Mini Mini Cooper S Wired Cream Steptronic

Pubblicato il 16 maggio 2015
Ritratto di Tony83
alVolante di una
Mini Mini Cooper S Wired Cream
Mini Mini
Qualità prezzo
3
Dotazione
4
Posizione di guida
5
Cruscotto
4
Visibilità
4
Confort
3
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
4
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.25
Perché l'ho comprata o provata
Finalmente la settimana scorsa ho avuto modo di effettuare il test drive della nuova Cooper S! Era una full optional con, ahimè (mi piace smanettare) il cambio automatico. Premetto subito che il test drive è stato di breve durata, purtroppo...avrò percorso sì e no un 5/6 km tra percorso cittadino e extraurbano.
Gli interni
Se la nuova Mini risulta, come tradizione, particolarmente difficile da distinguere dal precedente modello quanto alla linea esterna, anche ad un occhio poco attento non può certamente sfuggire la vera rivoluzione è stata messa in atto nell'abitacolo. Al centro della plancia domina uno scenografico "oblò" il quale, però, non è più deputato a contenere il tachimetro come in precedenza, bensì è interamente riservato all'infotainment made by bmw. In sostanza è stato trapiantato sic et simpliciter il connected drive della bmw, una chicca sensazionale per la piccola Mini. Inoltre, è evidente che i tecnici hanno voluto conferire alla nuova "piccola" un'aura "lounge", realizzata soprattutto con l'ambient light veramente scenografico, con una efficace cornice led che lambisce le ellissi della portiera. Rispetto al modello uscente, la Mini "atto terzo" mostra una qualità "tattile" decisamente superiore. Finalmente, può fregiarsi a buon diritto del titolo di auto del segmento B premium. Chiaramente, per rendere l'abitacolo veramente accattivante, bisogna necessariamente attingere alla infinita lista di optional, con conseguente aumento esponenziale del prezzo. Per dire, la vettura da me provata aveva, grosso modo, l'equivalente in euro di una grande punto evo multijet :D
Alla guida
Checché se ne dica, appena ti siedi, subito si percepisce che non si è alla guida di un'auto come le altre, ben lontana dall'essere una "blanda" utilitaria. Anche la F56 non tradisce affatto la sua vocazione sportiva che, aggiungerei, sulla S sembra essere "corsaiola". Veniamo al sodo: da una Mini si pretende una sola cosa, che sappia divertire ed emozionare alla guida....ebbene, la S che ho provato non ha tradito le attese: tutto merito dell'assetto, veramente rigido in sport (ma anche in MID non scherza ), che non concede nulla al rollio e al beccheggio, la senti sempre ben piantata a terra, e questa sensazioni di sicurezza ti permette di osare. Inoltre, come da tradizione, la piacevolezza di muovere quel "coso tondo" (vd. "volante") è notevole La servo-assistenza restituisce sempre un ottimo feedback al "pilota", mi è piaciuta un sacco, il volante è sempre bello corposo da azionare, diciamo che fa "resistenza", pertanto l'ho trovato molto comunicativo, rapido e diretto, come d'altronde era sul precedente modello. Darei un bel 9. Rispetto alla Cooper D, ho trovato ancora più piacevole la sensazione che restituisce il pedale del freno: sulla D il pedale era bello tosto da azionare, ma aveva un bit iniziale, e dopo i primi cm di "discesa" del pedale, la modulabilità iniziale non era "intuitiva". Sulla S, invece, ho riscontrato un pedale dal feedback impeccabile...anche sotto il profilo della modulabilità: dopo la tirata sul lungo rettilineo su strada a scorrimento veloce, ho dovuto effettuare una frenata energica per non