Opel Corsa 1.2 5 porte Enjoy

Pubblicato il 24 luglio 2017
Ritratto di Moreno1999
alVolante di una
Mazda 2 1.5 75 CV Evolve
Opel Corsa
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
3
Confort
4
Motore
2
Ripresa
2
Cambio
3
Frenata
4
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
3.4166666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Ho deciso di riscrivere questa prova con un po' più di "consapevolezza" rispetto a qualche anno fa in quanto la Corsa è diventata l'auto anche a mia disposizione e lo sarà ancora per i prossimi due anni circa. L'utilitaria in questione è stata comprata nuova dalla mia famiglia nel dicembre del 2007 e ritirata i primi giorni del 2008 in sostituzione di una vecchia station wagon che aveva tirato le cuoia poche settimane prima. Approdare alla Corsa non è stato immediato; questa Opel non rispettava minimamente l'idea di mia madre, che avrebbe preferito perlomeno una segmento C come l'Astra o la Civic, mentre combaciava con quella di mio padre, intento a risparmiare il più possibile al costo di “limitare” una famiglia di 4 persone a viaggiare con valigie al seguito su una Mazda 2 fino al non tanto lontano 2015. La scelta finale ricordo essere stata tra questa e una Grande Punto 65 cavalli; alla fine, complice la precedente e piuttosto felice esperienza con una Opel e la non troppo velata preferenza per le linee della teutonica sia da parte mia che da quella di mia madre, l'assegno è stato staccato per la straniera. Era un modello in pronta consegna, una 1.2 Enjoy da 80 cavalli, che per circa 12.000€ offriva niente di più e niente di meno di quanto lecito in un allestimento intermedio da utilitaria di quell'epoca. Come sicurezza attiva e passiva non era assolutamente male: 6 airbags, ABS, ESP e 5 stelle EuroNCAP, aveva inoltre di serie la radio con ingresso AUX e comandi al volante (Opel CD30 MP3), il clima manuale e gli specchietti regolabili elettricamente. Mancano all'appello cerchi in lega, fendinebbia e alzavetro elettrici posteriori (questi ultimi assenti non solo nella mia Corsa ma anche nel pesante restyling/pseudo nuovo modello che è in listino dal 2014). L'unico optional escluso era la vernice Rosso Magma, che la casa definisce micalizzato mentre IMHO è uno scadente pastello scoloritosi in maniera imbarazzante con gli anni tanto da diventare tendente al rosa salmone opaco su cofano e tetto mentre è rimasto quasi-rosso nelle parti in plastica, creando un non voluto effetto bicolor (prima o poi le darò una bella lucidata sperando che migliori). Premetto che l'auto è stata tenuta in box fino al maggio 2015 quando è stata acquistata la CX-5 che, essendo ingombrante, non permette più il secondo posto auto al coperto; comunque anche negli ultimi due anni è stata trattata con abbastanza cura quindi uno scolorimento del genere NON è ammissibile secondo il mio punto di vista e dimostra solamente la scarsa qualità del materiale utilizzato. L'auto al momento in cui scrivo (23 luglio 2017) ha poco più di 107.000 km all'attivo percorsi in 9 anni e mezzo.
