Fiat Grande Punto 1.3 MTJ 75cv Dynamic 2010

Pubblicato il 19 marzo 2016

Listino prezzi Fiat 600 non disponibile

Ritratto di christian1996
alVolante di una
Fiat Grande Punto 1.3 MJT 75 CV 5 porte Dynamic
Fiat 600
Qualità prezzo
4
Dotazione
2
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
3
Confort
3
Motore
4
Ripresa
2
Cambio
3
Frenata
4
Sterzo
4
Tenuta strada
3
Media:
3.25
Perché l'ho comprata o provata
Appena compiuti 18 anni e ottenuta la patente di guida, ho sentito il bisogno di comprare un'auto, per il piacere di guidare e per diventare completamente autonomo negli spostamenti. Allora, data l'esigenza di comprarla nuova e con motore diesel, impostasi la necessità di spazio, visto il budget di 16.000,00 euro e il limite di potenza del motore imposto dalla normativa, ho deciso di comprare la Fiat Grande Punto con il diesel 1.3 multijet da 75 cv. Prima di addentrarmi nel vivo della prova, ci tengo a rendere noto che il veicolo in questione, acquistato nel 2010, ha sei anni e all'attivo 120000 km.
Gli interni
Devo confessare che, essendo abituato ad auto di famiglia di qualità superiore, il primo feedback con l'auto è stato negativo; infatti, nei primi contatti con essa, ho individuato solo difetti. Per fortuna, dopo poco tempo, sono venuti a galla e ho potuto apprezzare anche i suoi pregi, costituti in buona parte da soluzioni ingegnose e pratiche, delle volte assenti anche in alcune auto più blasonate e costose. Ho l'intenzione di partire proprio con la disamina di quest'ultimi. Sedendosi al posto di guida, si può apprezzare la seduta comoda, grazie a un sedile ben studiato: ben profilato, ma non troppo, dall'imbottitura piuttosto morbida, ma non cedevole, dalla sua giusta altezza dal pavimento, cosa che consente alla gambe di non essere né troppo distese né troppo verticali, e avente tre tipi di regolazioni (altezza, distanza dal volante e inclinazione dello schienale, la quale è continua e non a scatti, come in auto più care; peccato che essa si regoli con una corona in posizione scomoda, poiché posta nell'estremità inferiore sinistra del sedile e troppo vicina al montante centrale della fiancata). Ottima anche la posizione di guida, abbastanza modulabile, data la seduta comoda, sopra descritta, il volante dal giusto diametro, spessore e ampiamente regolabile in altezza e anche in profondità e il cambio in posizione adeguata. Da notare tra le accortezze non scontate per un'auto della sua categoria, la funzionalità di lampeggio momentaneo degli indicatori di direzione, che si azione muovendo solo un po' l'apposita leva, il tasto degli hazard di emergenza in posizione comoda ed intuitiva, il tergilunotto che si aziona automaticamente quando si inserisce la retromarcia se è attivo il tergicristalli, terzo poggiatesta posteriore di serie, sedile posteriore sdoppiato 40/60 di serie, buona cura del bagagliaio, data da assemblaggi precisi e resistenti e rivestimento in moquette anche dei passaruota e del retro dei sedili posteriori, cura quasi "giapponese" del vano motore, ben organizzato e assemblato con materiali di qualità e durevoli nel tempo. Nelle sedute posteriori si può apprezzare l'abbondante spazio per le gambe e anche in altezza, a patto che si sia alti nella media; peccato che un terzo passeggero non stia molto comodo, a causa della seduta centrale poco profilata e dura, di poco spazio in larghezza e delle guide dei sedili anteriori, che intralciano i piedi. La strumentazione di bordo è molto ergonomica, di semplice utilizzo, chiara e piacevole; elegante ed efficace la retroilluminazione rossa del computer di bordo e dei vari comandi, la quale si può notare soprattutto con il buio. Il climatizzatore manuale fa il suo dovere. Infine, per quanto concerne la linea esterna, bisogna segnalare la presenza delle maniglie delle portiere in tinta con la