Tesla Model 3 Long range AWD Performance

Pubblicato il 14 settembre 2019
Ritratto di Ivan92
alVolante di una
BMW Serie 3 Active Hybrid 3
Tesla Model 3
Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
5
Cruscotto
4
Visibilità
4
Confort
5
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
5
Frenata
5
Sterzo
4
Tenuta strada
5
Media:
4.75
Perchè l'ho comprata o provata
Cari amici di AlVolante. Vi presento la nuova arrivata in famiglia partendo come al solito dal “perchè proprio lei”. Le berline prestazionali mi hanno sempre affascinato ma per svariate ragioni sono sempre dovuto scendere a compromessi e trovare il giusto equilibrio fra prezzo d'acquisto, potenza del motore e consumi, fino a quando finalmente è arrivata sul mercato una novità assoluta, completamente diversa dalle altre, assolutamente fuori dagli schemi tradizionali, che semplicemente vanifica questo problema sotto ogni punto di vista. In questo breve riassunto vi spiegherò anche il perché elencando i due fattori secondo me più radicali: 1) L'imposta di circolazione (bollo): come vi avevo già annunciato nella prova della mia BMW ActiveHybrid 3 (335i ibrida) in Svizzera e più precisamente nel Canton Ticino dal 2020 l'imposta di circolazione (l'equivalente del bollo italiano) si pagherà solamente in base a due criteri, le emissioni di co2 e il peso a vuoto del veicolo. Il primo criterio (emissioni) influenzerà il 70% del risultato mentre il secondo criterio (peso) il rimanente 30%. Grazie a questa novità le automobili prestazionali con tanti cavalli non saranno più penalizzate ingiustamente ma sarà possibile acquistare una qualsiasi automobile pagando una tariffa annuale ragionevole. Passando ai numeri pratici l'imposta di circolazione annuale per la Tesla Model 3 Performance (omologata a libretto con 360 kW = 489 CV di potenza) sarà di appena 217.80 CHF (circa 200 €) mentre per un auto come la Fiat Panda 1.2 con appena 70 cv (presa come esempio perché è una delle più vendute in Italia) si dovranno pagare 341,10 CHF (circa 310 €). Il secondo fattore, ancora più importante: 2) Il prezzo del carburante: con la mia BMW ActiveHybrid 3 (335i ibrida con 340 cv) per percorrere 1'000 km consumo mediamente 80 litri di benzina (12,5 km/l) con una guida normale. Che fanno 132 CHF (circa 120 €) come spesa (1,65 CHF = litro di benzina 98 ottani). Per percorrere la stessa distanza con la Tesla Model 3 Performance che ha quasi 150 cv in più, guidando nello stesso modo invece spendo solamente 38 CHF di energia (34,50 €), una cifra assolutamente irrisoria rispetto ai 120 € della BMW (19 kWh x 100 km - prezzo x kWh di 0,20 CHF [0,18 €]). Il sogno di trovare sul mercato un auto velocissima, comoda, spaziosa e piacevole da guidare ma che allo stesso tempo avesse anche dei costi chilometrici irrisori era finalmente diventato realtà :-)
Gli interni
Dopo avervi annoiato con l'imposta di circolazione e con i costi chilometrici finalmente passiamo a qualcosa di più concreto. Gli interni: i materiali e le finiture sono di buona qualità, gli optional? Non ci sono, l'unica cosa a pagamento sono i colori (tranne il bianco che è di serie), gli interni bianchi (di serie sono neri) e l'Autopilot avanzato, tutto il resto è già compreso. La dotazione della Tesla Model 3 Performance inoltre comprende rispetto alle altre: cerchi da 20'' con pneumatici Michelin Pilot Sport 4S della dimensione 235/35, impianto frenante Brembo con dischi anteriori 356 mm e posteriori 335 mm, sospensioni ribassate, pedali in lega di alluminio, limitatore della velocità spostato a 261 km/h e la modalità track che cambia radicalmente il comportamento dell' auto (della quale ve ne parlerò in seguito). I sedili anteriori sono molto comodi e regolabili elettronicamente in 12 posizioni, tutti e cinque i sedili sono riscaldabili e si possono configurare i profili di svariati conducenti per salvare tutte le regolazioni, al centro della plancia si trova un tablet da 15'' dal quale si regola la maggior parte delle impostazioni. L'auto è costantemente collegata ad internet e riceve costantemente nuovi aggiornamenti e nuove funzioni. Il navigatore è strettamente legato a Google Maps quindi le indicazioni stradali e le informazioni sul traffico sono pressoché perfette. Grazie alla connessione ad internet si ha il costante accesso a Spotify con un infinità di brani a disposizione, l'impianto audio è eccellente e dispone di 14 autoparlanti e 1 subwoofer con il suono immersivo. La climatizzazione della Model 3 è una delle migliori che io abbia mai provato, le bocchette dell'aria ci sono solo dietro mentre davanti l'intero cruscotto è un unica presa d'aria con un risultato pratico nettamente migliore rispetto alle bocchette tradizionali. Il baule posteriore è molto capiente mentre quello anteriore è perfetto per caricarci cose meno ingombranti come uno zaino, i cavi di ricarica, ecc… L'auto si può gestire da remoto via App monitorando la batteria, la velocità di ricarica, la posizione dell'auto, l'aria condizionata, l'apertura delle porte o dei bagagliai e si può attivare a distanza la funzione ''sentinella'' che registra costantemente cosa sta succedendo intorno all'auto salvando i filmati degli eventi importanti (quando qualcuno vi tocca l'auto o semplicemente si avvicina troppo per curiosare).
