Fiat Punto base

Pubblicato il 21 ottobre 2009

Listino prezzi Fiat Punto non disponibile

Qualità prezzo
0
Dotazione
0
Posizione di guida
0
Cruscotto
0
Visibilità
0
Confort
0
Motore
0
Ripresa
0
Cambio
0
Frenata
0
Sterzo
0
Tenuta strada
0
Media:
0
Perché l'ho comprata o provata
Sono un possessore di due Fiat Punto Sporting mod.188 1.2 16v: una di maggio 2002 (colore giallo ginestra) ed una di Gennaio 2003 (colore blu sprint). Quest’ultima sta veleggiando senza guasti verso la rispettosa quota di 200.000Km. Sin da piccolo sono stato appassionato di auto sportive e nel 2004 è sbocciata la mia passione per il tuning quando ho scoperto l’esistenza del Punto Racing Club (www.puntoracingclub.it), un Club di sole Fiat Punto, club ufficiale Fiat ed Abarth. Nel 2004 ho iniziato a modificare la Punto gialla per migliorare le sue prestazioni. L’auto non è in regola con la carta di circolazione e la uso esclusivamente per divertirmi in pista quando circuiti come Monza, Adria, Varano De’ Melegari aprono i cancelli per la circolazione turistica alle auto stradali. In un paio di occasioni siamo anche stati ospiti di Fiat ed abbiamo avuto la possibilità di divertirci sul’adrenalinico Misto Langhe del comprensorio di Balocco. Il Punto Racing Club invita tutti gli automobilisti a non correre per la strada mettendo a repentaglio la propria vita e soprattutto quella degli altri: ad ogni curva ci può essere l’imprevisto, quindi bisogna essere prudenti e rispettare il Codice della Strada. La voglia di correre si sfoga solo in pista dove ci si può divertire senza alcun rischio. Sulla Punto gialla ho modificato numerosi pezzi meccanici, andiamo con ordine: motore e scarico: • filtro a pannello nel cassoncino di aspirazione originale • impianto di scarico completo: collettori 4-2-1 in inox, catalizzatore sportivo 200 celle, centrale silenziato e terminale sportivo • sostituzione alberi a camme con gli alberi a camme del motore 1.2 16v Fiat montato sul modello Fiat Punto 176 che eroga 86cv contro gli 80cv del 1.2 16v montato sul modello 188 • lucidatura condotti di scarico • rimappatura della centralina elettronica impianto frenante • dischi baffati e forati all’anteriore con pastiglie stradali/sportive • montaggio al posteriore dell’impianto frenante con freni a disco della fiat Punto 1.8 HGT ed aggiustamento del ripartitore di frenata assetto • sostituzione degli ammortizzatori con degli ammortizzatori sportivi a stelo accorciato a gas e con una rigidità superiore del 50% rispetto agli originali • montaggio molle sportive più rigide con abbassamento corpo vettura di circa 30mm • montaggio di una barra duomi all’anteriore altro • strumentazione aggiuntiva per il controllo della temperatura e pressione dell’olio motore
Gli interni
Di serie
Alla guida
PRESTAZIONI Rispetto alla configurazione originale, la Punto gialla ha acquistato 10,9cv di potenza massima, quasi 1Kg/m di coppia massima ed ha un assetto decisamente più rigido. La potenza frenante è aumentata e l’auto è ben bilanciata. MOTORE Il motore sale con più vigore e dopo i 5000 giri/min non perde la spinta come succedeva con la configurazione originale: merito sia della mappatura della centralina che ha migliorato gli anticipi e la carburazione, ma soprattutto di un albero a camme leggermente più spinto: l’alzata del nuovo albero a camme è quasi identica a quello originale, ma cambia il profilo che regala +6° di incrocio rispetto all’originale. Un decina di cavalli in più non cambiano certo al natura della macchina, ma la rendono più divertente da guidare. ASSETTO Il cronico sottosterzo tipico delle trazioni anteriori è diminuito grazie ad un avantreno molto più preciso in ingresso di curva: nelle curve lente “tipo tornante” si sente il benefico effetto della barra duomi anteriore che, in uscita di curva, quando si spalanca il gas e le ruote ancora sterzate inziano a patinare leggermente, non fa allargare la traiettoria. Si riesce quindi a scaricare a terra la potenza del motore con un’ottima trazione. Sui curvoni in appoggio il rollio è ridotto e consente una percorrenza di curva a velocità più sostenuta. FRENI Il vero pezzo forte dell’auto: l’impianto potenziato consente staccate all’ultimo