Seat Altea 2.0 TDI DPF DSG Stylance

Pubblicato il 14 agosto 2014

Listino prezzi Seat Altea non disponibile

Qualità prezzo
5
Dotazione
3
Posizione di guida
5
Cruscotto
5
Visibilità
2
Confort
5
Motore
5
Ripresa
4
Cambio
5
Frenata
5
Sterzo
4
Tenuta strada
5
Media:
4.4166666666667
Perché l'ho comprata o provata
Ho avuto la possibilità di riprendere in mano l'auto di mio fratello,della quale ho già scritto una prova due anni fà circa e ora voglio tirare le conclusioni finali all'alba dei 220'000Km dell'automobile
Gli interni
Parlando in generale spiccano due qualità molto importanti per una piccola famiglia: Buona abitabilità, si sta comodi in cinque, anche uno come me, che sono di alta statura sta molto comodo e l'altro punto a favore è l'assemblaggio e i materiali utilizzati sono veramente ottimi, soprattutto molto bella la plancia in plastica in finta fibra di carbonio. Passiamo ai dettagli: - Sedili: sono in pelle nera traforata, fianchetti pronunciati e il sedile risulta molto comodo, aspetto degno di nota che anche nel posto centrale sulla panca posteriore risulta comodo e il tunnel non mi è sembrato molto ingombrante.Regolabile in altezza e anche la regolazione dei lombari, sono manuali ma secondo me vanno molto bene. - Volante: in pelle nera, tre razze e con i comandi radio cosi non ci si distrae dalla piacevole guida. - Cruscotto, comandi e plancia: Sedendosi davanti a se oltre al volante si trova il cruscotto, formato da 3 quadranti circolari, partendo da destra si trova il tachimetro, ben leggibile e classico, al centro il contagiri con una piccola striscia che indica il limitatore a 4'500 giri,questo quadrante è più piccolo del tachimetro, e a sinistra si trovano due indicatori analogici (a lancetta) che indica il livello del gasolio (a sinistra) e l'altro indica la temperatura del liquido di raffreddamento del motore (a destra).Tra i due c'è il display color rosso. Il cruscotto è protetto dai riflessi da una cupola e circondato da una fascia di plastica color argento, penso che sia molto azzeccata. I comandi si trovano tutti al loro posto e facili da usare, trovo veramente fuori posto le frecce d'emergenza davanti al cambio DSG. La plancia è curata negli aspetti e molto sportiva, questo ultimo aspetto si vede dal rivestimento in finta fibra di carbonio. La zona centrale è caratterizzata da una fascia color argento, partendo dall'alto si nota le bocchette centrali unite, hanno un aspetto classico ma funzionale.Sotto di esse è situato il clima, il display è piccolo, organizzato molto bene e molto leggibile, i tasti del bi-zona sono disposti molto bene. La radio ha un display grande, ben organizzato e non teme i riflessi, i tasti sono disposti affianco, a destra le stazioni radio, a sinistra la rotella e la selezione manuale delle stazioni, sotto lo schermo ci sono 6 tasti rotondo, sopra lo schermo ci sono i tasti che regolano il lettore cd. - Baule: è adeguato all'auto, la soglia di carico non è molto alta, anzi aiuta molto il carico, apprezzabile il doppio fondo. - Abitabilità:è il suo punto forte, grande per tutti e molto comoda. - Ora con quasi 220'000Km fatti sulle strade italiane e spesso mal messe gli interni non mostrano segni di cedimento e nonostante l'uso intensivo di una famiglia posso solo far notare i piccoli segni di usura: Il vetro del lato guida è un po più lento a risalire degli altri (circa due secondi di ritardo)ed è un pò rumoroso,ma comunque si chiude bene e non lascia filtrare acqua. Pochissimi cigolii provenienti dalla plancia sulle giunture dei ponti autostradali e li si notano solo con la radio spenta. Portiera del guidatore che quando la si chiude cigola,non sempre e non troppo rumorosamente. La pelle dei sedili è usurata,normale usura comunque,sedili integri e non presentano segni di sfondamento e tutte le regolazioni funzionano come se fossero nuove Guarnizioni integre e non lasciano penetrare acqua. Nessun cedimento del cielo,che è ancora ben teso e grazie a un po d'accortezza è ancora del colore beige di fabbrica Il clima è ancora ottimale e funzionante in tutte le sue opzioni e regolazioni. Difetto che non sopporto sono le luci della plafoniera sul cielo che funzionano quando vogliono e non rispondono ai comandi quindi si è costretti a provare tutte le combinazioni con i pulsanti.
