PRIMO CONTATTO

Nissan Micra: è meno originale, ma più spaziosa

La nuova Nissan Micra ha un abitacolo più ampio, è ben accessoriata e ha un prezzo centrato. Più convenzionale la linea. Manca la versione diesel.

10 settembre 2010
  • Prezzo (al momento del test)

    € 13.850
  • Consumo medio

    18,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    125 grammi/km
  • Euro

    5
Nissan Micra
Nissan Micra 1.2 Acenta
Addio agli occhi da ranocchio

La Micra è cresciuta di 6 cm in lunghezza (da 372 a 378 cm), ma resta un’utilitaria a misura di città. La linea è tutta nuova e, nelle intenzioni della Nissan, non dovrebbe far rimpiangere la carrozzeria tutta curve e bombature della fortunata progenitrice (nata nel 1983 e da allora venduta in oltre cinque milioni mezzo di unità, di cui tre milioni solo in Europa). Ma, per piacere agli europei e agli americani, senza urtare il senso estetico dei cinesi e degli indiani (verrà costruita in Thailandia, in Cina, in India e in Messico e sarà venduta in 160 paesi), la vettura ha perso originalità. I fari che ricordavano gli occhi di un ranocchio e la coda molto bombata hanno lasciato il posto a una carrozzeria più “normale”, che appare quasi slanciata nelle fiancate e più robusta nel frontale.

Ancora più spaziosa

Il passo allungato di 2 cm (ora ne misura 245) e il soffitto più alto nella zona posteriore, comunque, hanno giovato all’abitabilità della Nissan Micra, peraltro già notevole nella vecchia versione. I posti anteriori sono ampi e confortevoli; la posizione di guida, leggermente rialzata, è corretta; il parabrezza e i vetri laterali sono ampi, tanto da dare un gran senso di spazio, assicurando una buona visibilità anteriore e laterale. Anche dietro si sta bene: il divano (che però ha perso la pratica regolazione longitudinale) è comodo per due adulti, e offre sufficiente spazio per gambe, spalle e testa. Nemmeno in tre si sta troppo stretti (all’altezza della spalle, da porta a porta ci sono ben 130 cm, mentre davanti sono 132).

Arredi semplici e giovanili

Deludono un po’ le finiture interne. La plancia è moderna, ma meno fantasiosa rispetto a quella della vecchia Nissan Micra e le plastiche sono povere d’aspetto. È vero, si tratta pur sempre di un’utilitaria; ma molte concorrenti appaiono più curate. Il doppio cassetto di fronte al passeggero anteriore, per esempio, è in plastica rigida e ha lo sportello inferiore con la discesa non frenata: aprendolo, cade sulle ginocchia. È “furbo”, invece, il vano ricavato nella seduta della poltrona anteriore destra: vi si accede sollevando metà del cuscino e serve per appoggiare piccoli oggetti mentre si guida, impedendo che “navighino” nell’abitacolo durante la marcia.

Con l’automatico è pratica in città, ma la ripresa…

Il motore della Nissan Micra è un tre cilindri 1.2 a benzina, con fasatura variabile delle valvole. Con i suoi 80 cavalli si dimostra adeguato alla macchina, abbastanza silenzioso e capace di prestazioni di tutto rispetto. In città gira abbastanza regolare (ma vibra un po’ a freddo e al minimo) e in autostrada non è mai troppo rumoroso (solo nelle accelerazioni decise fa sentire tutta la sua voce). Il cambio automatico CVT a variazione continua di rapporto (1.000 euro) è sufficientemente pronto nella marcia tranquilla e aiuta a rendere meno stressante la guida nel traffico, ma se si chiede rapidità di risposta non si dimostra all’altezza. In particolare, è penalizzante nei confronti del vivace 1.2 in ripresa, costringendo a insistere parecchio con l’acceleratore quando si vuole recuperare velocità in fretta, per esempio per effettuare un sorpasso (nel breve test in Danimarca abbiamo provato anche la versione col cambio manuale a cinque marce, che ci è sembrata molto più rapida nel guadagnare velocità).

Ha una ricca dote

La sicurezza è uno dei punti forti della nuova Nissan Micra. Fin dalla versione base, la dotazione di serie comprende sei airbag (tra cui quelli a tendina per la testa), cinque poggiatesta e il controllo elettronico della stabilità Esp. La Acenta (più ricca della base Visia e della Comfort, ma meno accessoriata della Tekna), ha i cerchi in lega di 15”, il climatizzatore automatico, la radio e i fendinebbia. Con 500 euro si può avere il navigatore satellitare (di serie per la Tekna) e con altri 500 anche il PSM, il sistema che consente di misurare lo spazio di parcheggio. Non male. E il prezzo non è neppure dei più pesanti. Peccato che non sia prevista una versione a gasolio; in primavera, però, si aggiungerà la 1.2 a iniezione diretta di benzina da 98 CV, con compressore volumetrico e sistema Start & Stop, per cui la casa dichiara emissioni pari a 95 g/km di CO2.