Gli interni
Gli interni, come l'auto in sé, mostrano gioie e dolori. Gioie nel constatare come le plastiche e i tessuti si siano mantenuti generalmente bene, il volante non è lucido e in generale non si sentono scricchiolii, dolori quando ti accorgi che la stessa qualità non è stata riservata ad altre componenti che vengono ugualmente stressate come le bocchette dell'aria (toccate pochissimo eppure 3 su 4 sono rotte internamente) che rimangono mezze aperte mezze chiuse diminuendo l'apporto d'aria e rendendo difficoltoso il direzionamento del flusso, o anche il rivestimento del tetto che presenta numerose macchie nonostante nessuno ci abbia mai fumato dentro. La plancia, piuttosto profonda, presenta un design simpatico, con la parte centrale color panna metallizzato (esiste?) e le quattro bocchette tonde contornate da una cornice nero lucido, e delle plastiche rigide ma ben montate (come ho già detto, nessuno scricchiolio), ben lavorate e per nulla sgradevoli al tatto...c'è chi fa molto peggio ora, giusto per citarne alcune, le ultimissime Ibiza, Swift, C3 e Clio secondo me le hanno ben peggiori. Tutte le portiere poi hanno un esteso inserto in tessuto che a mio parere aumenta la qualità percepita. Pochini i portaoggetti, quattro piccole tasche nelle portiere (in quelle dietro non entra nemmeno la bottiglietta da 50 cl), due piccoli e infossati portabibite con posacenere annesso (qui adibito a portamonete per il carrello del supermercato), un altro portabibite in fondo al tunnel centrale a disposizione dei passeggeri posteriori, il cassettino portaoggetti di dimensioni non generosissime e infine un micro cassettino sotto il sedile del passeggero la cui esistenza è stata da me scoperta solo un paio di anni fa. Nessuna tasca dietro i sedili, mentre sono state introdotte con il restyling del 2011. Con il model year successivo al mio è stata inoltre compiuta una piccola ma importante modifica, l'area centrale di colore diverso,che nella mia si estende con due rami fino quasi al parabrezza, è stata limitata appena sopra le bocchette, ponendo rimedio al fastidiosissimo e onnipresente riflesso. Lo spazio interno non è niente male, considerati i 4 metri esatti di lunghezza del veicolo: lo spazio per la testa e per le gambe è più che sufficiente (io sono 1,73 quindi non dovrei parlare, ma dietro si sono accomodati senza problemi passeggeri alti 10-15 cm in più di me senza troppi problemi), idem con patate per quanto riguarda il bagagliaio, che presenta però una soglia alta da terra e un gradino interno non indifferente quando non presente il divisore che crea un doppiofondo (limitando però a circa 180-200 litri lo spazio sopra di esso). L'infotainment è costituito dalla CD30 MP3 e basta, d'altronde parliamo sempre di un'auto risalente a 11 anni fa. La radio in questione non merita secondo me la sufficienza piena. La qualità audio è normale, se in modalità AUX qualche volta l'altoparlante posteriore destro salta, perde spesso la frequenza di alcune emittenti radio e se si prende una buca a velocità moderata sembra quasi che il volume si abbassi. A proposito di volume, dovrete andare ad orecchio visto che il micro display arancione in cima alla plancia non mostra il classico “numerino” quando lo si alza o abbassa. Esso mostra solo il nome dell'emittente, la temperatura esterna e l'orologio farlocco che avrà i minuti di 61 secondi dato che ogni due settimane circa risulta di 3-4 minuti indietro. E non è la sola: anche la Corsa del 2011 di mio nonno fa lo stesso...misteri Opel! Un ultimo appunto lo faccio sul comfort, che è sostanzialmente buono, pochi fruscii e solo in autostrada si percepisce il rumore dato dal rotolamento degli pneumatici. Inoltre, per quanto riguarda il “benessere” dei passeggeri, contiene ancora tutti quei vezzi che io ho sempre considerato scontati ma che invece stanno sparendo anche su auto di categoria superiore, come gli specchietti di cortesia in entrambe le alette parasole, le 4 maniglie sul soffitto e le cinture di sicurezza anteriori regolabili in altezza. Unica cosa, manca una plafoniera decente, dato che il lumino funebre posto sopra lo specchietto retrovisore centrale è quasi ridicolo. Penso di aver detto tutto, faccio però notare come tutti i problemi citati in questa sezione (a parte quello riguardante l'orologio) siano emersi nel corso degli anni e non erano presenti almeno per i primi 5-6.
