Pubblicato il 10 dicembre 2010
Qualità prezzo
5
Dotazione
2
Posizione di guida
4
Cruscotto
2
Visibilità
5
Confort
3
Motore
5
Ripresa
3
Cambio
3
Frenata
2
Sterzo
5
Tenuta strada
3
Media:
3.5
Perché l'ho comprata o provata
E' stata comprata usata. avvo il modello precedente con 75 CV ora possiedo il 90 CV. L'ho comprata perchè in un incidente è stata gravemente danneggiata. Il 75 CV è stata la mia prima auto e mi sono trovato così bene che ne ho comprata un'altra.
Gli interni
In generale gli interni sono gradevoli. La plastica del cruscotto e delle portiere sono di tipo morbido e piacevolmente avvolgenti. L'assemblaggio però non è precisissimo anche se non da segni di cedimento. A ridosso dei finestrini mancano gli antiestetici spinotti per il bloccaggio porte sostituiti da pratiche levette, raccordate con le leve di apertura delle portiere. Al di sotto di esse è presente un bel battitacco in plastica senza logo. Il quadro comandi informa lo stretto necessario -non vi è quindi alloggiato nessun trip computer- attraverso classiche spie. Ben visibile e retroilluminato ambra. L'indicatore carburante non cala allo spegnersi del quadro. Il cassettino porta oggetti non è molto capiente ne illuminato o refrigerato ma è robusto. Personalmente ho aggiunto il bracciolo centrale originale da dove se ne ricava un ulteriore vano. La ventilazione è servita da belli e pratici bottoni che si illuminano e la miscelazione aria calda/fredda è a levetta. Poco sopra c'è il vano porta autoradio e subito alla sua sinistra il tasto hazzard - ben visibile e raggiungibile- mentre a destra c'è lo sbrina lunotto. E' presente il kit fumatori. La pedaliera si presenta con una classica impostazione cioè ricoperti in gomma e senza acceleratore a tavoletta, alla sua destra sotto il cruscotto è alloggiato il blocco del ricircolo aria. I sedili sono in tessuto e poco avvolgenti, vista l'impostazione cittadina dell'auto, ma comodi. Caldi in inverno e anche in estate. La sensazione generale è quella di una seduta bella in basso ma un poco scomoda per chi ha passato le sessanta primavere. Sotto di essi non vi è alcun cassetto o vano. I sedili si regolano solo longitudinalmente e lo schienale tramite levetta a scatti. Dietro si stà comodi e c'è tutto lo spazio per le ginocchia perchè il divano è leggermente inclinato verso l'alto e comunque offre molto più spazio globalmente di quanto lasci a vedere dall'esterno anche sedendo in tre. I finestrini dietro non sono apribili neppure a compasso, i braccioli sono scavati nella plastica di copertura dura. Omologata per cinque persone. Il bagagliaio è illuminato con accensione manuale tramite una piccola lampadina posta sul passaruota destro e poco sotto su ambedue i lati si trovano gli sportellini per l'assistenza. Al centro sotto un grezzo pannello pressato è dislocata la ruota di scorta, il triangolo e relativi arnesi. Il divano è frazionabile 50/50 ed è possibile caricare una mountain bike senza il bisogno di smontare la ruota anteriore e caricare assi fino a due metri di lunghezza. Una volta abbattuto il divano non rimane una superficie regolare ma presenta un gradino. I tessuti utilizzati in generale sono molto robusti su tutta la vettura. E' presente una classica e semplice plafoniera non temporizzata, specchietto di cortesia passeggero, assetto fari, retrovisori esterni regolabili elettricamente ma non riscaldati e volante regolabile in altezza ma non in profondità. I tappetini non sono ancorabili.
