Fiat Grande Punto 1.9 MJT 120 CV 5 porte Emotion

Pubblicato il 22 marzo 2019

Listino prezzi Fiat Grande Punto non disponibile

Ritratto di Pierluigiga
alVolante di una
Fiat Tipo 5 porte 1.6 Multijet Lounge
Fiat Grande Punto
Qualità prezzo
3
Dotazione
3
Posizione di guida
5
Cruscotto
3
Visibilità
4
Confort
4
Motore
4
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.1666666666667
Perché l'ho comprata o provata
Nella primavera del 2009 mi recai per curiosità da un rivenditore di auto cd. “aziendali”. in prevalenza a marchio Fiat, Alfa Romeo, Lancia. A quel tempo cercavo una Lancia Musa 1.6 mjet, ma non era facile trovare con quella motorizzazione ad un buon prezzo. Mi cadde però l’occhio su questa Grande Punto. I miei genitori avevano già un Grande Punto 1.3 mjet 75 cv del 2008 e, quando l’avevo guidata, mi aveva fatto una buona impressione. In realtà non ero partito per acquistare una Grande Punto, ma il prezzo della versione 1.9 mjet era allettante (8.800€ con ritiro e rottamazione dell’usato) ed il chilometraggio totale era intorno ai 28.000 km. L’auto era immatricolata novembre 2007, e, tutto sommato, ad aprile 2009 quei chilometri totali potevano essere verosimili, anche se la vettura proveniva da un autonoleggio di Roma. La carrozzeria era in ottimo stato, così come anche gli interni.
Gli interni
Era la prima Fiat che acquistavo e non mi aspettavo molto in termini di qualità degli interni. Prima della Grande Punto avevo avuto due Lancia Y 1.2. 16 v prima serie, quindi utilitarie, ma mi ero trovato bene in quanto a mancanza di scricchiolii. La strumentazione della Grande Punto ed i comandi sono a mio pare ergonomici, ben leggibili e facilmente raggiungibili. La versione emotion era la più accessoriata di serie e comprendeva cruise control (con leva sul volante, ma per me comodissimo proprio per questo), Esp, Asr, non ancora obbligatori a quel tempo, climatizzatore automatico bizona, sedili in finto velluto, fendinebbia, bracciolo anteriore. Pur essendo 5 porte, mancavano gli alzacristalli elettrici posteriori. I sedili erano molto comodi e il simil velluto li rendeva più piacevoli. Dopo 256.000 km erano ancora in ottimo stato. La parte in tessuto aveva però il difetto di macchiarsi anche solo con l’acqua..per cui andavano smacchiati spesso. Un grosso difetto degli interni era il numero limitatissimo di scomparti dove poter riporre gli oggetti. L’unico vantaggio rispetto alle versioni base è l’aggiunta di un bracciolo contenente un piccolo vano. Le plastiche, ad eccezione della parte inferiore della plancia di materiale gommato, erano dure. Come da tradizione Fiat, gli interni presentavano scricchiolii non continui, ma dipendeva anche dalla temperatura esterna. Poi, man mano che l’auto invecchiò, le plastiche si assestarono. Lo scricchiolio proveniva dalle plastiche delle bocchette di aerazione e a volte, dal cassetto portaoggetti, ma nell’ultimo caso dipendeva dalle stagioni. L’auto dei miei genitori invece, non presentava scricchiolii, pur essendo una 1.3 mjet base. Il climatizzatore era molto efficiente e la funzione automatica ben calibrata in relazione alla temperatura interna dell’auto. Il baule posteriore aveva una capacità di 275 dm3: pochi in relazione alla lunghezza dell’auto che è di 4,04 metri. Un trolley di medio grandi dimensioni non ci entrava se messo “per lungo”, ma solo se adagiato lateralmente. Tutto sommato i bagagli per tre persone ci entravano, a patto che ciascuno avesse borse piccole e soprattutto non rigide. La mia versione aveva la ruota di scorta normale di serie che fu provvidenziale una volta di sera quando forai a 110 km da casa. Dopo 8 anni e mezzo la parte superiore della plancia ha subìto il “fenomeno” della polimerizzazione, nel senso che la plastica è diventata appiccicosa.. Sicuramente averla lasciata sempre per strada alla mercé del sole cocente e senza neanche un parasole non ha di certo aiutato ad evitare che si verificasse quel problema.
Alla guida
