Pubblicato il 16 agosto 2012
Ritratto di Enrico Q5
alVolante di una
Ford Fiesta 1.5 TDCi 75 CV Titanium 5 porte
Audi Q5
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
2
Motore
4
Ripresa
4
Cambio
5
Frenata
4
Sterzo
4
Tenuta strada
5
Media:
3.9166666666667
Perché l'ho comprata o provata
L’ha acquistata mio padre nell’ agosto 2010 per sostituire una Mercedes-Benz E270 cdi del 2003 con a carico 115.000 km che iniziava ad avere problemi e ogni mese era almeno un giorno intero in officina. La Q5 piacque subito a me e a tutta la mia famiglia per la linea sportiva e perché l’Audi stava facendo buoni modelli (e tuttora li fa ottimi) ed è stata acquistata, dopo varie offerte viste dalla Germania, attraverso importazione da una concessionaria di Norimberga al prezzo di 56.595€ . La linea esterna presenta nel frontale proiettori allo xeno con luci diurne a led (optional), la mascherina che si prolunga fino alla parte inferiore del frontale con integrata la targa ed ai lati della targa si trovano i fendinebbia integrati in delle finte prese d’aria e nella parte inferiore del frontale i sensori di parcheggio (optional con quelli posteriori). La linea sportiva ed importante nel complesso è caratterizzata dai grandi cerchi in lega a 7 razze sdoppiate da 20” e dallo spoiler posteriore e sono presenti cromature nei bordi dei finestrini, la targhetta sotto gli specchietti con su scritto “s line” (questa dice che presente il pacchetto s line da 4000€!!), mancorrenti sul tetto in alluminio anodizzato e grandi specchi retrovisori richiudibili , sbrinabili e regolabili elettricamente. Nel posteriore sono presenti i fari ed il terzo stop a led, i quattro anelli, stemma dell’Audi al centro sopra il portatarga e nei lati sotto i fari le scritte “Q5” e “TDI QUATTRO” che indicano che il motore è diesel e la trazione è integrale permanente. Nella parte inferiore del posteriore troviamo i sensori di parcheggio e gli anabbaglianti posteriori con le luci di retromarcia e ancor più in basso i 2 terminali di scarico collocati a sinistra (questo indica che è una due litri e non una tre litri). L’equipaggiamento, con gli optional, comprende fari xeno e led e sensore luci/pioggia, cerchi da 20”,sensori di parcheggio anteriori e posteriori plus, fendinebbia, pacchetto s-line (sedili sportivi in pelle/tessuto con supporto lombare, cielo in stoffa, volante multifunzione a 3 razze e pomello cambio in pelle traforata, assetto ribassato e varie scritte “s-line”), climatizzatore automatico tri-zona, appoggiabraccia centrale, 3 poggiatesta, sedili regolabili, 6 airbag, ESP, ASR, Hold assist (per partenza in salita), immobilizer, regolatore di velocità, display conducente multifunzione, 4 vetri elettrici, chiusura centralizzata, navigatore mmi plus, radio cd/mp3/aux e interfaccia Bluetooth. Adesso passiamo agli interni...
