NEWS

Promozioni auto: aprile 2015 “scoppiettante”

07 aprile 2015

Molte le case che offrono supersconti a chi demolisce l’usato: così alcuni modelli scendono a prezzi mai visti prima.

Promozioni auto: aprile 2015 “scoppiettante”
Tra le proposte di questo mese ve ne sono alcune (in particolare, quelle del gruppo FCA) che sembrano davvero in grado di convincere anche gli indecisi… più decisi: la Fiat, infatti, propone un supersconto rottamazione che, per la Punto, si traduce in un vantaggio del 45% (considerando anche il controvalore della radio in omaggio). Ma altri costruttori non sono da meno: in questo momento, portarsi a casa una macchina nuova per meno di 8.000 euro non è un miraggio. Chi scegliesse un finanziamento, però, valuti con cura la proposta finanziaria: parecchie formule prevedono, accanto a rate sostenibili in quanto spalmate fino a sei anni, tassi elevati (a volte superiori al 9%). Molte, anche, le proposte che comprendono la demolizione dell’usato: una clausola che sembra pensata “su misura” per il nostro paese, in cui le auto con oltre 15 anni di anzianità di servizio sono circa 9 milioni 500 mila (secondo stime dell’Unrae, l’associazione delle case estere, il 27% del totale di quelle in circolazione). 
 
ALFA ROMEO: UNA MITO A MENO DI 10.000 EURO
 
 
Il marchio del Biscione propone un premio di 2.000 euro ai clienti che demoliscono l’usato, e uno sconto extra di 1.000 euro nel caso stipulino un finanziamento. Con questa formula la Giulietta 1.4 Turbo Progression si può portare a casa per 15.500 euro (4.300 in meno), versando 60 rate di 291 euro (taeg 7,74%); mentre il prezzo della MiTo (nella foto) 1.4 Progression scende sotto i 9.950 euro (5.100 in meno), pagabili in 72 mesi, con rate di 191 euro (un po’ caro il taeg, dell’8,63%).
 
 
CITROËN: GARANZIA FINO A CINQUE ANNI
 
 
La casa francese taglia di 2.950 euro il prezzo della C1 1.2 PureTech Feel a 3 porte e regala tre anni di estensione della garanzia (si tratta però della copertura “convenzionale”, che interviene su un numero limitato di parti della vettura). Per la C3 1.0 PureTech Séduction, invece, propone uno sconto di 4.510 euro a chi acquista un esemplare pronto da targare e stipula il finanziamento, che prevede un anticipo di 3.000 euro, 35 rate di 120 e una maxirata finale di 4.366. Infine, ribassa di 4.400 euro il prezzo degli esemplari della C3 Picasso (nella foto) 1.4 VTi Séduction in pronta consegna.
 
 
DACIA: PREZZO BASSO, TASSO ALTO
 
 
Nonostante i listini dei modelli low cost siano già molto contenuti, quindi difficilmente soggetti a ribassi, la casa promette uno sconto di 1.050 euro ai clienti acquistano la Sandero (nella foto) 1.2 Ambiance con la formula finanziaria “Sponsor days per te”: si anticipano 700 euro, quindi se ne versano 149 per 60 mesi. L’importo comprende la polizza furto e incendio per tre anni e un’assicurazione di 12 mesi che interviene in caso di infortunio di chi la sottoscrive (taeg, del 9,23%, alto). In omaggio, tre anni di estensione della garanzia (copertura “convenzionale”, che interviene su un numero limitato di parti della vettura), e con un limite di percorrenza di 100.000 km.
 
