Mini Mini

Pubblicato il 8 novembre 2009

Listino prezzi Mini Mini non disponibile

Qualità prezzo
0
Dotazione
0
Posizione di guida
0
Cruscotto
0
Visibilità
0
Confort
0
Motore
0
Ripresa
0
Cambio
0
Frenata
0
Sterzo
0
Tenuta strada
0
Media:
0
Perché l'ho comprata o provata
L’ho comprata perché avevo la necessità di sostituire un’utilitaria che aveva già fatto parecchi chilometri con una vettura adatta al traffico cittadino ma con la quale intraprendere anche lunghi viaggi in tutta comodità e sicurezza di marcia. La versione Cooper era quella che a rapporto prezzo/prestazioni si addiceva di più alle mie esigenze, era in pronta consegna e la versione Checkmate era quella più interessante soprattutto per quanto riguarda la sportività sia nel vestito che sotto il vestito dove c’è… tanto.
Gli interni
Gli interni sono piacevoli e particolari, rispecchiano il classico stile Mini ovvero il contachilometri centrale, la linea e molti elementi di design che ricordano il modello degli anni ’70 e l’impostazione di guida. La versione Checkmate è dotata di sedili in pelle e tessuto “tecnico”, i posti a sedere sono quattro, quelli dietro impegnativi da raggiungere ma, una volta seduti, si sta comodi anche per un lungo viaggio nonostante la seduta sia un po’ rigida. Tutti e quattro i posti dispongono di poggiatesta regolabile ed i sedili anteriori anche dell’utile supporto lombare e non ci sono problemi a sistemare il seggiolino per un bimbo nei posti posteriori. Il bagagliaio è piccolo ma un passeggino per bimbo ci sta e c’è posto anche per qualche borsa della spesa o borsone da viaggio ma se si vuole ampliare lo spazio per i bagagli, si possono reclinare gli schienali dei sedili posteriori ed il bagagliaio diventa bello grande. I comandi sono principalmente del tipo a levetta, posti sulla console centrale e bisogna farsi un po’ di abitudine per trovarli e gestirli ma alla fine non sono tanto scomodi. Un po’ di problemi si possono incontrare con gli alzavetro ma comunque c’è anche l’automatismo per la risalita automatica. Utile il computer di bordo con le solite informazioni su consumo, distanza, temperatura esterna, autonomia e velocità che si sta mantenendo (questa informazione è molto utile dal momento che il tachimetro posto al centro della plancia non è di immediata lettura). Tra le particolarità “sportive” c’è l’indicatore dei giorni residui alla sostituzione dell’olio del circuito frenante oltre agli intervalli di manutenzione (eredità BMW). Il pedale dell’acceleratore è ancorato al pavimento, tipo quello delle console per videogiochi, bisogna anche qui abituarsi. Plafoniere e luci interne sono ben studiate ivi comprese le luci che illuminano l’area sottostante all’apertura delle porte ed il sistema di blocco delle portiere consente, soprattutto d’estate, di poter lasciare uno o entrambi i finestrini un po’ aperti in quanto se si bloccano le porte con il telecomando, anche agendo sulla maniglia interna, le porte non si aprono se non sbloccandole nuovamente dal telecomando oppure dalla levetta sulla console centrale. Purtroppo, nota dolente che non dovrebbe essere propria di BMW (la Casa che commercializza il marchio MINI) alcuni elementi della componentistica lasciano un po’ a desiderare: pulsanti plafoniera che si sono rotti dopo pochissime volte di utilizzo, portellino specchio aletta parasole lato guida che non rimane più alzato dopo averlo aperto meno di 10 volte, ghiera di plastica di finitura del freno a mano che esce dalla sua sede, stemma del pulsante blocco portiere della chiave-telecomando che se n’è andato da solo. Tranne lo stemma della chiave tutto il resto è stato comunque sostituito in garanzia. La cosa più terribile è una sorta di fischio (come fosse un avviso di superamento del limite di velocità impostato) che si manifesta oltre i 140 Km/h e che, dopo lunghe indagini, ho scoperto provenire dallo specchio interno! Spero che solo il mio esemplare soffra di queste problematiche.