Alla guida
La posizione di guida è comoda e ben infossata 'da kart' però non mi convince il volante di grande dimensione e la distanza della leva cambio. Tutti i comandi sono ben raggiungibili anche senza guardare. Solo il tasto dei fendinebbia è un poco nascosto messo sotto il volante vicino alla portiera e al ginocchio sinistro. Il quadro comandi non affatica la vista e tutto è ben leggibile anche la notte. Solo per me, che utilizzo il volante tutto in basso, mi è coperta la vista della zona rossa e la velocità oltre i 50 km/h. La visibiltà frontale è ottima la posteriore anche e gli specchietti retrovisori di grandi dimensioni -rumorosi in autostrada- fanno il resto. Solo la vista di tre quarti posteriore è difficoltosa ma questo più che altro è un grosso difetto delle strade pubbliche. Globalmente l'auto è comoda e spaziosa anche per i miei due metri. I sedili 'fanno male' solo dopo 5 o 6 ore di viaggio e la ventilazione -non condizionata o climatizzata- in estate fa quello che può. La rumorosità di marcia è il suo ditetto maggiore non tanto per il motore ma per il rotolamento degli pneumatici e il fruscio degli specchietti retrovisori. L'autoradio si serve di quattro casse. Il motore 'a banda larga' spinge rotondo e bisogna farci l'abitudine, sembra pigro perchè gli piace girare alto. Il cambio non è un fulmine per via dell'escursione della leva molto lunga, delle volte si impunta sopra i 4500/5000 giri. La frenata convince poco per la presenza -a quando l'obbligo di legge per quattro sacro santi dischi?- di tamburi al posteriore. L'auto è sicura ma i freni hanno bisogno di più mordente. La tenuta di strada è ottima ma appena si spinge diventa discreta. Alla corda il retrotreno 'cede' un momento per poi sistemarsi per il resto della curva. Nulla di pericoloso ma a volte da poca fiducia, bisogna accompagnarla. Il civic vuole una guida gentile anche nella guida sportiva. Lo sterzo è preciso. La dotazione per quanto mi riguarda è sufficiente perchè l'unica cosa che mi interessa su un'automobile sono i vetri elettrici e l'impianto audio -autoradio non fornita di serie- credo però che per gli automobilisti di ultima generazione questa civic di 14 anni fà può far storcere il naso. La qualità c'è tutta ed è inevitabile per un prodotto giapponese. Se c'è anche il prezzo?, beh, questo è un parere opinabile. In generale sono convinto che le auto costino comunque troppo rispetto al loro vero valore e la riprova sta negli avanzi di magazzino europei e giapponesi rivenduti ai cinesi. Le stesse auto considerate vecchie sono ricommercializzate alla metà del prezzo. Così come Renault con Dacia. E' una truffa.
La comprerei o ricomprerei?
In staccata e nelle emergenze tende a 'ruotare' verso sinistra difetto anche del modello che avevo prima. I freni si affaticano subito e bastano una manciata di 'pinzate' sopra i 140 km/h per allungare gli spazi. Il freno a mano è ben posizionato e il retrotreno 'gira' bello rotondo. Tende ad avere un grosso sottosterzo. In 350.000 ' e rotti' km ho sostituito solo una volta il terminale di scarico e ho rifatto i tamburi dietro. La frizione va ancora bene ed è quella originale. Il finestrino elettrico di sinistra si è un poco 'ammosciato' e la gomma di rivestimento dei pedali è completamente andata. Si è 'abbassato' il faro anteriore sinistro ma con quello che costa ho rimediato con delle fascette. Si spegneva in continuazione. A 200.000 circa fece corto la centralina di chiusura porte perchè -stranamente- a un filo elettrico posizionato male si era consumata la guaina protettiva. L'accendisigari ha smesso di funzionare molto tempo fa, ma tanto non fumo più. Hanno colpito due volte lo specchietto di sinistra ma oltre a essere grande è anche resistente. Potendosi girare di 180 gradi ha resistito alle botte 'sbeccandosi' solamente la plastica di copertura. Chi invece ha rotto i servi? Lo spazzaneve in autostrada. Consiglio: tenete sempre un occhio in autostrada quando nevica, se siete in colonna per uscire appena vedete avvicinarsi lo spazzaneve richiudete subito lo specchietto. Non aevo idea con che velocità e forza spazzano le autostrade! ( e che cavolo!). Il mio vicino ha fatto retro centrandomi il bagagliaio; anche se sistemato il danno entra acqua chissà da dove e mi si è arrugginito il triangolo... La gomma migliore provata su questo modello è Bridgestone. A 320.000 si è spenta una lampadina della retroilluminazione quadro, la plafoniera chissà da quanto tempo non funziona e mi dimentico sempre di sistemarla così come quella nel bagagliaio. Il bracciolo lato guida in plastica dura, ma ricoperto in tessuto, si è sfondato lentamente prendendo la forma del gomito. L'auto non è facile da pulire ha molti interstizi e per una mano di 'fino' ci vogliono almeno tre ore. La vernice blu metallizzata è sottilissima basta poco per graffiarla ma è ancora bella brillante. Ho sostituito solo una volta la lampadina posteriore destra. il volante comincia a essere 'cotto' nella parte più esposta al sole mentre le altre plastiche del cruscotto sono ancora perfette. L'unico scricchiolio viene dal 'vetrino' del quadro che sì è leggermente disassato attorno ai 150.000 km. Direi che qui ho raccolto alcuni pregi e difetti dell'auto che mi fanno dire: si, la ricomprerei e la consiglio per chi abita fuori città e non ha problemi con gli 'euro'. Si 'lascia fare' per non meno di 15 km litro. In autostrada, se si è capaci, può farne anche 17. Sempre in autostrada, in pieno sorpasso, si ruppe la cinghia di distribuzione a 320.000 km (colpa mia, non avevo i dindi per sostituirla e l'ho fatta girare per 120.000 km) ma ho sostituito solo un cuscinetto, ora beve un poco di olio. Il bagagliaio è molto capiente; abbiamo caricato un palco di otto metri quadri gran parte sul mio civic e l'altra su di una Yaris. L'auto sa essere una infaticabile trita chilometri sempre sincera o quantomeno ti avverte quando non ne vuole sapere. Bisogna ascoltarla sempre. Fuori dall'autostrada -non è il suo ambiente- volendo tira fuori le unghiette lasciando intendere nei dog-fight di avere o di poter avere più di 90 cavalli.
