Honda Civic 1.4 i-VTEC 5 porte Mood

Pubblicato il 21 maggio 2010
Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
5
Cruscotto
5
Visibilità
3
Confort
3
Motore
5
Ripresa
3
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.4166666666667
Perché l'ho comprata o provata
Ho scelto la Honda Civic per avere un auto del segmento C (compatte) capace di offrire un buona volumetria (la famiglia si sta allargando ed ho quindi bisogno di una 5 porte con un buon bagagliaio), di non avere dimensioni eccessive (4,26 metri fanno della Civic una delle vetture più compatte del suo segmento) e che non costasse troppo sia in termini assoluti che come spese di gestione e manutenzione. Ne sono in possesso da un paio di mesi e posso raccontare le mie impressioni.
Gli interni
CORPO VETTURA La Civic, seppur non nuovissima, è sicuramente una macchina originale. La sua linea è sportiva, e la fa sembrare anche più corta di quanto in realtà sia. Le finiture esterne sono buone, e gli unici elementi che mi lasciano perplesso sono l’apertura del portellone troppo a filo del paraurti (ho paura che al primo tamponamento si danneggi il portellone!), come del resto in molte recenti vetture (vedi anche la Fiat Bravo!) , e le frecce sugli specchietti (belle ed originali, ma soggette anche loro a danneggiamenti! per fortuna il mio allestimento, mood, ha di serie gli specchietti ribaltabili elettricamente). L’accessibilità è buona, anche se le portiere posteriori sono corte (ma si aprono quasi a 90 gradi). INTERNI Gli interni sono decisamente curati. La qualità delle plastiche è notevole, i tessuti sono robusti e di buona fattura. Lo spazio, soprattutto nei posti dietro, è sorprendente. La posizione di guida è comoda e corretta, i comandi sono disposti in maniera originale ma si vede che sono frutto di un attento studio ergonomico: con un po’ di abitudine si trova tutto subito e senza distrarsi troppo. Veramente scenografica e completa (grazie anche al sofisticato e fruibile computer di bordo) la strumentazione! La dotazione di accessori dell’allestimento Mood è esemplare (Radio CD/MP3 con presa USB, 6 altoparlanti e comandi sul volante, sensori di parcheggio, specchietti ribaltabili elettricamente, regolatore di velocità, clima automatico, cerchi in lega, fari e tergi automatici, etc.) Una cosa che a me sinceramente non piace è il pulsante di accensione: di fatto è scomodo da usare, visto che comunque occorre girare la chiave! Avrei risparmiato questo sacrificio ad un elemento di moda per non inficiare la praticità della tradizionale e semplice chiave. Il bagagliaio è enorme (anche se occorre rinunciare a ruota/ruotino di scorta ed affidarsi al kit di riparazione) ed è molto pratica la possibilità di ribaltare parzialmente non solo lo schienale del sedile posteriore (come in tutte le 2 volume, ormai…) ma anche la sola seduta, cosa che permette di caricare al posto del sedile posteriore oggetti molto alti!
Alla guida
SU STRADA La tenuta di strada è notevole, e la macchina è abbastanza silenziosa nell’uso di tutti i giorni (merito del buon accoppiamento delle plastiche, del motore rotondo e regolare e dell’insonorizzazione) ma… La prima nota dolente viene dalla visibilità: dietro si vede poco, causa il lunotto tagliato dallo spoiler, ed anche i montanti anteriori, soprattutto in città, disturbano abbastanza. Per fortuna i tergicristalli con regolazione automatica della velocità, i fari ad accensione automatica, e la forma del lunotto (che non si sporca e non fa troppo rimpiangere l’assenza del tergilavalunotto) aiutano. Altra nota dolente viene dal confort delle sospensioni: sulle buche in città, ma anche sulle irregolarità importanti sulle altre strade, non filtrano granché e fanno risuonare l’abitacolo di un rumore secco che disturba abbastanza (penso che sia dovuto ad un limitato uso di elementi elastici tra telaio e sospensioni, che è l’altra faccia della notevole precisione di guida!... vedi oltre). PRESTAZIONI Il motore è