Suzuki Swift 1.6 16V VVT Sport GL 3p

Pubblicato il 23 agosto 2009
Qualità prezzo
0
Dotazione
0
Posizione di guida
0
Cruscotto
0
Visibilità
0
Confort
0
Motore
0
Ripresa
0
Cambio
0
Frenata
0
Sterzo
0
Tenuta strada
0
Media:
0
Perché l'ho comprata o provata
Comprata perchè cercavo una vettura sportiva ma con costi di gestione non elevati. Ho trovato nella Swift Sport la risposta a quanto cercavo: 125CV di potenza, peso sotto i 10 quintali, cambio sportivo e un buon telaio. Inoltre, dopo aver avuto già 2 Suzuki in famiglia, ero sicuro dell'affidabilità del marchio.
Gli interni
Cruscotto costruito con plastiche di qualità appena sufficiente ma comunque ben assemblato, mostra a chi si siede alla guida, un cruscotto semplice e minimalista, accompagnato però da tutto quello che serve a una macchina di questa fascia: clima automatico, stereo cd-mp3 con comandi al volante, alzacristalli elettrici, regolatore intermittenza tergicristalli, regolazione altezza fari e altri piccoli dettagli. Ottimi i sedili, di indole decisamente corsaiola, integrano il poggiatesta allo schienale, e sfoggiano un abbinamento seduta rossa- fianchi neri, accordati da cuciture rosse che esaltano lo spirito sportivo della pepata di casa Suzuki. Le stesse cuciture rosse si ritrovano sulla corona del volante in pelle e sulla cuffia del cambio, sempre in pelle e di buona qualità. A completare il "kit sportivo" ci pensa una pedaliera in alluminio con inserti in gomma per garantire un ottimo grip, particolari argento sulle 3 razze dello sterzo e colorazioni sempre dello stesso colore per gli inserti sulle portiere. Nota dolente il bagagliaio, di piccole dimensioni anche se profondo.
Alla guida
Solo guidando la piccola sportiva di casa Suzuki si può però capire con cosa abbiamo a che fare. Guardando l'auto da fuori si scorgono delle piccole appendici sul paraurti anteriore, accompagnate da una generosa griglia nella parte centrale. Dietro risalta sicuramente il doppio scarico, con finalini cromati e ben proporzionati, e un alettone correttamente dimensionato al resto della macchina. A dare il tocco finale di sportività ci pensano i 4 cerchi multirazza da 16 pollici, gommati con pneumatici 195-50 (in opzione si può avere pneumatici 195-45 con cerchi da 17 pollici). Appena saliti a bordo e seduti sugli avvolgenti sedili, si rimane sicuramente stupiti della presenza del keyless su una macchina di questo segmento e con questo prezzo. Possiamo quindi tenere il telecomando anche in tasca e girare la "finta chiave" per dar vita al 1.6 che trova posto sotto il cofano anteriore. Da qui in poi si può scegliere il carattere della Swift che vogliamo. Perchè il motore, un 1.6 16v aspirato con 125 CV a 6800 giri/minuto, permette di mantenere velocità basse con marce alte, ovvero si può tranquillamente viaggiare a 50-60 km/h in quinta marcia senza affaticare il motore e avendo una risposta sufficientemente pronta del pedale del gas. Con un utilizzo quindi parsimonioso della macchina, senza superare quindi i 3500 giri al minuto e utilizzando prevalentemente marce alte, si riescono a mantenere medie nell'extraurbano che superano abbondantemente i 14 km/l. Ma la versione Sport non è nata per essere una macchina economica, ma bensì per divertire e togliere diverse soddisfazioni nella guida nonostante un investimento relativamente basso. Ed è quindi dopo i 4000 giri che il motore della Swift cambia "personalità": lo scarico, nonostante sia ovviamente omologato, rende "giustizia sonora" alla spinta generata dai 125 cv, il cambio, con rapporti tendenzialmente corti, esalta la redditività del propulsore. La dimostrazione che stiamo parlando di un un cambio sportivo, è che in 5 marcia si raggiunge la velocità max solo al momento in cui entra in funzione il limitatore elettronico di giri motore. Si paga però questa sportività del cambio nei viaggi autostradali, in quanto a 130 km/h si viaggia già oltre i 4000 giri al minuto, penalizzando il confort e i consumi. Dalla versione normale si differenzia anche per il telaio, rinforzato nei punti critici, per un sistema frenante che presenta dischi all'anteriore (autoventilati) e al posteriore, ammortizzatori rinforzati e assetto ribassato ci circa 10 mm. Altra carattistica della Swift Sport, che non tutte le altre sportive di questo segmento propongono, è un "kit sicurezza" di tutto rispetto: cinture di sicurezza con pretensionatore, 6 airbag, abs e esp+asr (controllo di stabiltà + controllo di trazione). Anche in questo fattore si nota però l'indole sportiva della macchina. L'esp infatti è stato concepito per non essere invadente, permette