Alla guida
La sensazione che si ha subito è quella di guidare un go-kart. Il telaio, il motore e l’assetto sono i suoi irraggiungibili punti di forza. Il motore a benzina da 1598 di cilindrata è di produzione Chrysler, lo stesso montato sulla PT 1.6... Dotato di 115CV, l’accelerazione è incredibile: con un tempo dichiarato di 9,2 secondi per passare da 0 a 100 Km/h, al semaforo si riescono a “bruciare” scooter anche potenti moto ed il sistema antislittamento delle ruote anteriori viene in perfetto aiuto quando serve. Con una velocità massima di 200 Km/h il motore della Chrysler montato sulla MINI è un po’ più “risparmioso” di quello della “sorella” PT: con un litro di carburante si riescono a percorrere circa 2 km in più rispetto alla PT Chrysler (14,9 km/l). Il motore è un po’ ruvido ma robusto e generoso e dà il meglio di se effettuando i cambi di marcia a regime di coppia massima cioè “tirando” la marcia fino a 5000 giri/min. per “cadere” a 4000 nel nuovo rapporto. Sensazioni da vera supersportiva. Il cambio ha innesti precisi ma non è molto fluido e bisogna andare piuttosto decisi ma non si impunta mai. L’assetto? Fantastico è dire poco, è il fiore all’occhiello di questa vettura: grazie al fatto che la MINI ha la carreggiata posteriore più larga di quella anteriore, la vettura tende sempre ad agevolare la chiusura della curva dando la sensazione di una grande sicurezza di marcia. E’ una vettura a trazione anteriore che si comporta in curva come una a trazione posteriore, sicura e sportiva sempre ma, come si dice, ogni medaglia ha il suo rovescio e questo “rovescio” è il fatto che il conducente potrebbe dare troppa fiducia alla propria MINI oltrepassando i suoi (seppur lontani) limiti incorrendo in pericolosi rischi. La MINI è come un cavallo purosangue che deve essere opportunamente domato e condotto da sapienti mani ma al contrario dell’animale, sa dare grandi soddisfazioni anche a conducenti poco esperti. Lo sterzo, seppure servoassistito, è piuttosto pesante in manovra ma preciso in marcia soprattutto alle alte velocità. L’ammortizzazione e l’assetto sono di tipo sportivo e rigido, i cerchi da 17” con pneumatici super-ribassati di tipo Runflat trasmettono a chi è a bordo tutte le asperità del terreno che vengono a stento attutite dalle rigide imbottiture dei sedili che trattengono comunque bene nelle curve. La frenata è sempre sicura grazie ai freni a disco su tutte quattro le ruote ed al sistema ABS di serie. Per concludere questo argomento posso dire che il modo migliore per apprezzare una MINI è quello di guidarla e conoscerla fino in fondo… senza esagerare prendendo spunto dal remake del 2003 del film “The Italian Job”! La differenza fondamentale con la versione “S” è che alla MINI Cooper “normale” manca il compressore volumetrico (una sorta di turbo) ma le 16V sono più che sufficienti a dare grandi emozioni contenendo i consumi di carburante.
La comprerei o ricomprerei?
