Lotus Exige Coupé 260 RGB

Pubblicato il 11 settembre 2010
Qualità prezzo
5
Dotazione
3
Posizione di guida
5
Cruscotto
3
Visibilità
2
Confort
3
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.1666666666667
Perché l'ho comprata o provata
La vettura è stata provata per motivi professionali ma non ho saputo resistere all'ottima idea di un giornale di successo quale AL VOLANTE che, anticipando i tempi rispetto ad altri editori, consente ai propri lettori, ma anche a pubblicisti e addetti ai lavori, di raccontare le proprie esperienze reali di guida e di esprimere le proprie opinioni tramite prove su strada condotte sotto il punto di vista del guidatore imparziale o dell'appassionato di un marchio. Io faccio parte della seconda categoria ma del resto sono convinto che la Lotus Exige 260 RGB troverà non pochi estimatori. La ricetta è semplice ma efficace: prendi una Exige Cup 260, la performante supersportiva nata per le gare, e rendila più comoda, più silenziosa, più lussuosa con un buon compromesso tra comfort per l’utilizzo quotidiano e sportività assoluta. Il risultato è sorprendente , la sensazione è di guidare una Exige Cup 260 più comoda e più adatta all'uso quotidiano. La Lotus ha dedicato diverse attenzioni nella costruzione di questa variante. Le prestazioni sono incredibili ma il lavoro di insonorizzazione effettuato nell’abitacolo e all’interno dei pannelli in composito regala un piacere di guida diverso se non superiore almeno per i miei gusti personali. Si accelera da 0 a 100 km/h in appena 4,1 secondi e con un peso a vuoto di 887 Kg a vuoto (Circa 935 Kg in ordine di marcia e con pieno di benzina) la Exige RGB raggiunge la potenza specifica di ben 300 CV/tonnellata . Divertitevi con calcolatrice alla mano a calcolare questo valore su altre vetture dividendo la potenza in cavalli per il peso e ne vedrete delle belle. Vediamo in dettaglio cosa cambia rispetto alle versioni di serie: La meccanica: sotto il vestito la RGB è una Exige Cup a tutti gli effetti privata del sistema antincendio e dell’interruttore inerziale meccanico) ma la potenza di 260 cv regala tanta potenza e tanta coppia in più. Alcune componenti sono in composito come il tetto sono in materiale composito e non in fibra di carbonio. Tuttavia la taratura della centralina del motore T4e di questo modello 2011 (le vetture RGB hanno la lettera “B” tra i numeri del telaio che identifica il modello 2011) è stata ulteriormente ottimizzata consentendo migliore erogazione. Tra le caratteristiche troviamo iniettori più grandi, pompa del carburante ad alta capacità e il doppio radiatore dell’olio anteriore per agevolare l’uso prolungato in circuito. Diversa anche la barra antirollio del tipo regolabile. Il telaio è stato ulteriormente irrigidito grazie ad un Roll Bar speciale denominato BS4 T45 realizzato in un acciao speciale e che integra la barra trasversale per le cinture a 4 punti e la predisposizione degli attacchi per l’eventuale gabbia di sicurezza (utilissimo a coloro che intendono in futuro omologare la vettura per le competizioni) Freni: sono gli stessi della versione Cup,servo assistiti a 4 canali con Abs: l’effetto frenante è incredibile grazie al sistema AP/Racing con pinze a 4 pistoni e ai dischi anteriori da 308 mm con pattini dei freni speciali. Trasmissione: l’ottimo cambio a 6 rapporti ravvicinati si avvale ora della frizione maggiorata della versione Cup, più grande e più resistente al calore per l’utilizzo prolungato in pista. L’esterno : poche le differenze , si nota la presa dell’aria al tetto più grande, i decals RGB sulle fiancate ed il bellissimo logo Lotus monocromatico in nero e argento che richiama le vetture costruite ad Hethel negli anni 70. I diffusori sono in nero satinato per esaltare le tante prese d’aria e un attenzione particolare va alle bellissime ruote forgiate ultraleggere che accentuano ancora di più l’immagine da vettura da corsa. In conclusione la Exige RGB è destinata a rimanere forse la migliore delle Exige, non solo per le prestazioni superiori ad ogni altra Lotus stradale costruita fino ad oggi