Gli interni
Appena si entra nell’abitacolo si nota che esso è dominato dal nero, apparte gli inserti in alluminio Trigon (standard), causa della presenza del pacchetto sportivo s-line, che si concentra più sull’interno che sull’esterno. Ma partiamo dalla parte del guidatore dove troviamo alla sinistra del quadro strumenti la bocchetta di aerazione del guidatore e sotto ad essa i comandi dei fari anteriori e posteriori (composti da una manopola per quelli anteriori, due bottoni per gli anabbaglianti posteriori e una rotella per la regolazione dell’altezza degli anabbaglianti). Passando al quadro strumenti troviamo in evidenza il contagiri con scala a 6000 giri/min. a sinistra e il tachimetro con scala a 280 km/h a destra e, meno in evidenza, indicatore della temperatura dell’acqua a sinistra del contagiri e indicatore del carburante a destra del tachimetro; al centro del quadro strumenti troviamo il display multifunzione (optional) che dice nella parte bassa i chilometri percorsi, il chilometraggio parziale, la marcia inserita (p,r,n,d,s), e la temperatura esterna e nella parte alta cosa sta eseguendo il mmi, ora e data e l’autonomia o il consumo istantaneo o la velocità. Davanti al quadro strumenti troviamo il volante a 3 razze multifunzione facente parte del pack s-line con la corona in pelle/pelle traforata in posizione retta e di dimensione piccole per una guida sportiva. I comandi presenti sulle razze del volante servono ad alzare/abbassare il volume, cambiare stazione radio o programma del computer di bordo e ripartire un comando vocale. Nella terza razza troviamo la scritta s-line e dietro il volante le classiche leve per attivare i tergicristalli, inserire le frecce, spruzzare l’acqua per pulire il parabrezza, inserire il cruise control e per regolare il fascio luminoso. Spostandoci nella plancia troviamo nella parte alta il display del mmi che consente di accedere alle varie funzioni radio (memoria, banda, suono, selezione manuale e altre funzioni nel “setup radio”), al sistema media (cd, collegamento esterno aux e le due carte sd), al telefono (con la rubrica, inserimento numero telefonico, chiamate perse o effettuate e aggiunta di un nuovo numero in rubrica), al navigatore (che consente di immettere stato, città, via, n.civico o destinazione speciale e una sosta intermedia, di guardare la cartina con ora e chilometri all’arrivo e altezza su livello mare e sceglierne i criteri, di memorizzare destinazioni, di guardare il tmc o di accedere ad altre funzioni “nel setup navigazione”), al sistema car che consente di controllare le impostazioni della macchina (prox.manutenzione,tergicristalli,alzacristalli,specchietti, numero telaio e quantità d’olio nel motore). La grafica del display è a colori (rosso per car,arancione per radio,blu per navigatore e verde per telefono)e a destra di questo c’è il tasto dell’hazard. Continuando per la plancia troviamo, andando giù, le bocchette per l’aria, lo spazio per inserire il cd e le carte sd, il tasto per disattivare l’esp, per attivare il park tronic e per attivare il Hold assist e il climatizzatore automatico tri-zona che rispetto a quello standard presenta un display con la temperatura della parte destra e sinistra, e altri tasti per i sedili riscaldabili, per l’attivazione automatica della ventola, per la velocità della ventola, per la temperatura (ma sono manopole queste non tasti), per il sbrinamento del parabrezza e del lunotto, per ricircolo aria, per attivazione aria condizionata e per spegnere il clima. Finita la plancia, passiamo al tunnel centrale dove troviamo un portaoggetti con il posacenere, e al centro di tutto la leva del cambio automatico s-tronic che bella grande ed in pelle traforata quindi molto gradevole al tatto e con un tasto a sinistra della leva per spostare la leva. A sinistra della leva c’è il tasto del freno a mano mentre a destra troviamo il portamonete ed il tasto per accendere il mmi e per regolare il volume. Sotto la leva ci sono i comandi del mmi (radio, media, name, tel, nav, info, car, setup, freccia ind., freccia avanti, return ed i quattro tasti attorno alla manopola principale) che a dirla tutta al primo colpo d’occhio possono sembrare tanti ma fatta l’abitudine si capiscono subito. A proseguire poi ci sono il bracciolo centrale regolabile e le bocchette dell’aria posteriori, che terminano il tunnel centrale. Nella parte del passeggero troviamo l’inserto in alluminio più in evidenza con la scritta “quattro” e alla sua destra la bocchetta dell’aria per il passeggero; sotto di essi c’è il vano portaoggetti più grande di cui ne è illuminato, climatizzato, ben rivestito ma avendo anche due ripiani, non è tanto grande. Il neo dell’abitacolo lo troviamo nei sedili posteriori che per spazio possiamo dire che ce ne, ma la larghezza del divano non è sufficiente per tre persone e lo spazio per la terza è ancora più sacrificato dal tunnel centrale. Il cielo dell’abitacolo, come già detto, è in stoffa gradevole alla vista ed al tatto con 4 maniglie d’appiglio, le due alette parasole anteriori che hanno tutte due luce e specchietto di cortesia e con le luci con