Mini Mini base

Pubblicato il 1 giugno 2010

Listino prezzi Mini Mini non disponibile

Qualità prezzo
3
Dotazione
3
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
2
Confort
2
Motore
3
Ripresa
3
Cambio
3
Frenata
4
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
3.4166666666667
Perchè l'ho comprata o provata
E' stata la mia prima auto. Ritirata a novembre 2004, ordinata 3 mesi e mezzo prima, si trattava della Mini One de Luxe. Ero orientato verso l'Alfa Romeo 147 1.6 T.S. Distinctive 3porte, ma per casualità dopo avendo provato la Mini Cooper S non ho esitato e ho fatto il contratto. Pagata quasi 18 mila euro con uno sconto quasi inesistente. Con quest'auto sono andato in vacanza per una settimana in Sardegna con 4 persone a bordo con relativi bagagli !!! Il bagagliaio era grande 150 litri : un trolley ed era pieno. Non tutto oro però: verso i 70.000 km il motore piano piano ha iniziato ad abbandonarmi. Esausto, a 82.367 km me ne sono disfatto.
Gli interni
Gli interni erano la parte più riuscita dell'auto. Originali è dire poco. Appena si entrava, (un pò difficoltoso specialmente se si è alti più di 1 metro e 80 e si è leggermente sovrappeso) trovavi il sorriso. Le perdonavi tutto, anche le classiche giornate nere. Mi ricordo ancora una sera: avevo perso il cellulare, io ero molto arrabiato e così iniziai a girare Milano in lungo e largo. Ovviamente quando si è arrabiati non si ha una guida serena, tranquilla. Dopo 2 ore e mezza di tangenziale tornai a casa felice, come se non fosse successo niente. Ti faceva tenerezza vedere davanti a te un simpatico volante a due razze, sopra di lui un minuscolo contagiri, e al centro della plancia un enorme tachimetro. Nella parte bassa della plancia c'erano i comandi della radio e del clima dalla forma molto particolari. Dietro c'erano due sedili (se si può definirli così) e bastavano due ore di viaggio per far rompere la colonna vertebrale agli sfortunati ospiti. Oltre allo spazio inesistente c'era da fare i conti con le sospensioni rigide e particolarmente secche dietro. La qualità, però c'era anche se qualche pezzo di plastica doveva essere più curato.
Alla guida
La guida della Mini era molto particolare. Il motore nonostante il peso dell'auto ridotto, la buona potenza, la generosa cilindrata (1.6) non era così potente come si credeva. E beveva anche parecchio. Non riuscivo a fare più di 14 km/litro. Raramente sono riuscito a superare i 16 km/l. In città l'auto era nel suo habitat naturale: riuscivo a parcheggiare in pochissimo spazio, mi infilavo ovunque e il motore nelle prime tre marce garantiva uno scatto niente male. Il cambio era abbastanza contrastato e duro da azionare. Lo sterzo era preciso e sentiva ogni sconnessione della strada. Il motore era abbastanza lento sotto i 2.000 giri, omogeneo sotto i 3.000 e dopo tirava deciso fino a 6.000 dove conveniva cambiare marcia. Le marce erano abbastanza lunghe. Fuori città l'auto era incollata a terra soprattutto dopo quando feci montare le molle ribassate. In realtà me ne pentii perchè ad ogni minimo avvallamento l'auto toccava l'asfalto con il grande rischio di rompere parti meccaniche ecc... La stabilità era sempre buona, l'auto sempre molto reattiva, e quando la strada era sconnessa lo sterzo girava a destra e sinistra. Veramente noioso e stanchevole corregerlo. Il vero divertimento però era sulle strade di montagna: la Mini era agilissima e per una trazione anteriore era eccezionale. Immaginatevi un tornante in pianura. Bastava portare il motore sopra i 3.500 giri in seconda marcia per vedere la Mini allargare vistosamente in curva e poi come per magia rientrare nella sua corsia e far mangiare la polvere a tante auto. Il segreto della Mini era quello di accelerare in curva: più acceleravi, più si inseriva. Certo i pneumatici ne facevano le spese ma ne valeva la pena: le ruote che stridono e fumano mentre tu continui ad accelerare e a sorpassare altre auto. Poi installai uno scarico artigianale di 200 euro. Ben spesi. Il sound era molto curato. Da lontano sembrava una Cooper S. Poi aggiunsi i vetri oscurati. L'autostrada non era il suo habitat e la rumorosità iniziava ad essere fastidiosa già sopra i 90 km/h. A 180 km/h c'era un concerto di vibrazioni. E dopo i 60.000 km, stando fermi l'auto vibrava peggio di un buon TDI iniettore-pompa con oltre 200.000 km. Qualcosa non andava. Ed infatti dopo i 70.000 km si ruppe la testata, la cinghia ecc... Chi più ne ha più ne metta. Quasi 2.500 euro di riparazioni. Motore veramente poco affidabile. Forse non ha retto le troppe domeniche a Monza, a Vairano. Difatti ho cambiato i pneumatici tre volte. Le prestazioni comunque erano buone. L'auto in 11 secondi e qualche decimo era a 100 km/h e raggiungeva i 190 km/h di tachimetro.
