Seat Ibiza 1.4 TDI Stylance

Pubblicato il 31 gennaio 2011
Qualità prezzo
5
Dotazione
3
Posizione di guida
2
Cruscotto
2
Visibilità
3
Confort
3
Motore
2
Ripresa
3
Cambio
3
Frenata
2
Sterzo
3
Tenuta strada
5
Media:
3
Perché l'ho comprata o provata
Partendo dal presupposto che la Seat Ibiza non era la macchina che mi ero prefissato di comprare, e che, la scelta è stata condizionata dal portafogli, ma soprattutto dettata dal fatto che la mia vecchia Audi A3 dopo 260.000 km mi ha mollato, ne ho parlato con il mio concessionario di fiducia, al quale o significato che i soldi non eran molti ed un'auto comunque mi serviva. Detto fatto macchina trovata e via...!!! Una Seat Ibiza 1.4 t.d.i. Stylance di color Blu notte con consumi ridotti e la rinomata affidabilità tedesca (così come tedesca era l'Audi A3 che possedevo per intenderci). Va be', in marcia dunque...!!!
Gli interni
Prima di salire a bordo mi vorrei soffermare un attimo sul design dei profili della carrozzeria dell'auto. La macchina, nella sua parte anteriore, si presenta assai aggressiva e con vena alquanto sportiva: ciò è dettato dal particolare musetto composto sia dalla grande presa d'aria centrale, di forma trapeziodale a nido d'ape e dalla forma del paraurti che risulta più spigolosa e muscolosa se paragonata a quelle più arrotondate e morbide montate sulle precedenti versioni commercializzate a partire dal 2002 fino al 2006 (ricordo che la mia seat è l'ultimo restyling della penultima serie). Procedendo lungo le fiancate si notano subito i "grossi" cerchi da 16 montati di serie che strizzano l'occhio ai piu giovani rendendo la linea generale piu equilibrata e proporzionata. Nella parte posteriore invece si viene accolti da un piccolo spoiler, dalla bella scritta "ibiza" al centro del portellone e dal nuovo paraurti più "ricercato" e lavorato. Saliti a bordo dell auto ci si accorge subito della bontà della vettura. L'interno è curato con buoni materiali e plastiche decenti ma purtroppo non sempre assemblate correttamente soprattutto nella parte bassa dell abitacolo. La plancia è personale e razionale come impone la tradizione tedesca tutto è a portata di mano e facilmente raggiungibile con addirittura un comodo portalattine a scomparsa sopra il vano dell autoradio. La seduta è buona i sedili anteriori sono imbottiti a dovere e sufficentemente avvolgenti diverso invece è il discorso per i passeggeri posteriori a dispetto dell invitante forma del divano, che fa pensare a trasferte in 5, la seduta risulta scomoda, si tocca subito con le ginocchia il sedile davanti a sè, ed è molto stretta ( mio consiglio viaggiate in 4 anche perche se non vado errato non è omologata per cinque occupanti ). Il vano bagagli non è enorme anzi direi di modiche dimensioni ma è di forma regolare ed è abbastanza profondo. Dimenticavo nell abitacolo sono presenti numerosi, anche se piccoli, vani portaoggetti.
Alla guida
Accendendo il motore si è avvolti da soud sconfortante (pare di stare su un trattore ) si sente un fastidioso borbottio dato dal 1.4 tdi a tre cilindri alimentato a gasolio che svilluppa 80 cv di potenza ma almeno si ha la promessa che consumi poco. mettendo la prima il borbottio si attenua diventando sopportabile nonostante rimanga sempre una strana sensazione di ruvidezza generale. Il motore spinge bene arrivando presto a velocita autostradali grazie alla turbina dimostrando di avere un cuoricino piccolo ma tenace. L'assetto è perfetto addirittura troppo per il tipo di macchina ... ci si diverte tra le curve e quasi ci si dimentica di stare su un utilitaria, la guida è precisa e l avantreno si scompone solo se messo veramente in crisi, lo sterzo è leggero e morbido ma non si indurisce con l'aumentare della velocità quindi consiglio di non rischiare troppo. Il confort di marcia tutto sommato è buono attenzione alle buche poichè le gomme a spalla bassa trasmettono subito le asperità ai cerchioni e agli ammortizzatori piuttosto duretti. La frenata è in linea con le prestazioni del veicolo due dischi all anteriore e due tamburi al posteriore frenano bene entro un certo limite. Ultimi due appunti sono i fruscii che si sviluppano oltre i 130 km/h e il buon funzionamento del condizionatore che porta velocemente ad una adeguata temperatura l’interno,occhio però quando lo si usa perche taglia di molto la potenza del motore e i consumi aumentano.
La comprerei o ricomprerei?
La seat ibiza è una vettura completa, accattivante e sicura, non eroga prestazioni esagerate ed è un ottima macchina per cominciare a masticare chilomentri e prendere confidenza con il mondo automobilistico. Io purtroppo non ricomprerei questo modello semplicemete perchè nel cuore ho un altro genere di vettura ( mi piacerebbe la leon fr o la golf gtd ) ma ve la consiglio comunque perche vale tanto e fa spendere poco. Allora, BUONA SEAT A TUTTI !!!!
Seat Ibiza 1.9 TDI FR
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
1
3
1
1
VOTO MEDIO
3,0
3
7
Aggiungi un commento
Ritratto di iaky
13 giugno 2011 - 20:30
La mia , una sport del 2003 è, omologata per 5 come tutte le categorie ed allestimenti.
listino
Le Seat
  • Seat Ateca
    Seat Ateca
    da € 24.020 a € 32.320
  • Seat Arona
    Seat Arona
    da € 17.300 a € 25.200
  • Seat Leon ST
    Seat Leon ST
    da € 22.645 a € 27.545
  • Seat Leon
    Seat Leon
    da € 21.895 a € 26.795
  • Seat Ibiza
    Seat Ibiza
    da € 16.020 a € 21.820

LE SEAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE SEAT

  • Seat punta da anni ai giovani e infatti fra gli highlight dei nuovi modelli ci sono connettività e freschezza delle forme: ne parliamo al Salone di Parigi con Pierantonio Vianello, direttore brand Seat Italia.

  • La Seat debutta fra le grandi suv con la Tarraco. Lunga 474 centimetri, punta sulla semplicità di linee che esprimono un certo dinamismo.