appositi tasti per accenderle. Parlando di materiali, finiture ed assemblaggi si possono dire solo buone notizie perché i materiali dell’abitacolo sono di ottima qualità, ben assemblati tra loro e le finiture sono accurate; da un abitacolo così, delude vedere le plastiche sotto i sedili di qualità scadente rispetto agli altri materiali. I sedili sono del tipo sportivi e con i fianchetti allargati, ben profilati e trattengono molto bene il corpo in curva e sono rivestiti in tessuto nella parte centrale e in pelle nel resto del sedile che secondo me sono il miglior compromesso tra avere pelle totale e solo tessuto perchè d'estate la pelle totale è un'inferno e il tessuto non sta tanto bene in un'auto così. Le porte presentano nel poggiabraccio i comandi degli alzacristalli elettrici e dei specchietti esterni e nella parte bassa la classica grande tasca con integrata la cassa della radio; nelle porte posteriori troviamo invece i soli tasti degli alzacristalli; esse sono ben rifinite come tutto l'abitacolo e presentano una parte in plastica e una parte in simil-pelle. Concludo con il bagagliaio, che non è ne ottimo ne scarso come capienza, visti i 540 litri ci si potrebbe aspettare qualcosina di più, ma per 3 giorni di vacanza va anche bene. Adesso passiamo alla guida…
Alla guida
Appena ci si siede al volante, si ha una ottima visibilità nell’anteriore ed invece un po’ meno nel posteriore, causa dei grandi montanti che separano i vetri laterali dal lunotto posteriore. Contribuiscono alla buona visibilità anche i sedili ampiamente regolabili con la leva per la seduta e una manopola per lo schienale. Inserita la chiave, premuto il freno (perché ha il cambio automatico) e premuta la chiave, si sente il due litri tdi che prende vita e messo il cambio in drive oppure in sport, si sente che il motore ha una bella verve ed è fluido a qualsiasi numero di giri. Nota di merito va al cambio robotizzato a doppia frizione s-tronic che esegue cambi rapidissimi e fluidi a qualsiasi regime del motore; solo il passaggio dalla 1^ alla 2^ sotto i 2000 giri non è tanto rapido come gli altri. Parlando di qualità dinamiche si ha un rollio in curva contenuto e un sottosterzo non evidente, che sono buoni valori per una suv. La tenuta di strada è molto buona e sembra di stare su una berlina ed è merito dei cerchi da 20”e dell’esp intelligente che l’auto è sempre incollata all’asfalto. Fuori dall’asfalto la Q5 si comporta bene; nella neve o nelle salite di montagna l’auto viene aiutata dalla trazione integrale che ripartisce quando serve la coppia alle ruote posteriori, come in una salita; è merito comunque anche dell’elettronica, ovvero del Hold assist per le partenze in salita e dell’esp che capisce quando c’è un fondo a bassa aderenza e ne modifica l’assetto. Ovviamente con l’assetto ribassato non può affrontare il fuoristrada duro e puro, ma lo sterrato lo attraversa senza problemi. Anche l’insonorizzazione è curata visto che a 130 km/h si sente pochissimo il motore, ma si sente un po’il rotolamento dei grandi pneumatici. In città, la Q5 è facile da guidare grazie allo sterzo preciso e leggero, ma un po’ si ha paura di rovinarla tra le piccole vie, perché è larga ben 209 cm con gli specchietti. La frenata è sempre sicura in qualsiasi condizione grazie ai grandi dischi autoventilati anteriori e posteriori. Il neo alla guida è la scomodità, perché l’auto è dotata di sospensioni rigide che assieme all’assetto ribassato fanno sentire molto le sconnessioni dell’asfalto. I consumi sono buoni sia in città sia in autostrada mantenendosi in media sui 14 km/l e l’autonomia è ottima visto che con un pieno si fanno oltre 1000 km.
La comprerei o ricomprerei?
La ricomprerei ad occhi chiusi se avessi la patente, ma anche mio padre ne è soddisfatto per le qualità dinamiche e per la vita a bordo e infatti vorrebbe vedere anche quella restyling. Dopo 32.986 km la Q5 ci ha sempre soddisfatto apparte verso i 20000 km che si avvertiva un rumore dai 10 ai 30 km/h, ma che è stato risolto in garanzia. I pregi della Q5, come avrete capito, sono qualità dinamiche, le finiture interne e i materiali e la funzionalità; i difetti sono la visibilità posteriore, la scomodità nel divanetto posteriore ed il prezzo alto unito ad una dotazione solo discreta. Questa è la mia prima prova... commentate e grazie per averla letta. Enrico Q5
Audi Q5 2.0 TDI quattro S tronic 170 CV
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
1
1
0
0
VOTO MEDIO
4,0
4
3
Aggiungi un commento
Ritratto di gio.G
29 agosto 2012 - 18:17
20
Ottima per essere la tua prima prova! L auto mi piace molto, indubbiamente è la migliore nella sua categoria! Mio papà ha avuto tre Audi....la prima fu un A4 avant 3.0 TDi del 2006, la seconda una A6 Allroad del 2008 e la terza una A4 Allroad del 2009 che abbiamo venduto 2 anni fa! Anche le mie, tutte, erano scomode dietro.....ma se dietro ti disperavi, davanti era un altra storia.... tutte e tre 3.0 TDi, tutte e tre fantastiche da guidare oltre che nella linea! Se sei interessato chiedi pure maggiori dettagli e complimenti ancora per il Q5 e per la prova! ;) P.S io ho 15 anni!