perdere "l'uscita" allo svincolo , mi sono attaccato ai freni, e mi è piaciuta la risposta, la potenza e la modulabilità...darei un bel 9 ai freni Per quanto riguarda il "pezzo" forte , ero proprio curioso di constatare se effettivamente il 2.0 era così poco grintoso come da alcuni evidenziato...beh, il discorso è che, ahimè, un po' tutti i turbo moderni sono uguali, nel senso che hanno un'erogazione molto lineare, il che, però, non vuol dire che manchino di grinta: premetto che ho adoperato lo steptronic in "M" con i paddles per valutare la prontezza del cambio che ho trovato piacevole, abbastanza veloce, ma non superbo come un PDK :D Detto questo, ho provato spesso a schiacciare di botto intorno ai 4000 giri, e mi è piaciuta la risposta immediata del motore alla pressione dell'acceleratore, è davvero molto pronto a salire di giri, e sembra che l'allungo non abbia mai fine...anzi, a dir il vero, avrei preferito un 500 giri in più....invece, mi sembra che già a 6500 entri il limitatore. Infatti, la sensazione che ho avuto è che il motore sia "castrato", è come se fosse stato volutamente "addolcito" sia nell'erogazione sia nella potenza..ma d'altronde, ci sarà la JCW :D
La comprerei o ricomprerei?
In sintesi, la nuova Cooper S mi è piaciuta moltissimo: riuscito, senza dubbio, il nuovo abitacolo corredato da super gadget che concorrono a creare un’atmosfera veramente unica, piacevolissima, e molto ben calibrati i ritocchi alla carrozzeria che nella versione S risultano, forse, fin troppo eccessivi. Ma il motivo principale che mi spingerebbe a comprarla è, senz’altro, il divertimento che sa regalare alla guida: tutto sembra tarato in chiave sportiva per soddisfare le velleità “corsaiole” del pilota di turno: seduta infossata, volante verticale dal carico sempre presente, feedback racing del pedale del freno, telaio affilato, motore gratificante. Se riuscissi a trovare, fra qualche semestre, una km 0 ben accessoriata potrei fare la pazzia di ritornare al turbo benzina in sostituzione del mio attuale “purpo” diesel by Opel.
Mini Mini Cooper S Wired Cream Steptronic
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
0
1
5
3
VOTO MEDIO
2,1
2.1
10
Aggiungi un commento
Ritratto di Vespa Primavera
21 maggio 2015 - 19:56
Con un test drive cosi breve non si può capire molto, anch'io l'ho fatto con una cooper D. Auto da intenditori della guida "nuova scuola" (cioè TA, motore turbo, cambio automatico), ma nel complesso troppo costosa, imho. Gli interni mi piacciono, ad eccezione del tachimetro/contagiri (un po' piccoli), fuori beh il pacchetto estetico lascia perplessi, col tempo mi sono abituato. Trovo che il posteriore sia la parte più bella. La prova è fatta bene.
Ritratto di Tony83
21 maggio 2015 - 21:38
6
Sì, hai ragione...tuttavia, mi sa che avrò percorso ben più dei 5/6 km, pensandoci bene...tuttavia, è stato un assaggio ma ti dico che basta poco per capire di che pasta è fatta quest'auto...basta una curva presa allegra per renderti conto della sua vocazione sportiva. Alla fine, sono rimasto talmente colpito che ho venduto la mia "purpo" diesel di appena un anno e mezzo per passare ad una Cooper S rigorosamente manuale...dovrebbe arrivare in questi giorni, dopo quasi tre mesi di attesa dall'ordine. Non vedo l'ora...sicuramente, potrò aggiungere altre impressioni di guida maggiormente dettagliate. Comunque, confermo una certa difficoltà nel leggere la strumentazione, soprattutto, la lancetta del tachimetro...magari sarà questione di abitudine, ma durante il test drive facevo fatica a vederla :( potevano sforzarsi di collocarli meglio in maniera più funzionale.