in effetti più un milletré che un 1400… e questo ha diretti risvolti sull’economicità di gestione da una parte (basso consumo e basse spese di bollo/assicurazione) e sulle doti di ripresa/accelerazione dall’altra. I consumi sono veramente bassi per un’auto da 99CV! Anche in città, con uno stile di guida accorto, si fanno praticamente 15 al litro… fuori, su strade statali, anche 18! Dall’altro lato la ripresa non è da primato. A dir la verità mi aspettavo molto peggio da un motore che dichiara una coppia massima a 4800 (!) giri.. ma qui il V-Tec fa i miracoli. Quello che succede è che ai bassi regimi, merito della farfalla controllata elettronicamente e del funzionamento a 12 valvole fino a 3500 giri (il sistema i-Vtec, in questa versione mirata all’economia, fa proprio questo!), il motore riesce ad erogare una coppia apprezzabilissima fin già da 1500 giri, cosa che rende la guida veramente gradevole anche in città. Il fatto è che, quando si “chiede di più” (per esempio in salita, a pieno carico, quando si schiaccia a fondo il gas) è come se la coppia, ad un certo punto… finisse! In effetti Honda è riuscita, con le soluzioni tecnologiche che ho descritto, a rendere facilmente disponibile tutta la coppia che un 1300 aspirato può dare… ma sempre di un motore di cubatura limitata si tratta; quindi… nessun miracolo! La tenuta di strada è sempre sicura, e lo sterzo e preciso e sensibile: consente di portare la macchina proprio dove vuoi! Il cambio (6 rapporti) è ben manovrabile… ma la rapportatura la trovo un po’ strana. In sesta, a 130 Km/h si è a 3800 giri: un po’ tantini! (ed in effetti il motore in autostrada, anche per la curata aerodinamica, si sente!); insomma: una sesta sfruttabile in città (l’indicatore di cambiata suggerisce di usarla già a 60… ed in effetti il motore li regge!), un po’ troppo corta in autostrada.
La comprerei o ricomprerei?
Si, sono soddisfatto el ricomprerei.
Honda Civic 1.4 i-VTEC 5 porte Mood
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
0
1
0
1
VOTO MEDIO
3,0
3
3
Aggiungi un commento
Ritratto di Gianlu_82
2 giugno 2010 - 15:58
Bella la prova, complimenti. Molto scorrevole. Quest'auto secondo me è una delle migliori medie in circolazione. L'Honda Civic ce l'ha il papà di un mio amico, e con il 2.2 CDTI, fidati vola che è una meraviglia. Ed è anche abbastanza silenziosa, comfortevole oltre ad avere una reattività più che buona.
Ritratto di Jeanfrancois
7 settembre 2010 - 16:22
Niente paura per i giri: il motore è fatto per raggiungere anche i 6.500. A 4.000 giri/min il motore è a due terzi dei giri di potenza massima quindi la velocità legale è alla portata della Civic 1.4. Del resto l'indicatore di consumo a 120 km/h di tachimetro indica un consumo di 5 litri per 100 Km. Siamo quasi a livelli da turbodiesel. Insomma il motore Honda è fatto per girare come gli pare ed è vuoto sotto i 2.000 giri un po come succede ai motori motociclistici. Godiamoci questa vettura ed utilizziamo questo straordinario motore senza paura. Per il resto la vettura è super in tutto.
listino
Le Honda
  • Honda Civic 4 porte
    Honda Civic 4 porte
    da € 25.000 a € 31.400
  • Honda NSX
    Honda NSX
    da € 201.000 a € 201.000
  • Honda Jazz
    Honda Jazz
    da € 16.450 a € 21.450
  • Honda CR-V
    Honda CR-V
    da € 29.200 a € 45.250
  • Honda HR-V
    Honda HR-V
    da € 23.050 a € 31.300

LE HONDA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE HONDA

  • La prima auto elettrica pura della Honda è questa utilitaria che ha un'autonomia di 220 km e un interno avveniristico con ben cinque display per controllare tutte le funzioni della vettura.

  • Il sistema multimediale della piccola Honda elettrica è di quelli molto avanzati: scopriamone le principali funzioni. Qui per saperne di più.

  • La prima auto elettrica della Honda è questa utilitaria lunga 390 cm con un'automonia di 210 km pensata per l'utilizzo in città. I primi esemplari arriveranno da noi nel maggio del 2020.