carrozzeria e gli specchietti retrovisori in tinta e con regolazioni elettriche. Purtroppo, ora devo passare all'analisi dei difetti, alcuni tollerabili, considerata la fascia di mercato e la categoria dell'auto, altri meno accettabili, dati dalla necessità di risparmio e da un pizzico di disattenzione e imprecisione. La prima cosa che ho notato aprendo le portiere, sono state le guarnizioni, troppo essenziali e deboli: dopo un anno quella di una portiera posteriore si è completamente staccata e, guidando l'auto, ho percepito che filtrano tanti rumori dall'esterno attraverso gli sportelli. Poi, entrando all'interno dell'abitacolo, salta agli occhi la scadente qualità delle plastiche e dei tessuti: le prime risultano troppo rigide e sottili ovunque; i secondi, pur se dalla trama e dai colori piacevoli, sono inclini a rovinarsi velocemente, perché sottili e dalle cuciture poco forti (anche su un'utilitaria, dove sono molto soggetti all'usura, dovrebbero essere più resistenti).Pure il rivestimento del tetto, in tessuto beige, appare debole e scarno. Peccato per questi materiali scadenti; infatti, gli assemblaggi sono al contrario alquanto precisi e curati, tranne che per le due leve accanto al volante, all'apparenza troppo deboli. Comunque, è doveroso precisare che alcuni scricchiolii si avvertono, soprattutto dopo lunghe permanenze della vettura al sole; secondo me, ciò è determinato più dalla pessima qualità della plastica, che dall'assemblaggio. Inoltre, sarebbe migliorabile il cassetto portaoggetti davanti alle ginocchia del passeggero: esso è poco spazioso, non rivestito, non illuminato e l'apertura dello sportello troppo ingombrante. Parlando di spazio, bisogna lamentare anche la presenza di pochissimi portaoggetti, che sono tutti davvero minuscoli. Ancora, bisogna considerare che lo spazio a bordo e per i bagagli è abbondante, ma non da record in riferimento agli ingombri esterni dell'auto; questo perché, in fase di progettazione , Giugiaro ha preferito sacrificare un po'di abitabilità interna, per ottenere una linea esterna più filante e piacevole (ruba molti centimetri in lunghezza all'abitacolo il muso dell'auto, affusolato e arretrato). Sarebbero risultati comodi i finestrini posteriori elettrici, disponibili solo come optional, e le luci di cortesia nelle portiere. Il bagagliaio, abbastanza spazioso (275 litri) e regolare, ma dalla soglia alta da terra, è privo di piccoli vani, per riporre singoli oggetti, e di ganci ferma-bagagli, utili per ancorare buste e borse; causa di ciò è l'anzianità del progetto, che risale al 2005. Infine, esaminando l'esterno dell'abitacolo, dispiace per l'assenza dei fendinebbia, disponibili di serie solo nella versione più accessoriata, per le maniglie delle portiere, deboli e dagli incastri contrastati, per il portellone posteriore, privo di apertura esterna (esso si può sbloccare sollo dall'interno o con un tasto apposito sul telecomando, peraltro molto bello), e per la luce della retro, posta nel paraurti posteriore in posizione troppo bassa, quindi vulnerabile agli urti.
Alla guida
Parto con lo specificare che uno dei punti di forza dell'auto è proprio il comportamento su strada, rassicurante, ma anche "sportivo". Le sospensioni offrono un buon supporto in curva e assecondano anche la guida sportiva, pur non essendo molto rigide; infatti, esse non pregiudicano il comfort generale, anche se la risposta sulle buche e sul pavé risulta un po' secca: forse per un'auto votata soprattutto alla città, sarebbero dovute essere più morbide. Per fortuna, le sedute comode e i cerchi di 15'' dalla generosa gommatura smorzano i colpi più duri. Adatto a questo tipo di auto il motore, che presenta positività e negatività: eccellenti i consumi, che si attestano sui 22 km/l di media; poco costosa la manutenzione, grazie a soluzioni moderne, che