Pubblicato il 12 ottobre 2010
Qualità prezzo
2
Dotazione
3
Posizione di guida
3
Cruscotto
2
Visibilità
4
Confort
4
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
3.75
Perché l'ho comprata o provata
L'ho provata durante i test drive della Mini, curioso di conoscere le doti di questa Suv e il suo impatto dal vivo.
Gli interni
Spartani per non dire di peggio: è quello che ho pensato appena entrato in questa Countryman. Un secondo prima di aprire la portiera di questa Mini mi aspettavo quantomeno le stesse finiture e la stessa eleganza e qualità presente nelle normali Mini. Nulla di tutto ciò. Mi è capitato di provare la Dacia Duster appena uscita, e il mio primo pensiero è andato li una volta entrato nella Countryman. Tantochè incredulo sn entrato e uscito due volte credendo fosse tutto un incubo e invece era tutto realtà. La Mini Countryman ha delle plastiche pessime, assemblaggi altrettanto discutibili, e posizione di guida e altezza dal suolo "stile Dacia Duster". Sembra quasi che abbiano preso tutta la qualità Mini e se la siano dimenticata a casa negli interni. Le palstiche del cruscotto, dei tasti e delle portiere è rigida, di qualità dubbia e scadente anche a vedersi. Ripeto, quasi non ci credevo, ho dovuto toccare il tutto due o tre volte per rendermene conto. Il bagagliaio anche per le dimensioni della macchina è abbastanza ridicolo (Fiat Sedici style, se non più piccolo). L'unica nota positiva degli interni, la concedo senza dubbio allo spazio e al confort ai passeggeri posteriori , davvero da auto di livello superiore; ANZI a mio parere è maggiore lo spazio e il confort dietro che davanti anche per le gambe.
Alla guida
Direi che le note migliori vengono indubbiamente da qui. La S Countryman è sempre esuberante e pronta ad ogni marcia a spingere cm una furia, con un sound davvero gasante così come sulla Mini Cooper. Il peso, seppure superiore rispetto alla Cooper S non sembra penalizzare più di tanto le prestazioni. La tenuta di strada è sicuramente superiore con quei gommoni così grossi e con la trazione integrale. Davvero CEMENTATA a terra. Questo insieme al baricentro più alto e al peso maggiore rispetto alla Cooper fa perdere un pò di maneggevolezze e quell'effetto tipico KART alla guida.
La comprerei o ricomprerei?
Non la comprerei mai. Esteticamente è veramente bruttina dal vivo a mio parere ( in foto si ha ancora qualche dubbio sul fatto che possa essere CARUCCIA, ma dal vivo proprio no) oltre che un pò, come dire... TAMARRA? (ma si sa c'è a chi piace la Multipla Fiat non mi stupirei di nulla). Internamente è ancora peggio. Ma quel che è peggio è il prezzo di base oltre i 20.000 euro. Chi può essere così pazzo da comprarsi un affare del genere con tanti SUV a quel prezzo sicuramente superiori come il nuovo KIA Sportage per esempio, tanto per non sparare tanto in alto.
Mini Countryman Cooper S ALL4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
0
0
0
0
VOTO MEDIO
5,0
5
1
Aggiungi un commento
Ritratto di PT
23 dicembre 2013 - 12:45
sarà sicuramente la mia prossima auto, rispetto tutti i commenti sotto tutti i punti di vista ma quando ho acquistato la mia attuale auto ho considerato sopratutto che fosse diversa dalle solite, spaziosa,affidabile,comoda,ben rifinita e devo dire che non mi sono assolutamente pentito di averla scelta nonostante molti giudizi negativi letti sui vari forum del panorama auto.....farò la stessa scelta con la COUNTRYMAN e sono sicuro che non mi deluderà.
Pagine
listino
Le Mini
  • Mini Clubman
    Mini Clubman
    da € 23.950 a € 44.670
  • Mini Cabrio
    Mini Cabrio
    da € 24.500 a € 40.650
  • Mini 3 porte
    Mini 3 porte
    da € 18.150 a € 35.850
  • Mini Countryman
    Mini Countryman
    da € 25.800 a € 47.100
  • Mini 5 porte
    Mini 5 porte
    da € 19.000 a € 35.350

LE MINI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE MINI

  • Lo specialista inglese David Brown propone una Mini prima generazione rivista in varie parti, con un motore potenziato, un interno modernizzato e caratterizzato da materiali pregiati.

  • Lo stile diventa più semplice e mette in evidenza i due “capisaldi”: la scritta Mini e le alette laterali. Ecco in breve la storia dei loghi della marca inglese.

  • Il raduno dedicato all’utilitaria, organizzato dal 1978, ha richiamato oltre 1.200 persone e 3.000 vetture.