Seat Leon 2.0 TDI CR 184 CV FR Start&Stop

Pubblicato il 21 luglio 2019
Ritratto di Bezoar16
alVolante di una
BMW Serie 1 120d Msport Steptronic 5 porte
Seat Leon
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
5
Cruscotto
5
Visibilità
4
Confort
4
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
5
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.6666666666667
Perché l'ho comprata o provata
Per caso. Mi era piaciuta sin dall'uscita sul mercato e avendola trovata in pronta consegna full optional ad un prezzo consono, ho deciso di comprarla. Tenuta per 4 anni e mezzo e 120mila km l'ho rivenduta a marzo 2019.
Gli interni
L'interno è complessivamente ben fatto, sebbene si noti qualche economia nei materiali e qualche scricchiolio di troppo, ha tenuto bene nel tempo. I sedili sportivi, ma non troppo, sono comodi anche per lunghi viaggi. Un appunto va alla scarsa escursione in altezza di quelli anteriori. L'interno è serioso e nonostante avessi rivestito dopo l'acquisto i sedili in pelle nappa totale (mantenendo le cuciture rosse), rimane poco originale e non spicca nè per eleganza, nè per sportività. L'ergonomia però è ai massimi livelli, dal clima (potente e bizona con bocchette dietro) al computer di bordo/viaggio che è il più ricco e completo che troverete nel segmento. Il cruscotto è tradizionale ma con un ampio schermo a colori (la mia era pre virtual cockpit), e l'unica vera pecca è l'impianto di navigazione, lento e mutuato dalle vecchie audi.
Alla guida
é davvero l'aspetto che mi manca di più dell'auto. Complice il riuscito motore (in comune con la GTD) e diverso tecnicamente dagli altri 2.0 TDI coinvolti nel dieselgate, le prestazioni sono eccellenti e i consumi sempre contenuti (mai fatte medie sotto i 17 e col piede attento, ma non leggero, si fa tranquillamente di più). Quello che convince è la progressione cattiva e decisa del motore (con il sinceramente tamarro microfono in modalità sport) che accoppiata all'ottimo cambio rende l'auto quasi sportiva. Lo sterzo è comunicativo e diretto, e lo si nota chiaramente nelle curve veloci, l'assetto piatto e il rollio inesistente. Certo in questo caso aiutano i 18 opzionali (bruniti con design a turbina nel mio caso) e il multilink al posteriore, specifico di questa motorizzazione e che aiuta anche nel reparto comfort. Che si vada piano o veloce, è sempre prevedibile e facile da guidare, e questo rende i viaggi piacevoli. I full led fanno il loro dovere, ma sono anni luce indietro ai matrix o ai vecchi bixeno più potenti di altre marche.
La comprerei o ricomprerei?
Col cuore dico di si, perchè la linea (gusto personale) e la guida sono davvero un grosso pro dell'auto. Tuttavia, pur avendola pagata sostanzialmente il giusto (un 30% meno del listino full optional esclusa la permuta) e rimpiangendone il rapporto consumi/prestazioni, tanti piccoli e noiosi difetti vanno considerati: la parte elettrica della macchina fa pietà, a partire dagli specchietti ripiegabili che han cominciato a malfunzionare al terzo anno, alla batteria che mi ha lasciato a piedi a ripetizione (sostituita 3 volte poi in garanzia), per finire nello sportello del serbatoio bloccato senza possibilità di appello l'unica volta che finii in riserva. E il già citato navigatore datato, lento e sostanzialmente inservibile. Un'ulteriore nota dolente viene dall'assistenza che pur efficiente e tuttosommato puntuale, rende i costi di gestione paragonabili alle premium, quando di premium proprio non si tratta.
Seat Leon 2.0 TDI CR 184 CV FR Start&Stop
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
0
0
0
0
VOTO MEDIO
0,0
0
0
Aggiungi un commento
Ritratto di studio75
29 luglio 2019 - 15:17
5
Bella prova. Dopo aver letto dei problemi agli specchietti ho toccato ferro. Anche con il mio navigatore ci combatto. Cioè, sulla mia dice versione 2017, ma è strano che non riconosca tante strade.
Ritratto di tody
31 luglio 2019 - 08:33
2
Buona prova. L'auto mi piace molto. Volevo sapere qualcosa in più sul motore, intanto sui consumi in generale e poi una comparazione con la versione da 150 cv. Ciao.
Ritratto di ViAdoro
3 agosto 2019 - 00:03
Possiedo quest'auto in versione 1.4 tsi 150cv, e mi ritrovo quasi su tutto, specialmente per quanto riguarda la guida (pur avendo il ponte torcente al posteriore). Scricchiolii non ne ho, ma la cosa che mi ha lasciato più deluso è stato notare che la parte alta delle portiere posteriori ha la plastica dura, mentre davanti è morbida. Per il resto ho fatto l'estensione di garanzia a 5 anni, quindi ogni problema che non dipenda da me passa in garanzia. E quando scadranno i 5 anni la cambio per evitare ulteriori spese. Bella prova comunque dettagliata e critica nei punti giusti.
listino
Le Seat
  • Seat Tarraco
    Seat Tarraco
    da € 30.475 a € 42.640
  • Seat Alhambra
    Seat Alhambra
    da € 43.000 a € 47.700
  • Seat Leon ST
    Seat Leon ST
    da € 23.300 a € 48.570
  • Seat Leon
    Seat Leon
    da € 22.550 a € 38.250
  • Seat Mii
    Seat Mii
    da € 11.280 a € 15.980

LE SEAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE SEAT

  • Due posti e un ingombro inferiore alla metà di un’auto. La Seat Minimó è un prototipo di quadriciclo elettrico pensato per la mobilità urbana.

  • Rivoluzionaria questa concept del marchio Seat, che diventerà realtà nel 2020. La trazione 100% elettrica, con motore da 204 cavalli, ha permesso di creare nuove proporzioni.

  • Abbiamo guidato la nuova suv spagnola nel deserto marocchino per scoprire se anche nella guida in fuoristrada conferma le buone impressioni ricevute su strada. Leggi qui il primo contatto.