 
FIAT: PER LA PUNTO, VANTAGGIO DEL 45% 
 
 
Prezzo molto aggressivo quello proposto dalla Fiat per la Punto 1.2 Street: 7.900 euro per la versione a cinque porte (6.000 euro di sconto, il 43%), con in omaggio la radio (costa 520 euro, e porta il vantaggio al 45%). E il “clima” è di serie. Si tratta di un modello datato, sempre più vicino al pensionamento, tuttavia sotto la soglia di 8.000 euro la casa non scendeva da tempo. L’offerta è ghiotta, ma comporta la stipula di un finanziamento caro, considerando i tassi in discesa (infatti, per altre offerte la casa pratica interessi inferiori): il taeg, infatti, è al 9,28%, e il “carico” di interessi ammonta a ben 1.746 euro. La rata da versare ogni mese, però, è sostenibile (154 euro), e il rimborso viene diluito su un arco di tempo molto lungo: sei anni. Condizioni analoghe per la Panda 1.2 Easy (nella foto), che viene a costare un terzo in meno: per comprarla, infatti, bastano 7.800 euro (3.800 restano al cliente), mentre il “clima” (850 euro) in omaggio porta il vantaggio complessivo a 4.650 euro (il 37%). Il finanziamento dura sei anni e la rata mensile è di 153 euro (taeg 9,32%).
 
 
FORD: RIDUZIONI DI OLTRE 5.000 EURO
 
 
La casa americana agevola i clienti che consegnano alle concessionarie una vettura immatricolata prima del 2008 in permuta o per demolirla. Chi acquista la Ka ottiene uno sconto di 2.300 euro e riceve in omaggio radio (500 euro) e “clima”; dotazioni identiche (per un totale di 1.250 euro), oltre al ribasso di 3.000 euro, vengono proposte anche a chi sceglie la Fiesta (nella foto). Chi si indirizza sulla B-Max, invece, oltre a pagare la vettura 4.300 euro in meno riceve in regalo il “clima” (750 euro). 
 
 
NISSAN: SUPERSCONTO (E NIENTE ANTICIPO) PER LA MICRA
 
 
Il marchio nipponico propone un vantaggio di 5.700 euro ai clienti che acquistano una Micra (nella foto) 1.2 Eco Visia pronta da targare con il finanziamento “Easy Estesa”: il prezzo viene ribassato a 8.950 euro (4.400 in meno) e si riceve in omaggio il pacchetto Comfort (costa 1.300 euro e comprende il “clima” e la radio cd con vivavoce Bluetooth e le prese Aux e Usb). Non viene chiesto alcun anticipo: si versano 84 rate di 157 euro, che comprendono 799 euro per i costi dell’assicurazione sul finanziamento e cinque anni di polizza furto e incendio (taeg 8,02%). In omaggio, l’estensione della garanzia fino a 5 anni o 100.000 km. Formula analoga per la Note 1.2 Eco Visia: si risparmiano 3.850 euro (2.550 di sconto, più 1.300 del pacchetto Comfort, che offre gli stessi accessori della Micra); in questo caso le 84 rate sono di 215 euro, mentre sale l’importo delle polizze (999 euro) e scende leggermente il taeg (7,5%).
 
 
RENAULT: È IL MOMENTO DI TWINGO E CLIO
 
 
Propone sconti e regala tre anni di estensione della garanzia ai clienti che “danno dentro” un usato immatricolato prima del 2006 e stipulano il finanziamento “Beautiful days per te”. Si risparmiano 1.000 euro scegliendo la Twingo, per la quale si versano un anticipo di 1.750 euro e 60 rate di 149, che comprendono 499 euro per i tre anni di un’assicurazione che segue il cliente anche quando viaggia come passeggero o si sposta a piedi e la polizza furto e incendio (taeg 9,26%). In omaggio, l’estensione della garanzia (si tratta di una copertura “convenzionale) fino a cinque anni o 60.000 chilometri. Condizioni simili per chi sceglie la Clio (nella foto): 4.150 euro di sconto, 350 di anticipo e 199 di rata. La garanzia arriva a 100.000 km. 
 