Alla guida
Per smentire tutte le dicerie non sempre vere parto subito dicendo: Questo cambio DSG è il meglio degli automatici dei suoi anni,ha ancora le frizioni originali (Cambio a doppia frizione),non ha mai lasciato a piedi e funziona ancora bene,da freddo tende a tenere marce basse ma l'ho riscontrato anche su un' Audi A4 2.0 TDI da 177cv di un'amico. Il Motore è originale,niente mappature e sempre ricambi originali del Gruppo Volkswagen si comporta molto bene,nessun problema e ha abbandonato solo una volta,ma per la batteria scarica (è la seconda che viene montata,oltre a quella originale) Come ogni TDI fuma in piena accelerazione (e lo si vede dallo specchio retrovisore e sia dall'alone nero lasciato nella zona dello scarico) Nonostante i chilometri ha ancora la stessa vivacità di quanto è uscita di fabbrica,secondo i dati di AlVolante l'auto con questo motore compiva lo 0-100 in 9,9 secondi e ora (grazie a rilevamenti col GPS) lo compie in 10.17 secondi e la velocità massima è di 198km/h,raggiunti in sesta con il cambio in modalità "S" con il motore appena sotto i 4'000 giri motore,mentre i 100km/h si prendono durante il cambio tra terza e quarta Quando non si spinge con l'acceleratore e ci si pensa ai consumi oppure ci pensa al confort a velocità autostradale (130) il motore gira circa 2'300 giri,nelle riprese dopo i rallentamenti per recuperare velocità basta affondare sull'acceleratore e la centralina deciderà se tenere la marcia oppure passare a un rapporto inferiore. Il traffico non è problematico,non è un auto troppo impegnativa ed è molto rilassante. Nei percorsi di montagna si può far affidamento ai 320NM sviluppati circa a 2'000 giri e alla vivacità del motore,che ricorda la violenza dei vecchi 1.9 TDI Iniettore-Pompa dell'Ibiza Cupra (Di cui potrei scrivere una prova se la riavrò sotto mano di nuovo). La manutenzione che su questo veicolo è svolto da un'officina autorizzata Volkswagen è stata solo ordinaria,il propulsore non "mangia" nemmeno un grammo d'olio e mai una noia (apparte la batteria sopra citata) I consumi non sono proprio da primato,il consumo medio è di 17-18km/l,ma dato il cambio automatico,il peso di 1'500kg circa e il motore di concezione "vecchia" e delle prestazioni comunque buone credo siano accettabili Cambio sequenziale 6 marce a doppia frizione con funzione "Sport" è ottimo nelle cambiate veloci nella funzione "S" e dolce ma comunque pronto in quella "D" sia il vero punto di forza del veicolo in questione. 220'000km con frizioni originali,nessun strappo e incertezza alcuna è affidabile e con la regolare manutenzione è longevo,a confronto delle pesanti critiche ricevute da molti (non è un attacco agli estimatori delle Alfa romeo o delle FIAT,voglio essere ben chiaro su questo punto). Sospensioni sono tarate in maniera perfetta,confortevoli ma per nulla cedevoli nelle curve affrontate ad alte velocità regalano all'auto una stabilità da primato per il volume della carrozzeria ed è sorprendente,il tutto aiutato dai controlli elettronici che intervengono senza usurpare il divertimento. Non presentano rumori e chi come me soffre per la schiena non ha da temere perché rimarrà un'auto confortevole anche dopo qualche ora di autostrada. Per sfizio l'abbiamo portata in una pista non troppo difficile e ci abbiamo girato (senza premerla troppo) è rimasta composta e prevedibile nelle curve e il sottosterzo è davvero marcato anche con l'ESP disinserito,difficile "prenderla contropiede" perché nelle curve affrontate troppo velocemente o nelle uscite di curva con l'acceleratore a tavoletta si sottosterza gradualmente e comunque in maniera molto marcata. Nelle frenate intense l'auto non si scompone,e la coda non si