Ritratto di Enrico Q5
29 agosto 2012 - 19:18
1
Grazie per averla letta e finalmente è uscita...mi piace un casino la Q5 e mi pare che è la piú venduta nella sua categoria
Ritratto di gio.G
29 agosto 2012 - 19:26
20
Eccome se è la piu venduta della sua categoria! Supera X3 e soprattutto GLK!
Ritratto di Enrico Q5
29 agosto 2012 - 19:29
1
Certo, ma adesso che auto ha tuo padre? E sulla A4 avevi il tiptronic?
Ritratto di fabri99
29 agosto 2012 - 20:11
4
Oscura la targa!!!
Ritratto di gio.G
29 agosto 2012 - 22:51
20
Ora non ha nessuna auto.....però è interessato alla A4 Allroad restyling e alla nuova A6 Allroad, anche se da usare in città è scomodissima....forse è meglio l A4.....Se la prendiamo non la ordiniamo, come non abbiamo ordinato le altre, ma speriamo di trovare un 3.0 automatico ben accessoriato....sai i 2.0 non mi piacciono molto, e non li ama neanche lui...
Ritratto di Michele Rossi
5 dicembre 2012 - 21:32
sai i 3.0 sono belli se sono a benzina, il diesel anche se è un 3.0 non è un motor sportivo !
Ritratto di bmwe34
2 settembre 2012 - 10:38
6
io personalmente ho letto che la più venduta è la vw tiguan poi la bmw x3 e poi viene la q5 sto parlsndo della auto premium...informarsi prima...saluti
Ritratto di bmwe34
15 settembre 2012 - 09:31
6
che tristezza quando la gente come te gio g nutre interesse ma parla di cose non vere...guarda qui e mi darai ragione...http://www.alvolante.it/news/successo_range_rover_evoque-708311044#comment-223307
Ritratto di MaCiao5
28 dicembre 2012 - 09:28
3
Ma avete comprato due Q5 con soli 2 anni di differenza tra un'auto e l'altra? Beati voi! Il voto è 5. Una domanda (rivolta a tutti): qualcuno di voi sa in che sito posso trovare delle immagini della nuova Mazda 3 che non siano quelle pubblicate ad ottobre su Alvolante? Grazie. Buon 2013! MaCiao5
Pagine
listino
Le Audi
  • Audi Q8
    Audi Q8
    da € 78.450 a € 86.500
  • Audi Q3
    Audi Q3
    da € 30.450 a € 63.200
  • Audi A6 Allroad
    Audi A6 Allroad
    da € 60.050 a € 74.520
  • Audi Q5
    Audi Q5
    da € 43.400 a € 71.550
  • Audi A6 Avant
    Audi A6 Avant
    da € 62.800 a € 70.200

LE AUDI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE AUDI

  • Dopo quattro anni di vita, la terza generazione dell’Audi TT viene sottoposta al restyling. Rivisti anche i motori e i sistemi di bordo. Qui per saperne di più.

  • L’Audi presenta la Q8, la sua prima suv dalle forme sportive: è basata sulla Q7, ma con linee più grintose e decise. Qui per saperne di più.

  • Questo spot dell'Audi è datato 1986 e ritrae una 100 con trazione integrale salire sulla rampa del salto con gli sci di Pitkavouri in Finlandia, con alla guida il pilota Harald Demuth. Ebbe un grande impatto sul pubblico e fu importante per affermare l'efficacia della trazione Quattro, che divenne sinonimo di Audi.

Audi Q5 usate