o per il fascino della serie speciale costruita in poche unità (in Italia ne arriveranno circa 10),ma perché è il compromesso giusto per chi desiderava una Exige Cup e rimpiangeva quel pò di comodità appena lasciato il circuito. Per gli irriducibile dei circuiti e dei track day si può trasformare facilmente in una versione Cup omologandola per le competizioni aggiungendo semplicemente il sistema anti incendio, l’interruttore inerziale meccanico e all’occorrenza la gabbia protettiva omologata FIA. Di positivo c’è che se desideri uscire con la tua dolce metà non dovrai farla sedersi sull’estintore e la vettura consente spostamenti anche lunghi con maggior comfort. Dicevamo che è più silenziosa dentro ma per chi desidera non passare ulteriormente inosservato, o desidera far girare le teste dei passanti prima che la vedano sfecciare, la Exige RGB si può equipaggiare con gli scarichi sportivi realizzati da Lotus Sport ,omologati solo per l’uso sportivo in circuito, ma che ne migliorano la sonorità e aumentano ulteriormente la potenza di circa 10 cv. Circa la denominazione RGB: secondo alcune fonti la sigla RGB sta per Exige R e GB per Gran Bretagna, ma è invece vero che Lotus ha voluto dedicare questo modello al mitico Roger Becker, utilizzando le iniziali del famoso ingegnere e collaudatore che ha cominciato la sua avventura in Lotus nel lontano 1966 sulla linea di produzione della Elan. Roger, che conosco e che ho avuto più volte il piacere di incontrare in Lotus, mi raccontò di essere entrato in Lotus per caso come operaio sulle linee di produzione, ma fu notato da Colin Chapman per le sue capacità e spostato subito nel reparto progettazioni. Il suo talento ha voluto che sotto la sua guida nascessero delle vere icone dell’industria automobilistica sportiva. A partire dalla prima Europa fino all’iconica Esprit nel 1976. Non solo ingegnere ma anche abilissimo collaudatore, a lui si devono le messe punto degli assetti e dei telai di tantissimi progetti. Pochi sanno che durante le riprese del film “La spia che mia amava “ della serie James Bond 007, alla guida della leggendaria Lotus di James Bond, Roger fece da controfigura al più noto Roger che di cognome fa Moore, e tutto questo per le scene degli inseguimenti girati in Sardegna che vedevano protagonista la neonata Esprit S1. Negli ultimi anni il suo supporto è stato fondamentale allo sviluppo della Elise e della Exige fino al progetto Eagle meglio conosciuto col nome di Evora. Per tutto questo la Lotus ha voluto ringraziare Roger Becker con una serie speciale limitata della Elise SC e della Exige S.
Gli interni
Si nota subito la presenza degli Air Bag per guidatore e passeggero ,assenti sulla versione Cup. Il maggior confort è immediatamente percepibile dopo i primi chilometri,non solo a livello di isolamento termico e sonoro ma anche per la drastica riduzione di rumori e scricchioli che accompagnavano il modello da competizione. I sedili sono di tipo sportivo con passaggio per le cinture a 4 punti, lo scheletro interno del guscio è di tipo ortopedico Probax realizzato da Nubax e la seduta è davvero confortevole anche per le lunghe percorrenze. Sedili e pannelli sono rivestiti in pelle. All’interno dei pannelli interni è stata realizzata una coinbentazione con un leggerissimo materiale fonoassorbente che tra l’altro migliora la qualità audio dell’impianto stereo. Anche la moquette ,abbellita con il logo "Exige" ricamato si estende in quasi tutto l’abitacolo e poggia su speciali fogli di materiale coibentante. Non sarà il sogno di ogni "pilota" avere una vettura da corsa con un porta bicchieri ma quello della Exige RGB è almeno bello da vedere perché è in pelle e poggia su una struttura sospesa ricavata da un unico blocco di alluminio. Inoltre l’abitacolo della Exige è piccolo e durante la stagione calda sapere dove mettere la propria bottiglietta dell’acqua non è poi tanto male. Pratico il cavo per il collegamento dell’Ipod posto nel porta oggetti davanti al passeggero che si connette con la radio Cd di serie fornita da Alpine e che comanda i 4 altoparlanti.
