PRIMO CONTATTO

Volkswagen Golf: non delude neppure alla prova della strada

La nuova generazione della Volkswagen Golf conferma le doti di sicurezza e piacere di guida: anzi, sotto questo aspetto migliora, grazie al peso inferiore rispetto al modello precedente. Brillante (e, a quanto pare, poco assetato) il 1.4 turbo a benzina con disattivazione dei cilindri. Arriverà a primavera, mentre altri motori sono già ordinabili.

3 ottobre 2012
  • Prezzo (al momento del test)

    26.250  circa
  • Consumo medio

    21,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    109 grammi/km
  • Euro

    5
Volkswagen Golf
Volkswagen Golf 1.4 TSI 140 CV Highline DSG 5p
Mancava solo di guidarla

Dell'attesissima Volkswagen Golf vi abbiamo già detto tutto: mancava solo la prova per verificare se l'ultima generazione di questo autentico best seller è all'altezza delle attese. Vista su strada l'auto appare acquattata a terra (al di là delle polemiche per le molle "tirate" della GTI sullo stand parigino, leggi qui la news). Pur senza stravolgerne le proporzioni rispetto al modello precedente (l'auto ora misura 426 cm in lunghezza, 180 in larghezza e 145 in altezza), i designer del team di Walter de' Silva sono riusciti a darle un aspetto ancora più grintoso. È infatti più lunga di 6 cm, più larga di uno e più bassa di tre. E soprattutto, avendo spostato in avanti le ruote anteriori (è stato sfruttato il nuovo pianale modulare MQB, leggi qui la news), è stato allungato il cofano e arretrato l'abitacolo, danno un effetto molto dinamico.

Saliamo a bordo...

L'abitacolo della nuova Volkswagen Golf si conferma all'altezza delle aspettative per quanto riguarda la qualità dei materiali e gli assemblaggi. La posizione di guida è comoda, e i sedili sono più morbidi rispetto al passato, soprattutto nella fascia centrale (mentre i fianchetti contengono a dovere il corpo in curva). Ampie le regolazioni di seduta e volante. Dando un'occhiata attorno si notano tocchi di modernità, come il cruscotto con schermo centrale a colori, il freno a mano elettronico e la consolle leggermente orientata verso il guidatore su cui spicca il tecnologico e ben visibile navigatore Discover Pro (1.680 euro): avvicinando la mano allo schermo passa dalla modalità di visualizzazione a quella di regolazione, mostrando i tasti virtuali. Abbiamo apprezzato anche piccole attenzioni, come la leva per sbloccare il cofano motore che può essere tirata solo dopo l'apertura dello sportello del guidatore: così si evita di azionarla per errore. Tra l'altro, nel sollevare il cofano, un meccanismo pneumatico riduce lo sforzo. Tornando a bordo, si scopre che è inutile il piccolo vetro triangolare aggiunto davanti agli specchietti esterni: non migliora la visibilità, che peraltro davanti è discreta (qualche problema solo nelle svolte strette a sinistra, a causa del montante, a lato del parabrezza, molto inclinato). Dietro invece si vede davvero poco per via del lunotto poco esteso in altezza e in buona parte coperto dai poggiatesta posteriori. E i sensori di parcheggio sono a pagamento pure per la più cara Volkswagen Golf Highline: 550 euro per quelli sia anteriori sia posteriori (un difetto comune al vecchio modello, come pure lo scarso agio per le gambe del passeggero posteriore centrale: ingombrante il tunnel nel pavimento e le guide di scorrimento dei sedili anteriori). Quasi quasi conviene la telecamera, che richiede 215 euro extra e va però abbinata al navigatore Discover Pro oppure al meno caro Discover Media che, sempre per la stessa versione, richiede "solo" 805 euro.

...e partiamo

Scegliendo il sistema di accesso con chiave elettronica, il motore della nuova Volkswagen Golf si avvia premendo un tasto sulla consolle. Il rombo è molto discreto e anche in marcia la silenziosità è notevole. Notiamo sul cruscotto che ad andature modeste una scritta sottolinea che stiamo utilizzando solo due dei quattro cilindri (altrimenti è quasi impossibile accorgersene, vista l'assenza di vibrazioni): è la particolarità del nuovo 1.4 TSI da 140 cavalli con ACT: il sistema che per basse potenze richieste disattiva la metà dei cilindri permettendo di migliorarne il consumo medio dichiarato da 20 (valore di omologazione della 1.4 TSI "normale", che costa circa 550 euro in meno) a 21,3 km/litro. A proposito di consumi, come sappiamo, il ciclo di omologazione è poco severo, ma sui saliscendi della Sardegna il computer di bordo segnava dai 10,5 km/litro (sfruttando bene le doti di motore e telaio) ai 14 km/litro con una guida più attenta. Non male... Dimenticandosi di quanto costa la benzina, la nuova Volkswagen Golf sa divertire: la tenuta di strada è ottima, e quando l'Esp interviene lo fa in modo molto progressivo. Lo sterzo si apprezza, oltre che per la precisione, per la risposta lineare e per l'assenza di vibrazioni trasmesse al guidatore.

