Mini Cabrio Cooper

Pubblicato il 7 febbraio 2019
Ritratto di MARTNICOO
alVolante di una
Mini Cabrio Cooper
Mini Cabrio
Qualità prezzo
3
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
4
Confort
4
Motore
5
Ripresa
4
Cambio
4
Frenata
4
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
3.9166666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Ho acquistato questa vettura in quanto ho sempre avuto un debole per le Mini
Gli interni
È una vettura ben equipaggiata, interni confortevoli seppur non sono di ultima generazione, sedili contenitivi ben direzionabili per chi guida e per chi fa il passeggero. I posti dietro sono molto sacrificati se chi guida, come nel mio caso, è abbastanza alto. Pur essendo una vettura cabrio è insonorizzata molto bene, e il freddo o il caldo pur avendo una capotte di quindici anni non penetrano all’interno delle guarnizioni.
Alla guida
Alla guida si sta dimostrando una vettura pazzesca con parecchi pregi e pochi difetti, tra i pregi troviamo sicuramente la ottima trazione anche sulla neve, la tenuta, l’angolo di sterzata seppur il volante non è proprio per tutte le braccia in quanto è un po’ duro ma precisissimo, l’accelerazione e la ripresa fino alla quarta marcia. Nei difetti sicuramente al primo posto metterei i consumi, che per la mia motorizzazione (1.6 116cv) in extraurbana variano in torno ai 10km/l e la poca visibilità dal lunotto posteriore causata dai montanti della capotte.
La comprerei o ricomprerei?
La ricomprerei sicuramente
Mini Cabrio Cooper
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
3
1
0
0
VOTO MEDIO
4,2
4.166665
6
Aggiungi un commento
listino
Le Mini
  • Mini 5 porte
    Mini 5 porte
    da € 19.000 a € 35.350
  • Mini 3 porte
    Mini 3 porte
    da € 18.150 a € 41.500
  • Mini Clubman
    Mini Clubman
    da € 23.950 a € 44.670
  • Mini Cabrio
    Mini Cabrio
    da € 24.500 a € 40.650
  • Mini Countryman
    Mini Countryman
    da € 25.800 a € 47.100

LE MINI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE MINI

  • Antesignana nel 1959, quando fu presentata, e per questo "mamma" di tutte le citycar moderne, la Mini segue il trend del momento e diventa elettrica. Andiamo a scoprirla al Salone di Francoforte.

  • Lo specialista inglese David Brown propone una Mini prima generazione rivista in varie parti, con un motore potenziato, un interno modernizzato e caratterizzato da materiali pregiati.

  • Lo stile diventa più semplice e mette in evidenza i due “capisaldi”: la scritta Mini e le alette laterali. Ecco in breve la storia dei loghi della marca inglese.