Il motore è il 1.910 mjet da 120 cavalli monoalbero. Vecchio, ma proprio per questo, molto affidabile. La coppia motore è di 280 nm e in 5a e 6a marcia permette riprese più che buone. Il motore eroga potenza già da 1.700 giri al minuto e la spinta aumenta sensibilmente dopo i 2.000 giri/minuto. Con questa Gran Punto ho effettuato un centinaio di viaggi andata e ritorno di oltre 650 km ciascuno e ho potuto apprezzarne la grande comodità e confort di marcia. Le sospensioni attutiscono bene le irregolarità del manto stradale e autostradale e la tenuta di strada è veramente ottima. Nota dolente sono i fruscii aerodinamici che si iniziano ad avvertire dopo i 100-110 km/h. Consumi: nella media. In autostrada, con guida non allegra, ma costante si fanno al massimo 750 km con 45 litri di gasolio. La visibilità notturna, pur avendo solo delle lampade alogene, tra l’altro superlongeve (ne ho cambiate solo 2 in otto anni di viaggi) è ottima, grazie ai grandi fari di cui l’auto è dotata. L’affidabilità generale è stata, a mio parere, più che buona. Tutti i problemi riscontrati non hanno mai compromesso l’uso dell’auto, dando la possibilità di rimandarne a data futura e non urgente il ripristino. Con questa auto ci ho percorso 256.000 km e, oltre alla manutenzione ordinaria, ho fatto eseguire i seguenti lavori: - sostituzione (in momenti e chilometraggi diversi) dei cuscinetti delle ruote posteriori perché diventati rumorosi in autostrada per un totale di 240€ da meccanico generico; - sostituzione valvola EGR da meccanico generico per 170€; - sostituzione candeletta di preriscaldamento; - sostituzione molla ammortizzatore anteriore (100€)
La comprerei o ricomprerei?
Ho dato via a malincuore questa auto. L’acquistai dubbioso, ma poi mi ha dato tante soddisfazioni. Quando l’ho sostituita andava ancora benissimo. I suoi punti deboli sono lo spazio per i bagagli veramente scarso, qualche scricchiolio come da tradizione Fiat, ma poi le plastiche, con il tempo si sono assestate. Purtroppo la plancia superiore, con il tempo, si è polimerizzata. Come punti a favore metterei l’affidabilità del motore, potente quanto basta per poter effettuare sorpassi in sicurezza, la grande tenuta di strada e la comodità delle sospensioni. Non la ricomprerei visto che con un bambino di 9 mesi farei molta fatica a farci entrare il telaio di una carrozzina senza aver più spazio per niente altro. La mia prima Fiat “vera” mi ha complessivamente convinto per cui la mia auto attuale è una nuova Tipo, anche se però devo dire che qualitativamente è un passo indietro.
Fiat Grande Punto 1.9 MJT 120 CV 5 porte Emotion
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
3
1
0
0
2
VOTO MEDIO
3,5
3.5
6
Aggiungi un commento
Ritratto di bridge
24 marzo 2019 - 12:12
1
Bella prova. Completa e onesta.
Ritratto di Pierluigiga
12 aprile 2019 - 15:03
grazie del commento. Ho cercato di essere obiettivo. A favore del giudizio positivo pende anche il fatto che avendo intrapreso svariati viaggi all'estero, in Paesi dal clima rigido, l'auto in questione non mi mai lasciato a piedi.
listino
Le Fiat
  • Fiat Tipo 5 porte
    Fiat Tipo 5 porte
    da € 16.050 a € 26.800
  • Fiat 500X
    Fiat 500X
    da € 19.750 a € 31.000
  • Fiat Panda 4x4
    Fiat Panda 4x4
    da € 16.890 a € 19.190
  • Fiat Panda
    Fiat Panda
    da € 11.390 a € 17.590
  • Fiat Qubo
    Fiat Qubo
    da € 14.500 a € 21.250

LE FIAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE FIAT

  • Attraverso una serie di spettacolari video, la FCA racconta come si svolgono i test per deliberare le nuove vetture del gruppo Fiat Chrysler. Qui per saperne di più.

  • Roberto Giolito, responsabile della FCA Heritage, la divisione che si occupa delle auto storiche dei marchi Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth, parla del nuovo spazio Heritage Hub di Torino. Qui per saperne di più.

  • Al Salone di Ginevra la Fiat ha portato questa concept car molto innovativa, che propone svariate nuove idee che potrebbero essere applicate sulle citycar di domani.