvocato invece in contratto sarebbe nullo in quanto il bene venduto non corrisponde a quanto dichiarato in fase di contratto e sottoscritto..... Staremo a vedere
Ritratto di AMG
19 gennaio 2017 - 15:46
Chissà perché... forse perché le cause e la legge italiana non ispirano più molta fiducia a nessuno. Esageratemente lente all'infinito e non risolutive. L'unica certezza è l'enorme costo
Ritratto di sarco92
19 gennaio 2017 - 12:00
1
Qualora perdessero l appello, per la Vw sarebbero c... amari in quanto qualunque altro cliente potrebbe agire e avvalersi della stessa difesa, vincendo. Per loro fortuna le vendite vanno bene un po' ovunque e questo potrebbe contenere i danni... Chi sbaglia e truffa alla fine paga
Pagine