Honda Civic
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
1
1
0
1
VOTO MEDIO
3,3
3.25
4
Aggiungi un commento
Ritratto di monodrone
10 dicembre 2010 - 19:58
bello!
Ritratto di Zack TS
28 dicembre 2010 - 19:53
1
bella macchina la civic EK....specie la 1.6 VTi :-D
Ritratto di marlon84
29 dicembre 2010 - 12:00
4
concordo pienamente con te.. è un'ottima macchina, ho avuto per 4 anni la 1.5 v-tec da 114 cv, mai un problema, è stata affidabilissima sia col caldo torrido sia col gelo, purtroppo anche a me si è allagato il bagaglio rovinando mezza tappezzeria, ma non per urti.. mistero! Cmq anche a me non è mai andata giu la frenata.. cambiai i dischi, ma nulla, i tamburi non sono adatti a quella macchina, per il resto come dici tu, gli piaceva girare in alto, dava filo da torcere a chiunque sulle statali.. si la rimpiango anch'io e la ricomprerei (tra l'altro la mia gira ancora, la vedo ogni tanto e il nuovo propietario dice che va benissimo) ma aldila della vecchiaia, è poco sicura in caso di incidente.
Ritratto di Becio93
30 dicembre 2010 - 20:47
Ottima auto e ottima prova!
Ritratto di SAUZER75
20 gennaio 2011 - 11:07
Bella prova complimenti! 350.000km? caspita 'e' un bel trattorino che non ti ha mai lasciato a piedi suppongo, a parte la cinghia di distribuzione, che alla fine non era colpa sua poveretta! Complimeti ancora per la descrizione, degna da rivista diquattroruote. ciaooo ^___^
Ritratto di karma996
4 marzo 2011 - 12:01
hai tutta la mia ammirazione.... macchina eccezionale! io ho l'ultima civic ed è favolosa, ma la qualità costruttiva della tua (non essendo costruita più in giappone ma in inghilterra) se la sogna
Ritratto di gig
1 aprile 2012 - 13:33
Buona prova! La macchina, come molte Honda, non ha avuto successo qui...
Ritratto di GM-one
29 marzo 2013 - 12:23
bella macchina,sfiziosa...come hai resistito a non swappare col 1.6 Vtec JDM
Ritratto di monodrone
25 marzo 2014 - 11:13
rima di to bisogna riuscire a trovarla in buone condizioni e poi se hai letto la prova avrai capito che macino chilometri. Bello il 1.6 160cv ma non è propriamente un'auto per chi fa tanti chilometri e non guadagna molto mensilmente. Ciaz! ;)
listino
Le Honda
  • Honda CR-V
    Honda CR-V
    da € 28.900 a € 44.500
  • Honda HR-V
    Honda HR-V
    da € 22.300 a € 29.550
  • Honda Civic
    Honda Civic
    da € 22.500 a € 40.700
  • Honda Jazz
    Honda Jazz
    da € 15.700 a € 20.700
  • Honda Civic 4 porte
    Honda Civic 4 porte
    da € 25.000 a € 31.400

LE HONDA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE HONDA

  • La nuova generazione della Honda CR-V è proposta anche in versione ibrida mossa da un 2.0 a benzina abbinato a due motori elettrici alimentati dalle batterie agli ioni di litio, per complessivi 184 cavalli.

  • Al Salone di Parigi la Honda porta la rinnovata HR-V, una crossover compatta che cambia in molti dettagli: nel frontale ci sono nuovi fari a led e la forma della mascherina è stata rivista.

  • La berlina sportiva Honda Civic Type R ha fatto registrare il miglior tempo per auto a trazione anteriore anche sulla pista portoghese. Qui per saperne di più.