allungano la vita dei componenti meccanici, tra cui l'uso della catena di distribuzione; rumoroso a freddo e in accelerazione; presenta un'erogazione ruvida e non omogenea ai bassi regimi, dove soffre di un buco di potenza, dato dal fatto che la turbina a geometria variabile entra in funzione solo a partire dai 1750 giri; tempi di accelerazione molto lunghi, a causa dei rapporti del cambio a 5 marche lunghi, per abbassare i consumi, e a causa anche dei soli 75 cv di potenza; molto pigro quando l'auto è a pieno carico. Sicuramente migliorabile è il cambio, ben posizionato, preciso, dalla giusta escursione della leva, ma dagli innesti troppo contrastati, soprattutto nella guida sportiva; dura da inserire la retromarcia non sincronizzata; sarebbe stato preferibile l'uso di un cambio a 6 marce, così da migliorare i consumi e la rumorosità in autostrada. I freni sono ben modulabili e potentissimi, nonostante monti tamburi alle ruote posteriori, ma poco resistenti alla fatica. Per concludere, l'auto è votata all'utilizzo cittadino ed extra-urbano, ma non disdegna anche lunghi viaggi autostradali, dove però entrano decisamente nell'abitacolo il rombo del motore e i fruscii aerodinamici.
La comprerei o ricomprerei?
Abbastanza difficile sentenziare se sarei disposto a ricomprarla o meno, semplicemente perché ultimamente il mercato automobilistico offre soluzioni migliori e più moderne, sia nello stesso segmento (seg. B), sia in segmenti affini. Pertanto, allettato dai vezzi estetici, dalla tecnologia e dalla comodità, io sceglierei sicuramente una vettura di nuova concezione e genesi. Però, penso che quest'auto abbia tanta sostanza e una linea ancora moderna e gradevole, nonostante l'anzianità del progetto: per chi è alla ricerca di un'onesta utilitaria, che sia anche carina, comoda, spaziosa, resistente e "risparmiosa", potrebbe ancora acquistarla (uso il condizionale, perché questo modello non è più in produzione e in commercio).
Fiat 600
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
8
2
1
3
VOTO MEDIO
4,0
4.035715
28
Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
4 aprile 2016 - 08:50
3
PROVA. Bella prova, completa ed imparziale. La Grande Punto non mi è mai piaciuta per i motivi che hai elencato sotto la voce difetti, già ai tempi della sua produzione c'erano concorrenti migliori sotto molti aspetti. Senza dubbio è un auto onesta che fa bene il suo lavoro, che ha raggiunto un certo grado di affidabilità per i tanti anni di servizio sul campo. il 1.3 Diesel è un'ottima unità, logicamente non si può pretendere chissà quali prestazioni ma il suo lavoro lo fa davvero bene. Un saluto.
Ritratto di christian1996
5 aprile 2016 - 09:27
Grazie!
Ritratto di cris25
8 aprile 2016 - 17:15
1
Prova ben fatta, auto valida che presenta però alcuni difetti che tu stesso hai citato. Ho guidato tantissime volte una Evo del 2011 1.3 95 cv e mi ha lasciato parecchi dubbi la sua non perfetta fluidità del motore. Per il resto auto spaziosa e di sostanza! Saluti...
listino
Le Fiat
  • Fiat 124 Spider
    Fiat 124 Spider
    da € 28.040 a € 32.340
  • Fiat Tipo 5 porte
    Fiat Tipo 5 porte
    da € 16.050 a € 25.050
  • Fiat 500X
    Fiat 500X
    da € 19.250 a € 31.000
  • Fiat Qubo
    Fiat Qubo
    da € 14.500 a € 21.250
  • Fiat 500L Wagon
    Fiat 500L Wagon
    da € 19.050 a € 25.600

LE FIAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE FIAT

  • In vendita da quattro anni, la Fiat 500X si rinnova e cambia in pochi dettagli all'esterno. Ma ci sono nuovi motori e tecnologie. Qui per saperne di più.

  • Fiat 500 Spiaggina ‘58 by Garage Italia: l'intervista a Lapo Elkann, che l’ha voluta fortemente.

  • Realizzata in 1958 esemplari, la serie speciale Fiat 500 Spiaggina ‘58 ha un look vintage e richiama l’utilitaria da “spiaggia” Jolly Spiaggina. Qui per saperne di più.