piccoli "sovra" e "sotto" sterzi prima di intervenire. Come nella maggior parte della autovetture l'esp + asr può essere disinserito completamente con un apposito pulsante, ma una funzione che caratterizza la piccola Giapponese è che, in automatico, disinserisce il solo controllo di trazione (mantendo quindi quello di stabilità) quando si "accorge" che stiamo forzando l'andatura. Un ottimo compromesso quindi tra prestazione e sicurezza. Insomma tante virtù, ma anche qualche difetto. La seduta per uno alto oltre il metro e 85 cm, non permette una regolazione ottimale del sedile, in quanto rimane cmq sempre troppo vicino al volante.. Le plastiche, di materiale economico, scrichiolano un pò, anche a causa di un assetto di serie abbastanza rigido. Lo schienale posteriore non è sdoppiabile (come invece si trova sulla versione 1.3). Oltre a ciò potrebbe poteva essere utile un cambio a 6 marce, con una 6° di "riposo". Magari veniva meno allo stile sportivo ma permetteva di utilizzare l'auto anche per i viaggi un pò più lunghi senza essere costretti a viaggiare in autostrada oltre i 4000 giri. Anche se non è un difetto vero e proprio, la misura dei pneumatici scelta dalla Suzuki è abbastanza particolare e poco diffusa. Il risultato è che i pneumatici costano di più rispetto anche ad un modello più sportivo (se fossero state 195-45 il risparmio e la possibilità di scelta del modello erano maggiori). La cosa diventa ancor più penalizzante se si scelgono le 195-45r17: attualmente solo un paio di case produttrici di pneumatici le producono. Sul modello sport non è inoltre presente la ruota di scorta, la mancanza è compensata da un kit di riparazione-gonfiaggio. In particolare sulla mia Sport, non ho avuto alcun problema importante se non un paio di difetti (guide del sedile e dei cristalli anteriori da sostituire) comunque accettabili per una vettura di questa fascia di mercato.
La comprerei o ricomprerei?
Si, in quanto in quasi 30mila km si è dimostata una vettura concreta, meno appariscente di altre piccole sportive di questo segmento ma forse più "sincera".. Alcuni piccoli difetti non fanno altro che evidenziare il caratterere sportivo della macchina, progettata e costruita più per la guida sportiva che quella turistica. I 125 cv sono più che sufficienti per garantire buone prestazioni, assicurate anche da un buon telaio e un comportamento mai brusco anche nelle situazioni "al limite". Detto con parole semplici, si può definire la Swift Sport una macchina adatta a chi preferisce la sostanza all'apparenza..Senza troppe cromature o appendici appariscenti, ma sicera e valida se messa alla prova su strada o, meglio ancora, in pista.
Suzuki Swift 1.6 16V VVT Sport GL 3p
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
0
0
0
0
VOTO MEDIO
5,0
5
1
Aggiungi un commento
Ritratto di Jacopo Rossi
16 ottobre 2009 - 11:11
bella macchina...i giapu sanno far andar forte le macchine...
Ritratto di alexan
22 ottobre 2009 - 17:47
soprattutto se si ha voglia di fare qualche modifica si ottengo buoni risultati con spese abbastanza contenute.. La mia adesso ha circa 140/145 cv e sfiora gli 8mila giri al minuto.. insomma un pò più vitalizzata rispetto al modello di serie, che comunque non se la cava male!
Ritratto di Oscar
30 dicembre 2009 - 11:05
dimmi 1 cosa, il cambio ha sempre 5 marce alexan?
Ritratto di SAUZER75
20 luglio 2010 - 12:21
Un bel giocattolino. Complimenti per la recensione, io la prenderei come seconda auto di famiglia, sarei piu' propenso alla 4x4 per la montagna. ciao
Ritratto di alexan
7 ottobre 2010 - 20:04
si si sempre 5 marce..
Ritratto di michaelgti
30 maggio 2011 - 16:13
sei andato a fare rally?
listino
Le Suzuki
  • Suzuki Swift
    Suzuki Swift
    da € 13.990 a € 21.190
  • Suzuki S-Cross
    Suzuki S-Cross
    da € 18.990 a € 29.790
  • Suzuki Ignis
    Suzuki Ignis
    da € 14.200 a € 19.350
  • Suzuki Vitara
    Suzuki Vitara
    da € 20.980 a € 28.890
  • Suzuki Baleno
    Suzuki Baleno
    da € 14.100 a € 18.100

LE SUZUKI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE SUZUKI

  • Aggiornamento di metà carriera per la quarta generazione della Suzuki Vitara. Interessante sopratutto il debutto del 1.0 turbo a benzina da 112 CV che va ad affiancare l’1.4 da 140 CV e l’1.6 Diesel da 120.

  • Un solo allestimento, Top, ben accessoriato. Un solo motore, benzina. Un aspetto che non tradisce le sue origini di piccola regina del fuori strada. Ecco la nuova Suzuki Jimny.

  • La quarta edizione della Suzuki Jimny ha simpatiche forme squadrate, e in off-road non si ferma di fronte a nulla. Qui per saperne di più.