alleggerisce troppo e il volante comunque ben controllabile. I freni sono,assieme al cambio e alla tenuta di strada, un'altra punta di diamante dell'auto, potenti e non perdono mordente nell'uso intensivo e in montagna si può andare tranquilli potendo contare su un'arresto immediato e percorrendo pochi metri. Ci si aspetterebbe un'usura maggiore per via della mancanza dell'effetto freno motore e invece si rimane piacevolmente sorpresi per la loro durata. Non si ovalizzano e non creano "scalini". L'ABS è sempre vigile anche se una ruota si trova su una superficie più sdrucciolevole rispetto all'altra . Mi sono trovato in una situazione d'emergenza in'autostrada dove mi trovavo sui 130-135km/h e ho dovuto pestare violentemente sui freni per evitare un tamponamento e sono rimasto (oltre che esterrefatto dalla gravità dell'incidente) colpito dalla tenacia dell'impianto che grazie ad'esso ho evitato l'impatto. Credo che con un'altra auto,anche d'impostazione più sportiva non avrei avuto la stessa fortuna.
La comprerei o ricomprerei?
Non la ricomprerei perché è difficile poter trovarne una in buone condizioni e con chilometraggi accettabili. Ma posso dire con certezza che venderla sarebbe un grosso errore,in primis per la qualità e la longevità dell'auto che sembra non voler cedere e farsi mettere i piedi in testa e per seconda motivazione il basso prezzo che si otterrebbe da un concessionario o anche rivendendola da privato. In sintesi è un auto che merita nove-decimi per la sua qualità e per le doti nascoste che possiede. Chi la possiede se la tenga stretta
Seat Altea 2.0 TDI DPF DSG Stylance
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
3
1
0
1
VOTO MEDIO
3,5
3.5
6
Aggiungi un commento
Ritratto di cris25
28 agosto 2014 - 21:37
1
associa una linea sportiva ad un'elevata affidabilità, ti dico questo perchè la possedeva anche un mio amico che l'ha tenuta per cinque anni fin quando l'ha sostituita con la nuova Leon. La prova mi piace, bravo!
Ritratto di M93
30 agosto 2014 - 10:22
La Altea non mi ha mai convinto troppo, ma è sicura set valida e ben costruita. La prova è completa e scritta bene.
Ritratto di Pyton
18 gennaio 2015 - 13:06
2
Ciao, prima di acquistare la nuova leon ho avuto il piacere di possedere un'Altea 1900 col vecchio motore a 4 iniettori, una delle prime del 2004. Dopo un paio di anni ho provveduto a rimappare la centralina e così mi sono ritrovato con prestazioni simili al TDI 2000. Stabile e precisa, non veloce nell'inserimento in curva, discreti freni con lo stesso diametro del 2000, in pista ballano 10 secondi in più rispetto alla leon. Ho percorso 160000 km in 9 anni senza problemi!
Ritratto di Demolition70
23 marzo 2016 - 16:28
Ciao a tutti vorrei avere delle informazioni dettagliate sulla SEAT ALTEA 2.0TDI 140CV acquistata giorni fa' da un concessionario dove mi ha dato solo una chiave dell'auto senza darmi il doppione, l'ho richiesto e' mi ha risposto che chi l'ha lasciata in permuta il vecchio proprietario non li' ha consegnato l'altra chiave, e' mai possibile questo? L'auto l'ho acquistata usata del 2005 e' vorrei avere delle informazioni di lavori da fare all'auto: che olio si usa per il tagliando? Dove posso scaricare informazioni per le varie manutenzioni ordinarie da fare.Grazie a tutti
listino
Le Seat
  • Seat Ateca
    Seat Ateca
    da € 24.020 a € 32.320
  • Seat Arona
    Seat Arona
    da € 17.300 a € 25.200
  • Seat Leon ST
    Seat Leon ST
    da € 22.645 a € 27.545
  • Seat Leon
    Seat Leon
    da € 21.895 a € 26.795
  • Seat Ibiza
    Seat Ibiza
    da € 16.020 a € 21.820

LE SEAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE SEAT

  • Seat punta da anni ai giovani e infatti fra gli highlight dei nuovi modelli ci sono connettività e freschezza delle forme: ne parliamo al Salone di Parigi con Pierantonio Vianello, direttore brand Seat Italia.

  • La Seat debutta fra le grandi suv con la Tarraco. Lunga 474 centimetri, punta sulla semplicità di linee che esprimono un certo dinamismo.