Questa serie della MINI si acquista solamente sul mercato dell’usato in quanto le ultime scorte di magazzino di questa serie sono state vendute tra l’ultimo semestre del 2006 ed il primo semestre del 2007: se ben tenuta e regolarmente tagliandata presso officine MINI/BMW, a parer mio merita di essere presa in considerazione per un eventuale acquisto anche se i prezzi di mercato sono piuttosto alti. Più che un acquisto, la MINI è un sapiente investimento; è una delle poche vetture prodotte in serie che tiene alto il suo valore nel tempo. Purtroppo, come detto, alcune finiture lasciano un po’ a desiderare come qualità dei materiali e talvolta anche dei montaggi e da un marchio di lusso e all’avanguardia nella tecnologia come BMW non sarebbe da aspettarselo ma per fortuna la meccanica è robusta ed affidabile e si può andar sicuri e tranquilli che la MINI difficilmente tradisce il suo padrone lasciandolo improvvisamente in panne. Se poi capita di acquistare una vettura coperta dalle migliori formule di garanzia aggiuntive MINI/BMW allora non c’è proprio di che preoccuparsi se non di trovar un buon posto in garage.
Aggiungi un commento
Ritratto di Domenico79
9 novembre 2009 - 14:51
1
mi dispiace deluderti ma la mini nn e' assolutamente un auto per viaggiare scomoda nei sedili posteriori rumortosa e rigida nell'assetto,ti posso dar ragione solo sulla tenuta di strada,in realta la mini e semplicemente una city car alla moda con una buona impostazione sportiva,in realta serve solo a farsi notare!!!e nn a viaggiare,comunque con i km che percorri in un anno va piu che bene... PS un mio amico ha tenuto la Joe Works per un anno costo 31.000€ l'ha venduta per disperazione e nn solo per i consumi..!
Ritratto di MarcoZan
10 novembre 2009 - 11:13
Carissimo Domenico, perdonami se forse mi sono espresso male ma non volevo dire che la Mini sia una vettura scomoda ma da sportiva di razza quale essa è (nella versione Checkmate in particolare) e data la taratura dell'ammortizzazione che predilige l'aspetto sportivo a vantaggio della tenuta di strada (la mia versione è così impostata e da me ben gradita), percorrendo le strade di tutti i giorni ricche di buche e avvallamenti, questi vengono ampiamente trasmessi agli occupanti soprattutto i posti posteriori. Ho detto che comunque sia si possono tranquillamente affrontare lunghi viaggi seduti dietro e comodamente... semprechè si riesca a sedersi senza dover ricorrere alle cure di un fisioterapista! Non mi sembra di aver commentato la rumorosità di marcia che comunque è presente in maniera accettabile ma per una vettura dalle caratteristiche sportive è assolutamente normale ed anche importante poter ascoltare il motore. Ho avuto occasione di provare una CooperS con kit John Works: grandi emozioni ma piuttosto delicata ed assetata di benzina ma le belle emozioni hanno il loro costo. La versione "John Works" per me resta un gran bel costoso giocattolo per sentirsi un po' John Cooper nel tempo libero e sulle giuste strade ma per il resto della giornata meglio utilizzare altre vetture. Concordo sul fatto che la Mini si faccia notare ma, date le sue praticamente infinite personalizzazioni, è quello che la sua filosofia desidera... la Mini è un modo di essere, un mondo tutto suo.
Ritratto di roberto88vv
4 febbraio 2010 - 16:27
supersportiva una 115cv da oltre 11 quintali?? non dici che il termine è del tutto inappropriato?
Ritratto di MarcoZan
10 maggio 2010 - 12:45
Certo che non è una Porsche, una Ferrari o un'Aston Martin ma riesce a scaricare a terra molto equilibratamente i suoi cavalli e al semaforo si possono tranquillamente "bruciare" oltre a brillanti cicolmotori anche moto con grandi prestazioni. Forse dire che è una "supersportiva" può essere effettivamente esagerato, diciamo che è una piccola vettura con doti da sportiva di razza che, se la sai condurre, può essere anche "Super". Per la cronaca, mi hanno dovuto sostituire il termostato dell'impianto di raffreddamento del motore perchè causa di perdita, seppur leggera, del liquido (un componente di plastica ubicato in uno dei punti più caldi del motore... progettisti in erba!!!!!): pare sia un difetto di fabbricazione.
Ritratto di MASSIMO69
2 giugno 2010 - 16:43