Alla guida
Passiamo ora al capitolo più interessante in assoluto, la guida. Ma prima di iniziare devo fare un appunto, quando si parla di veicoli elettrici spesso i contenuti dell'automobile in questione passano in secondo piano e si devia completamente il discorso su temi che nulla c'entrano facendo soltanto un enorme disordine privo di logica. In questa recensione invece vi parlerò unicamente dei contenuti della Tesla Model 3 Performance e di nient'altro, giudicare un auto soltanto perché è elettrica (come accade il 90% delle volte) con tesi alquanto discutibili e come accanirsi contemporaneamente contro un Audi S7 TDI (349 cv – 700 nm), un MAN TGX (510 cv – 2'600 nm) e una Dacia Logan 1.5 dCi (75 cv – 200 nm) soltanto perché ''sono diesel''. A parte lo stesso carburante i contenuti dei tre veicoli sono completamente diversi e imparagonabili, lo stesso avviene con le automobili elettriche, una citycar elettrica non condivide nulla con una berlina elettrica o con una supercar elettrica, ogni auto è unica e va giudicata per i contenuti che ha, non per come viene alimentata. Detto questo posso finalmente iniziare con la prova: a livello tecnico la Tesla Model 3 Performance dispone di due motori montati uno per asse, ogni motore controlla le proprie ruote e questo rende la Model 3 Performance una trazione integrale. I due motori sono completamente indipendenti uno dall'altro e in 10 millisecondi decidono dove e quanta coppia mandare. Il peso è di circa 1'850 kg con la massa distribuita esattamente al 50%-50% e con un baricentro molto basso. Le prestazioni dichiarate sono di 3,4 secondi per raggiungere i 100 km/h e una velocità massima di 261 km/h autolimitati. Ma come si traduce tutto questo nella guida?Cercherò di spiegarvelo nel modo più oggettivo ed imparziale possibile iniziando come al solito dal ''come va in città''. In un contesto urbano regna la totale silenziosità nell'abitacolo, basta sfiorare l'acceleratore per riprendere velocità e il cruise control adattivo fa perfettamente il suo dovere durante le frequenti ripartenze nel traffico, il freno non si utilizza praticamente mai sopra i 10 km/h visto che rilasciando l'acceleratore la frenata rigenerativa rallenta la vettura e recupera l'energia che altrimenti verrebbe sprecata. La visibilità anteriore e ottima come anche quella dei retrovisori, mentre dal lunotto posteriore si vede ben poco, utilissima la telecamera posteriore ad alta risoluzione che trasmette l'immagine sullo schermo da 15''. L'assorbimento delle imperfezioni stradali è molto buono, considerando anche i cerchi da 20'' e lo pneumatico 235 con spalla 35. Usciti dalla città si apprezza la grandissima accelerazione, affondando l'acceleratore a fondo si viene letteralmente catapultati in avanti in modo istantaneo, su un percorso pieno di curve lo sterzo preciso e il baricentro basso ti fanno divertire tantissimo, in modalità normale la trazione integrale ti tira letteralmente fuori dalle curve offrendo un elevatissima motricità mentre in modalità track ti lascia chiudere la traiettoria con un leggero sovrasterzo paragonabile a quello di una trazione posteriore, su fondo viscido in condizioni di sicurezza (area privata) si riesce ad innescare e mantenere un sovrasterzo di potenza con estrema facilità, come se fosse stata progettata per questo. In ogni situazione si percepisce bene cosa sta succedendo e come lavora la meccanica e più si alza il ritmo e più si hanno soddisfazioni, il grip e il comportamento sovrasterzante la rendono fantastica ed è incredibile che sia così agile considerando la massa, avesse qualche kg in meno sarebbe davvero paragonabile ad un go-kart. Anche i freni Brembo quando la frenata rigenerativa non vi basta (molto potente in modalità track) mordono le pinze e non soffrono la fatica offrendo anche