Alla guida
Prima della sezione “alla guida”, piccola parentesi sul motore. Il modestissimo 1.2 aspirato dimostra tutti i suoi limiti e la sua anzianità. Sotto il cofano, poca coppia 80 cavalli (o asini) che garantiscono una ripresa insufficiente e un brio direi inesistente a fronte di una velocità massima adeguata per il tipo di veicolo. Non dico che le altre utilitarie aspirate siano meno sedute di questa ma faccio notare come anche il 1.2 Ford che spinge la nostra vecchia Mazda (oltre che meno potente era su un'auto meno aerodinamica) faceva leggermente meglio del 1.2 Opel. In città ok, ma al primo sorpasso ci si trova inesorabilmente a scalare, per non parlare delle strade in salita. Il consumo in ambiente urbano, dove viene usata prevalentemente l'auto, rimane sui (quasi) 13 km/l, quindi niente di miracoloso nemmeno in questo ambito. Un motore pensato per spendere poco all'acquisto e per pochi km annui (nel nostro caso circa 11.000) che ha sempre svolto il suo lavoro senza grossi problemi di affidabilità (facciamo gli scongiuri) ma senza emozione alcuna. Al volante la Corsa appare sincera e sicura, stabile e con una buonissima tenuta nonostante la gommatura poco generosa. Lo sterzo non mi pare particolarmente comunicativo ma rimane sufficientemente leggero (solo un po' pastoso) in città e “presente” a velocità più elevate, lasciando il conducente a proprio agio; il diametro di sterzata non è eccessivo ma non c'è da gridare al miracolo. Il cambio (ovviamente a 5 rapporti) già mi piace un po' meno, la frizione non è leggera e la leva, posizionata in basso e dall'escursione abbastanza lunga, è in alcune situazioni un po' legnosa. A sua discolpa posso dire che si impunta molto raramente e la frizione stacca giusta. La posizione di guida è piuttosto infossata, il sedile e il volante dispongono di tutte le regolazioni necessarie ma si rimane sempre un po' seduti in basso, cosa a me non scomoda ma che non aiuta assolutamente a capire dove finisca il musetto “a cuneo”. A questo proposito parlo della sezione visibilità che, complice la linea esterna, risulta piuttosto sacrificata. Il lunotto non è grande e non è nemmeno completamente verticale, i vetri laterali posteriori non sono enormi e il terzo specchietto vicino al montante anteriore è praticamente inutile, anzi togliamo il praticamente... Gli specchietti laterali hanno una bella forma che però non aiuta per quanto riguarda la visibilità, dato che la parte superiore è come “tagliata”. Infine cito la quisquilia di turno, ovvero la scomodità della leva posta sul retrovisore centrale per selezionare la posizione antiriflesso, che non si muove dall'alto verso il basso ma da sinistra verso destra. Seguendo le voci della “pagella”, continuo con la frenata, che è potente e progressiva, anche se le prime volte bisogna imparare a dosarla, dato che il pedale è piuttosto sensibile e al minimo tocco l'auto rallenta. Manca il cruscotto, al quale ho dato solo 3 stelline dato che manca l'indicatore della temperatura dell'acqua, sostituito da una banalissima spia quanto è troppo elevata, avrei preferito inoltre delle tacche intermedie nel tachimetro (presenti solo per i numeri interi). Non c'è un computer di bordo, disponibile se non sbaglio nel più ricco allestimento “Cosmo”. Non so dove inserire l'ultima nota dolente ma ne parlo qui, nel fanale anteriore sinistro non c'è verso di far andare l'anabbagliante, le abbiamo provate tutte, abbiamo cambiato la lampadina (peraltro manovra difficilissima dato che manca lo spazio fisico per compierla senza contorsioni), abbiamo interpellato quelli dell'assistenza e niente, sono anni che non va e tutt'ora non si sistema, sarà qualche contatto, i miei hanno gettato la spugna anche se io voglio seriamente porre fine alla questione dato che ne va della visibilità in ambito notturno. Altri problemi? Segnalo una difficoltà dell'auto in alcune circostanze ad avviarsi, capitava più di frequente qualche mese fa mentre adesso a dire il vero non notiamo niente né io né mia madre che la usa ogni giorno. L'unico ricovero (seppur breve) in officina è stato tra il 2014 e il 2015, dove l'auto aveva improvvisamente cominciato a vibrare e a non tenere il minimo se fermi al semaforo. Non ricordo la causa, so solo che dopo l'intervento non è più successo.
La comprerei o ricomprerei?
