Citroën C4 1.6 e-HDi 110 CV Business

Pubblicato il 1 dicembre 2016

Listino prezzi Citroën C4 non disponibile

Ritratto di Rik-dmc12
alVolante di una
Ford Fiesta 1.4 GPL Titanium 5 porte
Citroën C4
Qualità prezzo
3
Dotazione
2
Posizione di guida
3
Cruscotto
2
Visibilità
3
Confort
3
Motore
2
Ripresa
3
Cambio
2
Frenata
3
Sterzo
2
Tenuta strada
3
Media:
2.5833333333333
Perché l'ho comprata o provata
Attualmente vivo in Spagna, precisamente a Barcelona, purtroppo ho dovuto vendere la mia magnifica Ford Fiesta 1.4 benz/gpl in quanto in città sarabbe stata inutile e costosa. Ultimamente mi sono accorto di uno sconto lavorativo di cui posso usufruire per noleggiare auto con una delle più note società di autonoleggio. L'offerta mi permette di noleggiare con 30€ tutto incluso al giorno un auto fino alla categoria D (in realtà C premium) pertanto prenoto un Audi A3 (o simili, come sono soliti scrivere gli autonoleggi) e di buon ora mi presento alla Filiale di Carrer de Balmes a Barcelona. L'idea era quella di fare una bella gita "fuori porta" con la mia compagna a Zaragoza a circa 300km da Barcelona. Con mia sorpresa il dipendente dell'auto noleggio mi comunica che non dispone di auto di quella categoria e mi propone in cambio una Renault Caprtur o una Citroen C4, potete immaginare il mio stato d'animo. La renault Captur non mi è mai piaciuta, quindi la scelta è ricaduta sulla C4. Devo dire che ho sempre avuto un debole per la C4 e nonostante cominci a sentire il peso degli anni, trovo la linea esterna ancora attuale, fluente e ben bilanciata, oltretutto il modello era in un bel nero metallizzato e presentava cerchi in lega diamantati da 18 pollici con ruote 225-45R18. Il motore era il collaudatissimo BluHdi 1.6 da 110cv. L'allestimento era il più ricco dedicato alle società di autonoleggi.
Gli interni
Saliamo a bordo, l'ambiente sembra abbastanza curato, predomina il nero, le uniche eccezioni sono il "cielo" di un grigio medio-scuro e qualche cromatura qua e la. Come sono solito quando salgo su un'auto nuova provo a toccare le varie superfici. La plancia è imponente, verticale con un rivestimento superiore in plastica che definire morbida è un po' un esagerazione, infatti per accorgersi che è morbida si deve fare una tale pressione con dito da farsi quasi male. Gli sportelli e la parte bassa della plancia presentano plastiche rigide ed economiche al tatto. Anche lo schermo del impianto di infotainment di circa 7-8", pertanto non piccolo, sembra minuscolo se posto in una plancia tanto imponente. L'ambiante è abbastanza ovattato, i comandi fisici sono pochi, tutti molto semplici e raggiungibili. Molti particolari come la leva del cambio, le maniglie apriporta e i comandi sugli sportelli sono mutuati da altri modelli più economici della casa.
Alla guida
Durante la giornata ho avuto modo di provare varie situazioni di guida, infatti la giornata è cominciata in città, il traffico come sempre a Barcelona è scorrevole, le strade sono ampie e presentano quasi tutte due o tre corsie per senso di marcia e l'asfalto è quasi perfetto. L'auto si è subito dimostrata scattante anche se va detto che in accellerazione il Bluhdi fa sentire la sua voce e data la costante onnipresenza di semafori è stato un compagno di viaggio molto di (cattiva) compagnia, almeno nella prima parte del viaggio. Usciti dalla città ho imboccato l'Autostarda verso Zaragoza, qui impostato il cruise control sui 125km/h, il limite massimo in Spagna è di 120km/h, mi sono goduto la mancanza di rumore dal motore che trottava sui 2200 giri/min, ma come a non volermi lasciar godere il relax del viaggio, ecco che il rumore di rotolio dei pneumatici da 18" è entrato costante e fastidioso nell'abitacolo in compagnia di qualche fruscio aerodinamico dai grandi e spigolosi specchietti retrovisori. Per ovviare al fastidio e complice la totale assenza di traffico in autostrada, ho cercato distrazione nei gingilli tecnologici dell'auto............. Niente, il niente più assoluto, niente cruise adattivo, niente allarme di superamento involontario della carreggiata, niente radio digitale ad eliminare i costanti fruscii e gli inevitabili continui cambi di stazione radiofonica. Neanche le luci di cortesia alle alette parasole erano disponibili, ne le tendine parasole posteriori, quest'ultime le ha anche la Megane di 11 anni di mio padre. Il bracciolo, lontanissimo dalla leva del cambio, si sbloccava tutte le volte che toccavo, anche per sbaglio, il freno a mano finendo per tornare nella posizione ancora più lontana con il braccio del guidatore ancora sopra. Insomma come avrete capito ho fatto un noiosissimo viaggio di 300km fino alla stupenda Zaragoza. Qui le cose sono cambiate perché le strade sono diventate più piccole e curvilinee e anche in questo caso le dimensioni non proprio da citycar, il cambio un po' troppo contrastato e lo sterzo granitico non mi hanno aiutato. L'unico conforto è arrivato fortunatamemte dalla morbidezza delle sospensioni (anche se da una Citroen mi aspettavo di meglio) e dall'ampiezza delle vetrature.
La comprerei o ricomprerei?
La mia compagna di viaggio mi è parsa un auto mediocre in tutto e per tutto. Non mi ha dato una cattiva impressione, anzi, però non mi ha nemmeno dato nessuna emozione. Non mi ha divertito, non mi ha coccolato, non mi ha nemmeno intrattenuto. No non la comprerei. Però per chi non ha troppi fronzoli per il capo, è un ottima auto. Scusate il finale alla Jeremy Clarkson.
Citroën C4 1.6 e-HDi 110 CV Business
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
2
0
1
2
VOTO MEDIO
2,4
2.4
5
Aggiungi un commento
listino
Le Citroën
  • Citroën C3
    Citroën C3
    da € 12.500 a € 19.000
  • Citroën Berlingo
    Citroën Berlingo
    da € 20.350 a € 29.100
  • Citroën Grand C4 SpaceTourer
    Citroën Grand C4 SpaceTourer
    da € 27.050 a € 37.000
  • Citroën C-Zero
    Citroën C-Zero
    da € 30.740 a € 30.740
  • Citroën E-Mehari
    Citroën E-Mehari
    da € 27.300 a € 28.200

LE CITROëN PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE CITROëN

  • Rimasta in produzione ben 42 anni, la Citroën 2CV ha attraversato il secolo scorso caratterizzandone la storia automobilistica. Ne sono state prodotte oltre 5 milioni. Qui per saperne di più.

  • Si può già ordinare, ma le consegne della nuova Citroën Berlingo inizieranno a settembre 2018: 26 le versioni in gamma, con prezzi da 20.450 euro. Qui per saperne di più.

  • Negli Anni 80 l'applicazione del turbocompressore rese i motori diesel finalmente pronti per conquistare il grande pubblico. E questo spot del 1988, che ha come protagonista la Citroën BX, riflette bene il desiderio dei costruttori di imporre questo motore agli occhi degli automobilisti.

Citroën C4 usate