Ritratto di gio.G
22 maggio 2015 - 08:43
20
Come l hai presa? Colore? Dotazione? Complimenti! Grande auto
Ritratto di Flavio Pancione
22 maggio 2015 - 09:44
7
La vedro in giro ( non eri di benevento?). Non so quanto costa a listino questa ma io l'ultima volta che sono passato da bmw ho visto la nuova serie1 msport, blu è troppo bella, preferirei quella.
Ritratto di Tony83
22 maggio 2015 - 10:58
6
Sì, è costata un botto :D In realtà, l'unica altra alternativa che stavo valutando era una serie 2, ma sarei andato fuori budget :( avrei dovuto ripiegare su una km0 (usata non l'avrei mai presa) ma come con gli accessori che volevo, non sono riuscito a trovarla. Inoltre, avrei preso un 220d in quanto il benzina è difficilmente piazzabile tra 3/4 anni :D Per cui viva la Cooper S :D che mi farà rigodere il piacere di un turbo benzina :D ps: sì sono di BN
Ritratto di Flavio Pancione
22 maggio 2015 - 11:38
7
che il benzina sulla serie 2 è più difficoltoso per un eventuale vendita. Al contrario la Cooper S ha un buon nome, e anche usata, è ricercata da giovani quindi è più vendibile. La serie2 se proprio diesel secondo me sarebbe da prendere col 25d.
Ritratto di Tony83
22 maggio 2015 - 11:47
6
La Mini conto di tenerla almeno per 4 anni per cui stavolta ho badato anche alla rivendibilità, e una S dovrebbe avere una buona tenuta del valore. Con le altre auto, invece, mi sono sempre svenato all'atto della vendita :(
Ritratto di Tony83
22 maggio 2015 - 10:54
6
La configurazione è la seguente: Mini Cooper S F56 cambio manuale - Electric Blue con cerchi, tetto, specchi bianchi. - Interni Stoffa/Eco pelle balck Pearl / Carbon black Pacchetti: - John Cooper Works Interno - Wired cream - Fashion vanilla (+ Cerchi 18" Cone spoke bianchi) - Function mandarin - visibility blueberry (con b-led funzione cornering) Accessori: - spoiler posteriore - VDC - Mini Driving modes - Antifurto con telecomando - bonnet stripes - chrome line interna - Mini service inclusive Listino Tot. 34.510 Sconto applicato del 8% + buona quotazione permuta
Ritratto di Vespa Primavera
22 maggio 2015 - 10:37
Auguri per l'acquisto :) Io mi accontenterei della cooper 1.5 benzina nei colori che hai scelto, ovvero celeste con tetto e strisce bianche ma cerchi da 16'' (non da 18'' troppo grossi e costosi). Confermo comunque le ottime doti di guida.
Ritratto di Tony83
22 maggio 2015 - 11:15
6
La 1.5 non l'ho guidata ma stando a quel che dicono i possessori è un bel motorino, prestazionale e sopratutto abbastanza parco nei consumi. Io ho voluto "strafare" stavolta...senza esagerare...c'è anche la JCW ora in listino
Pagine
listino
Le Mini
  • Mini Cabrio
    Mini Cabrio
    da € 24.300 a € 37.950
  • Mini Countryman
    Mini Countryman
    da € 25.600 a € 43.050
  • Mini Clubman
    Mini Clubman
    da € 23.300 a € 40.750
  • Mini Mini 5 porte
    Mini Mini 5 porte
    da € 18.800 a € 33.950
  • Mini Mini
    Mini Mini
    da € 17.950 a € 43.595

LE MINI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE MINI

  • Lo specialista inglese David Brown propone una Mini prima generazione rivista in varie parti, con un motore potenziato, un interno modernizzato e caratterizzato da materiali pregiati.

  • Lo stile diventa più semplice e mette in evidenza i due “capisaldi”: la scritta Mini e le alette laterali. Ecco in breve la storia dei loghi della marca inglese.

  • Il raduno dedicato all’utilitaria, organizzato dal 1978, ha richiamato oltre 1.200 persone e 3.000 vetture.