Lamborghini Gallardo Coupé 5.2 V10 LP 570-4 Superleggera

Pubblicato il 15 marzo 2014

Listino prezzi Lamborghini Gallardo Coupé non disponibile

Ritratto di Mattia Bertero
alVolante di una
Kia Stonic 1.0 T-GDI 120 CV Energy
Lamborghini Gallardo Coupé
Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
5
Cruscotto
3
Visibilità
3
Confort
5
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.5833333333333
Perchè l'ho comprata o provata
Ciao a tutti. Mia morosa mi ha regalato lo Smartbox "passioni e motori" e ho scelto di provare la Gallardo al autodromo di Castelletto di Branduzzo, in provincia di Pavia. Una bella esperienza.
Gli interni
Innanzitutto la Gallardo che mi hanno affidato alla guida è la Superleggera gialla come quella della foto che ho messo. Apro lo sportello e mi ritrovo un abitacolo molto basso ed infatti, quando mi siedo, a momenti ci pianto una craniata al bordo del tettuccio. Mi siedo e mi guardo intorno, l'abitacolo è di una vera sportiva, ci si siede molto in basso e molto infossati, con il sedere che rasenta l'asfalto, il tutto però, quando si trova le regolazioni giuste del sedile, risulta molto comodo anche se la mia gamba sinistra ho dovuto metterla un pò alta da una parte visto che non c'è il comando della frizione. Volgendo lo sguardo verso la plancia centrale mi viene in mente una parola sola: AUDI. La disposizione dei tasti e dei vari comandi mi ricorda troppo gli interni delle Audi (la parentela si vede). Davanti a me mi compare un volante compatto con dietro le palette del cambio sequenziale, Il gruppo del contachilometri è analogico mentre un piccolo schermo in mezzo mi indica la marcia inserita, i dati del computer di bordo e i dati dell' accellerazione laterale in G quando si è in marcia. La visibilità è buona solo in avanti, ai lati è molto compromessa dalla forma della macchina e il lunotto posteriore praticamente inesistente per via della presenza del motore. La plancia è costituita da ottimi materiali costruttivi. Una cosa: ci sono tanti "confort" di automobili di tutti i giorni a dispetto della natura che l'auto vuole dimostrare, a dimostrazione appunto che la Gallardo non è proprio una sportiva purissima come la Ferrari del resto.
Alla guida
Premetto subito che per il test, che è durato in tutto due giri, sono stati attivati tutti i vari controlli di stabilità che si potevano azionare per cui la guida era molto controllata dall'elettronica. Inoltre prima ho fatto altri due giri da copilota su un SUV Volvo per conoscere il circuito. Ciò non toglie che io non mi sia molto divertito alla guida, anzi. Per iniziare il mio copilota istruttore mi spiega i vari comandi e in che modo reagiscono con le mie reazioni di guida. Ingrano la Prima con la paletta di destra e do' un filo di gas per tastare la sensibilità del pedale. Dai box mi immetto in pista. Il primo giro lo uso per capire un minimo la macchina con cui ho a che fare: il volante risulta molto diretto e reattivo tanto che dovevo stare attento a non curvare troppo, il pedale del freno risulta molto sensibile e basta una minima pressione in più per inchiodare molto forte. Durante il giro imparo i vari punti di frenata, punti di corda delle curve. Il circuito di Castelletto di Branduzzo risulta molto tecnico, con una sequenza di curve da raccordare a dovere per tenere la traiettoria, con l'aggiunta di tre piccoli rettilinei per prendere un po' di velocità. Taglio il traguardo ed inizia il secondo giro ed l'istruttore mi invita a spingere. Così faccio e scopro un po' la Gallardo. Per via della trazione integrale la tenuta di strada è ottima e ti dà una bella sicurezza al volante. Nei rettilinei scopro l'accellerrazione, spaventosa che ti spinge la schiena sul sedile ma controllata. Il cambio sequenziale risulta abbastanza reattivo anche accusa un leggero ritardo in inserimento ed in scalata di marce. Imparo ad avere confidenza con la macchina ma il giro è già finito e devo rientrare ai box. E qui inserisco un ma: il tutto l'ho trovato molto facile da guidare (di sicuro per colpa dei vari controlli di stabilità), e le sensazioni di guida, di sicurezza, di impostazioni della guida mi hanno molto ricordato la mia Polo che guido tutti i giorni (con moltissimi cavalli in più s'intende...). Una guida da gruppo Volkswagen per intenderci.
La comprerei o ricomprerei?
La riproverei subito ma, in questa esperienza, ho conosciuto solo un piccolo aspetto della Gallardo (quello se vogliamo abbastanza docile) che volevo condividere con voi utenti. Inoltre ho trovato grande professionalità degli addetti al lavoro, molto cordiali e sempre disponibili a dare consigli su ogni cosa. Una bella esperienza quella degli Smartbox da provare almeno una volta nella vita. Mi sono molto divertito. Si tratta sempre di una sportiva con le palle....
Lamborghini Gallardo Coupé 5.2 V10 LP 570-4 Superleggera
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
3
2
0
1
VOTO MEDIO
4,5
4.45
20


Aggiungi un commento
Ritratto di fabri99
20 marzo 2014 - 21:06
4
Sono davvero una bella idea questi smartbox, sono d'accordo con te... Anche se dubito che ci sarà mai dentro una Huayra, non è che una Gallardo o una F430 mi facciano schifo, anzi... Complimenti ancora per la prova e anche per la scelta dell'auto, ottima supercar...
Pagine
listino
Le Lamborghini
  • Lamborghini Urus
    Lamborghini Urus
    da € 227.083 a € 230.743
  • Lamborghini Huracán Spyder
    Lamborghini Huracán Spyder
    da € 214.522 a € 247.523
  • Lamborghini Aventador Roadster
    Lamborghini Aventador Roadster
    da € 383.060 a € 472.698

LE LAMBORGHINI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE LAMBORGHINI

  • Il designer di una delle supercar più iconiche di sempre parla di quella che forse è la sua creazione più famosa. Qui per saperne di più.

  • Quali sono i "segreti" della nuova Lamborghini Sián e del suo powertrain ibrido? Lo abbiamo chiesto al responsabile tecnico dell'azienda di Sant'Agata al Salone di Fracoforte 2019.

  • Si aggiorna la Lamborghini Huracán, dotata di un motore V10 da 640 CV e delle ruote posteriori sterzanti. Al Salone di Ginevra debutta anche la versione scopera.