una buona modulabilità. In autostrada dove è consentito si superano facilmente i 250 km/h raggiungendo la punta massima di 262 km/h di tachimetro mentre dove non è consentito si può lasciar fare tutto all'Autopilot, io personalmente lo uso davvero poco perché mi piace guidare ma quando ci si trova in una situazione di traffico intenso dopo una giornata di lavoro è davvero comodo lasciar fare tutto all'automobile che segue la strada sterzando da sola e mantenendo la distanza dal veicolo davanti, il tutto fino a 150 km/h. L'insonorizzazione è buona ma non eccellente, se in condizioni urbane ed extraurbane si ha il silenzio totale in autostrada qualche fruscio è di troppo e decisamente maggiore rispetto alla mia BMW 3er (ben più insonorizzata alle alte velocità). A parte il livello acustico non da primato in autostrada si viaggia molto comodi grazie ai sedili confortevoli e alle sospensioni (non attive) tarate molto bene. Peccato che anche il cruise control adattivo come l'Autopilot non sia attivabile sopra i 150 km/h, dove queste velocità sono consentite farebbe comodo poterlo attivare a velocità maggiori in modo da non dover tenere premuto l'acceleratore quando si mantengono i 200 km/h come velocità di crociera, peccato anche per la mancanza del Head-Up display, non è una problematica reale però se ci fosse sarebbe meglio.
La comprerei o ricomprerei?
Da soddisfattissimo possessore di una BMW 3er ActiveHybrid (335i ibrida) sono davvero contentissimo di avere anche una Tesla Model 3 Performance in famiglia. Ciò che già riuscivo ad avere sulla BMW (bella guida, prestazioni, comodità, spazio, efficienza) sulla Tesla Model 3 Performance viene ulteriormente amplificato, con delle accelerazioni brutali, riprese fulminee, elevatissima trazione e divertimento alla guida abbinate a dei costi chilometrici irrisori. E se i tempi di ricarica vi mettono ansia non temete, per me da quando ho una Tesla Model 3 Performance non è cambiato assolutamente nulla rispetto a prima, ma anzi, ci metto addirittura meno tempo senza avere alcun altro inconveniente. Arrivato a casa in 10 secondi attacco il cavo e carico a 11 kW (meno di 6 ore per passare da 10% a 90%) e quando devo ripartire impiego altri 10 secondi per togliere il cavo. In totale quindi in 20 secondi faccio un pieno da 400 km reali contro svariati minuti che ci vogliono ad un distributore di benzina. E se sono in viaggio lontano da casa ai Supercharger in 15 minuti carico dal 20% a oltre 60% guadagnando centinaia di km di autonomia, tempo assolutamente paragonabile ad una sosta dal benzinaio. Perciò alla domanda ''la comprerei o ricomprerei'' rispondo con un assoluto SI! Secondo me è un automobile fantastica che brilla proprio nella dinamica di guida e che a parità di prezzo e dotazione è oggettivamente un paio di spanne sopra a tutta la concorrenza per contenuti e prestazioni. Vi ringrazio tantissimo per aver letto la prova, se avete qualche domanda o volete semplicemente approfondire qualche argomento non esitate a scriverlo nei commenti :-)
Tesla Model 3 Long range AWD Performance
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
2
1
1
2
VOTO MEDIO
4,2
4.210525
19


Aggiungi un commento
Ritratto di Marino
13 luglio 2020 - 17:46
4
Complimenti per la recensione. Meglio di quelle che vanno i professionisti (scherzi a parte). La prenderei subito, non perfomance ma anche la più semplice (per i km che fa la standard per me sono più che sufficienti, anzi perfetti) però i prezzi sono fuori miei budget. Devo farti solo una domana in merito alla carica. Tu hai la wallbox e in circa 6 ore si ricarica; ma se volessi ricaricarla con la presa classica (sfruttando la la potenza di un normale contratto, quello casalingo da 3kw), mi pare che abbia il cavo anche per quella, all'incirca quanto ci vorrebbe? Grazie.