Un cambio da prendere in considerazione

Al motore di questa Volkswagen Golf non è certo la spinta a mancare, vigorosa da 1400 giri fin quasi a limitatore (poco oltre i 6000 giri), ma il cambio DSG a sette marce dà una bella mano scalando abbastanza rapidamente una o più marce quando occorre effettuare un sorpasso rapidamente. Come in passato, comunque, è nel salire di rapporto che il cambio a doppia frizione dà il meglio delle sue potenzialità, che valgono tutti i 1.900 euro di sovrapprezzo rispetto alla versione con cambio manuale a sei rapporti. Con il DSG, i passaggi di marcia quasi non si avvertono e si guadagna velocità molto in fretta: realistici gli 8,4 secondi dichiarati per lo "0-100", come pure la punta massima di 212 km/h. A proposito di velocità, anche ad andature autostradali, si apprezza l'assenza di fruscii e di rumori di rotolamento dei pneumatici della nuova Volkswagen Golf (quelli dell'auto del test erano i Pirelli Cinturato P7 da 225/45 R 17, misura che è optional, 225 euro). 

Tanta tecnologia

Alla guida della nuova Volkswagen Golf si apprezzano anche i sistemi di supporto alla guida, che però sono a richiesta. Il più utile è il cruise control con radar di distanza, che costa 545 euro (quello "normale", invece, è di serie): regola la velocità in base al traffico ed è anche in grado di fermare la vettura e farla ripartire. Unico difetto, si regola tutto dal volante, insieme alla radio e al computer di bordo: i tasti sono ampi e non molto grandi, e sulle prime rischiano di far confondere. Meno utile il sistema di parcheggio semiautomatico (725 euro, inclusi i sensori anteriori e posteriori): non ha bisogno di molto spazio oltre la lunghezza dell'auto (la casa parla di 80 cm in più), ma non consente manovre rapide come farebbe un guidatore esperto. Interessante invece il dispositivo che controlla le uscite volontarie di corsia (altri 580 euro, insieme agli abbaglianti intelligenti, che si disattivano quando si incrociano altri veicoli). Il sistema che controlla (attraverso i movimenti del volante) se il guidatore è assopito o distratto è invece di serie fin dalla versione base, la Trendline, che però non è disponibile con il 1.4 TSI da 140 CV del nostro test, che è abbinato solo alla Highline.

Secondo noi

PREGI
> Cambio. Il DSG si conferma molto sportivo e confortevole al tempo stesso.
> Motore. Vivace quando occorre e (da una prima impressione) economo nell'utilizzo più tranquillo.
> Sterzo. Convince per la precisione e la linearità di risposta. Oltre che per l'assenza di vibrazioni anche su fondi irregolari.

DIFETTI
> Quinto posto. Lo spazio in larghezza c'è, ma manca quello per le gambe: si litiga con il tunnel sul pavimento e le guide di scorrimento dei sedili anteriori.
> Tasti al volante. Sono parecchi e, quindi, non molto grandi. Non è immediato il loro utilizzo.
> Visibilità posteriore. In manovra si vede poco, e i sensori di parcheggio sono a richiesta anche per la versione più "ricca", la Highline.

