Jaguar I-Pace EV400 HSE AWD

Pubblicato il 6 agosto 2018
Ritratto di RubenC
alVolante di una
Tesla Model 3 Long range AWD
Jaguar I-Pace
Qualità prezzo
3
Dotazione
4
Posizione di guida
5
Cruscotto
5
Visibilità
4
Confort
5
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
0
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.25
Perchè l'ho comprata o provata
L’incontro con la vettura provata, una Jaguar I-Pace del 2018, fu puramente casuale. Quest’estate mi trovavo in vacanza in Sicilia quando, passeggiando per Taormina, notai per caso uno stand della Jaguar che pubblicizzava il nuovo suv-coupé elettrico. Mi avvicinai incuriosito e lo staff propose a me e a mio padre di effettuare un test-drive per le tortuose strade di Taormina, insieme a un driver della casa inglese. Sentita l’entusiasmante proposta, ci fiondammo nella piazza accanto, piena di Jaguar I-Pace e da dove partimmo per la prova della vettura, le cui impressioni sono di seguito riportate. Si tratta della versione EV400 AWD in allestimento HSE (prezzo, da €94.020). Il primo impatto colla vettura è all’esterno, caratterizzato da un design originale e innovativo, sportivo ma elegante. Ammirati il grintoso frontale, la forma sfuggente della coda e i cerchi in lega da 20” "Style 5068" con finitura Diamond Turned (di serie su questo allestimento), siamo saliti a bordo di quella ch’è la Jaguar più innovativa e una fra le novità più interessanti dell’anno.
Gli interni
Appena entrati nell’abitacolo si prova un senso di spazio e di ariosità, e ci si accomoda sui comodi e lussuosi sedili Sport in pelle marrone. Ci si ritrova davanti l’elegante volante Sport e il moderno cruscotto digitale, completo e dalla grafica piacevole, e sovrastato dall’Head-up Display (optional a € 615) che raccoglie sul parabrezza le informazioni del navigatore (di serie) e la velocità di marcia. A destra del guidatore trovano posto altri due schermi a colori: il primo, posto al centro della plancia sotto due bocchette dell’aria, gestisce il navigatore (le cui informazioni principali vengono ripetute sul cruscotto) e il sistema d’infotainment, abbastanza intuitivo, nonostante sia necessario un po’ di tempo per abituarsi ai numerosi menù; il secondo, ch’è invece situato nella consolle, gestisce il climatizzatore ed è integrato da due manopole. Vi sono numerosi portaoggetti, abbastanza ampi, ma non refrigerati (eccetto uno, sborsando € 133). Per ultime si notano le inserzioni di alluminio (€ 308). Spostandosi dietro, si apprezza il notevole spazio per i passeggeri posteriori, che rende molto comodi i viaggi per quattro persone (ma anche in cinque si sta discretamente). Infine, vi sono due vani per i bagagli: il bagagliaio posteriore, accessibile ma abbastanza piccolo per un suv-coupé di queste dimensioni (solo 363 l, contro i 500 l di una Mercedes-Benz GLC Coupé o i 525 l di una BMW X4), e il vano anteriore (29 l), ch’è però quasi interamente occupato dai cavi per la ricarica.
Alla guida
Accendendo il motore… non accade nulla, poiché il silenzio è quasi totale, e l’auto non è dotata di alcun sistema che avvisi i pedoni, con un sibilo, dell’arrivo del veicolo. L’accelerazione è impressionante tanto da attaccare al sedile i passeggeri (solo 4,6 s per lo 0-100 km/h) e l’auto raggiunge i 201 km/h, anche se nel test non abbiamo superato i 70. Infatti, fra le tortuose strade di Taormina si sono rivelati più utili la telecamera posteriore (di serie) e i sensori di parcheggio (la visibilità posteriore è assai scarsa), per le continue manovre, che non la potenza del motore elettrico da 400 CV. La guida è stata comunque piacevole e comoda (nonostante le avversità del tratto stradale), e si familiarizza subito con l’assenza del cambio e con l’uso molto ridotto del freno. Altro aspetto notevole è la possibilità di alzare o abbassare la vettura a seconda del fondo stradale, che insieme al sistema di mantenimento automatico della velocità in fuoristrada (derivato dal sistema presente sulle Land Rover) rendono questa Jaguar capace di affrontare sterrati e neve. Infine, la vettura è dotata di sistemi di guida semiautonoma di livello 2 (di serie) che consentono al guidatore di lasciare le mani dal volante per certi tratti.
La comprerei o ricomprerei?
Alla fine della prova la Jaguar I-Pace mi ha lasciato un’ottima impressione per la notevole autonomia (480 km dichiarati), i tempi di ricarica non troppo lunghi (circa 40 minuti a 100 kW per la ricarica completa), lo stile innovativo e originale degli esterni e il design elegante e moderno (spettacolari i tre schermi) degli interni. Nonostante alcuni difetti (bagagliaio poco capiente, scarsa visibilità e alcuni comandi poco intuitivi), e avendo a disposizione i 79.790 euro necessari per l’acquisto della versione “base”, comprerei sicuramente questo crossover.
Jaguar I-Pace EV400 HSE AWD
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
7
1
0
0
1
VOTO MEDIO
4,4
4.444445
9