Ritratto di Ivan92
18 luglio 2020 - 10:59
8
Ciao Marino, grazie mille per aver letto la prova :-) Se ricordo bene la Standard Range Plus ha una batteria da 54 kWh perciò ricaricando a 3 kW di potenza impiegheresti 18 ore per passare da 0% al 100%, questo però è solo un esempio teorico perchè in pratica non dovresti mai scendere allo 0% di carica (è consigliabile evitare di scendere regolarmente sotto il 20%, si può fare, l'importante è non farlo regolarmente) ed è altrettanto sconsigliabile ricaricare tutti i giorni al 100% (l'ideale sarebbe 80%, oppure 90% se hai bisogno di fare più km, ma non oltre). Ciò non toglie comunque la possibilità di caricare anche al 100% prima di partire per un viaggio, l'importante che non sia un abitudine quotidiana farlo. Tornando ai tempi di ricarica con la Standard Range si ha un consumo reale di circa 17 kWh x 100 km (anche parecchio meno, ma preferisco essere pessimista per l'esempio) perciò per un fabbisogno quotidiano di 100 km servono circa 5 ore e 40 minuti di ricarica usando una presa casalinga normale. Saluti :-)
Ritratto di Miti
5 gennaio 2021 - 23:50
1
Ivan92 a distanza di ben oltre un anno ho letto finalmente la tua prova di guida. Anche in seguito a una discussione con RubenC. Perché inizio interessarmi ad un futuro acquisto di un elettrica. Confesso, non obbligatorio di una Tesla. E di sicuro non con tutti questi cavalli. Non sono uno che va in pista e non sono un malato di super velocità. A me piace semplicemente guidare. Anche per svariate ore. Molte ore. La prova la considero veramente valida anche perché mi hai dato moltissimi dati tecnici. Avrei delle domande ( mi scuso in anticipo perché potrei avere le informazioni dal web, ma è più comodo visto che sono già qui ). Il cavo di ricarica è uguale per tutte le elettriche o la Tesla ha la sua " spina " d'attacco alla colonnina di ricarica ? La Tesla la puoi caricare il qualsiasi punto di ricarica o devi per forza trovare una colonnina compatibile? E più sano per la "vita" delle batterie di caricarle in tranquillità per quelle svariate ore o col super Charger in molto meno tempo ? Ho letto che una batteria al litio si deve ricaricare non oltre 80% e non lasciarla scaricare oltre 20%. Lo stesso principio vale anche per preservare le batterie della Tesla o non ha importanza ? Ti ringrazio in anticipo per le tue risposte.
