Ford Fiesta 1.4 TDCi 5 porte Clever

Pubblicato il 14 novembre 2017
Ritratto di FIESTATDCI
alVolante di una
Ford Fiesta 1.4 TDCi 5 porte Clever
Ford Fiesta
Qualità prezzo
4
Dotazione
3
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
4
Motore
4
Ripresa
3
Cambio
3
Frenata
3
Sterzo
5
Tenuta strada
4
Media:
3.6666666666667
Perché l'ho comprata o provata
Ed eccomi tornato in questo sito a scrivere la mia seconda prova, un saluto a tutti. Questa è la seconda fiesta in mio possesso, una 1.4 tdci 68 cv 5 porte clever immatricolata nel 06/2007. Attualmente la uso come seconda auto, affiancata dall'altra fiesta che uso per i viaggi lunghi. L'ho acquistata appunto perché mi serviva un'auto secondaria. All'inizio ero orientato più sulla citroen c3 con lo stesso motore della fiesta, solo che dovevo aspettare sei mesi prima di averla e mi serviva l'auto subito, mentre questa era in pronta consegna. E' la clever, ovvero la versione base, dunque non ha tante particolarità. Gli optional aggiunti erano: stereo originale Ford, climatizzatore, retrovisori regolabili elettricamente (non ripiegabili), l'ingesso aux e i fendinebbia, e l'ho pagata €10.900. Il colore è un bellissimo blu, non ricordo il suo nome preciso. Oggi ha 10 anni e ha percorso poco più di 120.000 km (122.367 per la precisione) ma tutto va liscio come l'olio.
Gli interni
Come nell'altra prova, cominciamo con gli esterni: l'auto ha davvero una bella linea, pulita e filante, senza mai sembrare troppo anonima. Il primo restyling che hanno fatto nella quinta serie mi è sempre piaciuto molto, questo è uno dei principali motivi per cui l'ho comprata. La differenza nell'esterno si vede sopratutto nel frontale: i fari sono cambiati. Ci sono questi "bombati", che io trovo davvero gradevoli: nella parte alta c'è una piccola lucina, nella mia bianca che si accende insieme all'auto; nella parte centale ci sono i grandi fari e nella parte bassa le frecce. Al centro c'è la mascherina col logo Ford. C'era anche nella versione pre-restyling, ma adesso è cambiata. In basso troviamo i fendinebbia protetti da una mascherina nera. L'auto ha dei cerchi in plastica da 14 pollici, quelli che ci sono di serie nella base. I retrovisori sono in tinta con la carrozzeria, optional che ho voluto avere a tutti i costi perché per me quelli neri erano inguardabili! Con il restyling cambiano anche i fari posteriori: le lampadine delle frecce diventano tonde, così come quelle della retromarcia (che si trova a destra). Al centro si trova la targa, e a destra di quest'ultima l'inserimento della chiave per aprire il bagagliaio. Ma adesso entriamo nell'abitacolo: apriamo la portiera ed accomodiamoci sui sedili. I sedili sono comodi e ben rivestiti (con un tessuto nero e dei pallini blu). La mia è omologata per quattro persone, quindi ci sono quattro poggiatesta, ma il quinto passeggero non soffre. Il volante è abbastanza carino: al centro abbiamo il tipico logo Ford e, affianco, due piccole linee incise. Il quadro strumenti è ben fatto e ha un buon design: a sinistra abbiamo il contagiri che arriva fino a 6000 rpm (zona rossa dai 4500 giri e limitatore ai 5200) e a destra il contachilometri che arriva fino ai 210 km/h (il massimo a cui l'ho tirata è stato 170 di tachimetro). Al centro abbiamo lo schermetto in cui si vedono: in alto la riserva, al centro il contachilometri parziale e in basso il contachilometri totale. In alto a sinistra abbiamo il termostato, con lancetta che arriva fino ai 120°C e in alto a destra la lancetta della benzina. Ora passiamo alla console centrale: in alto abbiamo le due bocchette dell'aria tonde (nere); scendendo più in basso abbiamo lo stereo Ford: in alto a sinistra abbiamo i due pulsanti dove si possono inserire il cd oppure l'aux; in basso a sinistra i pulsanti per il bass/tre e il fade/bal. In alto a destra ci sono i pulsanti per la radio (am/fm) e quella per cambiare l'orologio e in basso a destra i pulsanti per il ta (non ho mai capito cos'è..) e quella per il telefono, nonostante la mia non abbia il bluetooth. In alto al centro c'è il pulsante per estrarre il cd; al centro lo schermo in cui puoi vedere la data, l'orario e la stazione radio; in basso a destra ci sono i pulsanti 1, 2, 3 che servono per scegliere la stazione radio, in basso al centro la manopola per alzare o abbassare il volume e in basso a destra i pulsanti 4, 5, 6 che servono anch'essi per scegliere la stazione radio. Alla fine della console centrale abbiamo i comandi per il climatizzatore manuale: a sinistra la manopola per scegliere la velocità (da 1 a 4), al centro quella per la temperatura e a destra quella per scegliere da dove far uscire l'aria. Il tunnel centrale è comodo e ben studiato, l'unica pecca è che una bottiglia non ci sta nel portabottiglie. Il cassetto portaoggetti è abbastanza ampio. La qualità interna percepita è molto buona: in alto le plastiche sono morbide al tatto, in basso sono rigide ma comunque danno un senso di robustezza. Sono rigide anche nella plancia. La parte in cui ci sono le plastiche morbide è di un bel colore blu, simile a quello della carrozzeria, mentre quelle in basso sono nere. Il bagagliaio è molto ampio date le dimensioni dell'auto (non ricordo la precisa capacità). Anche in fatto di sicurezza la fiesta si difende bene: abbiamo gli airbag frontali (tutti e due) e quelli a tendina, ma non c'è l'esp. L'abs invece c'è. L'impianto audio è molto buono per essere una macchina progettata a fine 2001.