Nonostante affermo sia una bella auto un pò troppo stile figlio di papà! Però è bella, ne ho provate 2 e la mia sensazione è di guidare un go-kart se mai dovessi fare la pazzia la prenderei cabrio!
Ritratto di osmica
2 giugno 2010 - 16:56
Questa volta concordo! :) I cavalli non sono tanti, ma come diceva una vecchia pubblicita' "la potenza non e' tutto". Piu' che alla merita potenze espressa i cavalli, bisogna consultare il rapporto peso/potenza. Se e' un buon valore, che si associa ad un'ottima distribuzione dei pesi, un'ottima architettuta delle sospensioni, il gioco e' fatto! E' qusta e' una vera go-kart stradale! Troppo stile da figlio di papa', e troppo scomoda per essere l'unica vettura (almeno per le mie esigenze)! Ma i compromessi fanno parte del gioco...
Ritratto di fx88
18 maggio 2010 - 13:55
credo che stiate parlando della R53...cmq vi dico la mia opinione sulla R56 dato che la guido da 3 anni : chi compra la mini sa (o almeno dovrebbe ) che è una macchina che si compra un pò per sfizio / per passione, costa tanto, forse troppo per quello che offre in dotazione e come qualità interna, è comoda solo per 2 persone , chi sta dietro ci sta male,specialmente se il guidatore (come avviene nel mio caso) supera 1.80 di altezza,le sospensioni sono esageratamente dure, e non è adatta per i lunghi viaggi anche perchè il portabagagli fa ridere e la frizione è un pò pesante, detto questo ha comunque dei buoni freni ottima tenuta di strada e un motore brillante (anche se mancherebbe un pò + di brio sotto i 3000 giri almeno nella cooper) , ha degli interni esteticamente moderni ed equilibrati col resto della linea e una grande varietà di personalizzazione, inoltre la velocità non da fastidio almeno fino a 150 km/h
Ritratto di MarcoZan
10 luglio 2010 - 22:21
Aggiorno questo forum, per chi fosse interessato all'acquisto di una Mini-BMW I Serie anche ultimi modelli, con due ultimi problemi sopraggiunti di recente, dopo appena 4 anni: 1. Rottura del termostato dell'impianto di raffreddamento del motore: spariva l'acqua dalla vaschetta di espansione - Sostituito con circa 170 Euro. - 2. Guasto all'impianto di aria condizionata: il gas si esaurisce in circa 12-15 mesi e ciò è dovuto ad una lievissima perdita nella parte d'impianto posta nell'abitacolo - Si ripara smontando l'intero cruscotto e sostituendo il componente difettoso ma i costi sono elevati perchè per l'intervento di smontaggio/montaggio del cruscotto sono necessarie parecchie ore di lavoro: più economico ricaricarlo quando si esaurisce. Lascia ancora a desiderare la qualità dei componenti scelti da BMW.
Ritratto di gig
26 febbraio 2012 - 13:39
Ah, finalmente una prova degna dell' ottimo! Ti do' il massimo dei voti! Completa e dettagliata, passa in rassegna tutti gli aspetti dell' auto in modo abbastanza coinvolgente ed appassionante. Mi è piaciuta molto. L' auto invece non "me gusta" proprio! Non la comprerei. Saluti
listino
Le Mini
  • Mini 5 porte
    Mini 5 porte
    da € 19.000 a € 35.350
  • Mini Clubman
    Mini Clubman
    da € 23.950 a € 44.100
  • Mini Cabrio
    Mini Cabrio
    da € 24.300 a € 40.650
  • Mini 3 porte
    Mini 3 porte
    da € 17.950 a € 35.850
  • Mini Countryman
    Mini Countryman
    da € 25.600 a € 47.100

LE MINI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE MINI

  • Lo specialista inglese David Brown propone una Mini prima generazione rivista in varie parti, con un motore potenziato, un interno modernizzato e caratterizzato da materiali pregiati.

  • Lo stile diventa più semplice e mette in evidenza i due “capisaldi”: la scritta Mini e le alette laterali. Ecco in breve la storia dei loghi della marca inglese.

  • Il raduno dedicato all’utilitaria, organizzato dal 1978, ha richiamato oltre 1.200 persone e 3.000 vetture.