> I prezzi della VW Golf

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1395
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 103 (140)/4500-6000
Coppia max Nm/giri 250/1500-3500
Emissione di CO2 grammi/km 109
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (aut.-seq.) + retromarcia
Trazione Anteriore
Freni anteriori Dischi autoventilanti
Freni posteriori Dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 4255/1790/1452
Passo cm 2637
Peso in ordine di marcia kg 1268
Capacità bagagliaio litri 380/1270
Pneumatici (del test) 225/45 R 17
Volkswagen Golf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
303
219
168
111
256
VOTO MEDIO
3,2
3.191105
1057
Aggiungi un commento
Ritratto di cry76
3 ottobre 2012 - 19:40
ottima macchina come da sempre!!
Ritratto di Gigrobot
3 ottobre 2012 - 19:55
Io per non sbagliare resterò sempre fedele a lei http://www.youtube.com/watch?v=ZH7mONQHPFk&feature=share&list=UUtsOhkaEymxbzs7exgwHzvQ
Ritratto di NicoV12
3 ottobre 2012 - 20:16
2
Di sicuro meglio il suo commento della tua spammata, almeno è pertinente. Comunque ottima macchina anche se resta comunque troppo cara.
Ritratto di Challenger RT
13 novembre 2012 - 22:03
Esattamente allo stesso prezzo si puo' comprare presso molti concessionari americani, nuova (model year 2013) un' auto da sogno. Questo dovrebbe annullare la Golf, la sua ridicola storia di utilitaria spacciata per "premium" e tutti quelli che ancora ci credono e la comprano. P.S. Non ho niente contro questo specifico modello che almeno ha una qualita': e' a benzina e non a puzzolente gasolio. Quindi se proprio qualcuno vuole comprarla, una preghiera: oltre alla vista non rovini pure l'olfatto del malcapitato che la incontrera' per strada... la scelga a benzina ... se non e' troppo di lusso!
Ritratto di Challenger RT
13 novembre 2012 - 22:14
* L'auto da sogno in questione (ovviamente benzina) ha 380 cv, 410 Nm di coppia, cambio a 6 marce, cerchi da 20", 5 posti, bagagliaio 500 litri, navigatore con schermo 8,5", sedili in pelle elettrici, fari xeno, ecc. ecc.
Ritratto di fabri99
3 ottobre 2012 - 20:26
4
Sinceramente, non trovo come sia possibile che continui sempre e costantemente a preferirla alla Giulietta: non riesco a spiegarmelo, eppure la preferisco e basta... Vien quasi il dubbio che a Wolsburg abbiano trovato la ricetta per far ripiacere sempre un'auto: sì, è sempre uguale, ma non invecchia mai e piace sempre... A dir la verità non stravedo nè per la berlina Alfa nè per quella Volks: una proprio non la gradisco(anche se è un buon prodotto), mentre l'altra... Beh, oltre ad essere sempre la stessa, non mi ha mai catturato più di tanto: solo la IV, una delle auto più riuscite di sempre a mio parere, mi catturò veramente... Peccato che la Volks faceva pure il Maggiolino: avevo occhi solo per lui! E ora la VII: la trovo, seppur minimamente, migliorata dalla VI... La IV era un po' troppo noiosetta e poi in bianco fa la figura dello "Yeti": ha occhiettini piccoli in un grosso e imponente frontalone! Pur non essendo tra i miei preferiti, gradisco anche i cerchi, le colorazioni e gli interni, molto curati... Bene se la hanno migliorata, ma forse sarebbe ora di cambiare sta golf... No?? Saluti ;)
Ritratto di NicoV12
3 ottobre 2012 - 23:02
2
Dai sintomi si capisce al volo che sei affetto da una forma ormai molto diffusa di VAGite acuta in stato avanzato. Il cervello della persona affetta ragiona in modo anomalo, pensando che lo spazio tra un pannello porta e il parafango sia di 0,5mm inferiore rispetto a quello di qualsiasi altra auto della categoria anche se così non è, facendogli credere di aver acquistato un prodotto di qualità. Inoltre, in genere, si fa abbagliare dalla lucentezza delle foto che ritraggono strani dettagli della sobria carrozzeria elaborata al computer per enfatizzarne l'idea di precisione e sobrietà ma che in realtà risulta sempre un pezzo di lamiera verniciata...la persona affetta, in aggiunta, generalmente anche dopo 3 anni dall'acquisto, quando si trova alla guida, dopo una rapida occhiata alla strada attraverso l'ultratrasparente parabrezza, con aria soddisfatta si avvicina ad una distanza di 9-10cm all'originale plancia, e ne ammira la costruzione con un errore di fabbricazione di 0,034pm convinta che ciò possa avere una qualche influenza sul consumo del motore TDI montato sull'auto. Purtroppo non credo ci siano cure, se non quella di comprare una VAGgata, tenerla per un po', per poi sostituirla con una qualsiasi altra auto e scoprire che non cambia assolutamente nulla.
Ritratto di ilpilota
4 ottobre 2012 - 13:21
Credo che sia meglio che cammini a piedi... perché sei un perfetto ignorante in campo automobilistico. Capire la qualità è un dono di natura. Poi il volgo è meglio che rimanga quel che è!
Ritratto di fabri99
4 ottobre 2012 - 14:51
4
.
Ritratto di mattias93
4 ottobre 2012 - 14:57
Ma falla finita ahah ecco l'intenditore
Pagine