Domanda alla quale mi è difficile rispondere, non mi sento di sconsigliarla perché non lo merita, nel mio caso però i tanti e piccoli problemi/difetti dell'auto se sommati mi danno un senso di generale fastidio che mi porta a desiderare qualcosa di nuovo, di più fresco. Nella prova sono stato oggettivamente critico perché sarà anche da ritenere normale che dopo 100.000 km un'utilitaria cominci il suo lento declino, ma l'altro esemplare di utilitaria da noi posseduta e ancora circolante (dopo essere stata venduta a un vicino) si è mantenuta molto meglio negli anni e al momento con 190.000 km non ha vernice scolorita o luci che non vanno, giusto per citarne due. Ciononostante, la Corsa (sgrat sgrat) non ha mai dato problemi meccanici e questo merito non glielo nego. In conclusione, pensando al 2008 la ricomprerei, pensando al 2017 vorrei cambiarla; di idee per il futuro ne ho già alcune ma dubito possano realizzarsi entro un anno e mezzo/due anni da questa parte. Non penso sarà un'altra Opel perché la “nuova” Corsa la sento come quasi uguale alla mia, se non più brutta esteticamente. L'auto oggetto della prova è uguale a quella della foto, anzi lo era quando il rosso riusciva ancora a mettere in risalto le belle linee.
Opel Corsa 1.2 5 porte Enjoy
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
7
5
4
2
2
VOTO MEDIO
3,7
3.65
20


Aggiungi un commento
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
31 agosto 2017 - 08:41
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
30 agosto 2017 - 13:14
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di wfiatmultijetfire
2 settembre 2017 - 09:26
9
ottima prova e auto!
Ritratto di Moreno1999
2 settembre 2017 - 13:31
4
Grazie mille!
Ritratto di Moreno1999
13 settembre 2017 - 20:09
4
Oggi pomeriggio ho finito di lucidarla...devo dire che con tanto olio di gomito è tornata praticamente pari al nuovo, decisamente ne è valsa la pena! Peccato che non si possano inserire le foto, altrimenti avrei messo un confronto tra il prima e il dopo
Ritratto di M93
8 febbraio 2018 - 18:16
Ottima prova Moreno, oggettiva, piacevole da leggere e scorrevole. Corsa D, al suo debutto, era una delle migliori della categoria, insieme alla "cugina" Grande Punto. Tempo addietro ho guidato una Corsa simile alla tua ma col 1.0 3 cilindri da 65 cavalli, scandalosamente lenta. La motorizzazione più idonea, imho, era la 1.4 da 90 cavalli, in grado di muoverla senza troppa difficoltà, sopratutto in extraurbano.
Ritratto di SM97
19 maggio 2018 - 17:50
Mia madre ha la stessa auto del 2008, stesso motore, stesso colore e stesso allestimento. Il motore è affidabile, ma di una lentezza mostruosa, e i consumi sono inaccettabili.. attualmente l'auto ha 74.000 km circa.
Ritratto di Moreno1999
19 maggio 2018 - 17:52
4
Come non concordare, per avere un minimo di brio bisogna tirarla oltre i 2000 con conseguente aumento dei consumi. L’acceleratore sembra quasi scollegato dal motore da quanto poco riprende questa macchina.
Ritratto di Pintun
10 gennaio 2021 - 09:12
Bella prova, onesta e completa. Ho avuto due Corsa, prima e seconda serie e mi sono piaciute entrambe. Di questa generazione non mi piacciono gli interni, migliorati nettamente con il restyling. Anche il frontale lo preferisco dopo, mentre come motore credo che il migliore fosse il 1.3 diesel. Come difetto, comune però a quasi tutte le utilitarie di quel periodo, Sandero esclusa, ci metto il baule, troppo piccolo considerando l'aumento delle dimensioni rispetto alle serie precedenti.
Pagine
listino
Le Opel
  • Opel Insignia Grand Sport
    Opel Insignia Grand Sport
    da € 34.000 a € 47.100
  • Opel Combo Life
    Opel Combo Life
    da € 22.190 a € 29.540
  • Opel Mokka
    Opel Mokka
    da € 22.550 a € 40.250
  • Opel Astra Sports Tourer
    Opel Astra Sports Tourer
    da € 26.950 a € 34.700
  • Opel Astra
    Opel Astra
    da € 25.950 a € 33.700

LE OPEL PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE OPEL