La comprerei o ricomprerei?
No, fino a 70.000 km sì ! Mi sono pentito dell'acquisto: con 17.000 mila euro mi sarei portato a casa un'Alfa Romeo 147 ben accessoriata e di categoria superiore. Però ho avuto una Mini: un'auto intramontabile, ben fatta, sempre alla moda e dal divertimento indescrivibile. La consiglio a qualsiasi tipo di persone. A mio avviso, prenderei l'Alfa Romeo Mito QV. Abbiamo tantissime auto italiane che sono complessivamente migliori e costano anche di meno.
Mini Mini
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
0
1
0
0
VOTO MEDIO
4,0
4
2
Aggiungi un commento
Ritratto di Zack TS
7 giugno 2010 - 19:58
1
190 km/h e 9,0 sec. nello 0-100 ....la nuova non piace neanche a me .....per quanto riguarda le alfa prima anch'io le apprezzavo, poi il "nuovo corso" m'ha deluso parecchio
Ritratto di gianluca911
7 giugno 2010 - 22:10
ED ERA irritante,ripresa zero!!!!e poi tu dici che facevi i 14,io nn ci sono mai riuscito massimo massimo facevo i 12Km/l,nè tanto meno in piano ho preso più di 180 km/h,,adesso però ho preso un cooper s ed è un altro mondo!!!!!!!!!!fantastica...!!!!!!!!!!! p.s ed i consumi sono più o meno identici..io a differenza tua amo troppo la mini x la sua agilità nelle curve, è un go-kart!!!!!!!mia madre ha una serie 1 e quanto mi diverto cn la mia non mi diverto con nessuna macchina..
Ritratto di Gianlu_82
8 giugno 2010 - 10:24
poche cose che rimpiango della Mini è l'agilità : faceva sempre divertire tra le curve, come scritto nel testo. Vabbè, dai la ripresa era discreta, però per il peso ridotto, generosa cubatura e potenza del motore mi sarei aspettato molto di più.
Ritratto di gianluca911
7 giugno 2010 - 22:10
ED ERA irritante,ripresa zero!!!!e poi tu dici che facevi i 14,io nn ci sono mai riuscito massimo massimo facevo i 12Km/l,nè tanto meno in piano ho preso più di 180 km/h,,adesso però ho preso un cooper s ed è un altro mondo!!!!!!!!!!fantastica...!!!!!!!!!!! p.s ed i consumi sono più o meno identici..io a differenza tua amo troppo la mini x la sua agilità nelle curve, è un go-kart!!!!!!!mia madre ha una serie 1 e quanto mi diverto cn la mia non mi diverto con nessuna macchina..
Ritratto di il_merovingio
8 giugno 2010 - 00:21
come cxxxo avete fatto? vabeh, anch'io a 19 anni sono andato in vacanza a Rimini in 4 su una Y10 coi bagagli.... ma mi sa che il baule della Mini è ancora più piccolo di quello della mia vecchia Y10!
Ritratto di Gianlu_82
8 giugno 2010 - 10:37
il mio trolley e due borse morbide nel bagagliaio, le altre borse dietro. Mancano ancora due beauty, un trolley e una grande borsa morbida. La borsa morbida l'abbiamo incastonata nel bagagliaio verticalmente. Così sporgeva ai sedili posteriori. Per fortuna c'era una sporgenza e così in qualche modo la borsa si manteneva. Un beauty davanti al sedile anteriore passeggero, l'altro in mezzo ai due passegeri e il trolley incastonato in obliquo tra il tunnel centrale e il povero passegero destro !! Ogni ora ci dovevamo fermare e i miei 3 amici (compresa la mia ragazza) ruotavano !!!
Pagine
listino
Le Mini
  • Mini 5 porte
    Mini 5 porte
    da € 19.000 a € 35.350
  • Mini 3 porte
    Mini 3 porte
    da € 18.150 a € 41.500
  • Mini Clubman
    Mini Clubman
    da € 23.950 a € 44.670
  • Mini Cabrio
    Mini Cabrio
    da € 24.500 a € 40.650
  • Mini Countryman
    Mini Countryman
    da € 25.800 a € 47.100

LE MINI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE MINI

  • Antesignana nel 1959, quando fu presentata, e per questo "mamma" di tutte le citycar moderne, la Mini segue il trend del momento e diventa elettrica. Andiamo a scoprirla al Salone di Francoforte.

  • Lo specialista inglese David Brown propone una Mini prima generazione rivista in varie parti, con un motore potenziato, un interno modernizzato e caratterizzato da materiali pregiati.

  • Lo stile diventa più semplice e mette in evidenza i due “capisaldi”: la scritta Mini e le alette laterali. Ecco in breve la storia dei loghi della marca inglese.