Alla guida
Adesso invece passiamo alla parte in cui inseriamo la chiave nel motorino di avviamento: ci sono tre scatti. Al primo scatto si accende solo lo stereo, al secondo si accende il quadro e al terzo... ecco messa in moto l'auto! Come ho detto precedentemento l'auto è dotata del piccolo 1.4 tdci 68 cv, ovvero il meno potente tra la gamma dei diesel. Un pregio di questo motore sono i consumi: veramente ottimi, in città sto sui 18 km/l tenendo i 50/60 km/h e in autostrada stando a 130 in 5° marcia a 3000 giri calano a 21 km/l. Peccato però che il motore sia un bel polmoncino... almenoalmeno prima dei 2800 giri circa, dopo questi ultimi il motore diventa un po' brioso perché appunto si aziona il turbo, che si autoesclude di nuovo ai 3000 giri e il motore torna fiacco. La visibilità non è tra le migliori, almeno non quella posteriore: meglio avere i sensori. Purtroppo non li ho messi... almeno gli specchietti retrovisori sono abbastanza grandi. Il cambio è un po' macchinoso, ma nulla di che, ha solo gli innesti lunghi. Lo sterzo invece lo trovo il migliore della categoria (dell'epoca naturalmente): davvero fluido e preciso, né troppo morbido né troppo duro. E' anche bello da impugnare, per fortuna ha anche la regolazione in altezza. Dimenticavo di dire che purtroppo non è in pelle, mi sarebbe piaciuto. Ai bassi giri ci sono un po' di vibrazioni, ma penso che sia una pecca di tutte le auto a diesel (e se non tutte la maggior parte) dato che le ho avvertite anche sull'altra fiesta. Dimenticavo: la posizione di guida è abbastanza buona, i sedili hanno la regolazione lombare ma non quella in altezza. I pedali sono tutti molto morbidi, quello della frizione in particolare. La frenata, nonostante abbia i freni a tamburo è ottima, ma un po' bruscas se premuto il freno fino in fondo. Nonostante l'auto sia priva di esp, ha una buona tenuta di strada. In autostrada la vettura si comporta abbastanza bene: come ho detto precedentemente, in quinta a 130 si sta a 3000 giri, qui si sente la mancanza di una sesta marcia. Ma almeno spinge decentemente se non hai il climatizzatore acceso. Il massimo a cui l'ho tirata è stato 170 di tachimetro, si stava circa a 3700 giri, probabilmente avrebbe potuto fare qualcosa in più ma non molto. La montagna... beh, diciamo che questo non è il suo habitat naturale! Si fa tutta in seconda, la terza la metti poco e niente. Un consiglio per chi fa spesso viaggi in montagna: questa versione è totalmente da evitare, meglio la 1.6 tdci. Le lampadine fanno un'ottima luce.
La comprerei o ricomprerei?
Certamente! La ricomprerei senza pensarci due volte, però nell'allestimento titanium. La consiglierei anche a chi cerca come prima auto una turbodiesel. Una buona alternativa a questa fiesta potrebbe essere anche la skoda fabia oppure la fiat punto. Un saluto!
Ford Fiesta 1.4 TDCi 5 porte Clever
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
4
2
3
0
2
VOTO MEDIO
3,5
3.545455
11
Aggiungi un commento
Ritratto di grande_punto
28 dicembre 2017 - 18:19
3
Ottima prova, chiara e completa! Mio nonno ne ha una identica ed è soddisfattissimo...saluti
Ritratto di tody
31 dicembre 2017 - 10:23
2
Prova ottima: completa e lunga il giusto. L'auto l'ho provata un paio di volte e concordo pienamente sul motore (bassi consumi ma fiacco). Esteticamente, invece, non mi ha mai entusiasmato, la trovo anonima e senza personalità. Decisamente meglio la serie successiva (da poco uscita di produzione). Saluti.
Ritratto di cris25
31 dicembre 2017 - 16:49
1
Come ti ho già detto nell'altra prova, è un'auto che conosco bene. La pre-restyling che possediamo è del 2004 e monta il 1.4 da 68 cv che a 220.000 km suonati gira ancora che è un piacere. Personalmente la post-restyling non mi fa girar la testa esteticamente, anche se all'epoca era di certo una delle più innovative ed eleganti. Prova ottima, complimenti.
Ritratto di Turbodiesel
16 gennaio 2018 - 14:52
2
ma è UGUALE a quella che avevo io!!!!
listino
Le Ford
  • Ford Ranger
    Ford Ranger
    da € 33.388 a € 45.100
  • Ford Focus Wagon
    Ford Focus Wagon
    da € 21.000 a € 35.750
  • Ford Focus
    Ford Focus
    da € 20.000 a € 34.750
  • Ford Kuga
    Ford Kuga
    da € 25.850 a € 40.750
  • Ford Fiesta
    Ford Fiesta
    da € 14.500 a € 26.750

LE FORD PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE FORD

  • Estetica più grintosa e nuovi aiuti alla guida per la Ford Edge, una suv spaziosa che convince soprattutto per il comfort; adeguato il nuovo 2.0 biturbodiesel da 238 CV, alta la soglia di carico. Qui per saperne di più.

  • Marco Alù, direttore comunicazione della Ford Italia, spiega le funzioni del parcheggio assistito della nuova Ford Focus in occasione di un test drive sulla pista di Modena. Qui per saperne di più.

  • Dotato di un motore da 213 CV, il Ford Ranger Raptor per il mercato europeo ha un look grintoso ispirato al fratello maggiore F-150. Qui per saperne di più.