Alla guida
Se non la guidi è difficile descrivere il comportameneto stradale della Exige RGB . La Lotus è riuscita a portare la guida della Elise su una vettura da corsa omologata all'uso stradale. Sempre velocissima, incollata alla strada, grazie anche ai pneumatici semislick AD048 di Yokohama che lavorano egregiamente con un telaio in estrusi d'alluminio rigidissimo e leggerissimo (68 kg). L'assetto è da vera Lotus, sterzo preciso, tenuta e guidabilità da manuale. Una volta a bordo, sia che ti trovi in circuito che su una strada fatta di curve, non scenderesti più per quanto la vettura risulta divertente da guidare. Anche salire e scendere è da vera Lotus e richiede una piccola dose di agilità per entrare ed infilarsi nel posto di guida ma una volta seduti la Exige trasmette immediata confidenza, la posizione di guida sembra essere fatta su misura qualsiasi altezza tu abbia e nonostante l'assenza di alcune regolazioni. Tuttavia non serve un esperto per dichiarare che non è l'abitacolo giusto per chi supera 1,90 di altezza o porta camicie extra extra large. Il fatto che dopo i primi chilometri ti senta subito a tuo agio potrebbe essere un problema perchè in realtà la logica consiglia prudenza almeno all'inizio. La vettura invece girà sempre e comunque senza mai scomporsi, fai una curva quasi a gomito e a malapena senti il rumore dei pneumatici. La Exige si inserisce nelle curve in un modo talmente impeccabile da farla sembrare dipinta sull'asfalto, non si scompone mai e se lo fa un leggero contro sterzo la rimette sulla direzione giusta. Circa le prestazioni il rapporto peso potenza dice tutto : parliamo di circa 300 CV per tonnellata sul peso a vuoto. Questo offre prestazioni in accelerazione molto simili a quelle ad una super car da 200.000 Euro. La velocità massima non è stata provata ma non è elevatissima se i quasi 260 km/h sulla carta possono sembrare pochi in confronto a quelle di certi bolidi . Si sa che ormai la soglia dei 300 km/h è quasi una prassi su certe vetture ma questo "limite" della Exige non si avverte in pista e ancor meno in strada con gli attuali limiti di velocità.
La comprerei o ricomprerei?
Motivi professionali a parte direi che è un'autovettura per veri appassionati del piacere di guida, il giudizio per chi mi conosce potrebbe sembrare di parte ma diventa oggettivo guidando la vettura e potrà essere confermato dai lettori che vorranno o potranno ripetere la mia esperienza. Circa il prezzo 62.000 Euro non sono mai pochi, ma attualmente sono l’unico modo per salire su una sportiva esclusiva, blasonata e con prestazioni da super car (da 0 a 100 kmh in 4,1 secondi, velocità massima circa 260 km/h) e diventano un affare se paragonati al prezzo della versione da cui deriva che, con gli stessi accessori, superebbe i 70.000 Euro. La vettura ha tutto di serie e non si possono scegliere accessori se non il differenziale autobloccante meccanico ed il colore disponibile tra Carbon Grey, Solar Yellow, Starlight Black e l’immancabile Bianco Aspen metallizzato. Inutile dire che quest’ultimo sembra il più adatto e meglio rende lo spirito sportivo di questo modello.
Lotus Exige Coupé 260 RGB
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
0
0
0
1
VOTO MEDIO
3,7
3.666665
3
Aggiungi un commento
Ritratto di Toums
21 settembre 2010 - 19:55
penso che in pista sia più efficace la exige 260 cup stradale, anche perchè deve essere più leggera...
Ritratto di gig
27 dicembre 2011 - 15:45
Prova accettabile...
listino
Le Lotus
  • Lotus Exige Roadster
    Lotus Exige Roadster
    da € 80.440 a € 116.040
  • Lotus Exige Coupé
    Lotus Exige Coupé
    da € 80.440 a € 116.040
  • Lotus Elise
    Lotus Elise
    da € 45.170 a € 81.260
  • Lotus 3-Eleven
    Lotus 3-Eleven
    da € 128.927 a € 128.927

LE LOTUS PROVATE DA VOI

Lotus usate