NEWS

Gruppo Volkswagen: più elettriche di Tesla entro il 2025?

Pubblicato 16 febbraio 2021

Secondo gli analisti, il Gruppo Volkswagen è destinato a superare la casa americana nella vendita di auto elettriche. E non teme l’auto della Apple.

Gruppo Volkswagen: più elettriche di Tesla entro il 2025?

INIZIO PROMETTENTE - Il Gruppo Volkswagen ha profuso molte risorse nello sviluppo dell’auto elettrica. Investimenti a lungo termine che stanno già dando i loro frutti. E non è di certo un caso se la compatta Volkswagen ID.3, la prima auto a batteria costruita sulla specifica piattaforma MEB, sia risultata la terza elettrica più venduta in Europa (54.000  unità, qui per saperne di più) nonostante un lancio avvenuto nel mese di settembre 2020.

PREVISIONI DI CRESCITA - Performance che non hanno di certo stupido gli analisti, i quali prevedono che il Gruppo Volkswagen, entro i prossimi cinque anni, possa superare la Tesla e diventare così il più grande costruttore al mondo di auto a batteria. Secondo la società di analisi LMC, entro il 2025, la quota di mercato globale della Tesla dovrebbe scendere dall’attuale 20 al 10%. Congiuntamente viene prevista una crescita della quota del Gruppo Volkswagen dal 10 al 15%. La Tesla, dovendo far fronte a una sempre maggiore concorrenza, non solo del Gruppo tedesco, che oltre alla ID.3 potrà contare anche sulla suv ID.4, ma anche di BMW, Ford, Toyota e Mercedes, non sarà così dominante come adesso.
  
26 MILIONI IN 10 ANNI - Entro il 2030, il Gruppo Volkswagen prevede di aver costruito un totale di 26 milioni di auto elettriche in tutto il mondo, di cui 19 milioni basati sulla piattaforma MEB, e i restanti sette milioni sulla piattaforma PPE (Premium Platform Electric) ad alte prestazioni.

NON TEME LA APPLE - In questo mercato di auto elettriche in costante crescita non è escluso il debutto di alcune grandi aziende provenienti dal mondo dell’elettronica. Come ad esempio ad Apple, il cui progetto di progettazione di un’auto sembra proseguire, che ora sta cercando a chi affidare la produzione (tra i papabili Hyundai-Kia, Magna e Foxconn). Secondo il ceo del Gruppo Volkswagen, Herbert Diess, l’approdo della Apple è piuttosto logico, poiché la compagnia di Cupertino, oltre che su un’ingente somma di capitali, può contare su specifiche competenze in ambito software e batterie. Nonostante ciò, in un’intervista rilasciata a Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung, il ceo tedesco sostiene di non temere l’ingresso di Apple. Diess prevede una crescita delle competenze del Gruppo Volkswagen in ambito software, così da poter competere al meglio anche con le agguerrite aziende tech, che si stanno concentrando anche sulla guida autonoma.





Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
16 febbraio 2021 - 19:11
Pare strano pure che si debba parlare di confronto fra quello che è alternativamente primo o secondo gruppo automobilistico al mondo, ed un marchio "neonato". Questo per far capire il lavoro straordinario a livello di immagine svolto da Musk. Ad oggi non ci sono modelli confrontabili, ma sarà interessante quando si arriverà allo "scontro diretto".
Ritratto di zioesse
16 febbraio 2021 - 20:46
Forse però che in molti a pratire dai pro tesla non si aspettavano una rimonta così immediata. fino a qualche settimana fa si spicciava il tutto ancora con le solite cose che bisognava temere l’attacco delle cinesi da parte degli europei e ad tesla nemmeno la si metteva in campo in queste dispute ritenendola troppo al di sopra. insomma una doccia fredda da quando sono usciti i numeri della id3 di dicembre
Ritratto di zioesse
16 febbraio 2021 - 20:52
È vero la model 2 poi sarebbe un ottimo contratacco numerico ma se ne parla da pochissimo come modello mentre siamo ancora in attesa della nuova roadstser che non si vede e la cybertruck non si sa neanche quando cosa. ora che i grandi hanno iniziato a ingranare i tempi diciamolo lunghi di tesla potrebbere essere un problema non inrrilevaente e che probabilmente avrà anche inciso sulla stima di sorpasso che parla l’articolo
Ritratto di FlavioD
16 febbraio 2021 - 21:08
Questa è tutta bravura di Musk, della Model 2 non sapevamo niente fino a 6 mesi fa e tutt'ora ne sappiamo poco, se non che costerà meno della 3. Eppure ne stiamo parlando. Ed è proprio questo il trucco, "purché se ne parli..".
Ritratto di mondoka
17 febbraio 2021 - 06:44
In fase di lancio del brand era più concepibile creare e prolungare suspance facendo parlare di sé. Ora che è al vertice fra gli elettrici gli annunci 'faremo' che si perdono nella memoria fanno molto Fca. E non è ovviamente un complimento, danno un'impressione di poca concretezza e di procedere in maniera ancora piuttosto casuale, non da primi della classe anche se guardando i numeri primi lo si è.
Ritratto di FlavioD
17 febbraio 2021 - 08:55
Condivido la tua visione anche se la mia spiegazione è che a loro non interessa tanto il concetto espresso, ma, appunto, che venga espresso. Se ci fai caso, io l'ho fatto l'altro giorno, ogni due tre giorni esce una dichiarazione di Elon Musk che fa discutere, nel bene o nel male. Ieri è uscita quella sulle batterie del Semi da 500kWh. Insomma, sempre nell'ottica del purché se ne parli.
Ritratto di Bacca
18 febbraio 2021 - 17:56
@FlavioD se ne parlerà pure, però le macchine alla fine vanno vendute, sennò si fa la fine di alfa romeo "grande macchina, grande macchina!!" e poi ci sono i piazzali pieni ma le strade vuote
Ritratto di Clementina Milingo
17 febbraio 2021 - 09:16
se vogliono battere Tesla sui numeri considerando che la gamma parte dalla Up! elettrica possono farcela, se pensano di battere Tesla solo sul suo campo (auto di un certo livello) la vedo molto dura. La Model 2 sarà comunque un'auto crossover da 4.45 metri di lunghezza, cioè tipo una Subaru XV. Le nuove Model S e X con le versioni PLAID sono sopra l'offerta Audi, Porsche ecc e presto riprenderanno a vendere come facevano fino a un paio d'anni fa (quando la model S vendeva più della A8) La Roadster 2 è un modello di nicchia visto che si parla di 250.000€ di base ma comunque contano di venderne 10.000 all'anno (tutta la produzione Ferrari) Cybertruck e Model Y a pieno regime dovrebbero fare 600.000 e 1 milione di unità all'anno rispettivamente. Volkswagen può fare anche 20 carrozzerie diverse "per far numero" ma non farà molti "Utili" in questo caso.
Ritratto di Oxygenerator
17 febbraio 2021 - 12:00
@ Clementina Milingo Io farei attenzione a dar via la pelle dell’orso. I tedeschi han dimostrato nella loro storia, di essere coriacei e a livello industriale, di essere flessibili e adattabili. Tesla magari ha ragione lei, vincerà a mani basse, ma attenzione, perchè, volks si è molto radicata nei mercati che ha aggredito e molti europei, al di là di qualche “ patriota “ la sentono di “famiglia”, perchè vi si sono abituati negli ultimi 50 anni. Aspetto da non sottovalutare.
Ritratto di mondoka
17 febbraio 2021 - 14:24
La e-Up ! sembra che non è più disponibile. ID.3 forse no ma ID.4 non sarà tanto lontana dai prezzi della M3 che è l'unico vero bestseller di Tesla. A livello di gruppo Taycan già vende più della MS in EU.
Pagine