anche grazie all’aiuto dell’ABS. In pista spesso sono riuscito a passare auto di potenza simile alla mia grazie ad un’ottima bilanciatura della frenata. In secondo luogo, cambiando l’olio dei freni (un DOT 4) ogni due anni l’impianto frenante non va in crisi a seguito dell’ebollizione dell’olio e della conseguente dilatazione dei tubi freni in gomma. Alla fine del turno di 20 minuti in pista la corsa del pedale del pedale è allungata, ma l’impianto risponde ancora bene. STRUMENTAZIONE AGGIUNTIVA Decisamente utile sia per capire quando l’olio raggiune la temperatura di esercizio (molto più lentamente rispetto all’acqua) ed anche quando ci si avvicina ai 120°C durante l’uso intensivo in pista. Per la salvaguardia del motore ritengo utile non superare questa soglia e durante il turno in pista di 20 minuti mi riservo sempre un giro di riposo durante il quale procedo a velocità ridotta per raffreddare olio motore ed impianto frenante. CONSUMI E COMFORT Se si guida a velocità ridotte i consumi non sono aumentati, ma quando in pista si ha il gas spalancato il trip segna anche 6Km/l. L’impianto di scarico rende l’auto poco comfortevole: si hanno scoppi in fase di rilascio e dentro l’abitacolo il rumore talvolta è assordante. Le sospensioni più rigide assorbono con meno efficacia le asperità dell’asfalto. In conclusione è un’auto da usare in pista e non nella guida di tutti i giorni. CONSIDERAZIONI FINALI Pur essendo un’utilitaria, con queste modifiche meccaniche, l’auto è diventata più divertente da guidare e la guida in pista regala emozioni indescrivibili! I frequenti turni in pista mi hanno consentito di migliorare le mie capacità di guida. Ora riesco ad affrontare con più prontezza di riflessi e padronanza del mezzo, le situazioni di emergenza nella guida di tutti i giorni. Consiglierei quindi a tutti di andare ogni tanto in pista: ci si diverte, se si guida con intelligenza non ci sono rischi ed è un’ottima scuola guida.
La comprerei o ricomprerei?
Sì, ho due Fiat Punto che non hanno mai avuto grossi problemi, nonostante l'alevato chilometraggio (per la Punto Blu).
Fiat Punto
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
0
2
5
3
VOTO MEDIO
2,2
2.18182
11
Aggiungi un commento
Ritratto di hrc
23 ottobre 2009 - 15:26
Per quanto poco possa valere il mio apprezzamento te lo esprimo sinceramente per i seguenti motivi : 1: la corretta ed equilibrata esposizione degli interventi meccanici apportati alla Punto . 2: perché mi sembri una persona seria che ha capito che le strade non sono piste . 3 mi auguro che molti ragazzi seguano il tuo esempio e si divertano in pista , senza spendere follie e accumulando preziosa esperienza per la guida di tutti i giorni .
Ritratto di spiritoassoluto
28 ottobre 2009 - 15:09
era proprio questo il mio intento ... speriamo che ci siano sempre meno deficenti sulla strada e più persone che popolano i circuiti durante i Track Day :)
Ritratto di Dario86
25 ottobre 2009 - 22:37
salve pure io posseggo una punto e sono iscritto al punto racing club
Ritratto di spiritoassoluto
28 ottobre 2009 - 15:10
ma guarda un po' ... un socio ;)
Ritratto di lollo76
28 febbraio 2011 - 01:10
1
IO HO LA TERZA SERIE DELLA SPORTING 1.4 16V DA 95CV CHISSA SE MI STAI DAVANTI CON LA TUA GIALLO GINESTRA.......
listino
Le Fiat
  • Fiat Panda 4x4
    Fiat Panda 4x4
    da € 17.050 a € 19.500
  • Fiat 500X
    Fiat 500X
    da € 20.500 a € 28.750
  • Fiat Panda
    Fiat Panda
    da € 11.550 a € 17.650
  • Fiat 500L Wagon
    Fiat 500L Wagon
    da € 19.050 a € 25.600
  • Fiat Qubo
    Fiat Qubo
    da € 14.750 a € 21.250

LE FIAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE FIAT

  • Nel quarto episodio della serie di brevi documentari sul dietro le quinte dello sviluppo, la FCA ci porta nella galleria aerodinamica di Orbassano. Qui per saperne di più.

  • Nella terza puntata della miniserie FCA What’s Behind, dove il costruttore mostra il dietro le quinte dello sviluppo delle nuove auto, il centro prove di Balocco. Qui per saperne di più.

  • Per la seconda puntata dei mini-documentari nei quali la FCA ci porta dietro le quinte dei test di sviluppo, andiamo in Africa per vedere come si svolgono i collaudi al caldo torrido.