 



Aggiungi un commento
Ritratto di bluspazioprofondo
7 aprile 2015 - 16:32
Ma secondo loro la gente è così fessa da cascarci?Una Punto a 7900 euro si ha solo aderendo a un finaziamento che tra tasse, tassette e mazzette arriva a quasi 12000. A questo punto preferirei un qualcosa con 15mila km di vita...
Ritratto di lucios
9 aprile 2015 - 10:52
4
.....ed ho visto che con le 154 euro al mese per 6 anni (ossia 72 rate) viene a fere 11088 euro. Sottratto il costo iniziale, 7900, abbiamo un bel surplus da pagare: 3188 euro. Ora, se, come dice al volante, gli interessi sono pari a 1746 euro, i 1442 restanti (3188 - 1746) cosa sono? Ad Al Volante la risposta! ;-)
Ritratto di lucios
9 aprile 2015 - 10:56
4
.....pagare parte degli 8900 subito (dato che col pagamento immediato costa 1000 euro in più) e parte fare un finanziamento autonomo a tassi più a buon mercato.
Ritratto di pastrellandrea
7 aprile 2015 - 16:52
Se non li hai, si fa il finanziamento per forza, non credo esista una persona al mondo che vuole indebitarsi e pagare interessi soltanto per piacere. Una Fiat nuova a quel prezzo li, chi l'ha mai vista? Credo che l'iniziativa non sia male a fatto.
Ritratto di lucios
9 aprile 2015 - 11:02
4
.....molte case hanno dei taeg veramente impresentabili! Solo chi non ha niente potrebbe optare per il finanziamento.
Ritratto di diotallevi
7 aprile 2015 - 19:03
Nell'articolo c'è scritto che il carico di interessi ammonta a 1.746 eu (taeg) che sommati a 7.900 fa 9.646, nn 12.000. Cmq l'auto sara anche vecchia ma oramai è affidabile e una 4 metri a quel prezzo nuova nn si trova, secondo me molti a cui nn interessa il modello alla moda ci faranno un pensiero .
Ritratto di katanè
7 aprile 2015 - 22:11
Strano, siamo in due ad aver fatto i calcoli e ci sono uscite cifre più alte a me 11.900€ a blu profondo 12.000€ circa, quindi la Fiat ha messo il valore 1.746€ tanto per illudere il povero acquirente che l'auto gli viene in più soltanto 1.746€. Inoltre, non capisco da dove sia uscito o come l'abbiano calcolato... Comunque non insisto, per fortuna non lavoro come Agente Finanziario o Recupero Crediti!!! :-D Saluti! :-)
Ritratto di katanè
7 aprile 2015 - 20:02
Brutta la Punto Street con gli interni e le linee della Punto Evo e in coda trovi i fanali della Grande Punto... :-( Oddio se prenderei una Fiat Punto Street la prima cosa che guarderei sarebbero i fanali e se son di serie rinuncio all'acquisto stracciando tutto quello che ho firmato... :-)
Ritratto di Moreno1999
7 aprile 2015 - 21:21
4
Hai ragione! La Punto Street ha i fanali posteriori della Grande Punto e non solo: anche i copricerchi in plastica sono i medesimi! Almeno gli interni sono diversi (se non erro fino a poco tempo fa la base aveva appunto gli interni della GP del 2005). Ma non che sulla Street siano meglio, parliamoci chiaro, sono andato in una concessionaria Fiat/Jeep/Alfa/"Lancia" (per quello che ne rimane di questo povero marchio). La zona Jeep era fantastica, la 500X anch'essa molto sfiziosa. E dietro tutto questo luccichio c'era una povera Street. Apro la porta: il volante in plastica era naturalmente privo dei comandi, la radio era after market. Il clima almeno c'era, ovviamente erano presenti mancanze come i sedili o le cinture regolabili in altezza, il poggiatesta centrale posteriore, gli ormai eretici alzavetro elettrici posteriori (eppure erano di serie su alcune utilitarie nel 2003.... Ma su alcune ancora non sono disponibili nemmeno come optional), il sedile sdoppiato 60/40 e uno straccetto a proteggere lo schienale del divanetto visto dal baule. Prezzo: 9900€. Capisco che con questa versione vogliano fare concorrenza alla Sandero, ma onestamente trovo più interessanti le versioni km0 che sono più dignitose anche se a parità di prezzo sono immatricolate da un annetto circa.
Ritratto di katanè
7 aprile 2015 - 22:03
Si Moreno l'ultima versione base della Punto (prima di questa) aveva la plancia della Grande Punto del 2005... :-) Avanzi di magazzino, devo fare spazio per mettere la merce del Nuovo Gruppo FCA, quindi devono smerciare... e basta! :-D
Pagine