Ritratto di Ivan92
11 gennaio 2021 - 20:42
8
Ciao Miti! Scusami per la risposta tardiva, ho disattivato le notifiche e devo controllare manualmente i nuovi commenti, ed è stata pure una fortuna ad aver letto il tuo dopo sei giorni soltanto, in altre prove ho visto i commenti degli utenti dopo molti mesi :-) Passiamo subito al punto, la "spina d'attacco" DC in Europa è uguale per tutte le elettriche (IEC 62196) perciò tutti i punti di ricarica sono compatibili, ciò che fa la differenza è il metodo per far partire la colonnina (in alcune serve l'app, altre la carta di credito e un account, ecc...) ma come "presa" sono tutte IEC 62196 quando si tratta di ricarica DC, anche per le ricariche veloci AC quasi tutti utilizzano la CCS (Combined Charging System), cioè una presa universale). La differenza quando si tratta dei Supercharger Tesla è che non serve nulla ma basta attaccare il cavo e la ricarica parte, ed è una soluzione per me decisamente più comoda. È vero che il range ideale di tutte le batterie è fra 80% e 20%, però ciò che davvero le fa male è essere tenuta per lungo tempo fuori da queste percentuali, se ogni giorno ricarico al 100% e la lascio così tutta la notte questo le fa male, ma se quando devo fare un viaggio la carico al 100% e parto subito allora non c'è nessuno problema, lo stesso vale per le percentuali inferiori al 20%, se sto sotto al 20% e la lascio così tutti i giorni è un problema, ma se scendo anche all'1% ma poi la metto subito sotto carica non ci sono problemi (o ce ne sono molti meno). Anche per quanto riguarda le ricariche veloci vs lente non mi preoccuperei tanto, le auto moderne hanno sistemi di controllo della temperatura e sono in grado di raffreddare la batteria quando necessario, perciò anche caricando alla massima potenza l'auto è perfettamente in grado di tenere tutto sotto controllo, per avere un divario fra ricariche AC vs DC ci dovrebbero essere davvero tantissimi cicli di ricarica, più di quanti servono per l'intera durata delle altre componenti di una qualsiasi automobile. Il problema si può presentare su vetture che non hanno sistemi di raffreddamento adeguati ma credo siano ben poche sul mercato ad essere carenti sotto questo aspetto. Un saluto e auguri per il futuro acquisto :-)
Ritratto di Miti
12 gennaio 2021 - 14:12
1
Parlato in famiglia. Assolutamente la prossima auto sarà elettrica. Le informazioni sono state più che complete. Ti ringrazio molto
Ritratto di Volpe bianca
25 marzo 2021 - 07:28
Ciao, dopo i dati che hai scritto ieri e che io ho confuso con quelli della 2008 [ ho fatto un po' di casino :)) ] mi è venuta la curiosità di vedere la prova. Prova molto completa, niente da dire, ha confermato tutte le impressioni positive che ho su questo modello e, in generale, su Tesla. Gran macchina, complimenti
Ritratto di Ivan92
5 aprile 2021 - 15:46
8
Ciao @volpe bianca, scusa ho letto solo ora il commento. Ti ringrazio molto :-) Buona Pasqua!
Ritratto di Predatornale
21 aprile 2021 - 13:00
Ciao Ivan, ho letto la tua prova, ieri ho provato la Model 3 long range e per quello che mi riguarda non serve nulla di più in fatto di accelerazione. Sono molto indeciso ora che devo acquistarla, sto scegliendo tra la model 3 long range e una Skoda Octavia Diesel, la tesla dal lato suo ha sicuramente prestazioni di un altro pianeta e un comfort degno di nota, però la skoda per contro ha molte cose che a tesla mancano (Fari Matrix, Sedili ventilati, Possibilità di usare navigatori diversi da quello preinstallato a bordo, head-up display..) senza contare che se un giorno dovessi cambiare casa dovrei accodarmi il problema di dovermi attrezzare per la ricarica, e se mi trasferissi dove non ho un garage? Poi ho dei dubbi sulla qualità costruttiva, nei vari forum di possessori sento spesso gente che lamenta difetti che a volte Tesla si rifiuta perfino di sistemare in garanzia.. L’ho provata ieri ed è una gran macchina ma rispetto a una tedesca mi restano molti dubbi sulla qualità e affidabilità di un marchio così giovane.. non so davvero quale delle 2 acquisterò Consigli?
Ritratto di Pintun
20 agosto 2021 - 14:21
Prova veramente completa e ben fatta. Il problema principale sono gli interni, che reputo i peggiori di tutta la storia dell'automobile,e questo mi fa sparire tutti gli altri numerosi pregi, anche perché dentro un'auto ci si deve stare.
Pagine
listino
Le Tesla
  • Tesla Model X
    Tesla Model X
    da € 110.970 a € 127.970
  • Tesla Model 3
    Tesla Model 3
    da € 49.970 a € 61.970
  • Tesla Model Y
    Tesla Model Y
    da € 61.970 a € 69.970

LE TESLA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE TESLA

  • Un incidente che si poteva evitare, tenendo gli occhi sulla strada, mette in discussione il sistema assistenza alla guida della Tesla Model 3. Qui per saperne di più.

  • La Model 3 è la più compatta delle elettriche della Tesla: in questa versione Performance è una vera sportiva nelle prestazioni e nella guida. Ma anche nel comfort. Qui per saperne di più.

  • Il video della presentazione nel quale il fondatore della Tesla, il magnate americano Elon Musk, annuncia le novità della trazione integrale e della guida assistatita per la Model S.