Aggiungi un commento
Ritratto di deutsch
19 novembre 2018 - 09:58
4
tempi di ricarica non troppo lunghi però a patto di avere i 100kw (che mi pare nenache esistano in italia), ma dato che il contatore tradizionale in casa è il 3kw, con ques'ultimo ci vogliono circa due giorni
Ritratto di RubenC
19 novembre 2018 - 15:38
1
Concordo. Infatti nella prova intendevo che 40 minuti sono un tempo accettabile per la ricarica, sul piano teorico, ma ci sono comunque concorrenti che fanno di meglio (Tesla), ed è vero che le colonnine a 100 kw per questa Jaguar sono praticamente introvabili in Italia.
Ritratto di moris_com
5 dicembre 2018 - 17:20
Bellissima questa Jaguar! Anche l' autonomia non è troppo male! Come estetica la preferisco alle Tesla.
Ritratto di moris_com
16 dicembre 2018 - 10:07
Il prezzo, in fin dei conti, è poco più di quanto costerebbe un suv di lusso di queste dimensioni e prestazioni(ad esempio fa lo 0-100 in 4,8 sec.) a benzina o gasolio.
Ritratto di Andre_a
18 agosto 2020 - 23:22
8
Ciao! Una domanda: a due anni di distanza e, soprattutto, dopo aver preso una Tesla, come consideri questa Jaguar? La scambieresti alla pari con la tua Model 3? Te lo chiedo perché sto pensando all’acquisto di una elettrica di grosse dimensioni, esteticamente questa Jag mi piace molto, sia dentro che fuori, ma in tutto il resto Tesla mi sembra superiore.
Ritratto di RubenC
20 agosto 2020 - 11:46
1
Ciao Andre_a! Allora, per la mia esperienza con le auto elettriche ti dico che, passando all'elettrico, praticamente qualsiasi modello tu scelga (soprattutto se parliamo di auto di un certo livello) sicuramente ti garantirà un bel salto in avanti dal punto di vista della tecnologia e della comodità nell'uso e difficilmente ti deluderà. La I-Pace è un'ottima auto per il design, le prestazioni, la qualità degli interni eccetera... Detto questo, è comunque vero che Tesla offre un prodotto superiore, nel senso di più completo, che quasi nessun altro marchio offre (tranne alcuni marchi cinesi come Xpeng, che però non vendono in Italia): non è tanto una questione di maggiore autonomia o velocità di ricarica (la I-Pace carica "solo" fino a 100 kW), perché poi anche la Jaguar è alla fine più che accettabile e comunque permette di viaggiare senza tanti problemi, quanto una questione del software. Il software Tesla ha tantissime funzioni uniche, alcune delle quali potrebbero anche esserti inutili, ma alla fine di sicuro alcune possono esserti molto utili, e personalmente dovendo passare a una Jaguar sarebbe un grande passo indietro il non averle più: penso per esempio alla modalità sentinella, a Spotify, alle mappe di Google direttamente sulla macchina (che sono molto migliori degli altri navigatori) o anche all'Autopilot (che è un sistema di qualità nettamente superiore a quello di quasi tutte le altre auto, e che fornisce un preziosissimo aiuto nel caso di viaggi lunghi e in cui guidare diventa anche un po' noioso e stancante). Un punto però che ha migliorato la mia valutazione della I-Pace rispetto a qualche anno fa è invece l'espansione della rete Ionity: due anni fa era quasi inesistente e le Tesla erano le uniche auto con cui si riusciva a viaggiare in lungo e in largo per l'Italia grazie ai Supercharger. Oggi c'è invece un numero più che sufficiente di stazioni fast di altre reti (come Ionity, ma anche EnelX e BeCharge). Io ho personalmente provato Ionity e devo dire che si tratta di stazioni davvero veloci, comode e sempre funzionanti. Un'altra cosa positiva del prendere una Jaguar è il fatto di prendere un'auto rara (in Italia) e che si distingue: di Tesla ce ne sono davvero tante in giro, e inoltre tendono a essere tutte uguali perché c'è poca possibilità di personalizzazione... a me capita sempre più spesso di andare in montagna in qualche località turistica e trovare parcheggiate a poca distanza dalla mia anche 2 o 3 altre Model 3 assolutamente identiche (stesso colore, stessi cerchi...)