Audi contro Qoros, niente “Q”

18 febbraio 2013

L'Audi fa causa alla cinese Qoros per impedire l'utilizzo della lettera “Q” nel nome dei modelli.

Audi contro Qoros, niente “Q”

LA “Q” NON SI TOCCA - La Qoros, società mista tra Chery Automotive e Israel Corporation con ambizioni di prodotto di qualità a diffusione globale, riceve uno stop dal tribunale di Amburgo, dove l'Audi si era rivolta per tutelare l’uso della lettera “Q” all’interno delle denominazioni dei modelli. Una prima sentenza, che peraltro sembra sarà impugnata dalla Qoros, concorda con la tesi di Audi, che difende l’immagine e l’originalità della propria gamma che, al momento comprende le sport utility Q3, Q5 e Q7, ma è destinata ad allargarsi ai numeri pari. 

NIENTE PIU’ GQ - Non ha apprezzato la Qoros che basava la Q per l’identificazione dei propri modelli, con la prima berlina che esordirà a breve a Ginevra, chiamata appunto GQ3 (foto qui sotto; nella foto sopra il protipo della crossover Cross Hybrid). Ribattendo di aver avvisato da tempo Audi di questo utilizzo. Comunque, cinesi o israeliani, non potranno usare la “Q”, secondo il tribunale. E le comunicazioni della Qoros per il Salone di Ginevra già non riportano più la “Q” incriminata.   
 
 
ELEMENTO PROTETTO - Il tribunale ha accolto le ragioni dell'Audi, che da anni ha una linea di prodotti contraddistinti da quella lettera. Da Ingolstadt hanno dichiarato: “La Q è un elemento protetto della nostra gamma e non può essere utilizzato da altri”. Mentre secondo il responsabile del design della Qoros, Gert Hildebrand, replica dalle colonne del quotidiano Die Welt i costruttori europei “diventano ogni giorni più nervosi e cercano di bloccarci come possono, ma avremo un grande successo a Ginevra”. 
 
NON SOLO I CINESI - Sembra che tutti vogliano la lettera “Q”: c’è chi rileva come la Toyota non abbia avuto problemi con la piccola “iQ”, mentre la Infiniti ha appena annunciato che la nuova gamma sarà incentrata sulla lettera Q. E la prossima berlina Q50 è già uscita in America e in arrivo a breve per l’Europa. Allora i cinesi no e gli altri sì?
 
Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
18 febbraio 2013 - 20:22
Però Q3 Q5 e Q7 sono proprio i nomi di modelli Audi, quindi registrati. E' giusto così. Anche la Fiat in Giappone ha dovuto vendere la Bravo col nome di Bravissimo e in Australia col nome di Ritmo, perchè il nome Bravo era registrato per un modello Mazda
Ritratto di fabri99
18 febbraio 2013 - 21:00
4
Va bene Bravo per Fiat, esisteva già, ma GQ3 è diverso da Q3! Che vogliono, scusate?! Allora non si potrà mai più usare un 3 per un'auto, come la C3, perchè c'è già la A3?! Un conto è se si chiamano uguali, un conto se usano alcune lettere uguali... E poi, perchè non dite niente ad Infiniti...?! La loro Q50! E perchè non fate causa a Suzuki, la loro piccola fuoristrada SX4 potrebbe essere confusa con la S4, la sportiva Audi! E, leggendo l'articolo, compare la iQ...! Sembra strano che all'Audi si sentano minacciati dai cinesi, so che i francesi volevano inserire i dazi doganali contro i coreani, ma quella è concorrenza diretta... Poi giustamente i coreani si sono difesi dicendo di produrre anche in Turchia, ma non capisco perchè Audi abbia paura dei cinesi... O forse sì... E' puro autolesionismO: così dimostrano di avere paura dei cinesi e dimostrano che secondo loro, i cinesi potrebbero batterli, per questo mirano ad affondarli... Beh, sinceramente, spero affondino loro, se lo meritano...! Mi scuso con tutti gli utenti del sito, ma queste cose mi danno davvero sui nervi... Saluti ;)
Ritratto di clips12
18 febbraio 2013 - 21:37
Concordo in pieno, in Germania la cara Audi si sta rendendo ridicola e con la complicità di un tribunale (tedesco), difesa della propria linea o paura ???, io sono per la seconda, non perchè in germania si preoccupino troppo del modello che sta per arrivare questo no, si preoccupano di un esercito imbattibile una volta maturo....i cinesi in tutti i campi dove si sono cimentati sono diventati leader di mercato con il tempo (il tessile è l'esempio maggiore ma non il solo), questo vale anche per gli altri costruttori ovviamente ma in germania da primi della classe sel a fanno sotto per primi ??, no sono solo più lungimiranti di altri e si attaccano a tutto per cercare di smontare un nemico adesso giovane ed attaccabile ma che una volta divenuto adulto non si potrà più controllare.
Ritratto di fabri99
19 febbraio 2013 - 17:40
4
Ho sentito anche Kia lamentarsi perchè Qoros è simile a Quoiros o qualcosa del genere, ovvero la Cadenza fuori dal giappone... Comunque, niente contro Audi, trovo la paura di Kia non così specchio della loro paura: cioè, Kia, costruttore di auto abbastanza economiche, ma non low cost, può essere spaventata dalla avanzata attuale cinese, anche se non è giustificabile... Ma se anche Audi a paura, dimostra solo che non vogliono far diventare i cinesi ai loro livelli, ma, se cercano di minarli, vuol dire che ne vedono la possibità... Poi ognuno la pensi come vuole, io non avrei nè fatto ricorso da parte di Audi, nè dato ragione ad Audi da parte del giudice... Ciao ;)
Ritratto di porsche 356
19 febbraio 2013 - 16:39
Con un pò di calma prova ad andare più a fondo del problema. Non sono Audifan ma domani non saranno solo loro a cercare riparo da una concorrenza sleale non sui nomi ma sui costi. E se anche per le auto avranno successo, avremmo qualche problema di occupazione come è successo in tanti settori.(il tessile è stato l'inizio della chiusura di tante fabbriche) vivo vicino a Prato e quindi non oso immaginare chi vive vicino alle fabbriche di auto cosa succederà. Non comprerò auto cinesi anche se costeranno la metà delle concorrenti.Calma e sangue freddo.
Ritratto di gilrabbit
20 febbraio 2013 - 16:15
Li avete fatti venire, li avete sfruttati e con il benestare del partito padrone da quelle parti li avete agevolati in tutti i modi e ora? Ora voi che eravate i padroni degli stracci nel mondo diventerete garzoni. E' la storia ciclica dell'umanità che si ripete e oggi i più furbi sono i cinesi mentre noi zitti zitti con il vaticano in testa a predicare buonismo lo abbiamo preso in quel posto. W l'Italia
Ritratto di EasterRuben
18 febbraio 2013 - 21:35
la Q vicino al 3, riporta subito alla Q3. Qualche anno fa alla Fiat è stato vietato di chiamare la Panda "Gingo" perché ricordava Twingo...
Ritratto di NicoV12
18 febbraio 2013 - 21:52
2
E' giusto così. In questo caso il nome non è proprio uguale, però Audi fa bene a impedirlo e fanno bene tutte le case, in generale, a farlo. Anche lo "0" tra 2 cifre è marchio depositato Peugeot nonostante sia solo una banale cifra. D'altronde se non hai fantasia e affianchi l'iniziale del marchio a un numero, se qualcuno lo ha gia fatto prima di te, fai uno piccolo sforzo e cerchi un altro nome. Non ci vedo nulla di strano.
Ritratto di fabri99
19 febbraio 2013 - 17:53
4
Senza offesa Nico, ma mi sembri ingenuo... Lasciando stare che a mio parere Q3 e GQ3 sono diversi, NON C'E' NIENTE DI STRANO?! Davvero non ti sei chiesto:"PERCHE' AUDI SI E' PREOCCUPATA DEI CINESI CHE USANO Q NEL NOME COME INFINITI E TOYOTA MA AI GIAP. NON DICE NULLA?!" Davvero non ti sembra abbiano paura dei cinesi e tentino di minarli finchè sono in tempo?! Sono io il solito che pensa male di tutti?! Ciao ;)
Ritratto di NicoV12
19 febbraio 2013 - 18:36
2
Hahahaha Ma tu pensi davvero che questo sia la strategia che Audi ha usato per fermare la Qoros? Obbligandoli a cambiare il nome di un modello? Non stavamo parlando di ingenuità? Oh no, adesso dobbiamo cambiare nome alla GQ3!! Come faremo!! Siamo spacciati!! Ora chi le comprerà più le nostre affermatissime auto e ricche di know-how senza più la scritta GQ!!! Basta ci arrendiamo, Audi ha vinto, con questa mossa ci ha spiazzato, l'Europa non fa più per noi. Hahahah ma ti pare? E' una banale lite tra una casa che ha la fantasia sotto le scarpe (Audi) chiamando i propri modelli con le iniziali del marchio affiancata da un numero, e una casa che viene dal paese dei plagi. Quindi non ci vedo nulla di strano. Anzi, mi sono stupito del fatto che Audi li abbia addirittura "avvisati" per tempo, da VAG mi sarei aspettato che una volta che la Qoros avesse portato le GQ3 a Ginevra, dopo il salone, Audi li avrebbe portati in tribunale facendosi pure pagare profumatamente. Poi dici perchè ai giapponesi non dice nulla? Primo, perché non copiano le auto, secondo perché la Q compare in un modello, non di certo per un'intera gamma come la Quoros.
Pagine