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. In quattro a bordo si possono affrontare anche lunghi viaggi: lo spazio non manca, sia davanti sia dietro.
> Sicurezza. La nuova Micra ha di serie anche il controllo di stabilità, sei airbag e persino i poggiatesta posteriori.
> Prezzo. La giapponese costa meno di tante concorrenti ed è ben dotata. Offre anche optional poco diffusi tra le utilitarie, come il sistema PSM (per misurare gli spazi di parcheggio) e il navigatore satellitare.

DIFETTI
> Finiture. Le plastiche utilizzate per i rivestimenti delle porte e della plancia sono rigide e povere d’aspetto.
> Linea. La carrozzeria ha un aspetto convenzionale. Tutto il contrario del vecchio modello, con quei suoi occhi da ranocchio e le bombature della carrozzeria.
> Ripresa. Il cambio automatico CVT è comodo, ma toglie verve: la Micra fatica a recuperare velocità in fretta.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1198
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 59 (80)/6000
Coppia max Nm/giri 110/4000
Emissione di CO2 grammi/km 125
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio variazione continua di rapporto + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori

dischi autoventilanti

Freni posteriori tamburo
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 378/168/152
Passo cm 245
Peso in ordine di marcia kg 915
Capacità bagagliaio litri 265/1132
Pneumatici (di serie) 175/65 R 15
Al momento del lancio la nuova Micra è disponibile solo con un 1.2 a tre cilindri da 80 CV, abbinabile a un cambio CVT, a variazione continua di rapporto (1.000 euro). Non è previsto nessun motore diesel, ma dalla primavera ci sarà anche un 1.2 a iniezione diretta di benzina con compressore volumetrico da 98 CV che dovrebbe essere anche meno "assetato" del 1.2 aspirato.
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
1.2 Visia 10.950 B 1.198 80/59 170 13,7 20,0 115 910
1.2 Comfort 12.250 B 1.198 80/59 170 13,7 20,0 115 n.d.
1.2 Acenta 12.850 B 1.198 80/59 170 13,7 20,0 115 n.d.
1.2 Tekna 14.200 B 1.198 80/59 170 13,7 20,0 115 980
Nissan Micra
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
19
20
35
45
59
VOTO MEDIO
2,4
2.41011
178
Aggiungi un commento
Ritratto di bugatti veyron
10 settembre 2010 - 13:41
il frontale è carino e mi piace ma la parte posteriore mi ricorda qualche altra macchina soprattutto la forma dei gruppi ottici
Ritratto di ggiuseppeg
10 settembre 2010 - 14:21
che non ci sia nessum motore diesel quel 1.2 a tre cilindri mi fa antipatia solo a pensarci
Ritratto di Silence800
10 settembre 2010 - 14:22
1
Ma non si può guardare! Di pianale, di frontale e di dietro! Per carità...già l'attuale Micra è peggiorata di gran lunga, ma questa le batte tutte.
Ritratto di Limousine
10 settembre 2010 - 16:08
Raffrontata all'attuale modello che è - a dir poco - INGUARDABILE, questa nuova Micra non è affatto male. Forse un po' meno "originale"? Meglio! Almeno non somiglia più ad un buffo ranocchio come adesso. Per il resto, le aumentate dimensioni dovrebbero favorire abitabilità e comfort. Sembra buona, nel complesso, la dotazione (di serie ed optional), ma qualità dei materiali e finiture è giusto migliorarli. Forse in Nissan ignorano che le "cugine" Renault sono notevolmente migliorate sotto questo aspetto. Auspico, infine, un ampliamento della gamma motori e dei TD con potenze adeguate e NON - come sempre - SOTTODIMENSIONATI!!!
Ritratto di Il Checco
10 settembre 2010 - 15:34
Più che meno originale io direi che è più banele rispetto alla versione precendente, che quando l'ho vista la prima volta mi ha lasciato un po' sconcertato. Nel complesso è carina, il frontale mi piace, è simpatico, la coda invece non mi piace per niente, troppo simile ad altri modelli orientali.
Ritratto di bubu
10 settembre 2010 - 17:43
il modello attuale è personale anche se a me non piace.. ed è anche più "europeo" diciamo così... questa nuova micra oltre ad avere una linea meno personale e più banale mi sa anche di "orientale" di coreano... non che abbia niente in contrario con nessuno.. ma mi sembra un pò più lontana dai nostri gusti rispetto all'attuale...
Ritratto di cooper
10 settembre 2010 - 18:32
niente di nuovo e impersonale, ma quanto è + bella la prima Micra?!?
Ritratto di ANGIOLETTO85
10 settembre 2010 - 18:50
nella linea di questa auto è stato fatto un passo indietro anzikè in avanti,c'è talmente poca fantasia ke sembra il modello vekkio dell attuale!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Ritratto di bubu
10 settembre 2010 - 19:35
è vero.. quasi quasi questa micra sembra il modello precedente della'attuale...
Ritratto di wiliams
10 settembre 2010 - 18:56
Nulla di eclatante,linea abbastanza anonima,materiali degli interni appena discreti,nemmeno una versione DIESEL,speriamo che almeno l affidabilità sia notevolmente migliorata,ho due mie amiche che hanno avuto un sacco di problemi,in generale comunque le MICRA non hanno mai brillato per l affidabilità.
Pagine