... A parte questo, non so se scambierei la Tesla con una I-Pace, nonostante quest'ultima mi piaccia tantissimo per il design... Per concludere, ti consiglio di guardare il canale dello youtuber norvegese Bjorn Nyland (è in inglese) che ha provato praticamente tutte le elettriche in vendita e fa test molto seri e scientifici ma anche molto approfonditi: le riviste come AlVolante o Quattroruote tengono le auto per qualche ora, lui le prova per un'intera settimana facendo viaggi, test dell'autonomia reale e della ricarica. Inoltre pubblica nella descrizione dei suoi video un link ai risultati di tutte le sue prove: ti consiglio di dare un'occhiata perché potrebbero darti informazioni utili.
Ritratto di RubenC
20 agosto 2020 - 11:47
1
Ti chiedo scusa per la risposta forse troppo lunga... In ogni caso se hai altre domande chiedi pure, che io rispondo volentieri :)
Ritratto di RubenC
20 agosto 2020 - 11:59
1
Aggiungo una cosa che mi è venuta in mente ora: il principale difetto della I-Pace è il fatto che l'autonomia reale è molto inferiore a quella dichiarata, soprattutto se si prendono cerchi più grandi di quelli base: altri suv elettrici come e-tron e EQC, pur avendo un'autonomia dichiarata inferiore fanno nella realtà molti più km. L'e-tron/e-tron Sportback in particolare è molto buono per i viaggi grazie al fatto che carica molto rapidamente.
Ritratto di Andre_a
20 agosto 2020 - 15:17
8
Grazie mille, e non preoccuparti, la risposta troppo lunga non esiste! Hai confermato le mie impressioni, la scorsa settimana ho noleggiato una Model 3 per un giorno: come pensavo, per tutta la famiglia sarebbe troppo piccola, ma mi è piaciuta molto, più con la testa che col cuore, non so se mi spiego. Per ora sono più orientato su una Model X usata, ma se capitasse un’occasione sulla Jag ci penso. Di questo Bjorn ho sentito parlare molto bene, penso che gli darò un’occhiata, finora seguivo soprattutto “Fully Charged” come canale sulle EV, ma ultimamente i loro video mi sembrano un po’ meno ispirati.
Ritratto di RubenC
20 agosto 2020 - 16:06
1
Ho fatto un giro su un Model X, ce l'ha un mio zio svizzero. Molto buono anche quello, perché alla fine il software è lo stesso e parti dell'hardware sono condivise, forse ha una qualità degli interni ancora maggiore della Model 3. Unica cosa: io preferisco il design delle berline, anche se le falcon doors sono sempre spettacolari.
listino
Le Jaguar
  • Jaguar E-Pace
    Jaguar E-Pace
    da € 38.450 a € 67.250
  • Jaguar I-Pace
    Jaguar I-Pace
    da € 81.390 a € 95.690
  • Jaguar XE
    Jaguar XE
    da € 45.035 a € 63.135
  • Jaguar F-Type Coupé
    Jaguar F-Type Coupé
    da € 66.300 a € 129.280
  • Jaguar F-Type Convertibile
    Jaguar F-Type Convertibile
    da € 73.500 a € 135.940

LE JAGUAR PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE JAGUAR

  • Rivista nel frontale e nella strumentazione, la Jaguar F-Type si conferma entusiasmante nella guida, anche nella versione meno potente, da 300 CV. Migliorato lo sterzo; sempre scomodo il baule. Qui per saperne di più.

  • Pagando 199 euro si potrà fare un giro a bordo della berlina sportiva XE Project 8 al fianco di un pilota professionista. Qui per saperne di più.

  • Smart Settings ed è un embrione di intelligenza artificiale in auto. Le abitudini del guidatore vengono monitorate e la vettura è in grado di effettuare alcune regolazioni di climatizzatore, sistema multimediale e posizione di guida in modo autonomo. Qui per saperne di più.